Luca Guadagnino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luca Guadagnino al Festival di Berlino 2017.

Luca Guadagnino (Palermo, 10 agosto 1971) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Ha diretto le pellicole The Protagonists (1999), Melissa P. (2005), Io sono l'amore (2009) e A Bigger Splash (2015). Nel 2017 ha diretto l'acclamato film Chiamami col tuo nome, candidato a tre Golden Globe, quattro Premi BAFTA e quattro Premi Oscar. Di questi ultimi, James Ivory ha vinto quello per la miglior sceneggiatura non originale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Palermo nel 1971 da padre italiano originario di Canicattì (in provincia di Agrigento) e da madre algerina[1][2], fino all'età di sei anni vive in Etiopia, per poi far ritorno con la famiglia nel capoluogo siciliano[3], dove cresce e frequenta le scuole, conseguendo il diploma presso il locale liceo scientifico Galileo Galilei. Si è laureato in lettere presso l'Università La Sapienza di Roma[4] con una tesi di Storia e Critica del Cinema sul regista statunitense Jonathan Demme.

Dal 1996 gira alcuni documentari e fa il suo esordio alla regia col lungometraggio The Protagonists (1999), presentato al Festival del cinema di Venezia. Nel 2002 dirige Mundo civilizado, presentato al Locarno Festival nel 2003. Il suo docufilm Cuoco contadino, del 2004, è stato presentato nuovamente al Festival di Venezia, mentre Melissa P., trasposizione del controverso best seller 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire di Melissa Panarello, ha riscontrato ampio consenso commerciale l'anno successivo. Durante un'intervista del 2018, il regista ha rivelato che durante la post-produzione, gli venne tolto il montaggio finale. La versione del film arrivata in sala quindi non coincide con l'idea originale del regista[5].

Il regista ottiene un buon riscontro nel 2009 con Io sono l'amore, che ha diretto, scritto e prodotto. Presentato in varie rassegne cinematografiche (Venezia, Berlino, Sundance), il film è stato un successo di critica e di pubblico. Nel 2010 il film è stato candidato ai Golden Globe e ai BAFTA nella sezione Miglior film straniero e all'Oscar ai migliori costumi.

La sua attività di regista prosegue nel 2011 con Inconscio italiano, film-documentario presentato nuovamente a Locarno. Altro documentario è Bertolucci on Bertolucci del 2013, presentato a Venezia, al London Film Festival e alla Cinémathèque française a Parigi. Co-diretto insieme con Walter Fasano, il documentario sul regista Bernardo Bertolucci è ottenuto interamente da materiale di archivio.

Guadagnino ha prodotto anche alcuni cortometraggi, tra i quali Diarchia (2010), diretto da Ferdinando Cito Filomarino, e il lungometraggio Padroni di casa di Edoardo Gabbriellini. È stato più volte membro in giurie di festival cinematografici. Ha partecipato due volte alla giuria del Torino Film Festival: nel 2003 per la sezione Cortometraggi e nel 2006 nella Giuria Ufficiale. Nel 2010 è stato membro del Festival del Cinema di Venezia, nella giuria presieduta da Quentin Tarantino, mentre nel 2011 è stato presidente della giuria del Beirut Film Festival e in quella del Locarno Film Festival.

Nel dicembre 2011 Guadagnino fa il suo esordio come regista di opera col Falstaff di Giuseppe Verdi al Teatro Filarmonico di Verona. Sempre alla ricerca di nuovi talenti, Guadagnino ha presieduto nel 2012 la giuria del Louis Vuitton Journey Awards, una competizione internazionale per giovani cineasti. Ha anche partecipato come membro della giuria della prima edizione del Fashion Film Festival di Milano nel 2014.

Nel 2015 il suo A Bigger Splash, girato a Pantelleria, è presentato alla 72ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia[6].

Nell'estate 2016 gira a Crema e nei paesi limitrofi Chiamami col tuo nome, ispirato all'omonimo romanzo di André Aciman. Il film ottiene la candidatura al Golden Globe per il miglior film drammatico 2018 e ai Premi BAFTA 2018. Ai BAFTA Guadagnino riceve anche la candidatura come miglior regista. Il 23 gennaio 2018 viene annunciato che Chiamami col tuo nome ha ottenuto 4 candidature ai premi Oscar: miglior film, miglior attore protagonista (per Timothée Chalamet), miglior canzone (di Sufjan Stevens Mystery of Love) e migliore sceneggiatura non originale (di James Ivory), vincendo quest'ultimo.

Nel 2018 dirige il remake del film di Dario Argento Suspiria, in uscita nelle sale italiane il 1º gennaio 2019, distribuito da Videa[7][8]. Il film, le cui riprese sono iniziate nel 2016 vicino a Varese, vede nel cast la presenza di Tilda Swinton, Dakota Johnson e Chloë Grace Moretz[9]. Dal 2019 è membro dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS). Nel 2020 realizza il cortometraggio Fiori, Fiori, Fiori!, filmato a Palermo e in Sicilia durante il lockdown nella pandemia di COVID-19, e presentato fuori concorso alla 77ª Mostra del Cinema di Venezia[10].

Nel 2020 realizza la miniserie We Are Who We Are, co-produzione italoamericana tra HBO e Sky Atlantic che racconta la vita di un gruppo di adolescenti nella base militare di Chioggia. La sceneggiatura è stata scritta da Paolo Giordano, Francesca Manieri e lo stesso Guadagnino che figurano anche come soggettisti. [11]Nel cast figurano Chloë Sevigny, Jack Dylan Grazer, Alice Braga, Jordan Kristine Seamón, Spence Moore II, Scott Mescudi, Faith Alabi e Francesca Scorsese mentre Dev Hynes,[12] Timothée Chalamet e Armie Hammer [13] compaiono in un cameo. Nello stesso anno il nome del regista è stato associato a vari progetti quali il nuovo adattamento de Il signore delle mosche,[14] il secondo remake di Scarface[15] e il nuovo adattamento seriale di Ritorno a Brideshed per BBC.[16]

Nel 2021 ha iniziato le riprese di Bones and all, tratto dal romanzo di Camille DeAngelis. Il film vedrà protagonisti Timothée Chalamet e Taylor Russell in una storia d'amore atipica, con sfumature horror, tra due emarginati nell'America reaganiana. Per questo progetto rinnova le collaborazioni con lo sceneggiatore David Kajganich e gli attori Michael Stuhlbarg, Chloe Sevigny e Francesca Scorsese oltre il già citato Chalamet.[17]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha vissuto e lavorato in un palazzo del XVII secolo nel centro di Crema, in provincia di Cremona. Apertamente omosessuale, dal 2009 al 2020 è stato compagno del regista Ferdinando Cito Filomarino,[18] regista della seconda unità di molti suoi film. La relazione si è conclusa nel marzo 2020. Abbandona Crema per trasferirsi a Milano alla fine del 2018 con qualche polemica, accusato da alcuni d'ingratitudine.[19][20]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Mediometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Qui (1997)
  • L'uomo risacca (2000)
  • Au Revoir (2001)
  • Part Deux (2007)
  • Chronology (2010)
  • Fiori, fiori, fiori! (2020)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Spot pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Spot pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Cuoco contadino (2004)
  • The Love Factory #3 Pippo Delbono - Bisogna morire (2008)

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Au Revoir (2001)
  • Chronology (2010)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Luca Guadagnino ha la consuetudine di lavorare con alcuni attori in modo ricorrente. La seguente tabella elenca le collaborazioni avute tra Guadagnino e alcuni attori e attrici.

Attore/attrice The Protagonists

(1999)

Mundo civilizado

(2003)

Melissa P.

(2005)

Io sono l'amore

(2009)

A bigger splash

(2015)

Chiamami col tuo nome

(2017)

Suspiria

(2018)

The staggering girl

(2019)

Salvatore - Shoemaker of dreams

(2020)

We are who we are

(2020)

Bones and all

(TBA)[17]

Elena Bucci x x
Timothée Chalamet x x[23] x
Claudio Gioè x x
Mia Goth x x
Jessica Harper x x
Dakota Johnson x x
Alba Rohrwacher x x x
Fabrizia Sacchi x x x x
Francesca Scorsese x x
Chloë Sevigny x x
Michael Stuhlbarg x x x
Tilda Swinton x x x x

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Premio BAFTA[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Mostra del Cinema di Venezia[modifica | modifica wikitesto]

Independent Spirit Awards[modifica | modifica wikitesto]

Satellite Awards[modifica | modifica wikitesto]

Nastro d'argento[modifica | modifica wikitesto]

David di Donatello[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grazia d’Annunzio (August 30, 2010), "Mi piace essere un outsider naturale" Vogue Italia
  2. ^ Paola Piacenza (July 23, 2011), Luca Guadagnino: "Racconto il lato inconfessabile dell’Italia", Io Donna, Corriere della Sera
  3. ^ Corriere.it
  4. ^ Repubblica - Palermo
  5. ^ https://m.youtube.com/watch?v=MIbHjdBLaII
  6. ^ Cinema, tre film siciliani al Festival di Venezia | Notizie dalla Sicilia - Quotidiano di cronaca politica turismo - Giornale Siciliano - Blog Sicilia Archiviato il 31 luglio 2015 in Internet Archive.
  7. ^ Suspiria di Luca Guadagnino in Italia con Videa - c'è aria di Mostra del Cinema di Venezia, in Cineblog.it. URL consultato il 9 maggio 2018.
  8. ^ (EN) Luca Guadagnino Talks Making ‘Splash,’ Next Is ‘Suspiria’ Redo, su Variety, 6 settembre 2015. URL consultato il 6 settembre 2015.
  9. ^ Corriere.it - Argento: «Il remake di Suspiria? Mi mette ansia e mi imbarazza»
  10. ^ Cinema, a Venezia fuori concorso il corto di Guadagnino sul lockdown a Palermo, in La Repubblica ed. Palermo. URL consultato l'11 agosto 2020.
  11. ^ Sky TG24, 'WE ARE WHO WE ARE', la serie di Luca Guadagnino dal 9 ottobre su Sky, su tg24.sky.it. URL consultato il 30 maggio 2021.
  12. ^ (EN) Coralie Kraft, How Dev Hynes Went From Being in ‘We Are Who We Are’ to Scoring It, in The New York Times, 14 settembre 2020. URL consultato il 30 maggio 2021.
  13. ^ We Are Who We Are: i cameo nascosti di Timothée Chalamet e Armie Hammer (VIDEO), su Movieplayer.it. URL consultato il 30 maggio 2021.
  14. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Luca Guadagnino in Talks to Direct ‘Lord of the Flies’ Adaptation (EXCLUSIVE), su Variety, 29 luglio 2019. URL consultato il 30 maggio 2021.
  15. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Luca Guadagnino to Direct ‘Scarface’ Reboot, su Variety, 14 maggio 2020. URL consultato il 30 maggio 2021.
  16. ^ (EN) Jake Kanter, Jake Kanter, BBC Planning Latest ‘Brideshead Revisited’ Remake, With Luca Guadagnino Attached To Direct, su Deadline, 6 novembre 2020. URL consultato il 30 maggio 2021.
  17. ^ a b (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, Luca Guadagnino On Reuniting With Timothée Chalamet, Moving Away From ‘Call Me By Your Name’ Sequel & Adding Michael Stuhlbarg, David Gordon Green And More To His First U.S. Film ‘Bones And All’, su Deadline, 28 maggio 2021. URL consultato il 30 maggio 2021.
  18. ^ (EN) Nathan Heller, Luca Guadagnino’s Cinema of Desire, su The New Yorker. URL consultato il 6 giugno 2020.
  19. ^ cremaonline.it, https://www.cremaonline.it/rubriche/15-01-2019_Guadagnino+lascia+Crema,+tra+Heidegger+e+Guccini/.
  20. ^ sussurrandom.it, http://www.sussurrandom.it/il-regista-luca-guadagnino-lascia-crema-ecco-cosa-risponde-dopo-severgnini-il-sindaco-bonaldi/.
  21. ^ GUADAGNINO LUCA - TNA Artist Management
  22. ^ a b Co-diretti con Maria Sole Tognazzi.
  23. ^ È un cameo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22453354 · ISNI (EN0000 0001 1947 5522 · LCCN (ENn2008072949 · GND (DE138500746 · BNF (FRcb15552509q (data) · BNE (ESXX5074716 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2008072949