The Exorcism of Emily Rose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Exorcism of Emily Rose
Titolo originaleThe Exorcism of Emily Rose
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2005
Durata119 min (versione originale)
115 min (versione integrale non censurata, distribuita in Italia)
Rapporto2,40:1
Genereorrore, drammatico, thriller
RegiaScott Derrickson
SceneggiaturaPaul Harris Boardman, Scott Derrickson
Casa di produzioneScreen Gems
FotografiaTom Stern
MontaggioJeff Betancourt
Effetti specialiBill Orr, William H. Orr, Keith VanderLaan
MusicheChristopher Young
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

«Attendete alla vostra salvezza con timore e tremore.» (Filippesi 2,12)

(Iscrizione sulla tomba di Emily Rose)

The Exorcism of Emily Rose (letteralmente "L'esorcismo di Emily Rose") è un film del 2005 diretto da Scott Derrickson. Il film segna il debutto cinematografico di Jennifer Carpenter in un film horror, cosa che in seguito le procurò svariati altri ruoli in altre pellicole horror, sia marginali che ancora da protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Emily Rose è una giovane studentessa di diciannove anni, proveniente da una famiglia povera e molto religiosa. Quando vince una borsa di studio, Emily può realizzare il suo sogno ed andare al college per studiare come insegnante. Una notte, mentre si trova da sola nel proprio dormitorio, Emily viene svegliata da un forte odore di bruciato proveniente dal corridoio e, quando esce a controllare, vede la porta principale aprirsi e chiudersi da sola diverse volte. Rientrata nella propria stanza, Emily comincia a vedere strani fenomeni, come un porta-matite spostarsi e cadere sul pavimento e, cercando di ignorare tali eventi, la ragazza torna a letto, ma le coperte si spostano da sole ed una forza misteriosa sembra soffocare e controllare Emily che rimane paralizzata ed in stato catatonico per diversi istanti. Terrorizzata, la ragazza inizia a chiedersi se quanto le sta accadendo sia reale o se si tratti di allucinazioni. I fenomeni peggiorano, così Emily viene ricoverata in ospedale, dove i medici diagnosticano un'epilessia. Nonostante le potenti cure farmacologiche, le visioni e le convulsioni di Emily non cessano, anzi peggiorano. La ragazza è costretta a lasciare il college e torna a vivere con la sua famiglia, la quale si convince che la causa della sofferenza di Emily non sia una malattia, ma una vera e propria possessione demoniaca. Viene così convocato Padre Moore, un sacerdote cattolico della locale parrocchia per praticare un rituale di esorcismo sulla giovane, previo consenso sia della ragazza, sia della Chiesa. All'esorcismo assistono anche Jason, amico di Emily, il padre della ragazza ed un medico. Padre Moore registra l'audio del rito e lo consegna successivamente al medico presente.

Emily viene legata al letto, reagisce alle affermazioni del sacerdote parlando in varie lingue a lei sconosciute. In seguito la giovane riesce a liberarsi e a buttarsi dalla finestra per dirigersi nel fienile. Qui i presenti assistono a fenomeni soprannaturali, come voci diaboliche e improvvise raffiche di vento. Inizialmente il demonio che possiede il corpo di Emily rifiuta di dire il proprio nome, ma in seguito rivela sprezzante che si tratta di ben sei demoni: gli stessi che possedettero Caino, Nerone, Giuda Iscariota, Legione, Belial e Lucifero. Nei momenti di lucidità Emily scrive diverse lettere, in una di queste racconta di aver avuto un'apparizione della Vergine Maria che la metteva di fronte ad una scelta: lasciare il proprio corpo e smettere di soffrire, oppure restare, per provare al mondo l'esistenza di Dio e del Diavolo. Emily decide di restare. Ma la sua morte provoca un grande scandalo e il sacerdote viene processato con l'accusa di omicidio colposo. Il film mostra pertanto il processo a cui è sottoposto Padre Moore, difeso dall'avvocatessa agnostica Erin Bruner, che rappresenta l'Arcidiocesi. Il sacerdote rifiuta a priori un'offerta di patteggiamento e la sua legale metterà a repentaglio la propria carriera facendo testimoniare lo stesso Padre Moore, il quale chiede ed ottiene di poter raccontare dal banco dei testimoni la storia di Emily Rose.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola si ispira ad una vicenda realmente accaduta nel 1976 alla ragazza tedesca Anneliese Michel, morta in seguito a diversi rituali di esorcismo[1][2][3][4]. Il film ha suscitato numerose critiche a causa dei controversi argomenti trattati.

È stato prodotto dalle società Screen Gems, Lakeshore Entertainment e Firm Films.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in varie nazioni, fra cui:[5]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Presentato al festival di Venezia il 1º settembre 2005 e distribuito il 9 settembre successivo, il film ha riscosso un grande successo, incassando 75.072.454 dollari solo negli USA[8] e 69.144.014 nel resto del mondo, fra cui 5.751.578 in Italia e 5.609.245 in Germania[9].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Morando Morandini, Laura Morandini e Mauro Tassi, Il Morandini 2010, Zanichelli, ISBN 978-88-08-30176-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316752190 · LCCN (ENn2009031355 · GND (DE7709545-5
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema