Il ritratto ovale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il ritratto ovale
Titolo originaleThe Oval Portrait
Poe the oval portrait.JPG
Un'illustrazione ottocentesca del racconto
AutoreEdgar Allan Poe
1ª ed. originale1842
Genereracconto
Lingua originaleinglese

Il ritratto ovale (The Oval Portrait), è una storia breve di Edgar Allan Poe, scritta nel 1842.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il narratore della storia si trova ferito, per motivi ignoti, si rifugia in una torre di un castello abbandonato sugli Appennini insieme al suo domestico. Nella camera della torre il personaggio rimane estasiato dai dipinti che decorano le pareti della stanza, e comincia a sfogliare un libro, trovato sul cuscino, che descrive la storia di ciascun quadro. Spostando un candelabro per leggere meglio, l'uomo scorge un ritratto ovale raffigurante la testa e le spalle di una giovane donna, da cui rimane intensamente colpito. Dopo averlo osservato a lungo, si concentra sulla vitalità espressa dal volto della giovane, e incuriosito decide di sfogliare il libro per conoscerne la storia.

Il libro parla della vita della fanciulla ritratta nel quadro, andata in moglie a un pittore, innamorato più della sua arte che di lei. La donna si dimostra una moglie devota e servizievole, tanto da accettare di posare per lui, nonostante vedesse nell'arte un'acerrima rivale. Il marito sceglie di ritrarla nella camera fredda e austera della torretta. La moglie rimane in posa obbediente, per settimane, e man mano che il lavoro prosegue la sua salute diventa sempre più cagionevole. Il pittore però, preso dalla sua creazione, non si accorge del deperimento della moglie, continuando a dipingere forsennatamente, senza distogliere lo sguardo dalla tela. Data l'ultima pennellata, l'uomo rimane estasiato dalla vitalità della sua creazione, ma voltandosi verso sua moglie, si accorge che ormai è morta.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

L'idea centrale della storia risiede nella relazione tra l'arte e la vita. Nel racconto, la dipendenza dall'arte viene raffigurata come assassina, responsabile della morte della giovane sposa. L'arte viene identificata con la morte, e viene sottolineato il rapporto conflittuale tra l'arte e la vita. Secondo Poe la poesia come arte è la creazione ritmica della bellezza, e il tema più poetico del mondo è la morte di una bella donna (vedi La filosofia della composizione). Il ritratto ovale suggerisce che sia la bellezza della donna ad averla condannata a morte.[1] Poe suggerisce nel racconto che l'arte può essere rivelatrice delle colpe e dei mali dell'artista e che l'artista si nutra di essa, e sia capace di distruggere la vita che ha trasformato in arte.[2]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il testo evidenzia all'inizio del racconto due personaggi, ovvero, il protagonista che si presenta anche come narratore, questi è malato e confuso a causa di una malattia ignota, accompagnato dal suo servo. Continuando con la lettura possiamo trovare altri due personaggi ovvero l'autore del quadro che rapisce per minuti l'attenzione del protagonista e la vittima che è attribuita alla figura rappresentata nel quadro stesso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hoffman, Daniel, 1923-2013., Poe Poe Poe Poe Poe Poe Poe, Louisiana paperback ed, Louisiana State University Press, 1998, ISBN 0-8071-2321-8, OCLC 39122758. URL consultato il 4 ottobre 2018.
  2. ^ Meyers, Jeffrey., Edgar Allan Poe : his life and legacy, 1st Cooper Square Press ed, Cooper Square Press, 2000, ISBN 0-8154-1038-7, OCLC 44413785. URL consultato il 4 ottobre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura