The Raven (film 2012)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Raven
The Raven.png
John Cusack e Luke Evans in una scena del film
Titolo originale The Raven
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA, Ungheria, Spagna
Anno 2012
Durata 111 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere thriller, orrore
Regia James McTeigue
Sceneggiatura Ben Livingston, Hannah Shakespeare
Produttore Marc D. Evans, Trevor Macy, Aaron Ryder, Richard Sharkey
Produttore esecutivo Jesus Martinez Asencio, Ildiko Kemeny
Casa di produzione Intrepid Pictures, FilmNation Entertainment, Galavis Film, Pioneer Pictures
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Danny Ruhlmann
Montaggio Niven Howie
Effetti speciali Paul Stephenson, Szilvia Paros
Musiche Lucas Vidal
Scenografia Roger Ford
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Raven è un film del 2012 diretto da James McTeigue e con protagonisti John Cusack, Alice Eve e Luke Evans. Il titolo del film si riferisce alla famosa poesia di Edgar Allan Poe Il corvo (The Raven in lingua inglese).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1849, a Baltimora, una donna e sua figlia vengono uccise brutalmente in una stanza chiusa e con una piccola finestra dalle architravi inchiodate. La polizia, capitanata dal detective Fields, scopre che in realtà i chiodi che bloccavano la finestra erano semplici bottoni che aprivano la finestra automaticamente. L'indizio ricorda l'opera "I delitti della Rue Morgue" dell'eccentrico scrittore Edgar Allan Poe. Costui pubblica i suoi racconti dell'orrore in un giornale di proprietà del signor Maddux, ma i soli che sembrano credere nelle sue potenzialità sono il suo compositore tipografico Ivan Reynolds e la giovane Emily Hamilton, la figlia del colonnello Hamilton nonché fidanzata di Edgar. In quel periodo, però, Poe non ha più molte idee per i suoi racconti. Accusato del delitto, Poe viene interrogato dal detective. Ma nel frattempo, viene rapito Lord Fellow, un rivale di Edgar Allan Poe: viene incatenato su un tavolo e tagliato in due da un'enorme lama. La macabra scena viene osservata dall'assassino. Quando viene scoperto il crimine, il detective e lo scrittore riconoscono nella scena del delitto alcune somiglianze con il racconto "Il pozzo e il pendolo" di Edgar Allan Poe. Quest'ultimo sospetta che il maniaco possa colpire anche ad un ballo regale organizzato dal colonnello Hamilton in onore di Emily, ispirandosi al racconto "La maschera della morte rossa". La polizia si intrufola al ballo ma l'assassino riesce, grazie ad una strategia, a rapire Emily senza essere visto. La donna viene nascosta sotto il pavimento di legno di quel che sembra un sotterraneo. Edgar Allan Poe, assieme al detective, al padre di Emily, il poliziotto Cantrell e altri agenti, continua la ricerca. Nel frattempo l'assassino commette l'ennesimo delitto, ispirandosi a "La verità sulla vicenda del signor Valdemar". Intanto Poe, costretto dal serial killer, inizia a scrivere un racconto prendendo spunto da quel che sta succedendo. La polizia riesce a scoprire, continuando le indagini, che Emily potrebbe essere nascosta nei sotterranei, così come il protagonista de "Il barile di Amontillado", aveva imprigionato la sua vittima nelle catacombe di una citta. Il detective riesce a intravedere, nell'ombra, il maniaco che fugge. Cerca di inseguirlo ma senza alcun esito. Nel frattempo, Edgar e gli agenti non trovano la donna, ma solo il cadavere di un marinaio scomparso e sospettato in precedenza di essere il killer: il corpo era nascosto dietro un muro dei sotterranei, come la moglie dell'assassino ne "Il gatto nero". Edgar Allan Poe, disperato, scrive il finale del racconto ispirato a quei fatti: lo scrittore, ossia egli stesso, darà la sua vita all'assassino in cambio di quella di Emily. La polizia riesce a raggiungere l'ennesimo luogo indicato dal maniaco: una cattedrale. Anche qui il serial killer si fa vivo, sgozza il poliziotto Cantrell e ferisce gravemente il detective Fields. Edgar Allan Poe, nel frattempo, trova davanti casa una copia del giornale in cui è stato pubblicato il finale del racconto e un messaggio da parte dell'assassino: leggendo il messaggio, capisce che il colpevole sapeva già come sarebbe finito il racconto e che quindi aveva letto quel finale prima che venisse pubblicato. Si reca quindi alla casa del gornale di Maddux, il capo del suo giornale. Questi stava infatti sfruttando il nuovo racconto di Poe per vendere più copie di giornale e quindi potrebbe essere lui il maniaco. Ma Poe scopre con sorpresa che il signor Maddux è deceduto: il serial killer gli ha amputato le mani. Edgar Allan Poe arriva così a scoprire la triste verità: il vero assassino è proprio il suo compositore tipografico Ivan. Avendo capito tutto, Poe si trova davanti lo stesso Ivan: lui ha fatto tutto questo per aiutare Edgar a scrivere un ultimo sensazionale racconto. Il colpevole dà poi allo scrittore un bicchiere di veleno: vuole infatti che Poe si uccida rispettando quindi il finale del racconto. In cambio, Emily sopravviverà. Poe beve il liquido e subito dopo Ivan si allontana per prendere una carrozza che lo porterà a Parigi, in Francia, salutando un'ultima volta Edgar Allan Poe. Questi riesce a capire che la donna si nasconde proprio sotto il pavimento del posto dove si trova. Con le ultime forze, lo scrittore, ricordandosi del suo racconto "Il cuore rivaltore", riesce a trovare e liberare la donna che viene poi soccorsa dalla polizia. Un passante trova Edgar Allan Poe delirante su una panchina: lo scrittore ripete continuamente il cognome "Reynolds" (il cognome di Ivan) e prima che arrivino i soccorsi muore, dopo aver mormorato le sue ultime parole: "Signore, abbi pietà per la mia povera anima". Qualche tempo dopo, in Francia, Ivan percorre le strade di Parigi convinto che non verrà mai scoperto. Ma si sbaglia: entrato in una carrozza, si imbatte nel detective Fields. Questi ha infatti capito il messaggio detto da Poe prima di morire e ha quindi capito chi era l'assassino. Il detective estrae una pistola con la quale uccide Ivan.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono cominciate il 9 novembre 2010 a Belgrado e Budapest.[1] Inizialmente Jeremy Renner era stato preso come star del film, ma successivamente rinunciò alla parte per entrare nel cast del film Mission: Impossible - Protocollo fantasma.[2] Anche Ewan McGregor era stato contattato per interpretare un ruolo[3], ma non accettò la parte.[4] Il 28 agosto 2010 venne confermato che John Cusack avrebbe interpretato il ruolo di Edgar Allan Poe, il protagonista del film.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 ottobre 2011 è stato distribuito online da Apple.com il primo trailer ufficiale del film[5] e il 2 dicembre è stato distribuito il trailer internazionale.[6] Successivamente, il 17 febbraio 2012 è stato diffuso il teaser trailer italiano del film,[7] seguito il 23 febbraio dal full trailer ufficiale.[8]

Il film è stato proiettato in anteprima nei cinema spagnoli, irlandesi e britannici a partire dal 9 marzo 2012.[9] In Italia è stato distribuito a partire dal 23 marzo 2012 dalla Eagle Pictures[10] ed è arrivato nelle sale statunitensi il 27 aprile.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) First Set Photos of John Cusack as Edgar Allan Poe in James McTeigue’s THE RAVEN, collider.com. URL consultato il 19 settembre 2011.
  2. ^ (EN) The Raven Loses Jeremy Renner, Gains Luke Evans, Alice Eve, screencrave.com. URL consultato il 19 settembre 2011.
  3. ^ (EN) Jeremy Renner and Ewan McGregor in Talks for James McTeigue’s Raven; Renner Might Also Star in Peter Berg’s Battleship, slashfilm.com. URL consultato il 19 settembre 2011.
  4. ^ (EN) John Cusack Is The Raven's Poe - So Tweeteth the actor..., empireonline.com. URL consultato il 19 settembre 2011.
  5. ^ Ecco il trailer di The Raven!, badtaste.it, 7 ottobre 2011. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  6. ^ The Raven: il trailer internazionale, badtaste.it, 2 dicembre 2011. URL consultato il 2 dicembre 2011.
  7. ^ John Cusack è Edgar Allan Poe nel trailer italiano di The Raven, ScreenWeek Blog.
  8. ^ The Raven, il full trailer italiano, Badtaste.it, 23 febbraio 2012. URL consultato il 23 febbraio 2012.
  9. ^ a b Date di uscita di The Raven sull'Imdb, Internet Movie Database. URL consultato il 1º marzo 2012.
  10. ^ The Raven in Italia con Eagle Pictures, everyeye.it, 26 maggio 2011. URL consultato il 7 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema