Dario Penne

From Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Dario Penne presso gli studi Technicolor di Roma

Dario Penne (Trieste, 17 febbraio 1938) è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[edit | edit source]

È noto soprattutto per aver prestato voce agli attori Anthony Hopkins dal film Ore disperate in poi, Michael Caine nel ruolo di Alfred Pennyworth nella trilogia del cavaliere oscuro di Christopher Nolan, Christopher Lloyd nel ruolo di Emmett Brown negli ultimi due capitoli della trilogia Ritorno al futuro e Chi ha incastrato Roger Rabbit, Tommy Lee Jones nel ruolo dell'Agente K nella trilogia di Men in Black, Alan Rickman in Michael Collins, Gary Oldman in Dracula di Bram Stoker, James Cromwell nella serie televisiva American Horror Story: Asylum, Donald Sutherland nella miniserie I pilastri della Terra e al robot Bender nella versione italiana del cartone animato Futurama creato da Matt Groening (il padre di I Simpson).

Ha partecipato al ridoppiaggio sia di Il padrino, prestando la voce a Jack Woltz (John Marley), sia di Il padrino - Parte II, dando la voce ad Hyman Roth (Lee Strasberg).

Ha doppiato inoltre il personaggio del robot Sentinel Prime nel film Transformers 3 (in originale doppiato da Leonard Nimoy).

Nel 2019 riceve la targa "Claudio G. Fava" alla carriera nel Festival del doppiaggio Voci nell'Ombra.

Doppiaggio[edit | edit source]

Film[edit | edit source]

Film d'animazione[edit | edit source]

Serie televisive[edit | edit source]

Cartoni animati[edit | edit source]

Documentari[edit | edit source]

Cortometraggi[edit | edit source]

  • Il Rosso Signore del Destino in I Signori del Destino
  • Voce narrante in Blocco E, IV Piano
  • Figlio di Rossella in A colloquio con Rossella

Audiolibri[edit | edit source]

Attore[edit | edit source]

Cinema[edit | edit source]

Televisione[edit | edit source]

Cortometraggi[edit | edit source]

  • Nel mio giardino di Andrea Andolina e Valentina Burolo (2014)
  • La cura di Andrea Andolina (2015)

Prosa radiofonica Rai[edit | edit source]

Bibliografia[edit | edit source]

  • Il Radiocorriere, fascicoli vari.

Altri progetti[edit | edit source]

Collegamenti esterni[edit | edit source]

Controllo di autoritàVIAF (EN232600614 · SBN IT\ICCU\RAVV\286132 · LCCN (ENno2014006089 · WorldCat Identities (ENno2014-006089