Prunus domestica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Susino europeo, prugno europeo
Prunus domestica
Prunus domestica in fiore
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Rosales
Famiglia Rosaceae
Sottofamiglia Prunoideae
Genere Prunus
Specie P. domestica
Nomenclatura binomiale
Prunus domestica
L., 1753

Il susino europeo o prugno europeo (Prunus domestica L., 1753) è una pianta della famiglia delle Rosaceae che produce i frutti noti col nome di susina o prugna.

Il frutto contiene le vitamine A-B1-B2 e C e alcuni sali minerali: il potassio, il fosforo, il calcio e il magnesio. La polpa della susina è utile al fegato per compiere il processo della secrezione biliare.[senza fonte]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Una Prunus domestica coi primi fiori, qui alla fine di febbraio

L'albero del pruno ha la tipica forma ad ombrello o ad alberello.

Talvolta nodoso, presenta fiori solitamente bianchi che sorgono già all'inizio della primavera.

I frutti di forma ovale o sferica variano a seconda delle specie, possono giungere sino a 8 cm di grandezza e sono solitamente di sapore dolce, anche se alcune varietà si presentano aspre e necessitano di essere cotte con zucchero per essere commestibili. Tutte le varietà di frutti di Prunus contengono al loro interno un seme di notevoli dimensioni, che non è commestibile.[1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Questo frutto si raccoglie da giugno a ottobre, con la possibilità di ottenere fino a cinque raccolte. Per stabilire il grado di maturazione si valuta il grado rifrattometrico, la resistenza della polpa (misurata col penetrometro), il rapporto solidi solubili/acidità totale e infine la variazione del colore di fondo della buccia. La prima raccolta è generalmente la migliore, fino ad arrivare poi alle ultime che presentano frutti di seconda qualità. Data la natura organolettica della polpa conservare in frigo questo frutto si rivela quasi inutile, in quanto la polpa tende ad imbrunire.

La coltivazione del susino avviene generalmente secondo le seguenti tecniche:

  • vaso basso (sesti 5,5 x 3 m)
  • palmetta irregolare (4,5 x 3 m)
  • palmetta libera (4,5 x 3 m)

Per quanto riguarda l’irrigazione, si dimostra fondamentale durante il periodo di fioritura. La potatura è diversa in base alla specie. Per il susino europeo è importante lasciare una buona quantità di gemme.

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Alcune cultivar sono originarie dell'Asia, altre dell'Europa o dell'America. È una pianta coltivata in tutto il mondo e in particolare in Europa. In Italia lo si ritrova principalmente in Emilia-Romagna e Campania; degna di nota anche la coltivazione in alcune zone del Trentino.[senza fonte][2]

Le varietà di susino sono raggruppate in 3 principali categorie, ognuna delle quali è suddivisa in vari gruppi di sottospecie[2]. Le categorie sono:

  • Specie asiatico-europee
  • Susini sino-giapponesi
  • Susini americani

Susini europei[modifica | modifica wikitesto]

  • Agostana, varietà di origine italiana caratterizzata da frutti piccoli di colore rosso con polpa gialla e gusto gradevole. E' utilizzata anche per realizzare liquori e confetture
  • Anna Spath, originaria dell'Ungheria ma commerciata in Germania per la prima volta dal vivaista Spath da cui il nome, è caratterizzata da frutti medio-grandi con una buccia che varia dal rosso porpora al blu violetto ed una polpa giallo-verdastra, soda e zuccherina, non particolarmente succosa.
  • Bella di Lovanio, prugna caratterizzata da frutti di grandi dimensioni che hanno forma ellissoidale e perlopiù simmetrica; la buccia è del tipico colore viola e la polpa si presenta giallo-ambrata, non particolarmente dolce.
  • Bianca di Milano, coltivata perlopiù nel milanese, produce frutti di forma rotonda con buccia verde chiaro e polpa gialla e zuccherina (non è da confondere con la Regina Claudia)
  • Burbank, con frutti grandi caratterizzati da una buccia rossa scura ed una polpa gialla.
  • Empress, dà frutti di dimensioni maggiori, ma è di media qualità e debole verso i parassiti[senza fonte][2]
  • Florentia, originaria di Firenze, produce frutti sferici e cuoriformi, di colore giallo venato di rosso; è caratterizzata da una buccia acidula al gusto e da una polpa molto dolce e succosa.
  • Regina Claudia è un gruppo di varietà distinta in verde, dorata, ecc. a seconda delle colorazioni e produce frutti di forma sferica.
  • Rusticana, contraddistinta da frutti piccoli, di colore rosso o giallo variabile.
  • Ruth Gastetter è una varietà di pruno che si riconosce per i frutti dalla buccia color viola scuro e per la polpa gialla e succosa.
  • San Pietro, è caratterizzata da frutti di forma ovoidale e da una buccia inizialmente verde che tende a colorarsi di giallo a maturazione completa. E' tra le prime specie di pruno a maturare.
  • Santa Rosa, è caratterizzata da frutti piuttosto grandi e di forma sferica, la cui buccia è color rosso scuro, mentre la polpa è per contrasto gialla o sfumata di rosa.
  • Stanley, varietà più coltivata, è la pianta più produttiva e di qualità superiore[senza fonte][2]. Produce frutti anche di grandi dimensioni e sono eccezionali anche per l'essiccazione, data la maturazione tarda.
  • Verdacchia, varietà italiana di origini molto antiche, ha frutti dalla forma allungata con buccia e polpa di colore giallo-verdastro; i frutti sono succosi e dolci a maturazione avvenuta.

Susini sino-giapponesi[modifica | modifica wikitesto]

  • Angeleno
  • Black Diamond
  • Goccia d'oro, detta anche Shiro, come suggerisce il nome è contraddistinta da frutti di colore giallo dorato.
  • Ozark Premiere, caratterizzata da frutti rossi, di notevoli dimensioni e di forma tondeggiante, caratterizzati da polpa gialla chiara e con maturazione completa alla fine di luglio
  • Sangue di drago, si distingue nei frutti per la buccia rosso-viola ed all'interno per la polpa gialla e molto dolce.
  • Sorriso di primavera

Susini americani[modifica | modifica wikitesto]

  • California Blu, originaria della California, è contraddistinta dai caratteristici frutti color blu-violaceo e dalla forma perlopiù tonda.
  • President
  • Sugar, simile alla Stanley europea, anch'essa presenta frutti ideali per l'essiccazione.

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

Grafting of Plum (cultivar Regina Claudia yellow).JPG
Blossom of Mirabelle plum.jpg
Susine.JPG
Innesto su mirabolano Fiore Susine

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

Insetti[modifica | modifica wikitesto]

Tra i fitofagi del susino vi sono l'eriofide del susino (Aculus fockeui), l'afide verde del susino (Brachycaudus helychrysi), l'afide farinoso del susino (Hyalopterus pruni), la cocciniglia del susino (Sphaerolecanium prunastri), la mosca mediterranea della frutta (Ceratitis capitata), la carpocapsa delle susine (Grapholita funebrana), l'oplocampa delle susine (Hoplocampa minuta) e il buprestide dei fruttiferi (Capnodis tenebrionis). E non mancano lepidotteri, tra cui tignola.

Funghi[modifica | modifica wikitesto]

Batteri[modifica | modifica wikitesto]

Fitoplasmosi[modifica | modifica wikitesto]

(sui cino-giapponesi), Moniliniosi, con Monilinia laxa e Monilinia fructigena, e non mancano lepidotteri, tra cui tignola, ed afidi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carol Klein, Grow your own fruit, United Kingdom, Mitchell Beazley, 2009, pp. 224, ISBN 978-1-84533-434-5.
  2. ^ a b c d e Alberi da frutto: Susino

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]