Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero
Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero:

██ Membri

██ Osservatori

Quartier generale Istanbul, Turchia
Membri 12 stati membri
Fondazione - come Cooperazione economica del mar Nero 25 giugno 1992
- come Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero 1º maggio 1999

L’Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero è un’organizzazione internazionale regionale che comprende sia i paesi che si affacciano sul mar Nero sia quei paesi che hanno interessi in quella zona. La Turchia, promotrice di questa iniziativa, aveva anche lo scopo, di avvicinarsi all’Unione europea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno 1992, i capi di Stato e di governo di undici paesi firmano ad Istanbul la Dichiarazione del vertice e la Dichiarazione del Bosforo facendo nascere la Cooperazione economica del mar Nero (Black Sea Economic Cooperation, BSEC). È stata creata come un unico e promettente modello di politica multilaterale ed iniziativa economica che mira a incoraggiare l’interazione e l’armonia tra gli stati membri, così come l’assicurazione della pace, della stabilità e della prosperità incoraggiando le relazioni d’amicizia e di buon vicinato nella regione del mar Nero.

La sede dell’organizzazione, il segretariato internazionale permanente dell’Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero (Permanent International Secretariat of the Organization of the Black Sea Economic Cooperation, BSEC PERMIS), fu stabilita nel marzo 1994 a Istanbul.

Con l’entrata in vigore di queste dichiarazioni il 1º maggio 1999, l’organizzazione acquisì l’identità legale internazionale e fu trasformata in un’organizzazione economica regionale qualificata come: Organizzazione della Cooperazione Economica del Mar Nero. Con l’accesso della Serbia (alloro Serbia e Montenegro) nell’aprile 2004, i membri divennero dodici [1].

Oggi esistono degli accordi di libero scambio tra l’UE e i paesi di questa zona, attraverso gli accordi di stabilizzazione e d’associazione.

Come si è visto sopra, la partecipazione non è ristretta ai paesi che hanno accesso al mar Nero: Albania, Armenia, Azerbaigian, Grecia, Moldavia e Serbia non hanno coste sul mare. La Grecia ha posto il veto sulla candidatura del Montenegro dopo che la Turchia aveva posto il veto alla candidatura di Cipro. Per lo stesso motivo la Grecia si oppone a qualunque nuova paese candidato[2].

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Stati membri:

Organizzazioni osservatrici:

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo principale dell’Organizzazione è la cooperazione politica multilaterale (mantenimento di una certa stabilità politica) ed economica (sviluppo del commercio) per stabilire una interazione dinamica e una rete di fiducia. Questi obiettivi dipendono anche dal fatto che questa regione è una zona strategica per il petrolio e il gas naturale, oltre ad essere un corridoio che permette trasferimenti economici tra Europa e Asia.

Organi collegati e centri affiliati[modifica | modifica wikitesto]

Alcune strutture dell’Organizzazione:

  • la Banca per il Commercio e lo Sviluppo del mar Nero, con sede a Salonicco, Grecia; supporta i progetti d’investimenti, d’infrastrutture, di trasporti e di telecomunicazione;
  • la Assemblea interparlamentare, creata nel 1993, la cui sede centrale è in Turchia, con 76 rappresentanti dei parlamenti nazionali;
  • il Consiglio d’affari, che riunisce gli esperti internazionali, responsabili per l’identificazione di opportunità di investimenti nella zona;
  • il Centro internazionale per gli studi sul mar Nero,
  • il Centro di coordinamento per lo scambio di dati statistici ed informazioni economiche.

La presidenza è attualmente tenuta dalla Grecia (dal 1º giugno al 31 dicembre 2010).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Con l'accesso della Serbia e Montenegro nell'aprile 2004, l'Organizzazione comprende dodici stati membri.
  2. ^ Per rappresaglia al veto della Turchia verso la candidatura dell'amministrazione greca di Cipro, la Grecia, per protesta, si oppone a tutte le candidature alla BSEC, incluso quella del Montenegro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ucraina Portale Ucraina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ucraina