Durazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Durazzo (disambigua).
Durazzo
comune
Durrësi
Durazzo – Stemma
Durazzo – Veduta
Localizzazione
Stato Albania Albania
Prefettura Durazzo
Distretto Durazzo
Amministrazione
Sindaco Vangjush Dako (PS)
Territorio
Coordinate 41°19′N 19°27′E / 41.316667°N 19.45°E41.316667; 19.45 (Durazzo)Coordinate: 41°19′N 19°27′E / 41.316667°N 19.45°E41.316667; 19.45 (Durazzo)
Altitudine 0 m s.l.m.
Abitanti 310 499[1] (2010)
Altre informazioni
Cod. postale 2000
Prefisso 052
Fuso orario UTC+1
Targa DR
Nome abitanti Durazzesi (Durrsakët)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Albania
Durazzo
Sito istituzionale

Durazzo (in lingua albanese Durrësi) è una città di 310.499 abitanti (stimati nel 2010) dell'Albania, la più importante, dopo la capitale Tirana. Situata su una penisola, è capoluogo della prefettura omonima e del distretto omonimo. La sua origine risale al VII secolo a.C. come colonia greca di nome Epidamno (in greco Ἐπίδαμνος).

Nomi[modifica | modifica sorgente]

La città di Durazzo (Durrës o Durrësi), è conosciuta in molti stati con nomi diversi: Δυρράχιο - Dhirrákhio (greco), Dıraç (turco), Drač (croato, sloveno, ceco) Драч - Drač (serbo), Драч - Drač (macedone), Duras (francese), Дуръс - Durăs (bulgaro), Dyrrhachium (latino), Δυρράχιον - Dyrrháchion , Ἐπίδαμνος - Epídamnos (greco antico).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Storia antica[modifica | modifica sorgente]

Anfiteatro di Durazzo

Durazzo fu una colonia greca ed aveva il doppio nome di Epidamnos (Επίδαμνος) o Dyrrhachion (Δυρράχιον). Il secondo nome indicava più specificatamente il porto[2]. Fu fondata con la partecipazione di Corinto e di Corcira nel VII secolo a.C.[3]. Gli scontri interni avvenuti tra democratici e oligarchici all'interno della polis, portarono all'esilio dei secondi; questi, però, assediarono la polis tanto che i democratici dovettero chiedere soccorso prima a Corcira, quindi a Corinto. La prima rifiutò, la seconda invece venne in aiuto dei democratici di Epidamno: questo gesto causò uno scontro tra le due città (Corcira e Corinto) e fu l'inizio della Guerra del Peloponneso, tra Atene e Sparta. Successivamente, nel 431 a.C. la città torno in mani illiriche sotto il comando del re Glaukias, il quale fece cacciare i colonizzatori greci. In epoca romana la città divenne un centro assai importante e capitale dell'Epirus nova. La sua importanza e prosperità commerciale sono testimoniate anche dalla presenza di un anfiteatro e dalla commedia latina Menecmi di Plauto, che a Durazzo è ambientata.

Storia recente[modifica | modifica sorgente]

La città ha subito, nel corso del tempo, molte dominazioni: strappata ai Bizantini dai Normanni nel 1082, fu conquistata nel 1205 dai Veneziani che ritornavano dalla IV crociata. Nel 1272 si impossessarono della città gli Angiò che la tennero sino al 1392 quando fu nuovamente riconquistata dai Veneziani.

I Veneziani mantennero Durazzo e l'area circostante fino all'inizio del Cinquecento, chiamando il territorio Albania veneta. Per tutti questi secoli Durazzo si era differenziata dall'entroterra albanese, conservandosi legata al mondo latino, tanto è che in città si usava un idioma romanzo, forse un misto di parlate italiane e dalmatico. Solo dopo il terremoto del XIV secolo che distrusse la città e poi il suo definitivo distacco dal mondo italiano e latino, a seguito della conquista turca la città perde questa sua specificità divenendo un centro pienamente albanese, e non più latino.

Nel 1501 cadde sotto la dominazione turca.

Un caratteristico personaggio del secolo XV è stato Pietro Bianco, il quale, dopo aver fatto il pirata, si recò, pentito, in Italia dove fondò, tra l'altro, il Santuario di Santa Maria delle Grazie presso Forlì.

In seguito al crollo della dominazione ottomana nel 1914 fu annessa in una Albania ancora strutturalmente debole, e con quest'ultima fu sottoposta a pressioni e dominazioni italiane e greche. L'indipendenza giunse solo nel 1920.

Nel 1939 iniziò l'occupazione italiana fascista, terminata nel 1943, contrassegnata da un moderato sviluppo industriale e commerciale intorno al porto cittadino. Dopo la caduta del governo fascista, l'8 settembre 1943 iniziò l'occupazione tedesca. I tedeschi abbandonarono la città nel 1944.

Dal dopoguerra Durazzo è il centro della cantieristica albanese ed attualmente, dopo la caduta del regime, vanta un notevole sviluppo urbano e sociale.

Con l'ordine del governo albanese 801, 20 dicembre 2005 nella città è stata costruita l'Università Aleksandër Moisiu in onore del famoso attore albanese Aleksandër Moisiu. Nel 2002 è stata aperta la seconda sede dell'Instituto Vëllezërit Kajtazi, successivamente chiusa nel 2011.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La città è divisa in quartieri. I quartieri vengono nominati con un numero e molti quartieri non hanno il nome, ma solo il numero.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Durazzo ha un clima mediterraneo con due-tre mesi di siccità estiva.[4]

Durazzo Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 11 12 15 18 23 28 30 30 26 22 17 12 11,7 18,7 29,3 21,7 20,3
T. min. mediaC) 4 5 8 11 15 19 21 21 17 14 10 6 5 11,3 20,3 13,7 12,6
T. max. assolutaC) 19 23 23 28 34 37 39 38 33 29 26 20 23 34 39 33 39
T. min. assolutaC) -6 -10 -2 0 7 9 13 11 6 5 -2 -2 -10 -2 9 -2 -10
Precipitazioni (mm) 91 103 99 83 63 50 31 43 118 80 146 140 334 245 124 344 1 047

Economia[modifica | modifica sorgente]

Palazzi a Durazzo

Durazzo è un importante collegamento con l'Europa occidentale grazie ai suoi porti che si trovano vicini a quelli principali porti italiani, specialmente Bari.

Durazzo è la seconda città per numero di abitanti ed è la prima città per sviluppo economico in Albania.

Le spiagge della città sono mete molto ambite dai turisti stranieri e dai visitatori locali, con

una stima di 600.000 visitatori l'anno. Molti abitanti di Tirana scelgono di trascorrere le proprie vacanze a Durazzo; una strada percorribile in 40 minuti collega le due città.

Inoltre in questa città si trova il più grande anfiteatro dell'Albania costruito nel I secolo a.C. L'Istituto dei Monumenti Culturali ha fatto domanda di ammissione per questo anfiteatro all'UNESCO.[5]

Porto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porto di Durazzo.

Il porto principale dell'Albania è quello di Durazzo che al momento serve sia per il trasporto delle persone e sia per il trasporto delle merci, è in costruzione un nuovo porto. vi sono qui molti turisti

Quartiere Spitalla[modifica | modifica sorgente]

Spitalla detto anche Quartiere 15 è un quartiere a 20 minuti dal centro. Nel quartiere si contano poco più di 5000 abitanti, la maggior parte dei quali provenienti da altre città dell'Albania.

Sport[modifica | modifica sorgente]

La città vanta un club calcistico nella massima divisione albanese, la Kategoria Superiore, il KS Teuta. L'impianto sportivo cittadino è il Niko Dovana Stadium con una capienza di 13.000 posti.

Persone legate a Durazzo[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La casa reale d'Angiò-Durazzo e la famiglia Durazzo di Genova derivano appunto dalla città di Durazzo.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.instat.gov.al/
  2. ^ Vedi la pagina [1]
  3. ^ "Illiri" sull'Enciclopedia Britannica
  4. ^ Climate profile for Teuta Durres. URL consultato il 2010-08-20.
  5. ^ L'amphithéâtre de Durres - UNESCO World Heritage Centre

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Albania Portale Albania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Albania