David di Donatello 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Conti presentatore della cerimonia.

La cerimonia di premiazione della 64ª edizione dei David di Donatello si è svolta il 27 marzo 2019 a Roma.

Trasmessa in diretta in prima serata su Rai 1, è stata condotta da Carlo Conti.[1]

A presentare i candidati durante la serata è stata la voce del doppiatore Roberto Pedicini.

L’edizione 2019 ha introdotto una serie di riforme del regolamento dei premi. Fra le numerose novità, una nuova giuria e la modifica del sistema di voto, entrambi adeguati ai modelli proposti dai grandi riconoscimenti internazionali; nuove regole di ammissione dei film che concorrono all'assegnazione dei premi e la nascita del David dello spettatore.[2]

Le candidature sono state annunciate il 19 febbraio 2019.[1]

I film che hanno ottenuto il maggior numero di candidature sono stati: Dogman con 14 candidature, Capri-Revolution con 13, Chiamami col tuo nome e Loro con 12.[1]

Vincitori e candidati[modifica | modifica wikitesto]

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati.[3]

Miglior film[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regista esordiente[modifica | modifica wikitesto]

Migliore sceneggiatura originale[modifica | modifica wikitesto]

Migliore sceneggiatura adattata[modifica | modifica wikitesto]

Miglior produttore[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attrice protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attrice non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore autore della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior musicista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore canzone originale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior scenografo[modifica | modifica wikitesto]

Miglior costumista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior truccatore[modifica | modifica wikitesto]

Miglior acconciatore[modifica | modifica wikitesto]

Miglior montatore[modifica | modifica wikitesto]

Miglior suono[modifica | modifica wikitesto]

Migliori effetti speciali visivi[modifica | modifica wikitesto]

Miglior documentario[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film straniero[modifica | modifica wikitesto]

Miglior cortometraggio[modifica | modifica wikitesto]

  • Frontiera, regia di Alessandro Di Gregorio[1]
  • Il nostro concerto, regia di Francesco Piras
  • Im Bären, regia di Lilian Sassanelli
  • Magic Alps, regia di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi
  • Yousef, regia di Mohamed Hossameldin

David Giovani[modifica | modifica wikitesto]

David dello spettatore[modifica | modifica wikitesto]

David speciale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e David di Donatello 2019: tutte le nomination, su badtaste.it, 19 febbraio 2019. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  2. ^ 64 edizione dei Premi David Di Donatello, su rai.it. URL consultato il 28 marzo 2019.
  3. ^ Beatrice Pagan, DAVID DI DONATELLO 2019: I VINCITORI, TRIONFO DI DOGMAN, su Movieplayer.it, 27 marzo 2019. URL consultato il 28 marzo 2019.
  4. ^ DAVID DI DONATELLO 2019, A TIM BURTON IL PREMIO ALLA CARRIERA, su MYmovies.it, 15 marzo 2019. URL consultato il 15 marzo 2019.
  5. ^ DAVID 2019: A DARIO ARGENTO UN DAVID SPECIALE, su Movieplayer.it, 12 marzo 2019. URL consultato il 12 marzo 2019.
  6. ^ Andrea Bedeschi, David di Donatello 2019: Francesca Lo Schiavo riceverà il David Speciale, su badtaste.it, 20 marzo 2019. URL consultato il 20 marzo 2019.
  7. ^ Uma Thurman, musa di Tarantino, domani alla cerimonia dei David, su Il Messaggero, 26 marzo 2019. URL consultato il 26 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema