Luca Guadagnino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luca Guadagnino (Palermo, 1971) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista, sceneggiatore, produttore e imprenditore, Luca Guadagnino nasce a Palermo nel 1971 ma cresce in Etiopia. Si è diplomato all'Università La Sapienza di Roma nella facoltà di Storia e Critica del Cinema, con una tesi sul regista statunitense Jonathan Demme.

Fa il suo debutto alla regia con The Protagonists (1999), presentato al Festival del Cinema di Venezia. Nel 2002 dirige Mundo civilizado, presentato al Locarno Film Festival nel 2003. Il suo film Cuoco Contadino, del 2004, è stato presentato di nuovo al Festival di Venezia, mentre Melissa P. ha riscontrato ampio consenso l'anno successivo.

Il regista ottiene un buon riscontro nel 2009 con Io sono l'amore, che ha diretto, scritto e prodotto. Presentato in varie rassegne cinematografiche (Venezia, Berlino, Sundance), il film è stato un successo di critica e di pubblico. Nel 2010 il film è stato candidato agli Academy Award per i migliori costumi, ai Golden Globes e ai BAFTA nella sezione Miglior Film Straniero.

La sua attività di regista prosegue nel 2011 con Inconscio italiano, film-documentario presentato nuovamente a Locarno. Altro documentario è Bertolucci on Bertolucci del 2013, presentato a Venezia, al London Film Festival e alla Paris Cinematheque. Co-diretto insieme a Walter Fasano, il documentario sul regista Bernardo Bertolucci è ottenuto interamente da materiale di archivio.

Guadagnino ha prodotto anche alcuni cortometraggi, tra i quali Diarchia (2010), diretto da Ferdinando Cito Filomarino, ed il lungometraggio Padroni di casa di Edoardo Gabriellini.

È stato più volte membro in giurie di festival cinematografici. Ha partecipato due volte alla giuria del Torino Film Festival: nel 2003 per la sezione Cortometraggi e nel 2006 nella Giuria Ufficiale. Nel 2010 è stato membro del Festival del Cinema di Venezia, nella giuria presieduta da Quentin Tarantino, mentre nel 2011 è stato presidente della giuria del Beirut Film Festival e in quella del Locarno Film Festival.

Nel dicembre 2011 Guadagnino fa il suo debutto come regista di opera con il Falstaff di Giuseppe Verdi al Teatro Filarmonico di Verona.

Sempre alla ricerca di nuovi talenti, Guadagnino ha presieduto nel 2012 la giuria del Louis Vuitton Journey Awards, una competizione internazionale per giovani cineasti. Ha anche partecipato come membro della giuria della prima edizione del Fashion Film Festival di Milano nel 2014.

Nel 2015 il suo " A Bigger splash" con Tilda Swinton, Ralph Fiennes, Dakota Johnson, Matthias Schoenaerts e Corrado Guzzanti è presentato alla 72ª mostra del cinema di Venezia[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Tilda Swinton: The Love Factory (2002)
  • Lotus (2003)
  • Mundo civilizado (2003)
  • Arto Lindsay Perdoa a Beleza (The Love Factory Series) (2004)
  • Cuoco contadino (2004)
  • The Love Factory #3 Pippo Delbono - Bisogna morire (2008)
  • Inconscio italiano (2011)
  • Bertolucci on Bertolucci (2012)

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Qui (1997)
  • L'uomo risacca (2000)
  • Part Deux (2007)
  • Chronology (2010)
  • Here (2012)
  • One Plus One (2012)
  • Destinée (2012)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://palermo.blogsicilia.it/cinema-tre-film-siciliani-al-festival-di-venezia/304620/

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22453354 · LCCN: (ENn2008072949 · ISNI: (EN0000 0001 1947 5522 · GND: (DE138500746 · BNF: (FRcb15552509q (data)