IndieWire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
IndieWire
sito web
Logo
URLwww.indiewire.com/
LinguaInglese
ProprietarioPenske Media Corporation
Lancio1996
Stato attualeattivo

Indiewire (a volte stilizzato come indieWIRE o Indiewire) è un sito web fondato nel 1996, con notizie e recensioni riguardanti l'industria cinematografica e in particolare il cinema indipendente.[1] A partire dal 2016, IndieWire è una sussidiaria di Penske Media.[2] Ha uno staff di circa 20 persone, tra cui l'editore James Israel, l'editore capo Dana Harris, il critico capo Eric Kohn e il caporedattore Anne Thompson.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio logo di Indiewire

La newsletter originaria di IndieWire è stata lanciata il 15 luglio 1996, definendosi "il servizio quotidiano di notizie per i film indipendenti". Seguendo le orme di varie iniziative editoriali basate sul Web e su AOL, IndieWire è stata lanciata come pubblicazione quotidiana gratuita via e-mail nell'estate del 1996 dai registi e scrittori di New York e Los Angeles Eugene Hernandez, Mark Rabinowitz, Cheri Barner, Roberto A. Quezada e Mark L. Feinsod.[3]

Distribuito inizialmente a poche centinaia di abbonati, il numero di lettori è cresciuto rapidamente, superando i 6.000 alla fine del 1997.[4]

Nel gennaio 1997, IndieWire ha fatto la sua prima apparizione al Sundance Film Festival per effettuare la copertura giornalistica dei festival cinematografici; offriva indieWIRE: On The Scene oltre alle notizie online.

Il sito è stato acquisito da Snagfilms nel luglio 2008.[5] L'8 gennaio 2009, l'editore di IndieWire Eugene Hernandez annunciò che il sito avrebbe subito un rilancio e sarebbe stato "completamente reimmaginato". Nel 2011, con il lancio di una riprogettazione, il sito ha cambiato l'ortografia formale del suo nome da indieWIRE a IndieWire.

Penske Media ha acquisito IndieWire il 19 gennaio 2016. I termini finanziari dell'accordo non sono stati resi noti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ About IndieWire, su indiewire.com, Penske Media Corporation. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  2. ^ a b Penske Media Acquires Indiewire, in Variety, 19 gennaio 2016.
  3. ^ Indiewire at 10 and Counting, su indiewire.com, 15 luglio 2006. (Press release)
  4. ^ Janelle Brown, Indie Film News Service No Longer Free, in Wired, 22 dicembre 1997. URL consultato il 22 maggio 2011.
  5. ^ Gregg Goldstein, SnagFilms acquires IndieWire, in The Hollywood Reporter, 16 luglio 2008. URL consultato l'11 dicembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]