The Walking Dead (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Walking Dead
The Walking Dead 2010 logo.svg
Logo della serie televisiva
Titolo originale The Walking Dead
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2010 – in produzione
Formato serie TV
Genere drammatico, horror, azione
Stagioni 6
Episodi 83
Durata 45 min (episodio)[1]
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Rapporto 16:9
Risoluzione 1080i
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore Robert Kirkman (fumetto), Frank Darabont
Interpreti e personaggi

vedi Personaggi e interpreti

Doppiatori e personaggi

vedi Personaggi e interpreti

Musiche Bear McCreary
Produttore Frank Darabont
Produttore esecutivo Gale Anne Hurd, David Alpert, Robert Kirkman, Charles H. Eglee, Glen Mazzara
Casa di produzione AMC Studios
Circle of Confusion
Darkwood Productions
Valhalla Motion Pictures
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 31 ottobre 2010
Al in corso
Rete televisiva AMC
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 21 aprile 2012
Al in corso
Rete televisiva Cielo (ep. 1)
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 1º novembre 2010
Al in corso
Rete televisiva Fox
Opere audiovisive correlate
Precedenti Fear the Walking Dead

The Walking Dead è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2010.

Ideata dal regista Frank Darabont, la serie è basata sull'omonima serie a fumetti scritta da Robert Kirkman, anche produttore esecutivo dello show, illustrata da Tony Moore e Charlie Adlard e pubblicata dalla Image Comics[2]. Rispetto al fumetto, di cui comunque vengono seguite le linee guida a livello di trama, la serie presenta parecchie novità nella storia, come ad esempio l'introduzione di alcuni personaggi inediti.

Il primo episodio è stato trasmesso dal canale televisivo AMC il 31 ottobre 2010, durante il Fearfest. In Italia viene trasmessa, quasi in contemporanea, da Fox a partire dal 1º novembre dello stesso anno[3]; l'episodio pilota è stato invece trasmesso in chiaro da Cielo il 21 aprile 2012[4].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rick Grimes è un vice sceriffo vittima di un incidente durante uno scontro a fuoco con dei fuorilegge: colpito alla schiena, va in coma, lasciando tra le lacrime la moglie Lori e il figlio Carl. Il risveglio, poco tempo dopo, è traumatico: l'ospedale è distrutto ed è pieno di cadaveri. Rick non ci metterà molto a capire la situazione: il "virus" che sembrava essere controllato prima del suo incidente, ha preso piede. I morti si risvegliano ed attaccano i vivi, la cui presenza è sempre minore. Il vice sceriffo sfrutterà tutte le sue abilità di sopravvivenza e di capacità con le armi per sopravvivere ed uscire dalla città, trovando altri superstiti rifugiati tra i boschi: tra questi, ritrova la famiglia e il suo migliore amico Shane. Costretti poi a spostarsi, presto si accorgeranno che i veri nemici sono gli altri esseri umani, spinti unicamente dall'istinto di sopravvivenza.

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Walking Dead (prima stagione).

Il vice-sceriffo Rick Grimes resta ferito durante uno scontro a fuoco con dei rapinatori. Si risveglia dal coma dopo mesi in un ospedale abbandonato, in rovina, e deserto. Prima di lasciare la struttura, scopre che il mondo si è trasformato in un inferno popolato da orde di zombi affamati di carne umana. Riesce a raggiungere la sua abitazione in cerca della moglie e del figlio scomparsi, disperato per la loro assenza, Rick incontra due sopravvissuti, Morgan Jones e il figlioletto Duane, che lo aiutano a trovare rifugio e gli spiegano cosa è successo durante il suo sonno. Morgan rivela che le persone morse dagli zombi, si ammalano e muoiono in pochi giorni trasformandosi a loro volta in mostri guidati solo dall'istinto della fame. La moglie di Morgan, diventata uno zombi, spesso ritorna nei pressi della loro casa, ma l'uomo non ha il coraggio di ucciderla.

Rick, Morgan, e Duane si procurano delle armi recandosi alla stazione di polizia di Rick, ora abbandonata anch'essa. Poi Rick decide di partire per Atlanta, dove si dice che un centro di cura per epidemie (CDC) abbia messo in atto una zona di sicurezza. Arrivato in città, l'uomo invece scopre che il luogo è completamente infestato dagli zombi e presto si trova sopraffatto dai morti. Rifugiatosi all'interno di un carro armato abbandonato in strada, viene salvato da Glenn Rhee, un altro sopravvissuto che lo mette in contatto con il suo gruppo nascosto in un negozio vicino, comprendente Andrea, T-Dog, Morales e Jacqui. Gli zombi assediano il negozio, costringendo il gruppo a fuggire abbandonando Merle Dixon, individuo razzista e violento che Rick ha ammanettato a un tubo sul tetto dell'edificio. Nella fuga T-Dog perde le chiavi delle manette, ma prima di andare chiude a chiave con un lucchetto la porta della terrazza.

A qualche chilometro da Atlanta, la moglie di Rick, Lori e il figlio Carl, hanno trovato rifugio in un campo base situato in un bosco su una collina insieme al collega ed amico di Rick, Shane Walsh. Inoltre al campo si trovano anche la giovane sorella di Andrea, Amy, l'anziano Dale Horvath con il suo camper, Carol Peletier, il marito Ed Peletier, con la figlia Sophia, e il meccanico Jim. Rick è all'oscuro del fatto che la sua famiglia sia sopravvissuta e faccia parte del gruppo di Glenn. Shane aveva detto a Lori che Rick era morto. Credendosi vedova, la donna aveva quindi iniziato una relazione sentimentale con Shane, diventato per Carl una seconda figura paterna.

Rick ritrova la sua famiglia ed il resto del gruppo di sopravvissuti al campo. Scoprendo che Rick è vivo, Lori termina immediatamente la relazione con Shane. Rick decide di tornare ad Atlanta per recuperare Merle e un borsone pieno di armi che era stato costretto ad abbandonare sul posto. Accompagnato da Glenn, T-Dog, e dal fratello minore di Merle, Daryl, parte quindi alla volta della città. Il gruppo scopre che Merle è riuscito a fuggire da solo amputandosi la mano ammanettata con un seghetto. Tornati al campo scoprono che è in corso un attacco da parte degli zombi. Molti membri del gruppo restano uccisi nell'attacco, inclusi Ed ed Amy. Successivamente si scopre che anche Jim è stato morso. I sopravvissuti decidono di partire verso il centro di cura situato ad Atlanta con la speranza di trovare delle risposte ed una possibile cura per Jim. Nel corso del viaggio però, un sempre più sofferente Jim chiede di essere lasciato sulla strada a morire da solo.

Al CDC, solo un membro dello staff è sopravvissuto, il Dr. Edwin Jenner. Dopo qualche titubanza, il dottore acconsente a far entrare il gruppo nel centro cure aprendo le porte sigillate della struttura. Jenner mostra al gruppo un video dove viene spiegato il decorso e la progressione dell'epidemia che ha reso la gente degli zombi, ma ammette di non aver trovato ancora alcuna cura. Tutti gli altri medici e membri del personale del centro, egli racconta, sono fuggiti o si sono suicidati.

Il carburante per i generatori di energia del CDC sta per terminare, e quando finirà, inizierà un protocollo di autodistruzione messo in atto dal computer che governa la struttura. Jenner e Jacqui decidono di rimanere dentro. Anche Andrea inizialmente pensa di restare, ma viene convinta da Dale a fuggire insieme agli altri. Prima che Rick e gli altri lascino il centro, Jenner bisbiglia qualcosa all'orecchio di Rick che rimane scioccato dalla notizia. I restanti sopravvissuti del gruppo riescono ad uscire dalla struttura prima che esploda, uccidendo all'istante Jenner e Jacqui.[5][6]

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Walking Dead (seconda stagione).

Dopo essere fuggiti dal CDC, Rick e il suo gruppo di sopravvissuti si dirigono verso Fort Benning. Lungo la strada il loro viaggio s'interrompe a causa di un ingorgo di veicoli abbandonati sulla Interstate 85, dai quali il gruppo riesce a fare scorte di cibo e medicinali. Ben presto però le loro intenzioni vengono smontate da un cospicuo gruppo di zombi vaganti e i sopravvissuti sono costretti a disperdersi o a trovare rifugio sotto le macchine. Per sfuggire da uno degli zombi, Sophia fugge nel bosco ma il gruppo perde le sue tracce. Durante la ricerca di Sophia, un cacciatore di nome Otis spara accidentalmente a Carl, ma questo si offre di aiutare il figlio di Rick facendolo curare da un veterinario, Hershel Greene, che abita in una fattoria agricola non molto distante da lì. Giunti alla fattoria Hershel capisce che la ferita inflitta a Carl va curata con dei farmaci specifici che il veterinario non possiede. Shane si offre quindi per andare insieme a Otis al liceo locale e, una volta trovati i farmaci necessari a curare Carl, per sfuggire a un'orda di zombi spara a una gamba di Otis, in modo tale da distrarre i morti e per far sì che possa tornare alla fattoria. Mentre Carl si riprende lentamente, il gruppo di Rick cerca di convivere insieme alla famiglia di Hershel, anche se ben presto pericolosi segreti e disaccordi su chi debba essere il mentore del gruppo vengono a galla. Lori rivela a Rick di essere incinta, ma non viene rivelato se il padre biologico del nascituro sia Rick o Shane, mentre Glenn comincia una relazione romantica con Maggie, la figlia maggiore di Hershel. Dale e Rick, intanto, cominciano ad avere perplessità sugli atteggiamenti egoistici e scaltri di Shane e credono fortemente sia lui il responsabile della morte di Otis, ma c'è altro a cui pensare: Glenn scopre infatti che il fienile della fattoria è colmo di zombi, alcuni dei quali sono membri della famiglia o vicini di Hershel. Appresa la notizia, Shane, furioso più che mai, decide di aprire i cancelli del fienile e di eliminare uno a uno tutti gli zombi presenti in esso, fino a che come ultimo cadavere ambulante esce una bambina ormai trasformata che si rivela essere nientedimeno che Sophia, alla quale Rick spara freddamente.

Beth, la figlia minore di Hershel, dopo l'incidente al fienile è ancora sotto shock, così come il padre che ha dovuto assistere alla morte definitiva di tutti i famigliari che aveva nascosto nel fienile. Rick e Glenn lo trovano a bere in una taverna locale e lo convincono a ricominciare e a tornare alla fattoria, ma qui i tre incontrano altri due sopravvissuti (Dave e Tony). La situazione si fa rapidamente tesa e Rick è costretto ad uccidere i due in uno scontro fuoco a fuoco, ma questo provoca un'ulteriore sparatoria col resto del gruppo dei due ragazzi morti in cui uno di loro, Randall Culver, viene ferito e abbandonato. Rick decide così di portarlo alla fattoria, poiché ha paura dell'incolumità del suo gruppo e che questo possa rivelare ad altri il loro rifugio. Mentre Rick e gli altri decidono il da farsi, un vagante attacca Dale aprendogli il torace e costringendo così Daryl a finirlo. Successivamente il gruppo si mette alla ricerca di Randall, che era stato segretamente liberato e poi ucciso nel bosco da Shane, finché poi non viene ritrovato ormai trasformato da Gleen e Daryl, i quali capiscono che non è stato né morso o graffiato da un vagante, ma che gli è stato rotto l'osso del collo e si è conseguentemente trasformato.

Nel frattempo, Rick e Shane hanno un duro confronto - così come aveva pianificato fin dall'inizio per uccidere Rick, che finisce con l'uccisione di quest'ultimo. Carl, che assiste alla scena da lontano, vede Shane rianimarsi e in procinto di attaccare Rick alle spalle e spara quindi un colpo d'arma da fuoco per salvare il padre. Lo sparo però attira un'orda di zombie ingestibile che rapidamente si dirigono verso la fattoria. Nel caos più totale, muoiono Jimmy, il fidanzato di Beth, e Patricia, la moglie di Otis, mentre Andrea scappando nella foresta si ritrova sola senza i suoi compagni fino a che non compare davanti a lei una misteriosa donna incappucciata, accompagnata da due zombi incatenati senza braccia e senza bocca. Dopo aver chiarito con il resto del gruppo di aver ucciso Shane per legittima difesa e di aver scoperto come sia realmente morto Randall, Rick rivela ciò che Jenner gli aveva sussurrato al CDC: ogni sopravvissuto è infetto dallo sconosciuto patogeno e non importa come si muoia, in qualsiasi caso il corpo risorge e si tramuta in uno zombi. Dopo l'agghiacciante notizia, nella scena finale viene mostrata in lontananza una prigione.

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Walking Dead (terza stagione).

Casualmente Rick scopre una prigione abbandonata e decide che potrebbe essere un posto sicuro per il gruppo. Iniziano a ripulirla da tutti gli zombi lì presenti iniziando dal cortile, e passo dopo passo conquistano la prigione e gli interi blocchi. Durante una missione all'interno di un blocco del carcere, uno zombie riesce a mordere Hershel ad una gamba. Tempestivamente Rick è costretto ad amputagliela come misura di precauzione per evitare lo sviluppo di un infezione letale. Nel frattempo, all'interno della prigione il gruppo per scappare da i non morti scopre che dentro a una sala mensa della prigione vi sono alcuni detenuti sopravvissuti rimasti li da molto tempo. Essi erano riusciti a sopravvivere grazie alle scorte di provviste della prigione. Rick propone loro un accordo: in cambio del 50% del cibo rimasto, propone di aiutarli a sgomberare dagli zombi un blocco del carcere così che i detenuti possano stabilirvisi. Durante l'operazione, alcuni dei prigionieri rimangono uccisi e così i rimasti, Axel e Oscar, si trasferiscono insieme al gruppo di Rick. All'improvviso uno zombi attacca T-Dog mordendolo ad una spalla; quindi egli si sacrifica per distrarre i vaganti da Carol che può così scappare. Nel frattempo Lori entra nella fase di travaglio e riesce a convincere Maggie a farla partorire con un parto cesareo di emergenza, ma dopo avere dato alla luce la sua bimba muore, e Carl è costretto a spararle in testa per non farla trasformare in uno zombie. Rick e Carl chiameranno la bambina Judith.

Nel frattempo, Michonne e Andrea sono a Woodbury, una città fortificata. Conoscono qui il Governatore, ovvero il sindaco della città e Michonne si presenta subito indisposta nei suoi confronti. Per questo decide di andarsene, ma la sua compagna sostiene che sia meglio restare li, in quanto sarebbe stato un luogo più sicuro. Quando Michonne lascia la cittadina, il Governatore ordina a Merle, fratello maggiore di Daryl che aveva trovato un rifugio a Woodbury, di inseguirla; non riuscirà mai a prenderla però. In compenso cattura Glenn e Maggie che erano in cerca di approvvigionamenti.

Michonne, che conosceva la gravità della situazione, raggiunge la prigione e guida Rick, Daryl e Oscar fino alla cittadina. Qui portano a termine la loro missione di salvataggio, ma Oscar rimane ucciso e Daryl viene catturato. Michonne uccide la bambina non-morta del Governatore e, durante una dura lotta con lui, lo acceca ad un occhio con un pezzo di vetro affilato. Riesce poi a fuggire, ma Daryl e Merle vengono fatti combattere insieme nell'arena di Woodbury per verificare che il maggiore non fosse un traditore nei confronti del Governatore. Rick e Maggie riescono a salvarli entrambi, ma quando Daryl scopre che suo fratello non è ben accetto nel gruppo decide di rimanere da solo con lui.

Carl trova un altro gruppo di sopravvissuti, formato da Tyreese e da sua sorella Sasha. Mentre Rick parla con i nuovi arrivati, gli appare in visione Lori e l'uomo, fuori di senno, caccia dalla prigione i due fratelli appena arrivati che troveranno poi rifugio a Woodbury. Il giorno seguente il governatore attacca il carcere distruggendo le mura esterne; Daryl e Merle si ricongiungono con il gruppo e aiutano a scacciare gli zombi che avevano penetrato le difese distrutte del carcere. Rick e Carl, insieme a Michonne, tornano alla loro città di origine alla ricerca di armi; qui trovano Morgan, dal quale scoprono che il figlio Duane è stato ucciso dalla madre non-morta che l'uomo non aveva avuto il coraggio di uccidere. Andrea organizza un incontro tra il Governatore e Rick per riappacificare le parti, anche se Philip, vero nome del governatore, pensa ancora ad un attacco alla prigione. Nonostante questo promette di cessare gli attacchi in cambio di Michonne; una volta scoperto il suo piano Andrea cerca di recarsi alla prigione ma viene catturata e imprigionata. Rick parla della proposta del Governatore con Merle, che accetta di rapire segretamente Michonne e di portarla a Woodbury. Durante il tragitto, però, i due parlano e Merle decide di lasciare libera la donna; si recherà da solo da Philip che lo ucciderà. Daryl lo troverà già resuscitato e sarà costretto, in lacrime, ad abbatterlo. Il Governatore ordina a Milton, il suo "scienziato" di uccidere Andrea, ma quando sente una risposta negativa, colpisce fatalmente l'uomo in modo che, al suo risveglio da zombi, avrebbe morso Andrea uccidendola. Nel frattempo parte una batteria di soldati pronti ad attaccare il carcere, ma Rick e il suo gruppo riescono a sventarlo in modo astuto. Sulla strada del ritorno, il Governatore uccide tutti i suoi soldati e parte alla volta di Woodbury. Il gruppo dei protagonisti trova Karen, la sola sopravvissuta, e con il suo aiuto riesce a convincere Tyreese e Sasha e lasciare la cittadina portando con se tutti gli abitanti restanti, in gran parte vecchi e bambini, alla volta della prigione. La stagione si conclude con Rick e il suo gruppo che ritornano verso la prigione, mentre la posizione del Governatore rimane ignota.

Quarta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Walking Dead (quarta stagione).

Quinta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Walking Dead (quinta stagione).

Sesta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Walking Dead (sesta stagione).

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Già prima della messa in onda del primo episodio si parlava di un ordine per una nuova stagione, senza una conferma ufficiale[7], che è arrivata poi l'8 novembre 2010 per una seconda stagione di 13 episodi[8]. Al Comic-Con 2011, è stato mostrato il primo trailer della seconda stagione, rivelando che la trasmissione del nuovo ciclo di episodi sarebbe iniziata il 16 ottobre 2011, sempre sul canale via cavo AMC[9]. Il 25 ottobre 2011 è stata annunciata una terza stagione di 16 episodi, dopo gli ottimi ascolti registrati dai primi episodi della seconda[10]. Il 21 dicembre 2012 AMC ha confermato la serie per una quarta stagione di 16 episodi[11]. Il 29 ottobre 2013 l'emittente ha rinnovato la serie anche per una quinta stagione, divisa sempre in due parti di 8 episodi ciascuna (16 in totale)[12]. Il 7 ottobre 2014 AMC ha rinnovato la serie per una sesta stagione, mentre il 30 ottobre 2015 ha confermato una settima stagione[13].

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 6 2010 2010
Seconda stagione 13 2011-2012 2011-2012
Terza stagione 16 2012-2013 2012-2013
Quarta stagione 16 2013-2014 2013-2014
Quinta stagione 16 2014-2015 2014-2015
Sesta stagione 16 2015-2016 2015-2016
Settima stagione 16 2016-2017 2016-2017

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di The Walking Dead.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il creatore del fumetto The Walking Dead Robert Kirkman, al New York Comic Con nel 2011.

Il 20 gennaio 2010 l'emittente AMC ha annunciato ufficialmente di aver ordinato un episodio pilota per un possibile adattamento seriale del fumetto The Walking Dead, con Frank Darabont, Gale Anne Hurd e, soprattutto, Robert Kirkman come produttori esecutivi, affidando allo stesso Darabont regia e sceneggiatura.[14] L'intera serie è stata ordinata in anticipo grazie alla solidità del materiale originale, della sceneggiatura e del coinvolgimento di Darabont.[15] Nel gennaio 2010 una recensione sulla sceneggiatura dell'episodio pilota ha attirato maggiori attenzioni sul progetto.[16] Il pilota è stato girato in Atlanta a partire dal 15 maggio 2010,[17] dopo che AMC aveva già ordinato una prima stagione da sei episodi.[18] Le riprese dei rimanenti episodi sono iniziate il 2 giugno 2010, con Darabont come showrunner.[19][20] Il 31 agosto 2010 Darabont ha annunciato il rinnovo di The Walking Dead per una seconda stagione, la cui produzione è iniziata nel febbraio del 2011. L'8 novembre 2010, AMC ha confermato una seconda stagione composta da 13 episodi.[21] Il 25 ottobre 2011, AMC ha annunciato la terza stagione della serie,[22] mentre il 21 dicembre 2012 la stessa emittente ha confermato la produzione di una quarta stagione.[23]

Sceneggiatura e regia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di sceneggiatori della prima stagione era formata dal produttore esecutivo Frank Darabont, showrunner della serie, che ha sceneggiato o co-sceneggiato quattro dei sei episodi; dal produttore esecutivo Robert Kirkman, creatore del soggetto originale e del fumetto da cui è tratta la serie TV; dal produttore esecutivo Charles H. Eglee; dal co-produttore esecutivo Jack LoGiudice; dal produttore consulente Adam Fierro e da Glen Mazzara. Tutti hanno contribuito principalmente ad un episodio a testa. Oltre all'episodio pilota, che era stato diretto da Darabont, i rimanenti episodi sono stati diretti da Michelle MacLaren, Gwyneth Horder-Payton, Johan Renck, Ernest Dickerson, e Guy Ferland.[24]

Frank Darabont, a sinistra, ideatore e primo showrunner della serie, e Glen Mazzara, a destra, secondo showrunner della serie

Il 1º dicembre 2010, Deadline.com ha riportato che Darabont aveva licenziato la squadra di sceneggiatori, tra cui il produttore esecutivo Charles H. Eglee, e aveva intenzione di usare sceneggiatori indipendenti per la seconda stagione.[25] Kirkman ha definito l'annuncio «prematuro» e ha dichiarato che Eglee, non «volendo essere secondo in comando» ed essendo «abituato ad essere il capo», aveva abbandonato la serie quando Darabont aveva deciso di rimanere come showrunner, e che non era stata presa ancora alcuna decisione definitiva riguardo agli sceneggiatori della seconda stagione.[26] Il 3 dicembre 2010, in un'intervista con Entertainment Weekly, il produttore esecutivo Gale Anne Hurd ha commentato la questione affermando: «È del tutto inesatto. Tra la squadra di sceneggiatori ci sono persone che hanno altri progetti che saranno la loro priorità nel caso in cui ne venga ordinato un pilota o una serie. Penso che [Eglee] abbia solo deciso di dedicarsi ad un proprio show». Hurd ha anche rivelato che la serie sarebbe tornata in onda nell'ottobre del 2011, e che Darabont e Kirkman avrebbero delineato la sceneggiatura della seconda stagione all'inizio del 2011. Ha anche confermato che «ognuno del cast principale ha firmato per più stagioni».[27]

Nel luglio del 2011, a metà della produzione della seconda stagione, Frank Darabont ha abbandonato il suo incarico di showrunner.[28] Si pensò che la decisione fosse dovuta all'incapacità di Darabont di adattarsi ai ritmi della produzione televisiva.[28] Tuttavia The Hollywood Reporter ha riportato che Darabont si sarebbe licenziato per delle controversie relative a previsti tagli del budget e all'ingerenza della direzione.[29] Il produttore esecutivo Glen Mazzara è stato in seguito assunto come nuovo showrunner della serie.[30] Allo staff della seconda stagione si sono uniti nuovi sceneggiatori, tra cui il co-produttore esecutivo Evan Reilly, il produttore Scott M. Gimple e lo story editor Angela Kang.

Dopo la conclusione della terza stagione, Glen Mazzara ha lasciato il suo incarico di showrunner e produttore esecutivo della serie, in comune accordo con AMC. La decisione è stata causata da una «differenza di opinioni sulla direzione che la serie debba intraprendere».[23]

Il nuovo showrunner della serie è Scott M. Gimple, già produttore, produttore esecutivo e supervisore alla produzione della serie.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è firmata da Bear McCreary,[31] già autore delle musiche di Battlestar Galactica e di The Sarah Connor Chronicles. Nel quinto episodio della prima stagione è presente il brano Adagio in D minor[32] composto da John Murphy, già usato nella colonna sonora del film del 2007 Sunshine di Danny Boyle.[33] Nell'ultimo episodio della prima stagione viene usato il brano Running to the Rain di Peter Gabriel, dalla colonna sonora del film La generazione rubata.

Webserie[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 ottobre 2011, circa due settimane prima della messa in onda della seconda stagione della serie, la AMC ha reso disponibile online una webserie intitolata The Walking Dead: Torn Apart e composta da sei episodi della durata di circa tre minuti ciascuno. La serie, diretta da Greg Nicotero e sceneggiata da Nicotero e John Esposito, narra le vicende avvenute proprio durante lo scoppio dell'epidemia e si concentrano in particolare sulla figura di Hannah, conosciuta dai fan della serie anche come "Bicycle Girl", il primo zombie che Rick Grimes incontra ed uccide nel corso della serie.[34] Gli attori protagonisti di questa webserie sono Lilli Birdsell nel ruolo di Hannah, Rick Otto nel ruolo di Andrew, Rex Linn nel ruolo di Palmer, Danielle Burgio nel ruolo di Jud, Madison Leisle nel ruolo di Jamie e Griffin Cleveland nel ruolo di Billy. Dopo essere stata distribuita online sul sito ufficiale della serie televisiva il 3 ottobre 2011, la serie è anche stata doppiata in italiano e distribuita online su Foxtv.it a partire dal 21 novembre 2011 col titolo Storia di uno zombie.[35]

Il 1º ottobre 2012, due settimane prima del debutto della terza stagione, AMC ha pubblicato online una seconda webserie di quattro episodi, intitolata The Walking Dead: Cold Storage. Anche questa serie è frutto della collaborazione di Greg Nicotero e John Esposito. Gli interpreti sono Josh Stewart nel ruolo di Chase, Daniel Roebuck nel ruolo di B.J., Cerina Vincent nel ruolo di Kelly e Chris Nelson nel ruolo di Harris.

Nella terza webserie intitolata The Oath - Il giuramento, ancora una volta diretta da Greg Nicotero tramite la collaborazione John Esposito, composta da tre episodi, troviamo Paul (Wyatt Russell) e Karina (Ashley Bell), due sopravvissuti che trovano rifugio in un ospedale, ma incontrano una dottoressa (Ellen Greene) che ha fatto una strana scelta di vita. Particolarità nel finale è l'avvertimento affisso sulla porta della caffetteria ad opera di Paul ("Don't Open Dead Inside"), palesemente uguale (anche nella grafia) a quello affisso sulla caffetteria presente nella prima puntata della prima stagione (le differenze di scenario sono minime, ma comunque tali da far pensare che sia lo stesso ospedale).

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Dal telefilm è stato tratto nel 2013 un videogioco per varie piattaforme, dal titolo The Walking Dead: Survival Instinct, sviluppato da Terminal Reality. Protagonisti del gioco sono Daryl e Merle Dixon, e la storia è ambientata alcuni giorni prima degli eventi narrati nella serie televisiva, fungendo quindi da prequel. Per l'occasione gli attori Norman Reedus e Michael Rooker hanno ripreso i loro ruoli di Daryl e Merle e hanno prestato voci e sembianze ai personaggi nel gioco.

Dal fumetto, invece, è stato tratto nel 2012 un videogioco a episodi intitolato The Walking Dead, sviluppato da Telltale Games e vincitore di numerosi premi di settore.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Frank Darabont (ideatore della serie TV) e Drew Struzan (famoso illustratore, autore del poster della serie) mentre firmano autografi al San Diego Comic-Con International 2010

Nancy deWolf Smith del Wall Street Journal ha affermato che «l'episodio pilota è così bello che ha catturato anche una che detesta gli zombie come me». Secondo la Smith, ciò che ha reso l'episodio così bello è il fatto che appare reale e sembra cinematografico[36]. Heather Havrilesky di Salon.com ha incluso la serie nella sua lista delle nove nuove serie televisive da non perdere, assegnandole il voto "A" e il commento: «Una serie televisiva di qualità cinematografica sugli zombie? Qualcuno mi dia un pizzicotto!»[37]. La serie, dopo la messa in onda dell'episodio pilota, ha ottenuto un punteggio di 85 su 100 sul sito Metacritic, basato su 25 recensioni e associato all'indicazione «acclamazione universale»[38].

Il primo episodio della serie è stato visto da 5,3 milioni di telespettatori: si tratta dell'episodio pilota di una serie televisiva dell'emittente AMC con più ascolti in assoluto[39]. Il famoso romanziere Stephen King ha inserito il quinto episodio della prima stagione al secondo posto della sua personale lista dei migliori show televisivi del 2010[40]. L'ottavo episodio della seconda stagione, trasmesso dopo una lunga pausa nella messa in onda, è stato seguito da 8,1 milioni di telespettatori, battendo tutti i record delle serie tv trasmesse via cavo[41]. L'ultimo episodio della seconda stagione raggiunse gli 8.991.000 spettatori[42], mentre tale record venne nuovamente superato dalla première della terza stagione, vista da 10,9 milioni di spettatori[43].

L'inizio della quinta stagione batte qualsiasi record precedente stabilito dalla serie, registrando 17,2 milioni di telespettatori, la maggior parte dei quali nella fascia 15-49 anni, affermandosi come serie tv di maggior successo dell'ultimo decennio[senza fonte].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha ricevuto una candidatura ai Golden Globe 2011 come miglior serie drammatica, ma tale premio è stato consegnato alla serie Boardwalk Empire del network HBO.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 64 min (ep. 1x01-5x16-6x01-6x04-6x16).
  2. ^ (EN) Brad Miska, Breaking Bad Director Michelle MacLaren Talks The Walking Dead, Dread Central.com, 5 luglio 2010. URL consultato il 15 luglio 2010.
  3. ^ The Walking Dead, True Blood 3 e The Gates: a novembre su Fox, Movieplayer.it. URL consultato il 28 ottobre 2010.
  4. ^ Antonio Genna, Sky Free Pass, per la prima volta su Cielo dal 20 al 22 aprile tre giorni di programmi Sky per tutti, in antoniogenna.com, 19 aprile 2012. URL consultato il 21 aprile 2012.
  5. ^ The Walking Dead - Season 1 Recap, AMC. URL consultato l'8 luglio 2015.
  6. ^ Mark Maurer, 'The Walking Dead': What you need to know about Season 1, su The Star-Ledger, NJ.com, 14 ottobre 2011. URL consultato l'8 luglio 2015.
  7. ^ Hung, Memphis Beat e The Walking Dead rinnovate per la prossima stagione, Army Wives non avrà uno spin-off. La Fox acquista Loche & Key (e torna Jamie Foxx), TvBlog.it, 2 settembre 2010. URL consultato il 12 settembre 2010.
  8. ^ (EN) Julie Zied, AMC Renews ‘The Walking Dead’ For A Second Season, Fancast.com, 8 novembre 2010. URL consultato il 9 novembre 2010.
  9. ^ I passaggi più interessanti dal panel di The Walking Dead al Comic-Con, Coming Soon.it, 23 luglio 2011. URL consultato il 12 settembre 2011.
  10. ^ (EN) Michael Ausiello, AMC Renews The Walking Dead For Season 3, TVLine, 25 ottobre 2011. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  11. ^ (EN) 'The Walking Dead' Season 4: AMC, Glen Mazzara Part Ways For New Season, huffingtonpost.com, 21 dicembre 2012.
  12. ^ The Walking Dead: confermata la quinta stagione, in diregiovani.it, 30 ottobre 2013.
  13. ^ Michael Ausiello, The Walking Dead anticipazioni: settima stagione confermata. Ufficiale, 30 ottobre 2015.
  14. ^ (EN) Jeff Otto, 'The Walking Dead' Set Visit Preview: The Bloodiest Show Ever!, Bloody Disgusting, 6 luglio 2010. URL consultato il 2 novembre 2010.
  15. ^ (EN) Eric Goldman, AMC Orders Walking Dead Pilot, TV IGN, 20 gennaio 2010. URL consultato l'11 giugno 2010.
  16. ^ (EN) Patrick Sauriol, Exclusive: A review of the pilot script for The Walking Dead TV series, Corona Coming Attractions, 25 gennaio 2010.
  17. ^ (EN) TV: 'The Walking Dead' Pilot to Begin Lensing in May, Bloody Disgusting, 10 febbraio 2010. URL consultato il 7 giugno 2011.
  18. ^ (EN) Robert Seidman, "The Walking Dead Lives on AMC;" Network Greenlights Series Based On Comic Books, TV by the Numbers, 29 marzo 2010. URL consultato l'11 giugno 2010.
  19. ^ (EN) Jon Chan, Walking Dead TV Series Starts Filming!, Secondary Fire, 2 giugno 2010. URL consultato l'11 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  20. ^ (EN) Uncle Creepy, The Walking Dead: Frank Darabont Only Directing the Pilot?, su Dread Central, 14 giugno 2010. URL consultato il 15 giugno 2010.
  21. ^ (EN) AMC Resurrects "The Walking Dead" for a Second Season, AMC, 8 novembre 2010. URL consultato l'8 novembre 2010.
  22. ^ (EN) 'The Walking Dead' Renewed For A Third Season By AMC, TV by the Numbers, 25 ottobre 2011. URL consultato il 25 ottobre 2011.
  23. ^ a b (EN) Chris Harnick, 'The Walking Dead' Season 4: AMC, Glen Mazzara Part Ways For New Season, The Huffington Post, 21 dicembre 2012. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  24. ^ (EN) EXCLUSIVE!! Learn Who Writes And Directs All The Season-One Episodes of Frank Darabont's AMC Zombie Series THE WALKING DEAD!!, Ain't It Cool News, 17 luglio 2010. URL consultato il 18 luglio 2010.
  25. ^ (EN) Nellie Andreeva, 'The Walking Dead' Lets Go Of Writers; Considers No Writing Staff For Season 2, Deadline.com, 1º dicembre 2010. URL consultato il 3 dicembre 2010.
  26. ^ (EN) Adam Bryant, The Walking Dead's Robert Kirkman: Writing Staff Changes Won't Affect the Show, TV Guide, 2 dicembre 2010. URL consultato il 3 dicembre 2010.
  27. ^ (EN) Clark Collis, 'Walking Dead' exclusive: Exec producer Gale Anne Hurd denies Frank Darabont fired writers, talks season two, su Entertainment Weekly, 3 dicembre 2010. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  28. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, 'WALKING DEAD' SHOCKER: Frank Darabont Steps Down As Showrunner, Deadline, 26 luglio 2011. URL consultato il 27 luglio 2011.
  29. ^ (EN) Kim Masters, 'The Walking Dead': What Really Happened to Fired Showrunner Frank Darabont, The Hollywood Reporter, 10 agosto 2011. URL consultato il 10 agosto 2011.
  30. ^ (EN) Nellie Andreeva, Glen Mazzara to Succeed Frank Darabont as 'Walking Dead' Showrunner, Deadline, 27 luglio 2011. URL consultato il 27 luglio 2011.
  31. ^ (EN) Bear McCrary, in Internet Movie Database, IMDb.com.
  32. ^ . Frank Darabont, The Walking Dead: Esperimenti, Fox, 29 novembre 2010, a 0 h 28 min 33 s.
  33. ^ Danny Boyle, Sunshine, Sala cinematografica, 20 aprile 2007, a 1 h 26 min 15 s.
  34. ^ The Walking Dead – Una web series sul primo zombie della serie, magazine.foxtv.it, 28 settembre 2011. URL consultato il 30 novembre 2011.
  35. ^ The Walking Dead – La web series on line in esclusiva su FOXTV.IT!, magazine.foxtv.it, 21 novembre 2011. URL consultato il 30 novembre 2011.
  36. ^ (EN) Nancy deWolf Smith, Everything Old Is New Again, in The Wall Street Journal, 22 ottobre 2010. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  37. ^ (EN) Heather Havrilesky, Don't miss these 9 new TV shows, in Salon.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  38. ^ (EN) The Walking Dead: Season 1, Metacritic. URL consultato il 30 ottobre 2010.
  39. ^ (EN) AMC Original Series "The Walking Dead" Garners Highest 18-49 Delivery for Any Cable Series Premiere for 2010, AMC, 1º novembre 2010. URL consultato il 1º novembre 2010.
  40. ^ (EN) Carolyn Koo, The Walking Dead No. 2 on Stephen King's Best of 2010 List, Episode 5 Nets Highest Ratings Yet, AMC Tv.com, 3 dicembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2010.
  41. ^ Chiara Poli, The Walking Dead – Ascolti record per “Nebraska” e riflessioni di Robert Kirkman, foxtv.it, 17 febbraio 2011. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  42. ^ (EN) Sara Bibel, Sunday Cable Ratings: 'Walking Dead' Season Finale Laps the Field + 'Khloe & Lamar,' 'Frozen Planet,' 'Army Wives' & More, in TV by the Numbers, 20 marzo 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  43. ^ (EN) Sara Bibel, 'The Walking Dead' Season 3 Premiere Hits Series High With 10.9 Million Total Viewers & 7.3 Million Adults 18-49, in TV by the Numbers, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia:
0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
Controllo di autorità VIAF: (EN178525288 · LCCN: (ENno2011040857 · GND: (DE1024712575
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione