Domitilla D'Amico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Domitilla D'Amico (Roma, 5 settembre 1982) è una doppiatrice, attrice e direttrice del doppiaggio italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma il 5 settembre 1982; la famiglia della madre è per metà francese, il che favorisce Domitilla nel doppiare spesso personaggi che si trovano a parlare in quella lingua. D'Amico esordì nel mondo del doppiaggio all'età di otto anni, quando Carlo Baccarini la chiamò per dar voce a due personaggi del film La voce della Luna, diretto da Federico Fellini, il quale durante la lavorazione ritrasse anche la bambina in alcuni suoi disegni.[1] La carriera artistica dell'attrice era iniziata, in realtà, ancor prima del lavoro in questione: nel 1986, all'età di quattro anni, aveva recitato insieme a Ferruccio Amendola nella pubblicità di una marca di detersivo.

In qualità di doppiatrice, D'Amico è la voce italiana ricorrente di Margot Robbie, Emma Stone, Scarlett Johansson, Kirsten Dunst, Eva Green, Léa Seydoux, Raven-Symoné e Lea Michele. Ha prestato la sua voce anche in alcune significative interpretazioni ad Emily Blunt, Anne Hathaway, Emmy Rossum, Jena Malone, Anna Paquin, Mandy Moore, Mila Kunis, Zoe Kazan. Nel film Sybil (2007), tratto da un caso clinico di disordine da personalità multipla, doppia Tammy Blanchard nel ruolo di Sybil Dorsette, interpretata in sette modi diversi.

Per quanto riguarda l'animazione, ha doppiato Daphne Blake nella serie animata di Scooby-Doo (anche nei film in cui il personaggio è stato interpretato da Sarah Michelle Gellar)[2] e ha lavorato a La gabbianella e il gatto, Neon Genesis Evangelion, Le situazioni di Lui & Lei (in cui recita dal vivo le anticipazioni degli episodi, al fianco della collega doppiatrice Francesca Manicone), Chicken Little - Amici per le penne, Arthur e il popolo dei Minimei, Ratatouille, La principessa e il ranocchio. Tra i personaggi anime da lei doppiati, Haruhi Suzumiya ne La malinconia di Haruhi Suzumiya, Urumi Kanzaki nella serie GTO (Great Teacher Onizuka), Yukari in Paradise Kiss, Noi-chan in Perfect Girl Evolution, Kiki (e Ursula) nell'edizione italiana del 2002 di Kiki - Consegne a domicilio, Lettie ne Il castello errante di Howl, di Hayao Miyazaki, Kallen Kozuki in Code Geass: Lelouch of the Rebellion. Sotto la direzione di Francesco Vairano, D'Amico ha doppiato il personaggio della fata turchina da adulta, interpretata da Marine Vacth, nel film Pinocchio (2019) di Matteo Garrone, sia nella versione italiana che in quella inglese[3].

Come attrice recita accanto a Francesco Carnelutti in Non temere, cortometraggio realizzato in collaborazione con Rai Cinema nell'ambito del progetto Pianeta Alzheimer e volto a sensibilizzare il pubblico sulle condizioni dei malati di Alzheimer, proiettato in svariate sale cinematografiche in occasione della relativa giornata mondiale (21 settembre).

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposata e ha due figli: Charlotte e Francesco.[4][5]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Soap opera e telenovelas[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Non temere, regia di Marco Calvise (2016)
  • Marriage Material, regia di Oran Zegman (2018)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto il premio per il miglior doppiaggio al Festival del Cinema di Busto Arsizio 2006, per l'interpretazione di Julia Jentsch in La rosa bianca - Sophie Scholl.

È stata la vincitrice del premio Miglior interpretazione femminile 2003 e Voce femminile dell'anno 2007 attribuito dal pubblico al Gran Galà del doppiaggio Romics.

Ha ottenuto il Premio Leggio d'oro 2010 per il miglior doppiaggio di un'attrice protagonista: la principessa Neytiri (interpretata da Zoe Saldana) in Avatar.

Ha avuto il premio come Miglior attrice non protagonista al Gran Premio Internazionale del doppiaggio Ince 2011 per l'interpretazione di Mila Kunis ne Il cigno nero.

È stata la vincitrice del Gran Premio Internazionale del doppiaggio Ince 2015 per l'interpretazione di Eva Green in Penny Dreadful.

Ha vinto il premio Le voci del cinema Ince 2015 per l'interpretazione di Lea Michele in Glee.

Vincitrice dell'anello d'oro al Festival del doppiaggio Voci nell'Ombra 2017 come Miglior voce cinema per il doppiaggio di Emma Stone in La La Land.

Vincitrice del Premio Fellini per le voci del cinema nel 2018.

Vincitrice del premio del pubblico al Gran Premio Internazionale del doppiaggio per tre anni di seguito: 2017, 2018 e 2019.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ [2]
  3. ^ imgur
  4. ^ Marco Infussi, su Facebook, 13 novembre 2015. URL consultato il 29 novembre 2021.
  5. ^ Charlotte Infussi D'Amico, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 29 novembre 2021.
  6. ^ Peter Rabbit, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  7. ^ Peter Rabbit 2 - Un birbante in fuga, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  8. ^ Death Stranding, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 2 settembre 2021.
  9. ^ Chicken Little, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 1º Agosto 2021.
  10. ^ DC Universe Online, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 29 agosto 2021.
  11. ^ Kinect: Disneyland Adventures / Disneyland Adventures, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 7 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]