La sepoltura prematura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
La sepoltura prematura
Titolo originaleThe Premature Burial
Illustrazione di Harry Clarke, 1919
AutoreEdgar Allan Poe
1ª ed. originale1844
Genereracconto
Lingua originaleinglese

La sepoltura prematura (The Premature Burial) è un racconto di Edgar Allan Poe appartenente alla raccolta Racconti del terrore. Fu pubblicato per la prima volta nel 1844 in The Philadelphia Dollar Newspaper.

Racconto[modifica | modifica wikitesto]

Il racconto è costituito da alcuni esempi di sepoltura di esseri umani ancora in vita, creduti morti a causa di un prolungato stato di coma o catalessi. Il brano evidenzia ripetutamente il terrore e l'angoscia che si provavano spesso, all'epoca, di fronte alla prospettiva di essere sepolti vivi. Vari sono stati i ritrovamenti di bare dai coperti graffiati e incisi dall'interno.

Il racconto risente dell'influenza della poesia sepolcrale settecentesca, che cantava gli orrori della tomba. Il protagonista del racconto ammette, alla fine, di essere un lettore dei Night thoughts, i Pensieri notturni di Edward Young.

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film Sepolto vivo è tratto dal racconto.
  • Il film Buried - Sepolto si ispira a questo racconto.
  • Nell'episodio "Quarantena" (4x13) della serie televisiva statunitense Alias la protagonista viene rinchiusa viva in una bara.
  • Nell'episodio "Sepolto Vivo" della serie tv statunitense CSI - Scena del crimine un agente della scientifica, Nick Stokes viene rapito e sepolto vivo.
  • Nell'episodio "Sepolto" della serie tv tedesca Squadra Speciale Cobra 11 l'ispettore Ben Jager viene sepolto vivo nei pressi di uno svincolo autostradale.
  • Nell'episodio "La fine è vicina" della serie The Following (serie che si ispira ai racconti di Poe), il personaggio di Debra Parker viene rapita e sepolta viva dai membri della setta.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN184430011
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura