L'isola della fata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'isola della fata
Titolo originaleThe Island of the Fay
Falero Luis Ricardo Lily Fairy 1888.jpg
La fata, dipinto di Luis Ricardo Falero (1888)
AutoreEdgar Allan Poe
1ª ed. originale1841
Genereracconto
Sottogenereorrore, fantastico
Lingua originaleinglese
AmbientazioneIsola immaginaria
PersonaggiL'io narrante

L'isola della fata è un racconto breve scritto da Edgar Allan Poe nel 1841, pubblicato nella raccolta Racconti dell'impossibile o Racconti fantastici.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'autore si cimenta in una discussione filosofica, sulla superiorità di Dio e della Natura nei confronti dell'uomo. Il narratore poi racconta di essersi trovato a vagabondare in una lontana regione montuosa dove, seduto sotto un albero, aveva cominciato ad osservere il paesaggio. La valle era attraversata da un piccolo fiume, che ad un tratto deviava il suo corso formando un'isola circolare. Su un lato dell'isolotto cresceva una vegetazione rigogliosa, mentre l'altra parte era cupa, avvolta da alberi spettrali, che riflettano sull'acqua un'ombra nera. Il narratore scorse una barchetta sospinta da una fata, che faceva il giro dell'isola. Ad ogni giro compiuto, attraversando l'ombra tetra, la fata sembra perdere bellezza e vitalità. Dopo diversi passaggi, al calar del sole, la fata viene definitivamente avvolta nell'oscurità, scomparendo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni di L'isola della fata, su Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Fantascienza.com. (aggiornato fino al gennaio 2010)