Pan Am (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pan Am
Pan Am serie TV.JPG
Immagine dalla sigla della serie televisiva
Titolo originalePan Am
PaeseStati Uniti d'America
Anno2011-2012
Formatoserie TV
Generein costume, drammatico
Stagioni1
Episodi14
Durata41 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreJack Orman
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivoJack Orman, Nancy Hult Ganis, Thomas Schlamme
Casa di produzioneSony Pictures Television, Woodbridge Productions
Prima visione
Prima TV originale
Dal25 settembre 2011
Al19 febbraio 2012
Rete televisivaABC
Prima TV in italiano
Dal9 gennaio 2012
Al9 aprile 2012
Rete televisivaFox Life

Pan Am è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2011 al 2012.

La serie è incentrata sulle vicende di alcuni piloti e assistenti di volo della compagnia aerea Pan Am durante gli anni 60 del XX secolo.

Creata da Jack Orman per la ABC, ha debuttato in prima visione il 25 settembre 2011.[1] In Italia la serie è stata trasmessa per la prima volta sul canale satellitare Fox Life dal 9 gennaio 2012,[2] mentre in chiaro ha debuttato su Cielo il 22 aprile 2012 con un'anteprima dell'episodio pilota per poi essere trasmessa interamente dal 16 settembre al 22 dicembre 2012.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1963. Con il mondo occidentale in piena rivoluzione culturale, la modernità e il lusso sono rappresentati dal trasporto aereo, e la Pan American World Airways è leader nel settore. I piloti sono visti come rockstar, mentre le hostess sono donne desiderabili e invidiate; in pieno periodo pre-femminista, queste vivono infatti la rara opportunità di viaggiare fuori del Paese, qualcosa che la maggior parte delle ragazze di quell'epoca può solo sognare. Per rappresentare al meglio la compagnia vengono scelti giovani di bell'aspetto, educati e colti: tra loro vi sono il giovane pilota Dean, un ragazzo ambizioso e carismatico che assume presto una posizione di leadership nella compagnia nonostante la giovane età, e il primo ufficiale Ted, proveniente da una ricca e facoltosa famiglia; tra le assistenti di volo vi sono la ribelle Maggie, l'emancipata Colette e le sorelle Kate e Laura.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 14 2011-2012 2012

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie, prodotta da Sony Pictures Television, è stata ordinata dal network statunitense ABC nel maggio 2011 in vista della stagione televisiva 2011-2012.[4] Per poter utilizzare nome e logo della scomparsa Pan American World Airways, la Sony ha ottenuto i diritti dalla Pan Am Systems, una compagnia ferroviaria del New Hampshire che aveva acquisito il marchio Pan Am nel 1998.[5] L'episodio pilota è stato diretto da Thomas Schlamme e scritto da Jack Orman, ed ebbe un costo stimato di 10 milioni di dollari. La ABC commissionò 5 ulteriori episodi nel novembre del 2011, aggiungendo infine un quattordicesimo episodio alla serie. A metà della trasmissione, Steven Maeda venne nominato nuovo showrunner della serie, con il compito di enfatizzarne l'aspetto di soap opera.[6]

Nonostante gli episodi mostrino i personaggi in varie parti del mondo, la serie è stata girata all'ex cantiere navale di New York e in altre location nei pressi della città. Parti dell'episodio pilota vennero girate ai Gold Coast Studios di Bethpage, Long Island; la replica a grandezza naturale di un Boeing 707 della Pan Am era contenuta in un hangar sul lungomare di Brooklyn.[7]

Un Boeing 707 della Pan Am al Worldport dell'allora New York International Airport, 1961: la location, demolita nel 2013-14, e che al momento delle riprese di Pan Am già versava in pericolo di conservazione, è stata ricreata nella serie grazie all'uso della computer grafica.[8]

Nancy Hult Ganis, hostess per la Pan Am tra il 1968 e il 1976, fu tra i produttori della serie e ricercò fonti e materiale storico negli archivi della Pan Am all'Università di Miami, per rendere la ricostruzione quanto più possibile fedele alla realtà.[9] Le uniformi delle hostess vennero create utilizzando il processo produttivo degli anni 1960, sulla base di un capo originale che venne studiato nei minimi dettagli.[10] Tra i rari anacronismi, il logo della Pan Am mostrato nella sigla non è corretto per il periodo in cui è ambientata la serie. Fino al 1973, le lettere di "Pan Am" all'interno del globo blu non si toccavano tra di loro; nel 1970 il logo venne modificato, lasciando il globo vuoto e la scritta "Pan Am" alla sua destra; solo nel 1973 la scritta venne riportata all'interno del globo, con le lettere che si sovrappongono tra loro.[11]

A novembre del 2011, i media specularono che la serie fosse stata cancellata dalla ABC, sulla base di un commento di Karine Vanasse sul futuro della trasmissione;[12] nell'immediato il network negò le indiscrezioni, pianificando di completare 14 episodi e rimandando la decisione sulla realizzazione di una seconda stagione a un momento successivo. L'11 maggio 2012 la ABC ha cancellato ufficialmente la serie a causa dei bassi ascolti.[13] Nel corso del mese di maggio, Sony Pictures Television trattò con Amazon per produrre una seconda stagione da trasmettere sulla loro piattaforma di streaming, visto il successo ottenuto dalla serie fuori dagli Stati Uniti:[14] tuttavia, non avendo raggiunto un accordo con Amazon, i produttori cancellarono definitivamente la serie il 20 giugno 2012, dopo la scadenza dei contratti del cast.[15]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Metacritic assegna alla serie un punteggio di 68 basato su 28 recensioni, indicando una ricezione generalmente favorevole.[16] Heather Hogan di AfterEllen.com ha valutato la serie positivamente, spiegando che «Continuo ad essere impressionata dal modo impenitente in cui Pan Am metta le donne in primo piano in ogni situazione. Non credo che Pan Am sappia ancora che tipo di serie voglia essere. Ma non credo neanche che questo sia un problema, perché ogni sua sfaccettatura — dramma sulla guerra fredda, sul femminismo, soap opera nostalgica — ha qualcosa da offrire». Gli episodi successivi hanno tuttavia ricevuto punteggi più bassi, per la perdita dell'attenzione sulle donne e per l'inserimento di vicende romantiche.[17] Matthew Gilbert del Boston Globe ha dato alla serie una valutazione "B", scrivendo che «Il romanticismo e l'innocenza gradevolmente stilizzata del periodo danno assuefazione, ma la sottotrama di spionaggio, collegata alla storia politica del tempo, è assurda. E il messaggio dell'emancipazione femminile emerge debolmente».[18] The Insider l'ha inserita nella sua lista delle migliori nuove serie autunnali della stagione 2011-12.[19]

I media hanno notato che nessuno dei personaggi principali fuma, nonostante questa fosse all'epoca una pratica comune sui voli e negli aeroporti; ciò poiché in tempi moderni la Disney, di cui la ABC fa parte, proibisce l'uso del tabacco da parte dei protagonisti, in modo da non promuovere tale pratica. Il produttore Thomas Schlamme definì questo «l'unico imbroglio revisionista», dicendo di aver già affrontato una simile restrizione nel dirigere un'altra serie per la ABC. Alcune comparse sono comunque visibili mentre fumano sullo sfondo.[20]

Nel Regno Unito, Melissa Whitworth del Daily Telegraph scrisse che Pan Am aveva scelto di «aerografare» gli anni 1960, in quanto mostra una visione «romanzata» di tale epoca.[21] Colin Kennedy e Sharon Lougher della locale edizione di Metro dissero che la serie è «fastidiosamente attratta dalla suo stesso senso dello stile», commentando tuttavia che le sue vicende rendessero la soap un «piacere proibito».[22] Euan Ferguson del Guardian ha lodato Christina Ricci come indicatore positivo della qualità della recitazione, ma ha criticato il cast in generale, sostenendo che le similitudini nell'aspetto e le uniformi identiche rendessero difficile per gli spettatori riconoscere i personaggi;[23] sempre sulla testata londinese, al contrario Emma Brockes ha lodato il cast per aver regalato delle «performance convincenti».[24] In Irlanda, Pat Stacey dell'Evening Herald ha invece scritto che la serie mostra «vicende sciocche» e «dialoghi stucchevoli», tacciandola di «elevata mediocrità».[25]

Scott McCartney del Wall Street Journal scrive che la serie ha evidenziato «l'eleganza e l'emozione» del trasporto aereo dei primi anni 1960, e aggiunge che ex dipendenti della compagnia ritengono la serie una riproduzione accurata, fatta eccezione per alcune aggiunte di «glamour hollywoodiano».[26]

L'Association of Flight Attendants, il più grande sindacato mondiale di assistenti di volo, ha rilasciato una dichiarazione dopo il lancio della serie, dicendo che questa ricorda i progressi compiuti dalle hostess a partire dalle ingiustizie sociali dell'epoca:

«Il primo episodio di Pan Am può essere una fuga nostalgica ai giorni precedenti la deregolamentazione, ma ha anche evidenziato la miriade di ingiustizie sociali superate dalle donne forti che hanno dato forma a un nuovo lavoro. Controlli del peso, dei corsetti, la regola del nubilato, il sessismo, la discriminazione razziale... tutto questo è stato cambiato da donne intelligenti e visionarie che hanno aiutato a far partire le richieste di cambiamento in tutto il paese e in tutto il mondo. Come membri dei sindacati, gli assistenti di volo membri degli equipaggi della Pan American World Airways e delle altre compagnie aeree negli anni 60, hanno fortificato le loro voci per spingere le direzioni delle compagnie e la politica a garantire l'uguaglianza dei diritti, il riconoscimento del loro lavoro, e migliori standard sanitari e di sicurezza nell'aviazione di cui hanno beneficiato i viaggiatori. Negoziare salari migliori, periodi di riposo, assistenza sanitaria e benefici pensionistici hanno fatto sì che le abili hostess ponessero dei nuovi standard per fornire opportunità migliori a tutti gli uomini e a tutte le donne.[27]»

In un'intervista del 2018, ricordando l'insuccesso di Pan Am, Christina Ricci commentò: «Penso che non avrebbe dovuto essere trasmessa da un network televisivo. Credo che se fosse stata sulla pay tv o in streaming, si sarebbe stati in grado di fare molto di più. Fare una serie su quel periodo storico, e doverla fare così politically correct non ha senso, perché così non c'è più sostanza», rimanendo tuttavia molto fiera dell'opera, definita «veramente ben fatta».[28]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - ASC Award
    • Nomination Migliore fotografia a John Lindley (per l'episodio Benvenuti a bordo)
  • 2012 - VES Award
    • Nomination Miglior ambiente creato in un programma radio o TV
    • Nomination Migliori effetti visivi di supporto in un programma TV (per l'episodio Benvenuti a bordo)
  • 2012 - Art Directors Guild Award
    • Nomination Migliore scenografia (per l'episodio Benvenuti a bordo)
  • 2012 - Costume Designers Guild Award
    • Nomination Migliori costumi per una serie TV - Period Drama/Fantasy ad Ane Crabtree

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Robert Seidman, ABC Announces Fall Series Premiere Dates: Late Starts for 'Once Upon a Time,' 'Man Up', su tvbythenumbers.zap2it.com, 27 giugno 2011. URL consultato il 3 settembre 2011.
  2. ^ Fox Italia: a gennaio C'era una volta, Grey's anatomy 8, Happy Endings, Pan Am e Dexter 6, su tvblog.it, 26 dicembre 2011. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  3. ^ Antonio Genna, Sky Free Pass, per la prima volta su Cielo dal 20 al 22 aprile tre giorni di programmi Sky per tutti, su antoniogenna.com, 19 aprile 2012. URL consultato il 22 aprile 2012.
  4. ^ (EN) Lacey Rose, Lesley Goldberg, ABC Picks Up 'Charlie's Angels,' 'Pan Am,' Tim Allen and Shonda Rhimes Projects, More, su hollywoodreporter.com, 13 maggio 2011. URL consultato il 3 settembre 2011.
  5. ^ (EN) Michael Schneider, Pilot flies Pan Am, su variety.com, 20 settembre 2010. URL consultato il 3 settembre 2011.
  6. ^ (EN) 'Pan Am' showrunner Steven Maeda talks about the struggling drama, su latimesblogs.latimes.com, 17 febbraio 2012.
  7. ^ (EN) Fall TV Preview: Sunday, su ew.com. URL consultato il 18 aprile 2020.
  8. ^ (EN) Ian Failes, Pan Am: retro green screen world, su fxguide.com, 31 agosto 2011.
  9. ^ (EN) Angela Watercutter, TV Fact-Checker: A Former Stewardess on Pan Am‘s Friendlier Skies, su wired.com, 25 settembre 2011.
  10. ^ (EN) Creating Pan Am's costumes, su fashion.telegraph.co.uk. URL consultato il 18 aprile 2020.
  11. ^ (EN) The 1970s "New Look", su everythingpanam.com.
  12. ^ (EN) 'Pan Am's' Karine Vanasse on Her Mistaken Cancelation Tweet, the Fallout Over Bridget's Return, su hollywoodreporter.com. URL consultato il 18 aprile 2020.
  13. ^ (EN) Robert Seidman, Updated (3): ‘Don’t Trust The B in Apt 23,’ ‘Scandal’ Renewed by ABC for Second Seasons; ‘GCB’ Canceled, su tvbythenumbers.zap2it.com, 11 maggio 2012. URL consultato il 12 maggio 2012.
  14. ^ (EN) Nellie Andreeva, Will 'Pan Am' Take Flight With Amazon?, su deadline.com, 23 maggio 2012.
  15. ^ (EN) 'Pan Am' Officially Grounded, su huffpost.com, 20 giugno 2012.
  16. ^ (EN) Pan Am, su metacritic.com. URL consultato il 19 aprile 2020.
  17. ^ (EN) Gay Girl’s Goggles: "Pan Am" SnapCap (1.03), su afterellen.com, 12 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2011).
  18. ^ (EN) Which new fall series make the grade?, su articles.boston.com, 1º dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2011).
  19. ^ (EN) 10 Best New Fall TV Shows, su theinsider.com, 24 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2011).
  20. ^ (EN) Pan Am stories: 'It was like, "I'm a stewardess!"', su pbpulse.com, 26 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2011).
  21. ^ (EN) Melissa Whitworth, Pan Am: When air travel was sexy, su telegraph.co.uk, 16 novembre 2011.
  22. ^ (EN) Pan Am, Frozen Planet and Who Do You Think you Are? USA: TV Picks, su metro.co.uk, 6 dicembre 2012. URL consultato il 19 aprile 2020 (archiviato il 6 dicembre 2012).
  23. ^ (EN) Euan Ferguson, Rewind TV: Pan Am, su theguardian.com, 20 novembre 2011.
  24. ^ (EN) Emma Brockes, Christina Ricci: 'I don't think anything I said was really dark', su theguardian.com, 11 novembre 2011.
  25. ^ (EN) As Pan am looks set to crash, we look at other cancelled flights of fancy, su herald.ie. URL consultato il 19 aprile 2020.
  26. ^ (EN) Scott McCartney, Pan Am and Elegant Air Travel, Found Only on the TV Screen, su blogs.wsj.com, 27 ottobre 2011.
  27. ^ (EN) Association of Flight Attendants-CWA, su afanet.org, 9 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2011).
  28. ^ (EN) Christina Ricci on sleeping over at Cher's and the importance of being Wednesday, su avclub.com. URL consultato il 19 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]