Prime Video

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amazon Prime Video
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaDivisione
Fondazione7 settembre 2006 a Seattle
Fondata daAmazon
Sede principaleSeattle
GruppoAmazon
SettoreMedia
ProdottiVideo on demand
Sito webwww.primevideo.com/

Amazon Prime Video è un servizio di video on demand statunitense di proprietà della società Amazon.com.

È una delle più importanti piattaforme streaming di film e serie TV insieme a Netflix, Disney+, Crunchyroll, HBO Max, Hulu, Paramount+ e Peacock.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stato lanciato il 7 settembre 2006 con il nome Amazon Unbox, cambiando nome nel 2011 in Amazon Instant Video, nel settembre del 2015 in Amazon Video e nel 2018 in Prime Video.[2]

Dal dicembre 2016 il servizio è disponibile in oltre 200 paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Belgio, Canada, Francia, India, Italia e Spagna.[3]

Nel maggio 2016 è stato affiancato da Amazon Video Direct, un servizio in cui utenti professionisti possono caricare direttamente i loro prodotti rendendoli disponibili insieme al resto del catalogo di Amazon Video a pagamento o supportati da inserzioni pubblicitarie.

Dal 2013 la piattaforma distribuisce anche contenuti originali, la cui produzione è gestita dall'apposita divisione Amazon Studios.

Dal 2017 il servizio fa parte del pacchetto di invito all'utenza di tipo prime.

Dall'aprile 2020, la piattaforma ha aggiunto uno store, il Prime Video Store, dal quale tutti gli utenti, anche non registrati, potranno acquistare o noleggiare contenuti recenti.[4] A novembre arrivano i Prime Video Channels, canali che richiedono un abbonamento aggiuntivo variabile. Poco dopo, Amazon annuncia il debutto dello sport nella versione italiana di Prime Video, con l'acquisizione dell'esclusiva assoluta di una partita per turno del mercoledì di UEFA Champions League dai play-off alle semifinali (resta fuori la finale) e della Supercoppa UEFA per il triennio 2021-24. In occasione degli Oscar 2021, Prime Video ha inserito una sezione dedicata alle serie animate giapponesi, promossa dalla seconda stagione della serie Bleach[5]. In seguito nel maggio 2021 Amazon acquista attraverso Amazon Studios per 8,5 miliardi la casa cinematografica MGM, potendo così aggiungere al catalogo di Prime Video, dopo l'avallo dalle autorità antitrust, i film prodotti da essa, tra cui la saga di James Bond, resa disponibile per un breve periodo da maggio 2022.

Produzioni originali[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Serie televisive di Prime Video, Categoria:Miniserie televisive di Prime Video e Categoria:Film Amazon Studios

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Pezzella, Netflix vs. Amazon Prime Video – Qual è il migliore?, su SpaceNerd.it, 12 agosto 2019. URL consultato il 14 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Taylor Soper, Amazon drops ‘Instant’ from ‘Instant Video,’ streamlining its streaming brand, in GeekWire, 4 settembre 2015. URL consultato il 12 settembre 2016.
  3. ^ (EN) Leo Barraclough, Amazon Prime Video Now Available in More Than 200 Countries, Territories, su Variety, 14 dicembre 2016. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  4. ^ Andrea Francesco Berni, Prime Video Store da oggi anche in Italia: Joker, Sonic – il Film e Pinocchio i primi film disponibili, su badtaste.it, 28 aprile 2020. URL consultato il 29 aprile 2020.
  5. ^ I film e le serie animate in uscita su Amazon Prime Video, 1 maggio 2021

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]