Roma (film 2018)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roma
Logo Roma.png
Logo del film
Lingua originalespagnolo, indiano nordamericano, inglese, norvegese, giapponese, tedesco, francese
Paese di produzioneMessico
Anno2018
Durata135 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 2,35 : 1
Generedrammatico, sentimentale
RegiaAlfonso Cuarón
SoggettoAlfonso Cuarón
SceneggiaturaAlfonso Cuarón
ProduttoreNicolás Celis, Alfonso Cuarón, Gabriela Rodriguez
Produttore esecutivoJonathan King, David Linde, Jeff Skoll
Casa di produzioneEsperanto Filmoj, Participant Media
Distribuzione in italianoNetflix, Cineteca di Bologna
FotografiaAlfonso Cuarón
MontaggioAlfonso Cuarón, Adam Gough
Effetti specialiMiguel De Hoyos, Doug Spilatro, Sheldon Stopsack, Alex Vasquez
ScenografiaEugenio Caballero
CostumiAnna Terrazas
Interpreti e personaggi

Roma è un film del 2018 scritto e diretto da Alfonso Cuarón.

La pellicola segue le vicende di una famiglia messicana a Città del Messico negli anni settanta[1] e il titolo si riferisce al quartiere Colonia Roma della città.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del film

Gli eventi del film si svolgono nel 1970 e nel 1971, prevalentemente a Città del Messico. Cleo è una domestica nella casa di Sofia, suo marito Antonio, i loro quattro piccoli figli, la madre di Sofia, Teresa e un'altra cameriera, Adela. Tra scene della vita di Cleo con la famiglia - la pulizia, la cucina, portare i bambini a scuola, servire i pasti, mettere a letto i bambini e svegliarli - diventa chiaro che il matrimonio tra Sofia e Antonio è teso, fino a quando Antonio, medico, parte per due settimane per recarsi ad una conferenza in Québec. In realtà non tornerà alla fine del viaggio, ma Sofia tiene nascosto il suo allontanamento ai bambini, dicendo loro che il viaggio si è prolungato.

Nel loro tempo libero Cleo e Adela escono con i loro fidanzati, Fermín e Ramón, per andare al cinema. All'ingresso, però, Cleo e Fermín decidono di non vedere il film, ma di affittare una stanza per appartarsi. Fermín, mentre è nudo, mostra la sua abilità nelle arti marziali, usando come asta il bastone della tenda della doccia, raccontando che quella disciplina gli ha salvato la vita. Nell'appuntamento successivo Cleo e Fermín vanno al cinema e a un certo punto la ragazza dice che pensa di essere incinta; l'uomo dice di recarsi al bagno, ma non ritorna, e all'uscita del cinema Cleo rimane sola. Temendo di essere licenziata, rivela con preoccupazione la situazione a Sofia, che invece la sostiene e la porta a farsi visitare all'ospedale da una collega del marito Antonio, che conferma alla ragazza la gravidanza.

Arrivano le feste natalizie e Sofia porta Cleo, insieme ai suoi figli, nell'hacienda di un amico di famiglia per capodanno. Sia i proprietari terrieri che i lavoratori menzionano le recenti tensioni nella zona. Durante le celebrazioni, un incendio esplode nella foresta. Tutti aiutano a spegnere il fuoco, mentre un uomo canta in primo piano. Di ritorno in città, mentre Cleo accompagna i bambini e la loro nonna al cinema, Antonio viene visto correre nell'altra direzione con una giovane donna. Sofia mantiene ancora nascosto ai bambini il distacco di Antonio dalla famiglia, ma il figlio maggiore lo scopre ascoltando una conversazione telefonica. A quel punto lei gli chiede di non dirlo ai suoi fratelli più piccoli, che credono che il loro padre sia ancora in viaggio per affari in Canada.

Chiedendo aiuto al fidanzato di Adela, Cleo si reca da Fermín durante una lezione di arti marziali all'aperto, lo aspetta e gli conferma che il figlio è suo, ma lui rifiuta di riconoscere il bambino, insultandola e minacciandola. Teresa porta Cleo ad acquistare una culla per il suo bambino, in una zona della città dove gli studenti stanno protestando per le strade. Mentre sono in negozio, le proteste in strada si trasformano in scontri micidiali tra manifestanti e un gruppo paramilitare, Los Halcones. Un uomo e una donna entrano nel negozio chiedendo aiuto e cercando di nascondersi, inseguiti subito dopo da altri uomini armati, che li trovano e uccidono brutalmente l'uomo a colpi di pistola. I clienti del negozio si riparano terrorizzati, e uno degli inseguitori armati si rivela essere Fermín, che, prima di scappare richiamato dagli altri, guarda Cleo per qualche istante. Proprio in quel momento, per lo spavento e lo shock della scoperta, a Cleo si rompono le acque.

Cleo, Teresa e il loro autista cercano di raggiungere rapidamente l'ospedale, ma sono ostacolati dalla violenza nelle strade e da un ingorgo automobilistico. Arrivano dopo due ore e Cleo viene portata d'urgenza in sala parto. Antonio la vede e va a rassicurarla, ma con una scusa evita di stare con lei. I medici, che non rilevano tracce di battito cardiaco nell'utero di Cleo, la portano in chirurgia, dove le fanno partorire una bambina che, nonostante i diversi tentativi per rianimarla, nasce morta. Il dottore porge il corpo senza vita della bambina a Cleo, lei lo abbraccia e piange e non vorrebbe staccarsene, ma dopo qualche istante il medico glielo toglie per preparare il cadavere.

Qualche tempo dopo Sofia organizza una gita in famiglia alle spiagge di Veracruz e chiede a Cleo di andare anche lei. Arrivati al mare, durante la cena Sofia dice ai bambini che lei e loro padre si sono separati, e che il viaggio è stato fatto in modo che il padre potesse prendere le sue cose e portarle via dalla loro casa. Il giorno dopo, sulla spiaggia, Sofia si allontana con il bambino più grande e lascia gli altri alla custodia di Cleo anche se quest'ultima non sa nuotare. Mentre Cleo asciuga uno dei bambini sotto l'ombrellone, i due bambini più piccoli in acqua vengono allontanati dalle onde. Cleo entra nell'acqua impetuosa dell'oceano per cercare di recuperarli, e riesce a salvarli riportandoli a riva. Sofia ringrazia la ragazza e tutti la abbracciano piangenti e affermano il loro amore per lei; Cleo, commossa e provata dal grave pericolo scampato, rivela loro che non avrebbe voluto il bambino, liberandosi così dall'intenso senso di colpa che provava.

Ritornati a casa in città, nonostante i mobili e le suppellettili mancanti portate via dal padre, i bambini sono allegri per le camere da letto riassegnate loro dalla nonna. Anche Sofia è di buon umore e Cleo ritrova l'amica Adela, alla quale dice che deve raccontare tante cose.

In una lunga scena finale, sulla quale scorrono i titoli di coda, mentre Cleo sale le scale esterne, si vede uno scorcio di cielo in cui passa un aeroplano, l'aeroplano che si era già visto specchiato nell'acqua con cui Cleo lava il pavimento nella scena di apertura. Si può cogliere la metafora, che indica la divisione fra le classi privilegiate che viaggiano in aeroplano e fanno parte di una società internazionale e le classi subalterne, la cui vita si svolge nel compimento di mansioni ordinarie entro un orizzonte limitato.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Ingresso della casa a Città del Messico dove sono state effettuate le riprese

L'8 settembre 2016 venne annunciato che Alfonso Cuarón avrebbe scritto e diretto un progetto incentrato su una famiglia messicana che viveva a Città del Messico negli anni settanta. La produzione del film è iniziata nell'autunno del 2016.[2]

Il budget del film è stato di 15 milioni di dollari.[3]

Incidente sul set[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 novembre 2016 venne annunciato che il team del film era stato derubato sul set durante le riprese.[4] Secondo lo studio "sono state colpite due donne, cinque membri del team sono stati ricoverati in ospedale e cellulari, portafogli e gioielli sono stati rubati" durante l'attacco.[5] Secondo quanto riferito, il team stava organizzando le riprese del giorno quando un gruppo di lavoratori della città si è avvicinato a loro, provando a interrompere le riprese. Il team ha dichiarato di avere avuto il permesso di filmare, ma i lavoratori hanno insistito, facendo scoppiare una rissa tra i due gruppi.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer viene diffuso il 25 luglio 2018 dal regista Cuarón attraverso il suo account Twitter,[6][1] mentre il 16 agosto viene diffuso il trailer.[7]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Parte del cast del film, da sinistra a destra Jorge Antonio Guerrero, Marina de Tavira e Yalitza Aparicio.

Il film partecipa in concorso alla 75ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 30 agosto 2018[8] ed è stato proiettato al New York Film Festival il 5 ottobre seguente.[9] Inoltre, ha fatto il suo debutto nel Nord America il 31 agosto al Telluride Film Festival.[10]

È stato proiettato anche al Toronto International Film Festival il 10 settembre 2018[11], all'Orcas Island Film Festival l'8 ottobre, al Festival internazionale del cinema di San Sebastián il 27 settembre e al New Orleans Film Festival il 22 ottobre.[12][13][14]

La pellicola è stata distribuita in alcune sale cinematografiche statunitensi e messicane a partire dal 21 novembre 2018, mentre in tutti gli Stati Uniti e in altre nazioni dal 29 novembre e dal 7 dicembre nel resto del mondo;[15] successivamente è stato distribuito su Netflix dal 14 dicembre.[16] In Italia è stato distribuito anche in alcune sale cinematografiche selezionate,[7] i giorni 3, 4 e 5 dicembre 2018 grazie alla Cineteca di Bologna.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato acclamato dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes riceve il 99% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 9,1 su 10 basato su 111 recensioni; il commento consensuale del sito recita: "Roma trova lo scrittore-regista Alfonso Cuarón in un completo, avvincente comando del suo mestiere visivo - e racconta la storia più potente della sua carriera".[17] Su Metacritic invece ottiene un punteggio di 96 su 100, basato su 32 recensioni, che indicano un "plauso universale".[18]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pierre Hombrebueno, Roma: il teaser trailer del nuovo atteso film di Alfonso Cuarón, Best Movie, 25 luglio 2018. URL consultato il 25 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Justin Kroll, Alfonso Cuaron Sets Mexican Family Drama as Next Film, in Variety, 8 settembre 2016. URL consultato il 22 novembre 2018.
  3. ^ (EN) Anne Thompson, TIFF 2018 Winners and Losers: Timothée Chalamet Shines, ‘Roma’ Wows, Xavier Dolan Flops, su indiewire.com, 14 settembre 2018. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Alan Evans, Alfonso Cuarón film crew 'attacked and robbed' in Mexico City, su the Guardian, 3 novembre 2016. URL consultato il 22 novembre 2018.
  5. ^ Julia Jones, CNN, Alfonso Cuarón film crew says Mexico City workers attacked them, in CNN. URL consultato il 22 novembre 2018.
  6. ^ (EN) Alfonso Cuarón, There are periods in history that scar societies and moments in life that transform us as individuals., Twitter, 25 luglio 2018. URL consultato il 25 luglio 2018.
  7. ^ a b Filmato audio Netflix Italia, ROMA - Teaser ufficiale [HD] - Netflix, su YouTube, 16 agosto 2018. URL consultato il 16 agosto 2018.
  8. ^ a b Andrea Francesco Berni, Venezia 75: da Suspiria a Roma, ecco tutti i film che saranno al Festival!, badtaste.it, 25 luglio 2018. URL consultato il 25 luglio 2018.
  9. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Alfonso Cuarón’s ‘ROMA’ Set As New York Film Festival Centerpiece, deadline.com, 18 luglio 2018. URL consultato il 25 luglio 2018.
  10. ^ (EN) Kristopher Tapley, ‘First Man,’ ‘Front Runner’ and ‘Roma’ Among 2018 Telluride Film Festival Selections, in Variety, 30 agosto 2018. URL consultato il 22 novembre 2018.
  11. ^ (EN) Toronto: Timothee Chalamet Starrer 'Beautiful Boy,' Dan Fogelman's 'Life Itself' Among Festival Lineup, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 22 novembre 2018.
  12. ^ (EN) Roma | New Orleans Film Society, su New Orleans Film Society. URL consultato il 22 novembre 2018.
  13. ^ (EN) Andreas Wiseman, Damien Chazelle’s ‘First Man’, Alfonso Cuaron’s ‘Roma’, Bradley Cooper’s ‘A Star Is Born’ Head To San Sebastian Fest, in Deadline, 14 agosto 2018. URL consultato il 22 novembre 2018.
  14. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Alfonso Cuarón’s ‘ROMA’ Set As New York Film Festival Centerpiece, in Deadline, 18 luglio 2018. URL consultato il 22 novembre 2018.
  15. ^ Andrea Francesco Berni, Netflix cambia strategia: Roma e altri film arriveranno in sala prima dell’uscita in streaming, badtaste.it, 1º novembre 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  16. ^ Andrea Francesco Berni, Venezia 75: Annunciate le date di uscita dei film di Netflix, badtaste.it, 30 agosto 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  17. ^ (EN) Roma, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 22 novembre 2018. Modifica su Wikidata
  18. ^ (EN) Roma, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 22 novembre 2018. Modifica su Wikidata
  19. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: tutte le nomination, Roma e La Favorita candidati a 10 statuette!, badtaste.it, 22 gennaio 2019. URL consultato il 22 gennaio 2019.
  20. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: Green Book miglior film, Alfonso Cuarón miglior regista. Tutti i vincitori!, su badtaste.it, 25 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  21. ^ Karin Ebnet, Golden Globe 2019, tutte le nomination, Best Movie, 6 dicembre 2018. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  22. ^ Andrea Francesco Berni, Golden Globes 2019: Bohemian Rhapsody e Green Book trionfano a sorpresa, tutti i vincitori!, badtaste.it, 7 gennaio 2019. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  23. ^ (EN) AFI Awards 2018 Movies: ‘Black Panther’, ‘A Star Is Born’ & More; ‘Roma’ Scores Special Honor, deadline.com. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  24. ^ (EN) ‘The Favourite’ Leads the Field in the British Independent Film Award Nominations, variety.com. URL consultato l'11 novembre 2018.
  25. ^ a b c d Andrea Francesco Berni, Roma conquista i premi della critica di Chicago, Los Angeles, Toronto, New York, Philadelpha, badtaste.it, 10 dicembre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  26. ^ (EN) ‘First Reformed’ And ‘The Favourite’ Top Gotham Awards Nominations, su deadline.com, 18 ottobre 2018. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  27. ^ Pierre Hombrebueno, National Board of Review 2018: trionfano Green Book e A Star is Born, Best Movie, 27 novembre 2018. URL consultato il 28 novembre 2018.
  28. ^ (EN) Dino-Ray Ramos, National Society Of Film Critics Names Chloe Zhao’s ‘The Rider’ As Best Picture, deadline.com, 5 gennaio 2019. URL consultato il 6 gennaio 2019.
  29. ^ Pierre Hombrebueno, New York Film Critics Circle Awards 2018: Roma vince 3 premi. Ethan Hawke è il Miglior Attore, Best Movie, 29 novembre 2018. URL consultato il 30 novembre 2018.
  30. ^ Davide Stanzione, Venezia 75: il Leone d’Oro a Roma di Alfonso Cuarón. Ecco tutti i vincitori!, Best Movie, 8 settembre 2018. URL consultato il 9 settembre 2018.
  31. ^ (EN) 2018 San Diego Film Critics Society Award Winners, su San Diego Film Critics Society Awards, 10 dicembre 2018. URL consultato il 3 marzo 2019 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2018).
  32. ^ (EN) WINNERS & NOMINEES, AACTA Award. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  33. ^ a b c Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: le nomination dei premi dei sindacati WGA, ASC, ADG e ACE, badtaste.it, 7 gennaio 2019. URL consultato l'8 gennaio 2019.
  34. ^ Pierre Hombrebueno, BAFTA 2019: tutte le candidature agli Oscar britannici. Dogman è nominato come Miglior Film Straniero, Best Movie, 9 gennaio 2019. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  35. ^ Andrea Francesco Berni, BAFTA 2019: La Favorita domina le nomination agli Oscar inglesi, badtaste.it, 9 gennaio 2019. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  36. ^ Andrea Francesco Berni, BAFTA 2019: Roma è il miglior film, La Favorita vince sette premi, su badtaste.it, 10 febbraio 2019. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  37. ^ (EN) 2019 CRITICS CHOICE AWARDS NOMINATIONS: THE FULL LIST, Rotten Tomatoes, 10 dicembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018.
  38. ^ Pierre Hombrebueno, Critics’ Choice Awards 2019: Christian Bale batte Rami Malek. Qui tutti i vincitori, Best Movie, 14 gennaio 2019. URL consultato il 14 gennaio 2019.
  39. ^ David di Donatello 2019: tutte le nomination, su badtaste.it, 19 febbraio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  40. ^ Andrea Francesco Berni, DGA Awards: Alfonso Cuarón vince per Roma, badtaste.it, 3 febbraio 2019. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  41. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: Bohemian Rhapsody vince i Golden Reel Awards, su badtaste.it, 19 febbraio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  42. ^ Pierre Hombrebueno, Independent Spirit Awards 2019: svelate tutte le nomination, Best Movie, 16 novembre 2018. URL consultato il 16 novembre 2018.
  43. ^ Andrea Francesco Berni, Independent Spirit Awards 2019: Se la Strada Potesse Parlare è il miglior film, due premi a Suspiria, badtaste.it, 24 febbraio 2019. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  44. ^ (ES) Todos los nominados a los Premios Goya 2019, El Mundo, 12 dicembre 2018. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  45. ^ Andrea Francesco Berni, PGA Awards 2019: tutte le nomination, c’è anche Black Panther, badtaste.it, 4 gennaio 2019. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  46. ^ (EN) 2018 NOMINEES, pressacademy.com. URL consultato il 2 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2018).
  47. ^ (EN) Quendrith Johnson, ROMA, A STAR IS BORN, Set for Top Honors at 23rd Satellite™ Awards, pressacademy.com, 3 gennaio 2019. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  48. ^ (EN) WRITERS GUILD: 2019 FILM NOMINATIONS ANNOUNCED, Rotten Tomatoes, 7 gennaio 2019. URL consultato l'8 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]