Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1
Harry Potter e i doni della morte Parte 1.jpg
I protagonisti Harry Potter (Daniel Radcliffe), Ron Weasley (Rupert Grint) e Hermione Granger (Emma Watson) in una scena tratta dal film
Titolo originale Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, USA
Anno 2010
Durata 146 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere avventura, fantastico
Regia David Yates
Soggetto J. K. Rowling (romanzo)
Sceneggiatura Steve Kloves
Produttore David Barron, David Heyman, J. K. Rowling
Produttore esecutivo Lionel Wigram
Casa di produzione Heyday Films, Warner Bros
Distribuzione (Italia) Warner Bros
Fotografia Eduardo Serra
Montaggio Mark Day
Effetti speciali Tim Burke, John Richardson, Christian Manz, Nicolas Aithadi, Industrial Light and Magic, Baseblack, Cinesite, Double Negative, Foreign Office, Framestore, Fugitive Studios, Gradient Effects, Lidar Services, Mova, Moving Picture Company, Peanut FX, Pixel Magic, Plowman Craven & Associates, RISE Visual Effects Studios, ReelEye Company, Rising Sun Pictures, The Base Studio, Vine Post Production, The Visual Effects Company
Musiche Alexandre Desplat
Scenografia Stuart Craig
Costumi Jany Temime
Trucco Amanda Burns, Mark Coulier, Katy Fray, Shaune Harrison, Beth John, Jenna Wyatt
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
(EN)
« Nowhere is safe. »
(IT)
« Nessun luogo è sicuro. »
(Tagline del film)

Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 (Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1) è un film del 2010 diretto da David Yates.

Basato sulla prima parte dell'omonimo romanzo di J. K. Rowling, trasposto in due pellicole separate, il film uscì, distribuito dalla Warner Bros, il 19 novembre 2010 in Italia, Stati Uniti d'America e Regno Unito[1][2].

La pellicola vede Harry Potter abbandonare Hogwarts per cercare e distruggere gli horcrux, oggetti in cui Lord Voldemort ha imprigionato una parte della propria anima. Daniel Radcliffe riprende il ruolo di Harry, affiancato da Emma Watson (Hermione), Rupert Grint (Ron) e Ralph Fiennes (Voldemort).

Le riprese del film si svolsero nel corso del 2009 in concomitanza con quelle dell'ottavo e ultimo capitolo. Alla regia del film venne confermato David Yates, già autore dei precedenti episodi L'ordine della fenice (2007) e Il principe mezzosangue (2009), con lo sceneggiatore Steve Kloves, presente in tutti i film tranne L'Ordine della Fenice, mentre nelle vesti di produttori figurano David Heyman, David Barron e, per la prima volta, la stessa Rowling[3].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e i Doni della Morte#Trama.

Harry Potter è ormai il simbolo della speranza del mondo magico buono di fronte all'avanzata di Lord Voldemort e dei suoi Mangiamorte. Voldemort e i suoi Mangiamorte si trovano a Villa Malfoy, e qui il Signore Oscuro informa i presenti che avrebbe avuto bisogno di una bacchetta diversa dalla sua per poter uccidere Harry, questo perché le bacchette del ragazzo e di Voldemort avevano lo stesso nucleo e per questo motivo, in quanto bacchette legate, non potevano colpire mortalmente i proprietari della bacchetta gemella (come accaduto alla fine del quarto anno, quando Voldemort, appena risorto, e Harry si sfidarono nel cimitero di Little Hangleton: le bacchette, invece di portare a termine le rispettive maledizioni, rievocarono le vittime più recenti che aveva mietuto Voldemort). Voldemort decide dunque di prendere la bacchetta di Lucius Malfoy e, davanti agli occhi di tutti, uccide Charity Burbage, l'ex insegnante di Babbanologia a Hogwarts, la quale predicava tolleranza verso i Babbani. Gli zii di Harry, sotto il suo consiglio, se ne vanno per stare al sicuro.

I membri dell'Ordine della Fenice organizzano il trasporto di Harry dalla casa degli zii Dursley verso un luogo sicuro, la Tana, ossia la casa della famiglia Weasley, ma il gruppo viene attaccato, con la perdita di Edvige, uccisa per fare da scudo a Harry, e di Malocchio Moody, il quale cade dalla scopa dopo l'attacco di Voldemort. Durante l'inseguimento, Voldemort raggiunge Harry, ma anche la bacchetta di Lucius Malfoy non funziona correttamente, venendo distrutta dal controincantesimo che Harry, guidato dalla bacchetta che aveva riconosciuto il proprietario della propria gemella, esegue inconsciamente. Il nuovo Ministro della Magia, Rufus Scrimgeour, rivela a Harry, Ron ed Hermione l'eredità di Albus Silente: al primo, il mago lascia il boccino d'oro (quello che Harry aveva quasi inghiottito nella sua prima partita di Quidditch) e la spada di Grifondoro, al momento però scomparsa; al secondo il Deluminatore inventato da Silente stesso e alla ragazza il libro Le fiabe di Beda il Bardo.

Durante le nozze di Bill Weasley, fratello di Ron, con Fleur Delacour, Harry nota al collo di Xenophilius Lovegood, il padre dell'amica Luna, uno strano simbolo triangolare simile ad un occhio. Quella sera stessa, Kingsley Shacklebolt riesce con il suo Patronus ad avvertire gli invitati appena in tempo, spiegando che il Ministero della Magia era caduto nelle mani di Voldemort, che Scrimgeour era morto e che i seguaci del Signore Oscuro sarebbero arrivati alla Tana da un momento all'altro. I Mangiamorte attaccano la casa ed Harry, Ron ed Hermione si smaterializzano a Londra, iniziando le ricerche degli Horcrux, oggetti nei quali il Signore Oscuro ha racchiuso pezzi della sua stessa anima per rendersi immortale. A Grimmauld Place, casa ereditata da Harry tramite Sirius, i tre apprendono dall'elfo domestico Kreacher che il vero medaglione-Horcrux è stato sottratto a Voldemort da Regulus Black, ex Mangiamorte poi defunto e fratello di Sirius, ovvero il misterioso R.A.B che aveva lasciato il messaggio all'interno del falso Horcrux. Scoprono poi da Mundungus Fletcher (membro dell'Ordine della Fenice e colui che ha abbandonato Malocchio dopo la comparsa di Voldemort) che lui l'aveva portato via tempo prima, ma che Dolores Umbridge glielo aveva sottratto con la minaccia di arrestarlo a causa del suo commercio senza licenza. La Umbridge adesso lavora al Ministero della Magia assieme al mangiamorte O'Tusoe, nuovo Ministro della Magia che perseguita i maghi Nati Babbani.

Travestiti da impiegati ministeriali, penetrano allora all'interno del Ministero della Magia e riescono a rubare il medaglione alla donna, che viene sbattuta contro la sua sedia e stordita, ma essi sono costretti ad una fuga precipitosa durante la quale Yaxley, Mangiamorte di Voldemort, riesce a seguirli sino a Grimmauld Place. Capendo che non sarebbero più potuti tornare lì ora che i Mangiamorte conoscevano il loro nascondiglio, Hermione conduce il trio in una foresta lontana dai centri abitati. Qui si trovano davanti ad un nuovo problema: ogni maledizione o incantesimo eseguito sull'Horcrux non danno alcun segno nemmeno di scalfirlo, e per questo i ragazzi decidono di indossarlo a turno fino al momento in cui non avessero trovato il modo di distruggerlo. L'oggetto corrode l'animo di chi lo indossa, e provoca un litigio tra i tre, con Ron che decide di abbandonare il gruppo, geloso del presunto rapporto tra Harry ed Hermione amplificato a sua volta ad ogni turno in cui toccava lui portare il medaglione.

A Natale Harry e Hermione proseguono le ricerche a Godric's Hollow, luogo di nascita di Harry e dimora di Bathilda Bath e della famiglia Silente. Harry e Hermione si recano alle tombe dei Potter, ma nel cimitero Hermione trova sulla lapide di un certo Ignotus Peverell lo stesso simbolo triangolare inciso nelle Fiabe di Beda il Bardo che Silente gli aveva lasciato e che Xenophilius Lovegood portava al collo. Bathilda Bath raggiunge i due ragazzi: la donna è forse a conoscenza di informazioni sugli Horcrux grazie all'amicizia avuta con Silente, portandoli in casa sua; la donna però si rivela essere Nagini, fidato serpente di Voldemort, che tenta di ucciderli; i due si salvano, smaterializzandosi appena in tempo. Nella furia della lotta con Nagini, però, la bacchetta di Harry rimane distrutta, eliminando così la protezione che gli garantiva la bacchetta gemella a quella di Voldemort.

Nel frattempo, Hermione identifica alcune delle visioni di Harry: Voldemort è alla ricerca disperata di un oggetto rubato dal mago oscuro Gellert Grindelwald (ora rinchiuso alla prigione dei maghi di Nurmengard) al fabbricante di bacchette Gregorovich. Inoltre, ricordando che Harry durante il secondo anno a Hogwarts ha distrutto il diario di Tom Riddle grazie ad una zanna di Basilisco e che lo stesso Basilisco era stato ucciso poi dalla spada di Godric Grifondoro, spiega che la spada assorbe solo ciò che la fortifica: la spada è dunque impregnata di veleno di Basilisco, cosa che la rende un'arma in grado di distruggere gli Horcrux. Poco dopo, Harry risolve anche una parte del mistero relativo al Boccino donatogli da Silente: i Boccini hanno una memoria tattile, ovvero ricordano coloro che per primi lo hanno catturato; toccando il Boccino con le labbra, sulla pallina dorata vengono incise le parole "Mi apro alla chiusura".

Una notte, Harry si imbatte in un Patronus a forma di cerva che lo guida al ritrovamento della spada di Grifondoro in un laghetto ghiacciato. Qui Harry tenta di prenderla, ma durante l'immersione viene quasi strangolato dal medaglione che aveva riconosciuto l'arma che l'avrebbe distrutto, causando l'arrivo di Ron che salva l'amico e recupera la spada. Harry ordina al medaglione di aprirsi in Serpentese, e l'Horcrux cerca di difendersi mostrando a Ron la sue paura più recondite, ovvero che Hermione preferisse Harry a lui. Accecato dalla rabbia, Ron trafigge il medaglione con la spada, distruggendolo definitivamente. Ron spiega che era riuscito a ritrovare i due amici grazie al Deluminatore di Silente, che era stato abilmente incantato affinché il ragazzo evocasse una sfera di luce che, una volta smaterializzato, l'avrebbe condotto esattamente al punto in cui loro si erano rifugiati.

Riappacificati, i tre si recano da Xenophilius Lovegood per avere informazioni sul misterioso simbolo triangolare presente sulla tomba di Godric's Hollow. Il signor Lovegood rivela ai tre ragazzi la storia dei Doni della Morte, ossia della potente Bacchetta di Sambuco, della Pietra della Resurrezione e del Mantello dell'Invisibilità, i cui primi possessori sono stati proprio i tre fratelli Peverell. Si rendono ben presto conto che Xenophlius aveva teso loro una trappola, in quanto voleva trattenerli fino all'arrivo dei Mangiamorte, nella speranza che così facendo i seguaci di Voldemort gli avessero restituito Luna, rapita a causa delle sue pubblicazioni in favore di Harry sulla rivista il Cavillo. In quel momento, i Mangiamorte attaccano casa Lovegood ma i tre riescono a scappare ancora, ma vengono poi catturati dai Ghermidori, banda di scagnozzi al soldo del Ministero che davano la caccia ai Babbani, e condotti nei sotterranei di Villa Malfoy, dove ritrovano Luna, il fabbricante di bacchette Olivander e il folletto della Gringott Unci-Unci. Intanto, Voldemort si reca nella cella di Grindewald, il quale gli rivela che ciò che cercava, la Bacchetta di Sambuco, era sepolto insieme al suo ultimo proprietario, Albus Silente, così Voldemort corre ad Hogwarts, ormai sua, ed uccide Grindelwald.

Bellatrix Lestrange affida i prigionieri a Codaliscia alias Peter Minus ed inizia a torturare Hermione per sapere come facevano ad avere la spada, perché la Mangiamorte pensava che l'arma si trovasse nella sua camera blindata alla Gringott, e chiedendole infuriata che cos'altro avessero rubato dalla camera, ma in quel momento interviene in aiuto l'elfo domestico Dobby. Ne nasce una raffica-sparatoria d'incantesimi, nella quale Codaliscia rimane ucciso all'inizio in cella, e Dobby riesce a portare al sicuro tutti i prigionieri a Villa Conchiglia (casa del fratello di Ron, Bill). L'elfo, però, viene ferito a morte durante la fuga da Bellatrix che lo pugnala al petto. Mentre Harry, Ron ed Hermione seppelliscono l'amico elfo defunto a Villa Conchiglia, Voldemort profana la tomba di Silente ad Hogwarts, entrando finalmente in possesso della Bacchetta di Sambuco, la bacchetta più potente al mondo che Silente aveva vinto in duello a Grindewald, l'unica bacchetta in grado di aggirare l'ostacolo dei nuclei gemelli con la bacchetta di Harry, il quale ora ha una nuova bacchetta presa a Draco, durante la lotta a villa Malfoy.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2008 è stato annunciato dalla Warner Bros. che il romanzo Harry Potter e i Doni della Morte sarebbe stato trasposto in due film anziché in un unico episodio.[4] Questa scelta ha avuto come conseguenza la ricerca di un cliffhanger, un espediente narrativo che faccia da ponte ideale per entrambi i film. Yates, ha dichiarato che la decisione è pervenuta dopo aver vagliato quattro diverse proposte, tutte d'accordo nel terminare dopo aver raccontato la cattura del trio protagonista nei boschi[5][6]. Nell'agosto 2010 è stato rivelato che il primo film sarebbe terminato con Voldemort che recupera la bacchetta dalla tomba di Silente (capitolo 24 del romanzo), e il produttore David Heyman ha così commentato[7][8]:

(EN)
« We've played around with a couple of places and ultimately settled on a place that we think is very exciting, and I think quite bold, in that it's not necessarily where one might expect. You want to give a sense of completion, on one hand, but a sense that there's another piece, more to come. We tried one and then Steve came up with the idea to try it another way and when we tried that, it felt just right. »
(IT)
« Eravamo indecisi fra due diversi finali per il settimo film, e alla fine abbiamo scelto quello che ci è sembrato più emozionante, e secondo me più coraggioso, nel senso che non è quel che si aspetta la maggior parte degli spettatori. Volevamo dare un senso di compiutezza, da un lato, ma anche l'idea che la storia non si concluda così. Abbiamo fatto qualche prova, ma poi Steve ha proposto un finale diverso, che ci è sembrato quello giusto. »

La spesa per la produzione è stata stimata attorno ai 150 milioni di sterline (pari a circa 175 milioni di euro).[9]

Dopo il successo ricavato dai film in tridimensionale e dalle proiezioni nei cinema IMAX, nel febbraio 2010, Dan Fellman, capo della distribuzione cinematografica statunitense per la Warner Bros., confermò in un comunicato che entrambi I doni della morte sarebbero stati riconvertiti in tridimensionale, ma visibili al pubblico anche in formato tradizionale. Stando alle dichiarazioni di Jeff Robinov, la possibilità di dare un aspetto tridimensionale al film avrebbe potuto aiutare sia l'esperienza visiva del pubblico, sia la notorietà del film a livello globale.[10][11] Prima della conferma della conversione, nell'ottobre dell'anno precedente si era già parlato di trasferire in formato digitale tanto I doni della morte quanto Shrek Forever After per aiutare le economie della Imax Corporation, la società che gestisce questo sistema di proiezione tridimensionale.[12]

Regia[modifica | modifica sorgente]

Alla ricerca di un regista di grande calibro, i produttori contattarono diversi autori e furono in molti ad interessarsi alla regia di questo film.[13][14]. Alfonso Cuaròn, già regista del terzo capitolo Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, si propose dopo la lettura dell'ultimo romanzo della serie[15][16]. Guillermo Del Toro, già presentatosi ai colloqui per il terzo capitolo, manifestò interesse soprattutto per i risvolti dark assunti dalla saga, ma declinò per i troppi impegni lavorativi[17][18][19][20]. Chris Columbus, produttore esecutivo dei primi tre episodi e regista dei primi due, si interessò ma declinò dopo la forte presa di posizione di Yates nel proseguire la regia[21][22]. M. Night Shyamalan, sebbene interessato, affermò che trattare materiale di una serie cinematografica pienamente evoluta e sviluppata sul suo percorso avrebbe fuorviato dal suo campo[23].

La regia di entrambi i film è stata affidata a David Yates nel marzo 2008 contemporaneamente all'annuncio della divisione in due parti della trasposizione[4], già regista dei precedenti Harry Potter e l'Ordine della Fenice (2007) e Harry Potter e il principe mezzosangue (2009); Yates li ha preferiti all'adattamento cinematografico di The Giver, un libro per bambini di Lois Lowry (le cui riprese sarebbero iniziate nel febbraio 2009) decidendo comunque che se ne sarebbe occupato nel tardo futuro, una volta libero da impegni[24][25].

Yates ha dichiarato d'aver avuto molta scelta creativa nelle riprese e di non aver ricevuto nessuna chiamata di critica dagli studios per il lavoro svolto, ma solo aggiornamenti sul corso delle riprese tramite e-mail o contatti telefonici[26]. Commentando le scelte creative fatte, il regista ha dichiarato che il film bipartito più che gli altri film si distacca dal mondo magico per venire incontro alla realtà.[27][28]

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Alla sceneggiatura è stato confermato Steve Kloves, già autore di tutte le sceneggiature della saga, ad eccezione de L'ordine della fenice.[29][30] Lo scripting è iniziato subito dopo il termine dello sciopero degli sceneggiatori, poiché Kloves non è riuscito a lavorare prima[31]; la sceneggiatura del primo film è stata ultimata a metà settembre 2008[32] mentre la stesura della seconda è iniziata durante aprile 2009.[33]

Kloves ha deciso di narrare la storia attraverso il punto di vista di Harry Potter, e rappresentare l'intero film come un road movie con i protagonisti continuamente obbligati a spostarsi da un luogo all'altro e con una Hogwarts mai menzionata, contrariamente a quanto successo per tutti i restanti film[33][34]. La scelta di vedere le cose attraverso gli occhi di Potter ha precluso l'esclusione di alcuni elementi narrati nel libro, come il C.R.E.P.A., argomento riguardante Hermione.[35] Yates e Heyman hanno fatto notare come alcuni eventi presentati nel primo film abbiano influenzato la scrittura della sceneggiatura di Harry Potter e il principe mezzosangue.[36] Le sceneggiature sono state lavorate in modo che ognuno dei due film risulti indipendente l'uno dall'altro, con una trama autosufficiente e con il pubblico che non pensi si tratti di un film diviso, ma due opere diverse tra loro.[37]

Il 7 marzo Rupert Grint ha dichiarato di aver ricevuto e letto unicamente la sceneggiatura del primo film, facendo presumere che quella del secondo, in tale data, non era stata ultimata.[38] In un'intervista a Tom Felton è stato poi confermato che è stata scritta una sceneggiatura valida per entrambi i film, e che per questo motivo i produttori non hanno saputo decidere in fretta in quale punto terminare la prima parte[39], ma in un'intervista del 16 luglio David Heyman ha confermato l'esistenza di due sceneggiature, entrambe della lunghezza di oltre 120 pagine[34]. Il primo film copre gli eventi dei primi 23 capitoli, dando risalto allo sviluppo dell'ultimo episodio.[40]

Heyman ha dichiarato che prima dello sciopero degli sceneggiatori vigeva l'intenzione tradizionale di ricavare una trasposizione dal libro, come successo per tutti i film della saga. Solamente dopo aver iniziato ad analizzare la situazione ci si è accorti che sarebbe stato opportuno dividere in più parti il film.[37] Tra le sequenze narrative che avrebbero risentito del taglio obbligatorio di un film: esclusione di Bill e Fleur, dettagli riguardo alle linee di parentela tra Harry Potter e Voldemort, battaglia di Hogwarts, ricerca degli horcrux da parte dei Mangiamorte.[41] Le prime idee riguardanti un adattamento bipartito emersero già ai tempi de Il calice di fuoco, all'epoca il libro più sostanzioso.[42] Una volta iniziata la lettura dell'ultimo romanzo il produttore ha ricominciato a riprendere in considerazione una divisione, annunciando la possibilità di inserire e prolungare le storie di personaggi minori, dare più emotività all'intera trama e preservare l'integrità strutturale e la fedeltà come fatto per i precedenti episodi.[42] L'idea si concretizzò nell'estate del 2007[42], dopo un colloquio tra Heyman, Kloves e J. K. Rowling.[43]

Tutti gli attori hanno dovuto firmare un contratto di riservatezza per ottenere il permesso di tenere la sceneggiatura in casa.[44] A causa del valore intrinseco dello script, inoltre, diversi attori hanno subito tentativi di furto e irruzione nelle proprie case.[45]

Cast[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cast di Harry Potter.

Il cast artistico è in gran parte lo stesso dei precedenti episodi, poiché gli attori principali hanno riconfermato la loro presenza, con nuovi figuranti integrati nell'ultimo romanzo cui si basa il film:

  • Daniel Radcliffe è Harry Potter. Ha confermato la sua presenza il 23 marzo 2007 durante un'intervista concessa a Entertainment Weekly in compagnia della Watson e Grint, sia nel ruolo usuale sia in quello di adulto presentato all'epilogo dell'ultimo film.[46][47] Per riuscire nella recitazione di scene particolarmente difficili, era solito isolarsi dal resto del cast in modo da stare solo con sé stesso ascoltando certi generi di musica che in qualche modo riuscivano a deprimerlo[48], mentre per altre scene difficili e di forte emozione era solito ascoltare a tutto volume i Radiohead e altri gruppi. Spiegando l'evoluzione subita dal personaggio, Daniel paragonò Harry a un «imperatore romano ai suoi ultimi giorni di regno: tutti gli si rivoltano contro. È totalmente paranoico riguardo a ciò che Ron e Hermione dicono di lui. Pensa che i due amici mettano in dubbio la sua leadership, ma al contempo è lui stesso il primo a metterla in dubbio. Non ha un piano d'azione, quindi si sente praticamente inutile».[49]
  • Rupert Grint è Ron Weasley. Ha confermato la sua presenza il 23 marzo 2007 durante un'intervista concessa a Entertainment Weekly in compagnia della Watson e Radcliffe, sia nel ruolo usuale che in quello di adulto presentato all'epilogo dell'ultimo film.[46][47]
  • Emma Watson è Hermione Granger. Ha confermato la sua presenza il 23 marzo 2007 durante un'intervista concessa a Entertainment Weekly in compagnia di Radcliffe e Grint, sia nel ruolo usuale che in quello di adulta presentato all'epilogo dell'ultimo film. L'attrice ha firmato un contratto per il film in due parti, in virtù del quale ha ricevuto un compenso di 4 milioni £, preceduto da due richieste di 2 e 3 milioni.[50] La Bonham Carter ha aiutato molto l'attrice nella riuscita della recitazione da quando la invitò a cena in casa sua per discutere di alcune scene, facendo nascere un'amicizia tra le due e un saldo rapporto lavorativo.[46][51][52]
  • Bonnie Wright è Ginny Weasley. Parlando del personaggio, ha dichiarato che ha iniziato a evolversi a partire da La camera dei segreti e che con il proseguire degli eventi anche i personaggi non mantengono più arie infantili ma devono iniziare a contenere elementi per adulti, cosa già intravista nel sesto film nonostante le pesanti modifiche apportate da Yates per non danneggiare il pubblico sensibile, come la scena della lotta negli Inferi.[53]
  • Matthew David Lewis è Neville Paciock. Una delle scene che ha atteso con più ansia di girare è quella in cui uccide il serpente Nagini con la spada, affermando che la responsabilità del momento lo ha spinto a impegnarsi per evitare incidenti[54]. Il personaggio più snello rappresentato dal romanzo ha richiesto a Lewis di dimagrire per meglio immedesimarsi e assumere una nuova fisionomia.[55]
  • Evanna Lynch è Luna Lovegood. Ha confermato la sua presenza in una radiointervista a RTE.[56] L'attrice ha confermato che la sua esperienza preferita dell'ultimo film è stato girare nella costa del Galles, in particolare i momenti condivisi con Ifans, suo padre nel film, per via dei suoi modi di fare sinceri sul set, e con il quale ha stabilito una «piccola unità». Per il set di casa Lovegood, l'attrice ha disegnato personalmente alcuni oggetti e arredi, ma essendo stata occupata nel frattempo con gli esami scolastici non ha potuto dedicarsi oltre al lavoro per il film.[57]
  • Michael Gambon è Albus Silente. Ha confermato il suo ritorno alla prima de Il principe mezzosangue,[58] dichiarando d'essere compiaciuto dallo scambio di parti tra il suo personaggio e Harry Potter, che avviene a partire dal sesto film, durante il quale viene fuori un legame quasi paterno fra i due.[59]
  • Maggie Smith è Minerva McGranitt. Dopo che le avevano diagnosticato un tumore al seno nel 2008, ha affrontato un lungo periodo di chemioterapia e protocolli radioterapeutici, rimanendo lontana dai suoi impegni cinematografici, facendo eccezione solo per I doni della morte. La Smith ha infatti partecipato alle riprese del film in due parti durante la chemioterapia alternando le riprese a seconda dei miglioramenti del malessere e, avendo perso completamente i capelli, con una parrucca.[60]
  • Jim Broadbent è Horace Lumacorno. Ha dichiarato che per l'interpretazione caratteriale del personaggio ha preso ispirazione dai ricordi di alcuni suoi anziani insegnanti.[61]
  • Bill Nighy è il ministro della magia Rufus Scrimgeour. Ha ottenuto la parte dopo cinque anni di pressioni per un coinvolgimento artistico nella serie. L'attore si è detto lieto di essere stato finalmente scritturato e doppiamente felice per essere diretto dall'amico Yates.[62]
  • Gary Oldman è Sirius Black. L'attore è comparso sul set per la scena nella foresta in cui c'è uno scontro fra i tre protagonisti e Voldemort. Radcliffe si è detto felice del suo ritorno, perché lavorare con lui lo rassicura molto.[63]
  • Rhys Ifans è Xenophilius Lovegood, padre di Luna. È stato fermato in Spagna, dove raggiunto sul set di un film che stava girando, alcuni tecnici di Harry Potter gli hanno fatto provare alcuni costumi da mago. Solo dopo è stato confermato ufficialmente nella parte di Xenophilius. Ha dichiarato d'essere onorato di lavorare con attori del calibro di Gambon e Maggie Smith, considerando il suo ingaggio un privilegio.[64]
  • Domhnall Gleeson è Bill Weasley. L'attore è figlio di Brendan, che nella serie ha interpretato Alastor Malocchio Moody; la sua assunzione è avvenuta dopo la decisione di inserire la scena del suo matrimonio con Fleur Delacour.[65]
  • Ralph Fiennes è Lord Voldemort. L'attore ha dichiarato che per dare il meglio di sé nell'interpretazione ha studiato a fondo il personaggio, lavorando sodo affinché la sua recitazione possa essere convincente. Parlando del personaggio, lo ha trovato un reietto, odiato dalla famiglia sin da piccolo e dai coetanei per il suo carattere, cosa che probabilmente lo ha portato a diventare violento; ha una vera ossessione per Harry Potter ed è la personificazione del male.[66][67]
  • Jason Isaacs è Lucius Malfoy. L'attore inizialmente aveva pensato di non ritornare per via delle parti marginali richieste dal personaggio, ma dopo una conversazione a cena con la Rowling, ha deciso di rinnovare il contratto per gli ultimi due film.[68] Parlando del personaggio, Isaacs ha dichiarato che è incredibile come da ruolo presentato assolutamente malvagio negli ultimi due film si trasformi in un emarginato, dopo le umiliazioni costantemente ricevute da Voldemort.[69]
  • Helen McCrory è Narcissa Malfoy. L'attrice era candidata al ruolo di Bellatrix Lestrange nel quinto film, ma per via dell'imminente gravidanza al tempo della lavorazione dovette rinunciare in favore della Carter.[70]
  • Tom Felton è Draco Malfoy. L'attore ha dichiarato di essere attratto dall'interpretare ruoli antagonisti e di essere amareggiato dalla fine dell'esperienza in Harry Potter. Ha più volte confermato d'aver continuato ad approfondire la sua psicologia insieme a Yates per cercare di dare una spiegazione al suo legame con Potter, che pare Malfoy voglia aiutare negli ultimi due film così da scegliere da solo la strada da seguire: salvare o no delle vite.[71][72] Riguardo ai suoi rapporti con il resto del cast, ha ammesso che girare I doni della morte «è stato emozionante», perché gli avrebbe dato la possibilità di lavorare meglio con gli attori adulti della fazione antagonista e di uscire da Hogwarts. Tra gli attori adulti con cui ha preferito lavorare ha fatto cenno a Bonham Carter, perché secondo lui «è una donna amabile che quando vuole diventa una strega completamente spaventosa».[73]
  • Alan Rickman è Severus Piton. La sua parte è associata al personaggio di Voldemort, e ha svolto le riprese in concomitanza con Fiennes.[74]
  • Helena Bonham Carter è Bellatrix Lestrange. L'attrice ha dichiarato che per interpretare il proprio ruolo ha dovuto "regredire", tornando al carattere che aveva da bambina, spiegando come da piccoli bisogna essere selvaggi prima di imparare a comportarsi. Secondo la Carter, il suo personaggio possiede una follia e un sadismo naturali, e che prova vero amore nei confronti di Voldemort. Per una scena in cui Hermione si trasformava in Bellatrix, anziché sottoporre una delle due attrici a sedute di trucco o modificazioni digitali, alla Carter fu chiesto di atteggiarsi come la giovane.[75][76]
  • Natalia Tena è Ninfadora Tonks.
  • Imelda Staunton è Dolores Umbridge. L'attrice ha dichiarato che ha avuto molta più familiarità con il libro ritraendo la sua definitiva trasformazione maligna e di essere molto contenta del fatto di «interpretare questa cattiva vestita di rosa».(EN) Heyman: Imelda Staunton to Return as Umbridge for Deathly Hallows. The Leaky Cauldron, 14-07-2009 (ultimo accesso il 24-07-2009).

Ruoli minori[modifica | modifica sorgente]

  • Jamie Campbell Bower è Gellert Grindelwald da giovane. La storia del personaggio è narrata sotto versione di flashback. Il costume del personaggio è molto sottile e dà l'impressione della visione di un uccello, ed è stato lavorato partendo su quello descritto nel libro, pur essendo l'abito privo di ali o qualsiasi altra cosa possa ricordare dei volatili.[77][78] Discutendo del controverso argomento del sentimento omosessuale provato da Silente nei suoi confronti e della sua rappresentazione cinematografica, l'attore ha commentato: «È un vecchio amico di Silente, un possibile amore».[79]
  • John Hurt è Olivander. Ha rivestito il ruolo nel primo film nella scena in cui Potter entra nel suo negozio per comprare una bacchetta magica; Ne I doni della morte appare nella lunga sequenza di casa Malfoy e nelle visioni di Harry.[80]
  • Robbie Coltrane è Rubeus Hagrid. Parlando a Radio Times, si è detto molto dispiaciuto del culmine della serie, e che gli ultimi giorni di riprese sono stati i più duri visto che si era costretti ad abbandonare tutto.[81]
  • Joshua Herdman è Gregory Goyle. L'attore ha confermato la sua presenza negli ultimi due film. Le sorti del suo personaggio sono state cambiate all'ultimo momento dopo l'arresto di Waylett, che interpretava Tiger, decidendo di farlo morire al posto del collega che, nel libro, moriva nel tentativo di uccidere Potter.[82][83]
  • Devon Murray è Seamus Finnigan. Ha dichiarato che nonostante ami molto la serie di Harry Potter non si è mai scomodato di leggerne un libro, accontentandosi di visionare le sceneggiature dei film. Conservando quindi i copioni nella sua casa a Kildare, in attesa che iniziasse il turno di lavoro al film, ha subito alcuni tentativi di irruzione ad opera di sconosciuti proprio per derubarlo del copione.[45]
  • Andy Linder è Mundungus Fletcher. L'attore ha lavorato in precedenza con Yates, in State of Play. È stato confermato nella parte dopo un breve periodo di rumors.[84][85]
  • Sophie Thompson è Mafalda Hopkirk. L'attrice è stata scelta dopo un re-cast; ne L'ordine della fenice appariva solo la sua voce all'interno del Ministero, ed era stata doppiata da Jessica Hynes.[86]
  • Alex Crockford è Charlie Weasley. L'attore appariva in una fotografia dei Weasley in Il prigioniero di Azkaban ed è stato scritturato per il ruolo in modo da riunire interamente la famiglia per il settimo film.[87]
  • Michelle Fairley e Ian Kelly sono la madre ed il padre di Hermione Granger. L'attrice aveva dichiarato che data la superficialità e lieve presenza del suo ruolo, non sarebbe stata impegnata più di tanto sul set, ma di essere comunque felice per essere stata contattata per il ruolo.[88] Visto che non ha mai letto un libro o visto un film di Harry Potter, al fine di prepararsi meglio per la recitazione ha dato una lettura ai romanzi e visionato alcune delle trasposizioni. Gli impegni teatrali che la coinvolgevano in uno spettacolo all'Old Vic la costrinsero a declinare la proposta. La fermezza di Yates che tornò sul posto di lavoro dell'attrice per dirle che era deciso a volere lei come madre di Hermione, la convinse ad accettare la parte.[89]
  • Emma Thompson ritorna nel ruolo della professoressa Sibilla Cooman, nonostante avesse dichiarato d'aver declinato l'invito a tornare nell'ultimo film, per concentrarsi sul sequel di Nanny McPhee - Tata Matilda.[90]

Non tornano gli attori Jamie Waylett, che vestiva i panni di Tiger, a causa di un episodio delittuoso di cui era stato protagonista e per il quale era stato condannato a svolgere lavori socialmente utili, la Warner Bros. ha rivisto i piani per il suo personaggio decidendo di eliminarlo dal copione e di incentrarsi sul loro compagno di studi Blaise Zabini al fine di colmare il vuoto,[82][83][91] Ralph Ineson, che aveva interpretato Amycus Carrow, e Ben Taverner, un attore quattordicenne di Winterbourne, sotto contratto per un ruolo nei due film ma a causa di un improvviso malessere per cui la madre è stata ricoverata in ospedale non ha potuto partecipare alle riprese, abbandonando di conseguenza l'impiego. Qualche tempo dopo la rinuncia alla parte, la Warner Bros. gli ha inviato una lettera d'augurio per la carriera con accanto una foto autografata dei protagonisti.[92]

Lavorazione[modifica | modifica sorgente]

Preparativi[modifica | modifica sorgente]

I preparativi della lavorazione (arredamento e ultimazione set, prove costume e trucco, test shooting) sono stati avviati il 26 gennaio 2009, contemporaneamente all'annuncio di riprese consequenziali di entrambi gli episodi in febbraio per una durata complessiva di 54 settimane, ovvero fino ad aprile 2010[43][93][94] onde evitare disguidi con il cast.[95]

Prima dell'inizio lavorazione fu annunciata la partecipazione di Eduardo Serra come direttore della fotografia di entrambi gli episodi[96], che decise di mantenere la stessa tecnica di fotografia «fredda e fumosa che caratterizzava Il principe mezzosangue»[97].

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Daniel Radcliffe durante le riprese nel Pembrokeshire, in Galles.

David Heyman è stato meno presente sul set in confronto agli altri film poiché gli attori, diventati ormai adulti, anziché necessitare di tre ore giornaliere di prove di recitazione e pause per lo stress, potevano affrontare ritmi di lavoro anche superiori alle nove ore.[34]. J. K. Rowling, dopo essersi liberata dagli impegni lavorativi editoriali/letterari, ha seguito le riprese.[98] Yates ha pranzato con Radcliffe una volta a settimana per tutto l'arco delle riprese così da discutere del lavoro da fare e consigliarlo, sostenendo che il miglior modo per ottenere un buon risultato è relazionarsi con il cast.[99] Matthew Lewis ha dichiarato che durante le riprese sul set si respirava una "atmosfera elettrica" causata dalla tensione nel cast nel riprendere gli ultimi due film.[100]

Al fine di ottenere una miglior visuale e più immagini da angolazioni diverse, il regista David Yates ha voluto l'utilizzo di molte telecamere a mano per «agitare ogni cosa che si muove a questo mondo».[101] I due film presentano lievi differenze riguardanti tecnica di ripresa, fotografia e illuminazione perché l'intenzione dei produttori è stata quella di mirare a un'estetica non troppo diversa.

Emma Watson ha iniziato le riprese il 19 febbraio[102] e ha deciso, insieme a Yates, di riprendere gran parte delle scene che la coinvolgono nei film prima della fine dell'estate, in modo da occorrere all'inizio della stagione universitaria in settembre alla Brown University.[103][104][105][106] Radcliffe è giunto sul set dopo aver terminato i suoi impegni lavorativi nell'opera teatrale Equus (Shaffer) con un programma di riprese da girare della durata di 14 mesi.[43][107]

Riguardo alla scena del bacio che ha visto coinvolti Rupert Grint e la Watson, quest'ultima ha dichiarato un certo nervosismo scaturito dal momento che poteva rischiare di rovinare tutto e di averne parlato con l'amico prima di girare[108]; della stessa opinione anche Grint, che ha parlato di come gli sia piaciuto molto l'ultimo romanzo a parte le atmosfere passionali che lo vedono partecipe alla Watson[35]. I due attori avevano previsto di girare il bacio alla prima prova, ma poiché non ci sono riusciti per l'imbarazzo generale la scena si è dovuta girare sei volte da diverse angolazioni prima della riuscita.[51][99]

Helena Bonham Carter ha iniziato ai primi di giugno le riprese che la vedono coinvolta,[74] come lei anche Tom Felton che è stato impegnato nei mesi di giugno e luglio[72]. Il 10 giugno sono iniziate le riprese in esterni nella foresta di Swinley per un periodo di lavoro approssimativo di due mesi, per un'incidenza sulla durata del film di 5-6 minuti. La location è stata usata per riprendere la cattura del trio da parte dei Ghermidori e l'accampamento di loro in varie foreste alla ricerca degli horcrux.[6][109]

Nei giorni del 27 e 28 giugno, una parte del cast è stata occupata a Londra per riprese in esterni presso il "Dipartimento dell'Energia e dei cambiamenti climatici", usato come locazione dell'immaginario Ministero della magia. I dirigenti dell'edificio hanno avvisato il personale del temporaneo uso cinematografico del palazzo; per l'evenienza sono state chiuse per ragioni di pubblica sicurezza: Place Scotland e la sede di Great Scotland Yard.[110]

La settimana precedente all'uscita de Il principe mezzosanque, la lavorazione è stata sospesa per dare il tempo al cast di partecipare alle ultime fasi della promozione.

Dopo una sospensione dovuta agli impegni di promozione de Il principe mezzosangue[34], dal 22 al 24 luglio, nei pressi del Dartford Tunnel (Dartford, contea del Kent) si è girata la scena iniziale dei "sette Potter" con l'utilizzo di alcune controfigure mascherate con pesante trucco per assomigliare a Radcliffe e un'altra per Hagrid, poiché la presenza dei due attori non era prevista;[111][112][113]

A fine della prima settimana di settembre, alla maggior parte del cast principale è stata concessa una pausa dalle riprese per la durata di un mese circa, tornando a riprendere la lavorazione i primi di ottobre.[114][115] In quel periodo è subentrata ai lavori la seconda unità, incaricati di girare le scene di stunt, i passaggi aerei e tutte quelle sequenze in cui non compaiono gli attori del film.

Le riprese di seconda unità dei "Sette Potter" si sono svolte in parte anche a Liverpool dal 7 all'11 settembre durante la notte in concomitanza con i passaggi stradali: Mersey Tunnel, Queensway Tunnel e Birkenhead Tunnel; alle riprese - come capitato per tutte le altre sequenze girate - non era presente nessun membro del cast principale, ad eccezione di Bill Nighy,[115] ma controfigure e cascatori[116]. Le 20 000£ pagate dalla Warner Bros. alla Merseytravel per l'utilizzo delle gallerie di Liverpool per le riprese sono stati devoluti in beneficenza all'ospizio per bambini Claire House.[117]

Il 19 settembre sono state effettuate delle riprese aeree sopra la stazione di Rannoch (Scozia), posto nel quale era stato posizionato il treno per Hogwarts in attesa di "partire".[118] Qualche giorno dopo alla stazione di Tulloch, a est di Roy Bridge, il cast ha accolto i 100 studenti dalla Lochaber High School (Fort William) per figurare come alunni di Hogwarts. Il percorso del treno è stato deviato, scegliendo di non passare per il viadotto di Glenfinnan in precedenza sempre usato, percorrendo l'asse ferroviario che va da Tulloch a Rannoch.[119]

Dopo un mese di pausa, in concomitanza con le festività natalizie,[120] la lavorazione è proseguita fino al 12 giugno 2010, giorno in si sono concluse definitivamente le riprese del film.[121] Gli ultimi mesi della lavorazione sono stati giudicati i più frenetici da parte del cast artistico, perché la paura di sbagliare nella recitazione addizionata alle riscritture di copione annunciate poco tempo prima dell'inizio riprese hanno contribuito a creare un'atmosfera terrorizzante e caotica sul set.[122]

Set e location[modifica | modifica sorgente]

Il giorno che sarebbe dovuto uscire il sesto episodio (poi rimandato), la Warner Bros. ha avviato i preparativi per l'inizio della lavorazione del film biparte, inviando dei location manager esperti in effetti visivi nelle località britanniche di Glenfinnan, Glen Etive, Glencoe, Glen Nevis e Lochaber per ovviarne la possibilità di svolgerne riprese.[123]

Le riprese di prima unità sono iniziate il 16 febbraio ai Pinewood Studios[senza fonte]. Nel corso della lavorazione non si è seguito un ordine cronologico per le riprese, ma le sequenze girate hanno riguardato pezzi del primo e secondo episodio in modo alternato a causa degli impegni esterni degli attori.[39] Ai Leavesden Studios gli attori hanno lavorato completamente con i due ampi green screen costruiti in due lati opposti del set.[124] Durante le riprese sono state impiegati materiali costruiti per il sesto film ma rimasti inutilizzati, come ad esempio la salma del cadavere di Silente.[125] La Tana dei Weasley è stata ricostruita, dopo che gli autori hanno deciso di ambientarne la lettura del testamento di Silente da parte di Scrimgeour.[126]

A inizio aprile ci sono stati dei location scouting in alcune parti delle Midlands e la visita in una zona innominata ad un faro di un'isola.[127]

Dal 26 maggio al 3 giugno, il cast è stato occupato a Burnham Beeches, zona locata tra Burham e Beaconsfield, nello Buckinghamshire, per delle riprese notte-giorno[128]

Al termine della lavorazione, nello smantellamento dei set decennali che hanno ospitato gran parte delle ambientazioni (Hogwarts, Casa Potter, altri), agli attori e al cast tecnico è stato permesso di scegliere quale "souvenir" della produzione tenere per conto personale. Lo scenografo Stuart Craig ha dichiarato che le parti più contese hanno riguardato la Sala grande, identificata in una sorta di "muro di Berlino" dove le persone fanno la coda per averne un pezzo.[129] Daniel Radcliffe ha puntualizzato invece sul fatto di voler tenersi gli occhiali che ha dovuto portare nei nove anni di riprese per il suo personaggio.

Costumi[modifica | modifica sorgente]

Dopo che l'azienda rifornitrice dei costumi per gli attori non ha saputo soddisfare le richieste del dipartimento costume del film, i produttori della Warner Bros. si sono messi in contatto nel settembre 2009 con Michael Hopkins della Laurie Hopkins Menswear, un'azienda di Huddersfield, per ordinare un catalogo di 125 camicette grigio grafite, necessarie ed urgenti per alcune scene con personaggi in stile militare, e un ulteriore ordine successivo di 80 cravatte nere. La merce è stata presa in consegna i primi giorni di novembre.[130]

Radcliffe si è detto contento di non aver dovuto indossare ulteriormente la divisa scolastica, da lui detestata credendo che gli desse un'aria da bambino. Gli abiti della scuola infatti sono stati archiviati al termine delle riprese de Il principe mezzosangue.[131]

Trucco[modifica | modifica sorgente]

Rupert Grint si è dovuto sottoporre a un lungo processo di trattamento per il viso con trucco prostetico necessario alla sua metamorfosi con trucco in Reg Cattermole senza l'impiego degli effetti speciali. Il mascheramento è stato così realistico che terminata l'ultima fase di trucco l'attore è completamente irriconoscibile.[113]

Per la scena dei "sette Potter" nella quale non era prevista la comparsa di Radcliffe e Coltrane, sono state impiegate varie controfigure per sostituire i due. Per assomigliare il più possibile agli attori assenti, i figuranti si sono sottoposti a pesanti sedute di trucco per la modifica del volto.[111]

A causa dell'eccessivo dimagrimento di Harry Melling dovuto al carico di lavoro, prima di ogni ripresa l'attore si è dovuto far applicare delle protesi al viso dai truccatori così da dare un effetto di naturale formosità.[125]

Sono stati riprodotti in scala alcuni modellini del volto di Radcliffe basandosi su foto dell'attore per la creazione del volto deformato da usare nella sequenza in cui il personaggio cerca di non farsi riconoscere dai Ghermidori.[125]

Effetti speciali[modifica | modifica sorgente]

Come successo per i precedenti episodi di Harry Potter, la società Moving Picture Company (MPC) ha siglato accordi di intesa con la Warner Bros per incaricarsi della produzione degli effetti speciali in post-produzione. Ad affiancare la MPC nel processo ci sono Cinesite e Double Negative. La Plowman Craven & Associates doveva occuparsi di curare il processo di scansione per lo sviluppo delle scene in tecnologia 3D tramite tecnica Lidar,[132] tuttavia la WB ha dato la notizia della cancellazione della conversione in 3D per questa prima parte, a causa delle strette tempistiche che non avrebbero permesso una conversione in grado di soddisfare gli standard qualitativi dello studio e del regista.

L'Industrial Light & Magic è stata incaricata della realizzazione del personaggio dell'elfo Dobby; il doppiatore originale inglese Toby Jones ha chiesto[133] ed ottenuto di potergli nuovamente dare la voce[134]. Alla scena del funerale dell'elfo ha partecipato anche Vern Troyer per collaborare con Jones; sul set all'uomo è stato chiesto di indossare degli speciali pantaloni bianchi puntinati che aiuteranno a formare la creatura nel processo di creazione.[135]

Durante le riprese in esterni alla foresta di Swinley il tempo è stato estremamente soleggiato al contrario di quanto richiesto per le scena (che nel libro si svolge in pieno inverno), per questo motivo durante la post-produzione è stato utilizzato un procedimento abbastanza difficoltoso per trasformare l'intero pezzo di girato della durata di 5-6 minuti dal clima estivo a quello invernale, aggiungendo tratti temporali e ambientali mancanti (neve, foschia, nebbia).[109]

Oliver Phelps si è sottoposto a una scansione facciale con tecnologia VFX MOVA per catturare la forma del viso da riformare in post-produzione quando viene sfigurato e di conseguenza "bucato" in più parti. La stessa tecnica è stata adottata su tutti gli attori per avere stampini della loro faccia per rendere realistiche scene come le trasformazioni con la Polisucco, sosia di Radcliffe nella scena dei Sette Potter e molte altre.[136] Anche per la scena che vede Bathilda Bath trasformarsi nel serpente Nagini è stato necessario prendere un calco del corpo dell'attrice da utilizzare successivamente come base per la metamorfosi. Per movimentare la testa di maiale posta all'entrata della locanda Testa di Porco, invece, si è scelto di non realizzare il tutto con effetti digitali, riproducendo la testa con un corpo animatronico.[125]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 (colonna sonora).

La colonna sonora del film è stata composta da Alexandre Desplat, che firmerà anche la colonna sonora della seconda parte.

Promozione[modifica | modifica sorgente]

A metà marzo 2010, entrambi I doni della morte furono presentati allo ShoWest di Las Vegas a scopo promozionale insieme ad altri progetti della Warner Bros. Tra il materiale mostrato alla fiera: scene tratte da ambedue i film appena girate e non ancora montate e altre già ritoccate nella post-produzione, foto e notizie sulla produzione.[97]

Anticipazioni[modifica | modifica sorgente]

Si era parlato di anticipare in parte l'opera utilizzando il primissimo materiale girato dalla lavorazione per inserirlo sotto forma di trailer tra i contenuti speciali dell'edizione DVD de Il principe mezzosangue. Le difficoltà nella realizzazione di un trailer ricavato dalle prime immagini di girato hanno portato all'inserimento di un video del dietro le quinte del set, mescolato nel frattanto con parte delle prime scene girate per intero.[137][138]

Il 4 dicembre è stato invece mostrato dalla ABC Family il primo video ufficiale de I doni della morte, contemporaneamente a una parte delle prime anticipazioni contenute nell'edizione a due dischi de Il principe mezzosangue pubblicata su YouTube via Okrim.[139][140] Un altro video della durata di 5 secondi contenente le prime immagini tratte dalle riprese (Bill e Fleur che danzano, il trio nei dintorni della Tana e in una cittadina nebbiosa) era stato pubblicato su YouTube il 4 dicembre, ma rimosso poche ore dopo a causa di un reclamo presentato dalla Warner Bros. per violazione di copyright.[141]

Un video d'anticipazione contenente invece le prime immagini estrapolate dal film è stato inserito e reso visualizzabile il 7 dicembre 2009 nell'edizione Blu-Ray Disc de Il principe mezzosangue tramite la funzionalità "BD Live", la quale agli iscritti della comunità virtuale ha consentito la visualizzazione del video in anteprima.[142]

Concorsi[modifica | modifica sorgente]

Al fine di promuovere il più possibile la pellicola, alcune aziende hanno lanciato diversi concorsi aperti ai singoli cittadini che possono vincere una comparsa in uno dei due film o semplici soggiorni per visitare i set cinematografici e aiutare nella lavorazione:

  • Il 27 maggio 2009 la Warner Bros. ha lanciato un concorso le cui modalità d'iscrizione sono state inserite nel cofanetto DVD contenente i primi 5 film; il vincitore otterrà un soggiorno agli studi Leavesden per una settimana, con la possibilità di lavorare direttamente alla produzione nei settori: trucco, scenografia (decorazione del set) e direzione dipartimentale, oltre che incontrare i membri del cast.[143]
  • La rete canadese CTV television network ha aperto il proprio concorso durante la seconda metà di giugno. È riservato a chi risiede legalmente in territorio canadese e ha conseguito la maggiore età. Il vincitore ha avuto la possibilità di partecipare alla prima inglese o statunitense de Il principe mezzosangue, più un'audizione per ricevere un ruolo negli ultimi due film.[144]
  • Un concorso simile è stato promosso dall'emittente televisiva Sky per i residenti britannici che partecipano all'Harry Potter Tour (13-22 giugno), il cui vincitore ha l'opportunità di poter apparire in uno degli ultimi due film.[145]
  • Il 15 luglio, la compagnia di vendita al dettaglio, Hot Topic, ha aperto un concorso a premi per vincere un soggiorno di 4 giorni a Londra, con visita agli studi Leavesden, volo in aereo pagato andata e ritorno e alloggio in hotel pagato. La campagna è offerta da Harry Potter London Flyaway Contest e si chiude il 12 agosto, ed è aperta a cittadini statunitensi con età minima richiesta di 13 anni (esclusi i residenti di Florida, New York e Rhode Island).[146][147]
  • Il 24 settembre alle 13 di pomeriggio sono stati lanciati dal Millennium Bridge 1000 palloncini da Evanna Lynch e Matthew Lewis. Uno dei palloni contiene un codice di registrazione di rete grazie al quale il vincitore potrà visitare il set de I doni della morte con in più la possibilità di apparire come figurante, in uno dei quadri stregati di Hogwarts, dove le figure all'interno sono animate.[148]

Foto e immagini[modifica | modifica sorgente]

Il 2 febbraio 2009, in piena preproduzione, furono pubblicate in rete le prime immagini del film ritraenti la capanna di Hagrid negli studi Leavesden danneggiata dall'attacco dei Mangiamorte avvenuto nel sesto episodio.[149] La prima foto ufficiale ritraente Harry, Ron ed Hermione in una strada di Londra, è stata pubblicata in rete da varie testate il primo dicembre 2009, ed è stata seguita da altre immagini nei giorni subito successivi.[150][151]

Locandine[modifica | modifica sorgente]

Per lo sviluppo delle locandine cinematografiche era stata proposta da Daniel Radcliffe l'ipotesi di elaborare alcuni wanted poster ritraenti Harry Potter. L'idea veniva dal fatto che una delle caratteristiche principali del film fosse la fuga del protagonista dai seguaci di Voldemort, e in questo contesto sarebbe stato ritratto come una sorta di fuggitivo.[152] I manifesti indicati da Radcliffe sono apparsi in seguito nell'anteprima ufficiale del film mostrata i primi di dicembre 2009, nella quale tappezzano alcune strade con la scritta «Undesiderable Nº1: Harry Potter».[153]

Durante le festività natalizie, viene annunciato tramite la pagina del film presente sul portale sociale Twitter, che le prime informazioni inerenti alle locandine promozionali sarebbero state pubblicate nel gennaio 2010.[154] Il primo teaser poster delle due parti del film viene pubblicato sabato 3 luglio e mostra Hogwarts in fiamme: http://www.mugglenet.com/viewer/?image_location=/movie7/dhonesheet.jpg

Trailer[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente si era parlato di inserire un trailer con le prime scene girate del film tra i contenuti speciali dell'edizione DVD de Il principe mezzosangue,[137] ma la notizia era stata in seguito smentita.[138]

Colloquiando con Sue Krawl (direttrice delle scelte di marketing per la Warner Bros.), David Heyman aveva discusso dell'inserimento di un trailer nei titoli di coda de I Doni della Morte - Parte 1 per dare un preludio a quel che sarà l'ultimo film, ma ha poi dichiarato di non essere arrivati a prendere alcuna decisione in merito anche perché bisogna saper gestire la spesa di un pesante marketing per due film in uscita a pochi mesi di distanza l'uno dall'altro.[34] Martedì 29 giugno intorno all'una italiana viene pubblicato il primo trailer delle due parti dei Doni della Morte di 2 minuti e 30 secondi. Qualche settimana dopo esce il trailer ufficiale americano, mentre poco dopo esce anche quello italiano.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

Date di uscita internazionali[1]
Paese Titolo film Date Note
Belgio Belgio Harry Potter et les Reliques de la Mort 17 novembre 2010
Egitto Egitto 17 novembre 2010
Germania Germania Harry Potter und die Heiligtümer des Todes 17 novembre 2010
Turchia Turchia Harry Potter ve ölüm yadigarlari - Part 1 17 novembre 2010
Argentina Argentina Harry Potter y las Reliquias de la Muerte 18 novembre 2010
Australia Australia Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1 18 novembre 2010
Croazia Croazia 18 novembre 2010
Grecia Grecia O Hari Poter kai oi kliroi tou Thanatou - Meros 1o 18 novembre 2010
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1 18 novembre 2010
Paesi Bassi Paesi Bassi Harry Potter en de Relieken van de Dood 18 novembre 2010
Portogallo Portogallo Harry Potter e os Talismãs da Morte - Parte 1 18 novembre 2010
Porto Rico Porto Rico 18 novembre 2010
Rep. Ceca Rep. Ceca Harry Potter a Relikvie Smrti 18 novembre 2010
Russia Russia Гарри Поттер и дары смерти 18 novembre 2010
Serbia Serbia 18 novembre 2010
Slovacchia Slovacchia Harry Potter a Dary smrti 1 18 novembre 2010
Svizzera Svizzera Harry Potter und die Heiligtümer des Todes 18 novembre 2010 Nei cantoni germanofoni
Austria Austria Harry Potter und die Heiligtümer des Todes 19 novembre 2010
Brasile Brasile Harry Potter e as Relíquias da Morte - Parte 1 19 novembre 2010
Finlandia Finlandia Harry Potter ja kuoleman varjelukset - osa 1 19 novembre 2010
Giappone Giappone ハリー・ポッターと死の秘宝 ( Harī Pottā to shi no hihō?) 19 novembre 2010
Italia Italia Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 19 novembre 2010
Polonia Polonia Harry Potter i insygnia smierci - Czesc 1 19 novembre 2010
Regno Unito Regno Unito Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1 19 novembre 2010
Spagna Spagna Harry Potter y las Reliquias de la Muerte 19 novembre 2010
Stati Uniti Stati Uniti Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1 19 novembre 2010
Svezia Svezia Harry Potter och dödsrelikerna - del 1 19 novembre 2010
Svizzera Svizzera Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 19 novembre 2010 Nei cantoni italofoni
Francia Francia Harry Potter et les Reliques de la Mort 24 novembre 2010
Svizzera Svizzera Harry Potter et les Reliques de la Mort 24 novembre 2010 Nei cantoni francofoni
Bulgaria Bulgaria 26 novembre 2010
Sudafrica Sudafrica Harry Potter and the Deathly Hallows - Part 1 26 novembre 2010

Divieti[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ottenuto negli Stati Uniti d'America un visto censura VM 13[155]. In precedenza alla conferma del divieto cinematografico, il produttore David Heyman aveva dichiarato che si era messo al lavoro con il resto del cast per assicurare al film biparte una censura adeguata, che secondo lui rientrava proprio nel VM 13, perché in caso di non sensibilizzazione di alcune scene i comitati cinematografici avrebbero potuto puntare su un "Restricted" (vietato ai minori), cosa che - prosegue Heyman, per il bene del lavoro svolto per la saga e per la distribuzione avrebbe dovuto evitarsi assolutamente.[34] In Italia non vi è stata alcuna censura o divieto.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Incassi[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti, al primo giorno di programmazione venerdì 19 novembre 2010, il film è stato distribuito in 4 125 sale, con un incasso di circa 61 milioni di dollari[156] e ha totalizzato un incasso pari a $ 125 120 000 nel primo fine settimana[157]

In Italia il film ha incassato 7 452 768 € nel primo fine settimana[158]. Il 4 gennaio 2011 il film taglia il traguardo dei 900 milioni. Negli Stati Uniti il film ha incassato 295 001 070 $, mentre nel resto del mondo ha raggiunto $ 656 900 000, per un totale di $ 952 241 070 $, divenendo il terzo film della saga di Harry Potter per incasso.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 è stato segnalato come il secondo film più atteso del 2010, preceduto da Alice in Wonderland di Tim Burton, nella classifica Top 10 Most Anticipated Movies of 2010 stilata dal sito web Imdb e basata su un sondaggio a voti redatto da utenti e visitatori del portale cinematografico[159][160].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Home video e televisione[modifica | modifica sorgente]

DVD[modifica | modifica sorgente]

Nella versione DVD del film, che è stato commercializzato il 15 aprile 2011, è presente un'intervista fatta a Evanna Lynch da una corrispondente del sito The Leaky Cauldron, e che è inserita in un documentario sul "dietro le quinte" delle riprese. Sono state inserite anche circa un quarto d'ora di scene tagliate dalla versione finale del film.[161]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Il 19 marzo 2009 a Berlino, Warner Bros. Television e RTL Television hanno stipulato un contratto per il quale entrambi i Doni della morte e circa altri 200 titoli tra film e serie televisive verranno trasmessi dall'emittente tedesca durante la stagione 2010-11 in Germania per un costo annuo che potrebbe rendere alla WB un reddito di 100 ml $ in caso di criteri contrattuali rispettati.[162][163]

Un simile accordo è stato siglato tra la major e il canale tv spagnolo La Sexta che potrà così diffondere in futuro il film biparte e altre opere della Warner.

Differenze rispetto al romanzo[modifica | modifica sorgente]

Nella trasposizione cinematografica, molte scene e situazioni presenti del romanzo sono state eliminate, modificate, o rappresentate in maniera più sintetica. Il regista David Yates ha inoltre inserito alcuni particolari non presenti nel volume, come un campeggio babbano distrutto dai Mangiamorte, con l’intento di mostrare che nel mondo magico c’è una guerra in corso sebbene non venga mostrata[125], e una scena in cui Harry ed Hermione ballano insieme nella tenda, sequenza definita «impagabile» e «tenera» da David Yates[164]. Le differenze tra il romanzo e la versione cinematografica sono:

  • All'inizio del film, quando Harry stringe la mano a Bill Weasley, sembra che lo veda per la prima volta in vita sua, quando in realtà, nei libri, l'ha già conosciuto tre anni prima, alla Coppa del Mondo di Quidditch; la stessa cosa vale per Mundungus Fletcher che incontra Harry all'inizio del quinto libro;
  • Nel libro Dudley è dispiaciuto del fatto che Harry non venga con loro;
  • Nel libro, quando Harry deve scappare da casa sua a Privet Drive, prima di arrivare alla Tana finisce in casa dei genitori di Ninfadora Tonks nella quale poi prenderanno una passaporta per arrivare alla Tana, nel film invece Harry e Hagrid vanno direttamente alla Tana.
  • Nel film, Harry e il Ministro della Magia Scrimgeour non litigano affatto quando si trovano alla Tana.
  • Nel libro, Scrimgeour chiede di prendere in mano il boccino d'oro regalato da Albus Silente, non accade nulla, infatti poco dopo nel libro Harry fa notare che il primo boccino lo aveva preso con la bocca. Il boccino una volta baciato ha rivelato la frase: "Mi apro alla chiusura".
  • Nel romanzo, Harry e Hermione leggono un capitolo del libro di Rita Skeeter "Vita e Menzogne di Albus Silente", in cui scoprono che Silente e Grindelwald volevano riunire i tre Doni della Morte per conquistare il potere. Nel film, queste informazioni sono omesse. Inoltre, il fatto che Rita Skeeter aveva ricavato le informazioni su Silente da Bathilda Bath non era noto solo a Elphias Doge e a Muriel Weasley.
  • Nel film si vede più volte Harry che guarda uno specchio rotto; per chi non ha letto i libri è difficile capire da dove provenga quell'oggetto, regalatogli da Sirius Black poco prima di morire;
  • Nel romanzo, durante il matrimonio di Bill e Fleur, grazie alla pozione polisucco, Harry prende le sembianze di un babbano con i capelli rossi facendo credere che il suo nome sia Barney Weasley nella speranza di confondersi tra la moltitudine dei Weasley presenti al matrimonio di Bill e Fleur; nel film, invece, Harry non cambia il suo aspetto;
  • Viene spiegato nel romanzo che il nome di Voldemort era stato incantato facendolo diventare Tabù, e chi lo avesse pronunciato sarebbe stato individuato dai Ghermidori: è così che Harry, Ron e Hermione vengono catturati da Fenrir Greyback; nel film, invece, la scena della cattura è molto più semplificata, e il trio viene catturato da Scabior non appena fugge dopo la sequenza nella casa di Xenofilius Lovegood che, pronunciando apposta il nome di Voldemort, attira lì i Mangiamorte;
  • Sia nei romanzi che nei film Harry non ha mai avuto paura di pronunciare il nome di Voldemort, tuttavia ad un certo punto di questo settimo film anche Harry non pronuncia più il nome del nemico, finendolo per chiamare "Tu-Sai-Chi" come tutti gli altri. Ciò avviene perché originariamente era stata girata la scena in cui Ron spiega agli amici che il nome di Voldemort è diventato Tabù, scena che poi è stata tagliata e che viene mostrata solo tra le scene tagliate presenti nella versione home video;
  • Il compleanno di Harry sarebbe stato il giorno prima del matrimonio con tanto di torta e decorazioni, mentre nel film Hermione dice che avrebbero festeggiato il compleanno di Harry subito dopo la fine della cena del matrimonio;
  • Harry non si guadagna la fiducia dell'elfo domestico Kreacher per avergli regalato il falso medaglione rubato da Regulus Arcturus Black e nemmeno viene spiegato per quale ragione l'elfo gli obbedisca: nel libro è chiarito che Kreacher è costretto ad obbedire a Harry in quanto ormai passato in sua proprietà dopo la morte di Sirius Black;
  • Nel film Harry, Ron e Hermione, prima di entrare al ministero, schiantano tutte e tre le persone di cui devono prendere le somiglianze. Nel libro invece è più volte sottolineato che schiantare tutte e tre le persone sarebbe stato pericoloso e avrebbe dato troppo nell'occhio.
  • Nel romanzo Hermione spiega come distruggere il medaglione poiché l'anno precedente aveva preso dall'ufficio di Silente un libro che parlava degli Horcrux; nel film i ragazzi invece non hanno idea di come fare per distruggerlo;[165]
  • Nel film, Peter Minus non muore strangolato dalla sua stessa mano (controllata da Voldemort per aver provato pietà per Harry) come nel libro, ma viene semplicemente Schiantato ed ucciso da Dobby durante la fuga da Villa Malfoy;
  • Mentre Hermione viene torturata, sul suo braccio appare scritto "Mudblood" (che significa mezzosangue, cioè figlia di babbani), una ferita infertale da Bellatrix Lestrange, mentre nel romanzo la Mangiamorte usa la maledizione Cruciatus sulla ragazza, per svariate ore in cui la interroga pretendendo di sapere dove i tre hanno preso la spada di Grifondoro. Prima di cominciare l'interrogatorio, la prende a calci e la trascina per i capelli e, alla fine, vorrebbe darla in pasto a Fenrir Greyback. Poi interviene Dobby a salvare la situazione.
  • Nel film Bellatrix tiene Hermione in ostaggio, puntandole il coltello d'argento alla gola e quando il lampadario minaccia di caderle addosso la lascia inspiegabilmente, spingendola in avanti e lei finisce tra le braccia di Ron. Nel romanzo, invece, Bellatrix spinge deliberatamente Hermione sotto il lampadario che, dunque, le cade addosso.
  • Durante il trasferimento di Harry da Privet Drive alla Tana (scena dei sette Potter), il vero Harry è in volo con Hagrid. Durante la fuga, incontra Voldemort che tenta di ucciderlo con la bacchetta di Lucius Malfoy, ma per qualche strana ragione la bacchetta di Harry si difende da sola, spezzando quella di Lucius. Inoltre Harry finisce, per ragioni di sicurezza, a casa dei genitori di Ninfadora Tonks che provvederanno alla cura di Hagrid, mentre Harry raggiungerà, tramite una passaporta, la tana solo dopo aver dirottato a casa Tonks. Tale scena è stata del tutto esclusa nel film.
  • All'inizio del libro i Dursley sono restii a partire da Privet Drive, avevano, infatti, caricato e scaricato la macchina dai propri bagagli svariate volte, mentre nel film lo fanno senza ripensamenti; è, in più, omessa la parte in cui Dudley ringrazia Harry per averlo salvato due anni prima.
  • Nel romanzo, quando Voldemort va a Nurmengard da Gellert Grindelwald in cerca della Bacchetta di Sambuco, quest'ultimo non gli rivela che l'ultimo padrone è stato Albus Silente, accettando di morire proprio per mano di Voldemort nell'ultimo disperato tentativo di salvare il mondo magico e, forse, di impedirgli di profanare la tomba del suo ex migliore amico. Nel film, invece, Grindelwald rivela quest'informazione a Voldemort, che però lo uccide subito dopo.
  • Nel romanzo Hermione spiega a Harry e Ron che per paura dei Mangiamorte ha dovuto cancellare la memoria dei suoi genitori, cambiandone in seguito l'identità, facendo creder loro di non aver mai avuto figli e il cui desiderio è quello di andare a vivere in Australia. Afferma inoltre che se riesce a sopravvivere alla battaglia contro Voldemort, andrà in cerca di questi restituendo loro la memoria. Nella pellicola non è specificato niente di tutto ciò, inoltre la scena in questione lascia dei dubbi allo spettatore, se appunto Hermione si riunirà con i suoi genitori o meno.

Nella pellicola vengono omesse le apparizioni dei personaggi di Viktor Krum (durante il matrimonio alla Tana), di Vincent Tiger (eliminato dalla sceneggiatura dopo alcune vicende giudiziarie che hanno coinvolto l'attore Jamie Waylett[82]) e di Charlie Weasley (che tra l'altro annuncia che il drago Norberto di Hagrid sia femmina). Non sono inoltre presenti le sequenze del demone travestito da Ron Weasley alla Tana, della conversazione tra Arthur Weasley e suo figlio Ron travestito al Ministero, del litigio a Grimmauld Place tra Harry e Lupin non molto entusiasta del fatto di diventare padre, della lettera di Lily Evans ritrovata successivamente da suo figlio Harry all'interno della camera da letto di Sirius, delle discussioni tra Harry, Ron ed Hermione riguardo all'incertezze di Harry nel ricercare i Doni della Morte oppure gli Horcrux.

Nell'ottobre 2009 è stato organizzato un convegno a Manila, The Seventh Potter: Adapting Harry Potter and the Deathly Hallows, dedicato a discutere sulle differenze nella trasposizione del film[166].

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Dopo che l'azienda Tomy è stata confermata nuova licenzataria per l'Europa con l'impegno contrattuale di un periodo triennale per i media derivati da I doni della morte, la Tomy ha annunciato la produzione futura di action figures, giocattoli normali ed elettronici e giochi di ruolo tratti dai due film. Il contratto della Tomy ha valenza per i territori di Regno Unito ed EMEA, e concede all'azienda l'usufruizione dell'intero catalogo sull'universo di Harry Potter, compreso il precedente materiale tratto dai sette film[167]:

(EN)
« Harry Potter and the Deathly Hallows may mark the conclusion of the story, but from a merchandise point of view it is the start of a new chapter as it's the first time that the entire propery artwork collection will be available to our Harry Potter partners. »
(IT)
« Harry Potter e i Doni della Morte segna la conclusione della storia, ma da un certo punto di vista commerciale è l'inizio di un nuovo capitolo in quanto è la prima volta che l'intera collezione delle proprietà d'arte sarà a disposizione dei nostri soci di Harry Potter. »

Videogioco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1 (videogioco).

Il videogioco verrà anch'esso diviso in due parti per le stesse ragioni dell'adattamento cinematografico. Sviluppato fin dall'inizio del 2009 da Electronic Arts, nel giugno 2010 viene annunciata l'uscita dell'adattamento videoludico, Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1, in uscita per il 9 novembre negli Stati Uniti, mentre per quanto riguarda l'Europa il videogioco per pc e per le altre console sarà disponibile a partire dal 19 novembre, data di uscita del film nelle sale cinematografiche[168].-

Prodotti derivati[modifica | modifica sorgente]

In autunno si terrà al museo della scienza e dell'industria di Chicago la Harry Potter: The Exhibition, una mostra a scopo commerciale che conterrà costumi, oggetti e pezzi di set usati nel corso della produzione dei film di Harry Potter. A produzione degli ultimi due film completata, la Warner Bros. Consumer Products in collaborazione con Exhibitgroup/Giltspur, azienda peraltro organizzatrice dell'evento, aiuterà il merchandising del film biparte aggiornando i contenuti della mostra con oggetti legati alla produzione.[169]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Release Info sull'Internet Movie Database.
  2. ^ Sorrento 2010: Harry Potter 8 il 13 luglio in Italia, Bad Taste, 30 novembre 2010.
  3. ^ J. K. Rowling co-produttrice di Harry Potter e i Doni della Morte!
  4. ^ a b (EN) Official: Two Parts for "Deathly Hallows" Movie, David Yates to Direct Both Films, The Leaky Cauldron, 12 marzo 2008. URL consultato il 14 aprile 2008.
  5. ^ Valentina D'Amico. Dove si interromperà Harry Potter 7?. Movieplayer.it, 26-06-2009 (ultimo accesso il 18-07-2009).
  6. ^ a b (EN) David Yates: Snatcher Scene Just Filmed For "Deathly Hallows, Talks Split of Films. The Leaky Cauldron, 19-07-2009 (ultimo accesso il 28-07-2009).
  7. ^ La fine di Harry Potter 7, l'inizio di Harry Potter 8, Bad Taste, 21 aprile 2009. URL consultato il 21 aprile 2009.
  8. ^ (EN) Helen O'Hara, Exclusive: Harry Potter Deathly Hallows - How they're splitting the final film, Empire Online, 21 aprile 2009. URL consultato il 21 aprile 2009.
  9. ^ Harry Potter and Deathly Hallows: Part I - Business, Internet Movie Database. URL consultato il 10 luglio 2009.
  10. ^ Deathly Hallows Parts I & II confirmed to be featured in 3D, SnitchSeeker, 3 febbraio 2010. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  11. ^ (EN) Carl "Cookie" DiOrio, Warners confirms 3D plans for 'Harry Potter' and other pics, Heat Vision, 2 febbraio 2010. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  12. ^ (EN) Hugo Miller, ‘Shrek,’ ‘Harry Potter’ in 3-D Spell Profit for Imax, Bloomberg, 12 ottobre 2009. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  13. ^ Due film (senza Spielberg) per Harry Potter 7?, Bad Taste, 12 febbraio 2008. URL consultato il 26 luglio 2009.
  14. ^ (EN) Rumor Alert: Spielberg and a Two Part "Deathly Hallows" Film. The Leaky Cauldron, (ultimo accesso il 27-07-2009).
  15. ^ (EN) RT-UK Exclusive: Alfonso Cuaron talks Mexico and a Return to Harry Potter, Rotten Tomatoes, 27 luglio 2007. URL consultato il 29 giugno 2008.
  16. ^ (EN) All US Order of the Phoenix Premiere Videos and Photos, Harry Potter's Page, 11 luglio 2007. URL consultato il 29 giugno 2008.
  17. ^ Guillermo del Toro vuole Harry Potter 7, Bad Taste, 28 ottobre 2007. URL consultato il 26 luglio 2009.
  18. ^ (EN) Olly Richard, Guillermo Del Toro In Talks For Hobbit?, Empire, 28 gennaio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2009.
  19. ^ (EN) Larry Carroll, Guillermo Game For ‘Harry Potter’, MTV Movies Blog, 26-10-2007. URL consultato il 29 giugno 2008.
  20. ^ Conferme e smentite per Harry Potter 7, Bad Taste, 15 gennaio 2008. URL consultato il 29 giugno 2008.
  21. ^ Due film di Harry Potter e i Doni della Morte?, Bad Taste, 27 luglio 2009. URL consultato il 27 luglio 2009.
  22. ^ (EN) All US Order of the Phoenix Premiere Videos and Photos, Harry Potter's Page, 11-07-2007. URL consultato il 14 aprile 2008.
  23. ^ (EN) M. Night Shyamalan Directing Harry Potter?, Movies Online. URL consultato il 15 febbraio 2009.
  24. ^ (EN) Monika Bartyzel. David Yates Will Direct 'Harry Potter and the Deathly Hallows,' Says Lois Lowry. Cinematical, 20-02-2008 (ultimo accesso il 26-07-2009).
  25. ^ Una scena inedita in Harry Potter 6, Bad Taste, 22 febbraio 2008. URL consultato l'8 marzo 2009.
  26. ^ (EN) David Yates Talks Burrow Scene, Deathly Hallows Film, and Life after Harry Potter. The Leaky Cauldron, 24-07-2009 (ultimo accesso il 24-07-2009).
  27. ^ Prima foto ufficiale di Harry Potter e i Doni della Morte, Bad Taste, 1º dicembre 2009. URL consultato il 1º dicembre 2009.
  28. ^ (EN) First look: Harry Potter enters real world in 'Deathly Hallows', Usa Today, 1º dicembre 2009. URL consultato il 1º dicembre 2009.
  29. ^ Conferme e smentite da Harry Potter 7, Bad Taste, 15-01-2008. URL consultato il 29 giugno 2008.
  30. ^ (EN) Harry Potter and The Order of the Phoenix, KPBS, 11-06-2007. URL consultato il 21 luglio 2007.
  31. ^ (EN) Olly Richard, About Those Harry Potter Rumours, Empire, 14 gennaio 2008.
  32. ^ David Heyman parla di Harry Potter 6 e 7, Bad Taste, 20 settembre 2008. URL consultato il 20 settembre 2008.
  33. ^ a b Helen O'Hara (Aprile 2009). "Hallowed Ground". Empire: p. 100-104.
  34. ^ a b c d e f (EN) Steve Weintraub. Exclusive: Producer David Heyman talks Harry Potter and the Half-blood Prince and Harry Potter and Deathly Hallows Collider.com, 16-07-2009; (ultimo accesso il 18-07-2009).
  35. ^ a b Cosa dobbiamo attenderci da Harry Potter 7 e 8, Bad Taste, 11 luglio 2009. URL consultato l'11 luglio 2009.
  36. ^ (EN) Heather Newgen, Yates and Heyman on Harry Potter 6, ComingSoon, 10 luglio 2007.
  37. ^ a b (EN) David Heyman gives details about two-part Deathly Hallows film, SnitchSeeker, 14 marzo 2008. URL consultato il 16 settembre 2009.
  38. ^ (EN) Rupert Grint Featured In Total Film!, Rupert-Grint.us, 7 marzo 2009. URL consultato l'8 marzo 2009.
  39. ^ a b (EN) Jennifer Vineyard. Q&A - Tom Felton Beats Out Brad Pitt for Role in Harry Potter Sequel. AMC News, 15-07-2009; (ultimo accesso il 16-07-2009).
  40. ^ Marina Lenti, Doni della Morte: qualche dettaglio sul copione, Fantasy Magazine, 28 agosto 2009. URL consultato il 30 agosto 2009.
  41. ^ (EN) How Will Half-Blood Prince Changes Shape the Harry Potter and the Deathly Hallows Movie?, ReelzChannel. URL consultato il 21 novembre 2009.
  42. ^ a b c (EN) Michael Sragow, Steve Kloves says 'Harry Potter and the Deathly Hallows' will film in two parts, Baltimore Sun, 13 marzo 2008.
  43. ^ a b c (EN) Olly Richards, Potter Producer Talks Deathly Hallows, Empire, 14 marzo 2008.
  44. ^ (EN) Bill Nighy silent on Potter script, Google.com, 21 ottobre 2009. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  45. ^ a b (EN) Melanie Finn, Harry Potter and the film script moved to Dublin safe house over theft fears, Herald.ie, 18 maggio 2009. URL consultato il 16 settembre 2009.
  46. ^ a b c (EN) Daniel Radcliffe, Rupert Grint and Emma Watson to Reprise Roles in the Final Two Installments of Warner Bros. Pictures' "Harry Potter" Film Franchise, News Wire, 23-03-2007. URL consultato il 30 giugno 2008.
  47. ^ a b David Heyman conferma l'epilogo di Harry Potter 7/8, Bad Taste, 17 aprile 2009. URL consultato il 17 aprile 2009.
  48. ^ Una conversazione con Daniel Radcliffe, Lumos, 1º settembre 2009. URL consultato il 4 settembre 2009.
  49. ^ Un Harry Potter "paranoico" nei Doni della Morte, Bad Taste. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  50. ^ (EN) Emma Watson Returns to Potter for $4Million?, Movies Online. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  51. ^ a b Emma Watson parla del bacio tra Ron ed Hermione, GiratempoWeb, 27 giugno 2009. URL consultato il 27 luglio 2009.
  52. ^ (EN) Emma Watson: Refused To Sign For Last Harry Potter Film?, Sponki, 19 febbraio 2007. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  53. ^ (EN) Harry Potter - Bonnie Wright Interview. UGO.com, 16-07-2009 (ultimo accesso il 24-07-2009).
  54. ^ Intervista a Matthew Lewis (Neville Paciock) – Prima Parte, Lumos.it, 3 maggio 2009. URL consultato il 27 luglio 2009.
  55. ^ (EN) Audio Interview from Boston: Matt Lewis on Filming as Neville for Deathly Hallows and More, The Leaky Cauldron, 22 ottobre 2009. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  56. ^ (EN) RTE Radio interview. RTE Radio, 23-04-2009 (ultimo accesso il 27-07-2009).
  57. ^ (EN) Buzz Brady, Evanna Lynch psyched for next Harry Potter movie, Irish Central, 21 dicembre 2009. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  58. ^ (EN) Michael Gambon To Film King's Cross Scene for Deathly Hallows February, 2010, The Leaky Cauldron (12-07-2009); ultimo accesso il 12-07-2009.
  59. ^ (EN) Eric Quint. Quint chats with Harry Potter's Sir Michael Gambon about Dumbledore, Half-Blood Prince and Deathly Hallows!!!. AICN, 11-07-2009 (ultimo accesso il 16-07-2009).
  60. ^ (EN) Tim Teeman, Dame Maggie Smith: cancer fight has left me too tired for the stage, Times, 5 ottobre 2009. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  61. ^ (EN) Keily Oakes. Potter broadens actor's appeal. BBC News, 15 luglio 2009 (ultimo accesso il 16 luglio 2009).
  62. ^ (EN) Nighy's Five-year Wait For Potter Part. Imdb News, 16-07-2009 (ultimo accesso il 17-07-2009).
  63. ^ (EN) Eric Ditzian. 'Harry Potter' Director, Daniel Radcliffe Reveal 'Deathly Hallows' Secrets. MTV, 16-07-2009 (ultimo accesso il 24-07-2009).
  64. ^ (EN) Rhys Ifans to Play Xenophilius Lovegood in Harry Potter and the Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 27 marzo 2009.
  65. ^ Rumour su Mundungus e Bill in Harry Potter 7, Bad Taste, 8 marzo 2009. URL consultato l'8 marzo 2009.
  66. ^ (EN) Fiennes on Voldemort: "A Rejected Person", The Leaky Cauldron, 9 dicembre 2008. URL consultato il 24 luglio 2009.
  67. ^ (EN) Ralph Fiennes to Begin Deathly Hallows Production "In the Fall", The Leaky Cauldron, 8 aprile 2009. URL consultato il 24 luglio 2009.
  68. ^ Lucius Malfoy sarà in Harry Potter 7, Bad Taste, 26-06-2008. URL consultato il 29 giugno 2008.
  69. ^ (EN) Jason Isaacs talks Deathly Hallows Malfoy Manor & Voldemort filming, SnitchSeeker, 29 agosto 2009. URL consultato il 30 agosto 2009.
  70. ^ (EN) Exclusive: Helen McCory Updates on Harry Potter 7, Rotten Tomatoes. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  71. ^ (EN) Felton: 'I love playing solemn villains', Digital Spy, 31 marzo 2009. URL consultato il 1º aprile 2009.
  72. ^ a b (JA) 『ハリポタ』ドラコ役のトム、彼女との恋バナをポロリ. MovieWalker, 03-08-2009 (ultimo accesso il 03-08-2009).
  73. ^ (EN) Terri Schwartz, 'Harry Potter And The Deathly Hallows' Epic Battle Will Be A 'Western-Style Showdown,' Says Tom Felton, MTV, 11 dicembre 2009. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  74. ^ a b (EN) Alan Rickman to Film Deathly Hallows Scenes in Late 2009, The Leaky Cauldron, 5 dicembre 2008. URL consultato il 23 marzo 2009.
  75. ^ (EN) Steve Daly, Helena Bonham Carter Gets Wicked, Entertainment Weekly, 12 luglio 2007. URL consultato il 29 giugno 2008.
  76. ^ Helena Bonham Carter parla di Harry Potter 7 e 8, Bad Taste, 25 febbraio 2010. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  77. ^ Jamie Campbell-Bower in Harry Potter 7?, Bad Taste, 3 aprile 2009. URL consultato il 3 aprile 2009.
  78. ^ (EN) Jamie Campbell Bower on Young Grindelwald in Deathly Hallows Part One: "He's very bird-like.", The Leaky Cauldron, 10 settembre 2009. URL consultato l'11 settembre 2009.
  79. ^ (EN) Will Dumbledore’s gay lover be in HARRY POTTER and the DEATHLY HALLOWS films?, Geek Tyrant, 10 novembre 2009. URL consultato l'11 novembre 2009.
  80. ^ (EN) John Hurt Talks Harry Potter, Confirms His Return, AMC Tv, 28 aprile 2009. URL consultato il 29 luglio 2009.
  81. ^ (EN) Potter star laments end of film series, AFP, 14 ottobre 2009. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  82. ^ a b c (EN) Spoiler: 'Deathly Hallows' script details, splitting point announced, HPana, 20 agosto 2009. URL consultato il 20 agosto 2009.
  83. ^ a b (EN) More Actors Confirmed to Return to Deathly Hallows. Harry Potter's Page, 23-07-2009 (ultimo accesso il 27-07-2009).
  84. ^ A. Linden sarà Mundungus in Harry Potter 7?, Bad Taste, 9 marzo 2009. URL consultato il 9 marzo 2009.
  85. ^ Ancora foto e novità da Harry Potter 7, Bad Taste, 10 marzo 2009. URL consultato l'11 marzo 2009.
  86. ^ (EN) Deathly Hallows Casting Updates: Aunt Muriel Cast, Mafald Hopkirk Recast and Clemence Confirmed!, The Leaky Cauldron, 26 giugno 2009. URL consultato il 29 luglio 2009.
  87. ^ Il ritorno di Alex Crockford come Charlie Weasley nei Doni della Morte?, GiraTempoWeb, 14 agosto 2009. URL consultato il 17 agosto 2009.
  88. ^ La madre di Hermione sarà in Harry Potter 7, Bad Taste, 5 marzo 2009. URL consultato il 5 marzo 2009.
  89. ^ (EN) Mrs. Granger Cast for Harry Potter and the Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 4 marzo 2009. URL consultato il 10 settembre 2009.
  90. ^ (EN) Exclusive: Emma Thompson chooses Nanny McPhee's sequel over Harry Potter, MTV, 11 novembre 2008. URL consultato il 29 marzo 2009.
  91. ^ Jamie ‘Tiger’ Wayllet non sarà presente in Harry Potter e i Doni della Morte, GiratempoWeb, 10 agosto 2009. URL consultato l'11 agosto 2009.
  92. ^ (EN) Bristol boy missed Harry Potter film role, This Is Bristol, 12 ottobre 2009. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  93. ^ Attori pronti al via per Harry Potter 7, Bad Taste, 21 gennaio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2009.
  94. ^ (EN) Emma reveals DH test shooting begins this Monday, Mugglenet.com, 20 gennaio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2009.
  95. ^ Jack Malvern, Longer spell at box office for Harry Potter, The Times, 14 marzo 2008.
  96. ^ (EN) Harry Potter continues his magic at Leavesden, Panalux, p. 1.
  97. ^ a b Harry Potter e i Doni della Morte sbarca allo ShoWest. Bad Taste, 19-03-2010 (ultimo accesso il 19-03-2010).
  98. ^ Il punto della situazione in casa Potter. Fantasy Magazine, 27-07-2009 (ultimo accesso il 28-07-2009).
  99. ^ a b (EN) Exclusive: SnitchSeeker interview with David Heyman, Imelda Staunton return confirmed, SnitchSeeker, 14 luglio 2009. URL consultato il 27 agosto 2009.
  100. ^ (EN) Tim Masters, Final Potter shoot is 'electric', BBC News, 25 settembre 2009. URL consultato il 25 settembre 2009.
  101. ^ (EN) Deathly Hallows to Be Shot Using "Loads of Hand-Held Cameras," Tom Felton Talks Sectumsempra in Half-Blood Prince, The Leaky Cauldron, 31 marzo 2009.
  102. ^ Zio Vernon sarà in Harry Potter e i Doni della Morte?, Bad Taste, 19 febbraio 2009. URL consultato il 19 febbraio 2009.
  103. ^ (EN) Derek Blasberg, Interview: Emma Watson, Interview Magazine. URL consultato il 7 luglio 2009.
  104. ^ (EN) James Ford. Catching Up With... Emma Watson. Paste Magazine, 14-07-2009 (ultimo accesso il 22-07-2009).
  105. ^ (EN) Emma Watson Says Doing Night Shoots This Week on Harry Potter and the Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 18 maggio 2009. URL consultato il 28 luglio 2009.
  106. ^ (EN) Lara Martina, Emma Watson starts university in US, Digital Spy, 7 settembre 2009. URL consultato il 16 settembre 2009.
  107. ^ (ES) Radcliffe busca ser aun mejor en ‘Equus’, Impresiones Latinas, 15 settembre 2008.
  108. ^ (EN) Lara Martin, Emma Watson 'dreading Radcliffe kiss', Digital Spy, 13 luglio 2009. URL consultato il 14 luglio 2009.
  109. ^ a b Accelerata ai Doni nella Swinley Forest e a Burnham Beeches. Emma Watson Italia, 27-06-2009 (ultimo accesso il 26-07-2009).
  110. ^ (EN) UK energy department in Harry Potter movie. WNN, 26-06-2009 (ultimo accesso il 19-07-2009).
  111. ^ a b Nuove foto dal set di Harry Potter 7/8, Bad Taste, 26 luglio 2009. URL consultato il 26 luglio 2009.
  112. ^ (EN) Follow Up on Deathly Hallows Filming for this Week, Harry Potter's Page, 9 agosto 2009. URL consultato l'11 agosto 2009.
  113. ^ a b Harry Potter e i doni della morte: il primo report dal set, VivaCinema, 13 agosto 2009. URL consultato il 14 agosto 2009.
  114. ^ (EN) Deathly Hallows Set Photos (Luna’s Painting) & Updates, Harry Potter's Page, 6 settembre 2009. URL consultato il 7 settembre 2009.
  115. ^ a b (EN) Bill Nighy found filming Deathly Hallows scenes in Liverpool, SnitchSeeker. URL consultato il 17 settembre 2009.
  116. ^ (EN) David Bartlett, Mersey Tunnels feature in film of Harry Potter and the Deathly Hallows, Liverpool Echo, 8 settembre 2009. URL consultato l'8 settembre 2009.
  117. ^ (EN) Hospice cash from Potter's magic, BBC News, 14 settembre 2009. URL consultato il 15 settembre 2009.
  118. ^ (EN) [1]. Flickr, 19-09-2009 (ultimo accesso il 20-09-2009).
  119. ^ (EN) Deathly Hallows Filming Update: 100 Extras Used for Hogwarts Express Scene, The Leaky Cauldron, 24 settembre 2009.
  120. ^ Harry Potter e i Doni della Morte: novità dal Community Screening, Bad Taste, 13 dicembre 2009. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  121. ^ Andrea Quero, Terminano definitivamente le riprese di Harry Potter, Daniel Radcliffe Italia, 12 giugno 2010. URL consultato il 12 giugno 2010.
  122. ^ Giorni frenetici sul set di Harry Potter e i Doni della Morte, Bad Taste, 9 dicembre 2009. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  123. ^ Harry Potter 7: si preparano le riprese, Bad Taste, 21 novembre 2008. URL consultato il 21 novembre 2008.
  124. ^ (EN) Video of Burned Trailers from New Attack Scene in Harry Potter and Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 13 agosto 2009. URL consultato il 14 agosto 2009.
  125. ^ a b c d e Primo set report da Harry Potter e i Doni della Morte, Bad Taste, 13 agosto 2009. URL consultato il 15 agosto 2009.
  126. ^ (EN) Grintastic August Edition And Deathly Hallows Updates!, Rupert Grint.us, 7 agosto 2009. URL consultato il 7 agosto 2009.
  127. ^ (EN) Deathly Hallows Filming Update: Location Shoots Possibly in Midlands and London, The Leaky Cauldron, 9 aprile 2009. URL consultato il 29 luglio 2009.
  128. ^ Harry Potter and Deathly Hallows: Part I - Locations, Internet Movie Database. URL consultato il 19 marzo 2009.
  129. ^ (EN) Potter Set Is Picked Apart, Internet Movie Database, 15 giugno 2009. URL consultato il 24 giugno 2009.
  130. ^ (EN) Kevin Core, Harry Potter producers shop at Huddersfield’s Laurie Hopkins Menswear, Examiner, 19 dicembre 2009. URL consultato il 19 dicembre 2009.
  131. ^ (EN) Daniel Kilkelly. Daniel Radcliffe hated 'Potter' uniform, Digital Spy (14-07-2009). Ultimo accesso il 15-07-2009.
  132. ^ Harry Potter and Deathly Hallows: Part I - Company Credits, Internet Movie Database. URL consultato il 9 luglio 2009.
  133. ^ (EN) Toby Jones Talks Dobby in Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 27 novembre 2007. URL consultato il 30 marzo 2009.
  134. ^ (EN) Toby Jones takes the lead in Tom Stoppard's classic Every Good Boy Deserves Favour, Daily Telegraph, 9 febbraio 2009. URL consultato il 30 marzo 2009.
  135. ^ (EN) Vern Troyer for CGI Dobby in Harry Potter and the Deathly Hallows?, The Leaky Cauldron, 13 maggio 2009. URL consultato il 28 luglio 2009.
  136. ^ (EN) Deathly Hallows Updates: Seven Potters Scenes Underway, Warwick Davis Confirms "Griphook" Role, The Leaky Cauldron, 26 agosto 2009. URL consultato il 26 agosto 2009.
  137. ^ a b (EN) Rumor Alert: Half-Blood Prince DVD Due in December, to Contain Deathly Hallows Preview?. The Leaky Cauldron, 18-06-2009 (ultimo accesso il 26-07-2009).
  138. ^ a b (EN) Deathly Hallows Footage To Be Unveiled in Half-Blood Prince DVD, RupertGrint.net, 14 ottobre 2009. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  139. ^ First Looks at Xeno in Lovegood House, More from Deathly Hallows Found on Ultimate Editions DVDs, The Leaky Cauldron, 21 novembre 2009. URL consultato il 23 novembre 2009.
  140. ^ [bootleg] La preview di Harry Potter e i Doni della Morte!, Bad Taste, 4 dicembre 2009. URL consultato il 4 dicembre 2009.
  141. ^ Primo video dal set di Harry Potter e i Doni della Morte, Bad Taste, 4 dicembre 2009. URL consultato il 4 dicembre 2009.
  142. ^ Harry Potter 6 in Dvd e Blu-ray: la recensione, Bad Taste, 13 novembre 2009. URL consultato il 17 novembre 2009.
  143. ^ (EN) Work on the Set of Harry Potter and the Deathly Hallows. The Leaky Cauldron, 27-05-2009 (ultimo accesso il 28-07-2009).
  144. ^ (EN) New Contest in Canada to Win Part in Harry Potter and the Deathly Hallows. The Leaky Cauldron, 22-06-2009 (ultimo accesso il 28-07-2009).
  145. ^ (EN) Sky Contest to Appear in "Deathly Hallows" Film. The Leaky Cauldron, 06-06-2009 (ultimo accesso il 28-07-2009).
  146. ^ (EN) Scheda del concorso su Hot Topic.
  147. ^ (EN) Hot Topic’s Contest To Visit Deathly Hallows Set. Harry Potter's Page, 19-07-2009 (ultimo accesso il 20-07-2009).
  148. ^ (EN) Balloons Away in the UK for Launch of Half-Blood Prince DVD, New Deathly Hallows Set Visit Contest, The Leaky Cauldron, 22 settembre 2009. URL consultato il 22 settembre 2009.
  149. ^ Prime immagini da Harry Potter 7, Bad Taste, 2 febbraio 2009. URL consultato il 7 luglio 2009.
  150. ^ Prima foto ufficiale di Harry Potter e i Doni della Morte!, Bad Taste. URL consultato il 3 dicembre 2009.
  151. ^ Harry Potter e i Doni della Morte: seconda foto ufficiale, Bad Taste, 3 dicembre 2009. URL consultato il 3 dicembre 2009.
  152. ^ (EN) Radcliffe Eyes Up Potter Props. Internet Movie Database, 14-07-2009; ultimo accesso il 15-07-2009.
  153. ^ Ecco la preview ufficiale di Harry Potter e i Doni della Morte!, Bad Taste, 9 dicembre 2009. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  154. ^ Primo teaser poster dei Doni della Morte a Gennaio 2010?, GiratempoWeb, 26 dicembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  155. ^ Vedi certification nella scheda dell'Imdb sulla prima parte de I doni della morte.
  156. ^ Daily Box Office for Friday, November 19, 2010 - Box Office Mojo
  157. ^ Harry Potter and the Deathly Hallows Part 1 (2010) - Box Office Mojo
  158. ^ Box Office Cinema Italia Usa | MYmovies.it
  159. ^ Harry Potter e i Doni della Morte è il secondo film più atteso del 2010, GiraTempoWeb, 12 agosto 2009. URL consultato il 18 luglio 2009.
  160. ^ Top 10 Most Anticipated Movies of 2010 Internet Movie Database (ultimo accesso il 18-07-2009)
  161. ^ (EN) Behind the Scenes Report from Shell Cottage Filming on Harry Potter and the Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 13 maggio 2009. URL consultato il 28 luglio 2009.
  162. ^ (EN) Elizabeth Guider, Scott Roxborough, Deutsch treat for Warner Bros., The Hollywood Reporter, 19 marzo 2009. URL consultato il 13 aprile 2009.
  163. ^ (EN) Ed Meza, RTL pacts for Warner titles, Variety, 19 marzo 2009. URL consultato il 12 aprile 2009.
  164. ^ David Yates commenta la scena di King’s Cross
  165. ^ Hermione dopo aver letto il libro spiega in modo molto generico come distruggere gli Horcrux, ma non spiega dettagliatamente come fare; fa solamente un piccolo accenno al diario di Riddle che è stato distrutto cinque anni prima da Harry tramite il sangue velenoso del basilisco, subito dopo Ron fa notare che è una cosa impossibile procurarsi del sangue di Basilisco. Hermione però scopre come distruggere gli Horcrux successivamente quando scopre come funziona la spada di Godric Grifondoro
  166. ^ (EN) Ronald S. Lim, Pinoy Potterheads anticipate last two Harry Potter films, Manila Bulletin, 5 ottobre 2009. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  167. ^ (EN) Tomy to Make Toys, Games, More for Harry Potter and Deathly Hallows, The Leaky Cauldron, 29 ottobre 2009. URL consultato il 30 ottobre 2009.
  168. ^ EA Announces Harry Potter and the Deathly Hallows Videogames - EA News
  169. ^ (EN) Nandini Jayakrishna. Museum of Science to host Harry Potter exhibit. Boston.com, 22-07-2009 (ultimo accesso il 23-07-2009).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]