Epidemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Robin Cook, vedi Epidemia (romanzo).

Si definisce epidemia (dal greco επί + δήμος, lett.: sopra il popolo) il diffondersi di una malattia infettiva che colpisca quasi simultaneamente una collettività di individui con una ben delimitata diffusione nello spazio e nel tempo, e che causi un numero dei casi in aumento rispetto ai valori attesi.

Affinché si sviluppi un'epidemia è necessario che il processo di contagio tra gli individui interessati sia abbastanza facile. Tuttavia non è facile che un'epidemia cessi, poiché il batterio od il virus che l'ha scatenata potrebbe evolversi con il tempo in modo da acquisire un'invulnerabilità nei confronti di farmaci che lo hanno già contrastato. Nel caso in cui gli individui colpiti siano animali, l'epidemia prende il nome di "epizoozia".

Si differenzia dall'endemia, che è costantemente presente in una popolazione o in un determinato territorio, e dalla pandemia, la cui diffusione interessa più aree geografiche del mondo, con un alto numero di casi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stefan Cunha Ujvar "Storia Delle Epidemie" Odoya editore, 2011

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

rischio

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina