Anti (popolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il popolo amerindio, vedi Antisuyu.
Template-info.svg
Fibbia germanica del VI secolo che riporta la scritta in greco ANTIKOY, "conquistatore degli Anti"

Gli Anti erano un antico popolo iranico (Sarmati) profondamente slavizzato. Stanziati tra i fiumi Nistro e Dnepr, nel IV secolo furono travolti dalle orde degli Unni e una parte del popolo migrò verso l'Europa centrale, occupando l'area compresa tra il Danubio e il Tibisco[1]. Di questo stanziamento è possibile che si sia conservata traccia nel toponimo Anthaib, riportato dalle tradizioni longobarde quale area di migrazione del popolo germanico tra II e IV secolo[2].

Nel 602 gli Anti, insieme a varie tribù avare in rivolta, misero in pericolo l'esistenza del Khanato degli Avari, costringendo l'imperatore bizantino Maurizio a intervenire a nord del Danubio[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lida Capo, p. 385; Sergio Rovagnati, p. 17.
  2. ^ Origo gentis Langobardorum, §2, ripresa in Paolo Diacono, Historia Langobardorum, I, 13.
  3. ^ Michael Whitby, p. 165.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia