Luca Marinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luca Marinelli al Shooting Stars Award nel 2013

Luca Marinelli (Roma, 22 ottobre 1984) è un attore italiano.

Ha vinto il David di Donatello per il miglior attore non protagonista per Lo chiamavano Jeeg Robot e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile per Martin Eden.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del doppiatore Eugenio Marinelli, nel 2003 segue un corso di sceneggiatura e recitazione con Guillermo Glanc, mentre l'anno successivo si diploma al liceo classico Cornelio Tacito succursale di Roma. Nel 2006 entra nell'Accademia nazionale d'arte drammatica, dove consegue il diploma accademico nel 2009. Debutta sul piccolo schermo nel 2008 in un episodio della seconda stagione de I Cesaroni, dove fa un cameo. Raggiunge la notorietà nel 2010, interpretando la parte di Mattia, protagonista de La solitudine dei numeri primi, al fianco di Alba Rohrwacher. Nel 2013 è candidato al David di Donatello, al Nastro d'argento e al Globo d'oro come miglior attore protagonista per il film Tutti i santi giorni. Sempre nel 2013 viene scelto per rappresentare l'Italia nella sezione Shooting Stars del Festival di Berlino.

Nel 2015 è protagonista dell'ultimo lungometraggio di Claudio Caligari, Non essere cattivo, dove interpreta il protagonista Cesare. Per la sua interpretazione vince il Premio Pasinetti al miglior attore alla 72ª mostra del cinema di Venezia e ottiene una seconda nomination ai David di Donatello 2016. Sempre nel 2015 recita in Lo chiamavano Jeeg Robot, diretto da Gabriele Mainetti, dove interpreta "Lo Zingaro". Grazie alla sua interpretazione, Marinelli vince il suo primo David di Donatello come miglior attore non protagonista, nonché un Nastro d'argento e un Ciak d'oro nella medesima categoria. Nel 2017 interpreta Fabrizio De André nella miniserie Fabrizio De André - Principe libero[1].

Sempre nel 2017 partecipa alla serie televisiva Trust, trasmessa in Italia su Sky Atlantic dal 28 marzo al 30 maggio 2018, per la regia di Danny Boyle, dove ricopre il ruolo di Primo, efferato killer della 'ndrangheta coinvolto nel rapimento di John Paul Getty III. Nel 2019 interpreta il ruolo del protagonista Martin Eden nell'omonimo film diretto da Pietro Marcello, e ispirato al romanzo Martin Eden di Jack London; grazie a quest'interpretazione si aggiudica la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2012 è legato sentimentalmente all'attrice Alissa Jung, diventata poi sua moglie[2]. I due si sono conosciuti sul set della fiction Maria di Nazaret[3], nella quale interpretavano Maria e Giuseppe.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

2020

2019

2018

2017

2016

2015

2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianmaria Tammaro, Fabrizio De André. Principe Libero”: la clip in esclusiva con Luca Marinelli, Elena Radonicich e Valentina Bellè, in La Stampa, 15 gennaio 2018. URL consultato il 19 gennaio 2018.
  2. ^ Luca Marinelli: «Aiutateci ad aiutare Haiti ripartendo dalla scuola», su l'Espresso, 12 dicembre 2019. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  3. ^ Luca Marinelli: «Mi fermo solo per amore», su grazia.it. URL consultato il 20 aprile 2016.
  4. ^ Mariarosa Mancuso, Jeeg Robot e il successo ai David: anatomia di un film italiano che non sembra italiano, su ilfoglio.it, Il Foglio (quotidiano), 19 aprile 2016. URL consultato il 5 marzo 2017.
  5. ^ Ciak d’Oro 2020: miglior attore protagonista, su ciakmagazine.it. URL consultato il 04/10/20 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2020).
  6. ^ Ciak d’Oro 2017: tutti i premi, su ciakmagazine.it. URL consultato l'08/06/17 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2021).
  7. ^ CIAK D’ORO 2016: TUTTI I VINCITORI, su ciakmagazine.it. URL consultato il 09/06/16 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Carlo Buccirosso
per Noi e la Giulia
2016
per Lo chiamavano Jeeg Robot
Valerio Mastandrea
per Fiore
Controllo di autoritàVIAF (EN305358406 · ISNI (EN0000 0004 2018 1857 · SBN IT\ICCU\SBNV\032694 · LCCN (ENno2013057450 · GND (DE143850067 · BNF (FRcb170534407 (data) · BNE (ESXX5576329 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2013057450