James Ivory

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il matematico omonimo, vedi James Ivory (matematico).
James Ivory alla Mostra del cinema di Venezia del 1991
Statuetta dell'Oscar Oscar alla migliore sceneggiatura non originale 2018

James Francis Ivory (Berkeley, 7 giugno 1928) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

Nel 2018, all'età di 89 anni, ha vinto l'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale per il film Chiamami col tuo nome.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia all'Università dell'Oregon, dove si specializza in architettura e storia dell'arte. Poi frequenta la University of Southern California dove studia cinema e televisione e nel 1957 presenta come tesi un documentario intitolato Venice: Themes and Variations. Ha un grande interesse per la cultura indiana che si manifesta nel suo secondo film The Sword of the Flute. Il successo dell'opera gli fa conquistare una borsa di studio della Asia Society of New York con il quale realizza The Delhi Way.

Nel 1961 con Ismail Merchant fonda la Merchant Ivory Productions, con il progetto di realizzare in India film in lingua inglese da distribuire sul mercato internazionale. Il primo lavoro che nasce da questo progetto è Il capofamiglia, del 1963, tratto da una sceneggiatura di Ruth Prawer Jhabvala, che inizia da questo momento con la Merchant-Ivory una collaborazione di oltre trenta anni. Tra Ivory e Merchant nasce anche una relazione sentimentale durata fino al 2005, anno della morte di Merchant.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Ivory è stata costellata da molti successi di critica e pubblico. Molti sono i riconoscimenti che ha ricevuto per le sue pellicole:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carla Caroli, Le confessioni torinesi di Ivory: finalmente un premio. Ho fatto tanto per i gay, in La Repubblica, 18 aprile 2010, p. 25. URL consultato il 25 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79155419 · ISNI (EN0000 0003 7396 3206 · SBN IT\ICCU\RAVV\089395 · LCCN (ENn82246511 · GND (DE119048183 · BNF (FRcb135587428 (data)