Bryan Singer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bryan Jay Singer

Bryan Jay Singer (New York, 17 settembre 1965) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È cugino degli attori Marc e Lori Singer.

Ebreo e apertamente bisessuale, nella sua vita ha avuto relazioni sia con uomini che con donne e, nell'ottobre del 2014, ha confermato di aspettare il suo primo figlio dall'attrice Michelle Clunie che è nato il 5 gennaio 2015 e chiamato Dashiell Julius William Clunie-Singer.

Cresciuto nel New Jersey, si è diplomato alla West Windsor-Plainsboro High School, si iscrive poi alla New York City's School of Visual Arts, per poi rinunciarvi in favore della USC.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988, assieme a John Ottman, dirige il cortometraggio Lion's Den, interpretato dal suo amico Ethan Hawke e dallo stesso regista.

Il suo primo film di successo è Public Access, che gli fa vincere il premio speciale della giuria al Sundance Film Festival.

Nel 1994 fonda la Bad Hat Harry Productions, con cui da allora produce o co-produce tutti i suoi film, ma anche film di altri come La vendetta di Halloween di Michael Dougherty del 2007 e le serie televisive Dr. House - Medical Division, Mockingbird Lane e Black Box.

L'anno dopo arriva la definitiva consacrazione con I soliti sospetti, originale thriller che vale a Kevin Spacey l'Oscar al miglior attore non protagonista, e a Christopher McQuarrie l'Oscar alla migliore sceneggiatura originale. Singer diventa uno dei registi più seguiti e ammirati della nuova stagione cinematografica grazie a questo film, divenuto un vero e proprio cult.

Nel 1998 dirige L'allievo, film incentrato sul tema del nazismo e basato su un racconto di Stephen King, che suscitò pareri contrastanti nella critica e non ebbe il successo di pubblico sperato.

Ritorna, poi, sulla strada del successo con i primi due capitoli della saga ispirata dai famosi fumetti Marvel: X-Men e X-Men 2, ricalcando le storie disegnate da Stan Lee e Jack Kirby sempre sul tema dell'integrazione razziale (la prima scena, per esempio, si svolge in un campo di concentramento).

I film riscuotono un grande successo di pubblico tanto da avere poi un terzo capitolo, X-Men - Conflitto finale, diretto però da Brett Ratner; Singer, infatti, declina la regia in favore del kolossal Superman Returns, la pellicola che ha segnato il ritorno sul grande schermo del supereroe proveniente dal pianeta Krypton e che si pone come vera e propria continuazione della serie cinematografica classica con Christopher Reeve. Inizialmente lo stesso Singer dichiarò di girare anche il sequel, approvato dalla produzione, salvo poi venir cancellato a favore di un reboot con Zack Snyder alla regia.

Singer si dedica anche alla televisione, producendo il telefilm Dr. House - Medical Division, di cui dirige il primo episodio e scrutina il cast iniziale; in seguito, Singer si dichiarò stupito del fatto che il protagonista Hugh Laurie fosse inglese, poiché il video del provino (spedito dall'Africa, dove Laurie girava Il volo della fenice) era recitato in perfetto accento americano: Laurie spiegherà di averlo imparato dai cartoni animati da bambino.

Nel 2008 dirige Tom Cruise in Operazione Valchiria, film scritto nuovamente insieme a Christopher McQuarrie, che ha suscitato molte polemiche rivolte soprattutto all'interpretazione di Cruise. Ancora una volta, il regista ritorna al tema del nazismo.

Nel 2012 gira l'episodio pilota di Mockingbird Lane, remake della serie degli anni sessanta I mostri, che nonostante i buoni ascolti raccolti non riesce a dare l'avvio ad una serie televisiva vera e propria.

Dopo aver girato, nel 2013, il film Il cacciatore di giganti, dopo undici anni dal secondo capitolo Singer torna alla saga che l'ha reso famoso dirigendo X-Men - Giorni di un futuro passato, sequel del film del 2011 X-Men - L'inizio. Il regista si è visto costretto a non partecipare alla campagna promozionale del film a causa di un apparentemente infondato scandalo che lo avrebbe riguardato e che ha improvvisamente colpito la sua immagine pubblica. Nel 1998, secondo l'accusatore Mike Egan, ex modello e aspirante attore all'epoca diciassettenne, il regista avrebbe abusato sessualmente di lui drogandolo durante alcuni veri e propri "festini" svoltisi alle Hawaii. Singer si è trovato travolto da tali accuse, definendole assurde e precisando di non essere mai stato nella sua vita alle Hawaii in precedenza. Il legale ha definito la questione come "completamente infondata", dichiarando che a suo avviso si tratta di un'operazione volta a "Ottenere pubblicità in un momento in cui il nuovo film di Bryan sta per uscire".[1] Le accuse, inoltre, sono state in seguito ritirate.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esplode l'ennesimo scandalo Hollywoodiano: causa per stupro contro Bryan Singer
  2. ^ Ritirate le accuse contro Bryan Singer
  3. ^ (EN) 2015 Saturn Awards: Captain America: Winter Soldier, Walking Dead lead nominees, ew.com. URL consultato il 24 agosto 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69127969 · LCCN: (ENno97063803 · ISNI: (EN0000 0001 1474 3794 · GND: (DE124042287 · BNF: (FRcb14018849d (data)