Florence Pugh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Florence Pugh al San Diego Comic-Con International 2019

Florence Rose Pugh (Oxford, 3 gennaio 1996) è un'attrice britannica.

Ha ottenuto il riconoscimento pubblico per i suoi ruoli nei film Lady Macbeth (2016), Una famiglia al tappeto (2019), Midsommar - Il villaggio dei dannati (2019). Grazie alla performance nella pellicola Piccole donne (2019), ottiene il plauso della critica e si aggiudica la sua prima candidatura al Premio Oscar nella sezione miglior attrice non protagonista, ai Critics' Choice Awards e la seconda candidatura ai British Academy Film Awards.

Dal 2021 interpreta il ruolo di Yelena Belova (alias Vedova Nera) nel Marvel Cinematic Universe, tra cui il film Black Widow e la serie originale Hawkeye, distribuita su Disney+.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Florence Pugh è nata il 3 gennaio 1996 ad Oxford.[1][2] Figlia della ballerina Deborah e del ristoratore Clinton Pugh,[3][4] ha tre fratelli: l'attore e musicista Toby Sebastian, l'attrice Arabella Gibbins e Rafaela "Raffie" Pugh.[5] Da bambina soffriva di tracheomalacia, che la portava a frequenti ricoveri. La famiglia si è trasferita a Sotogrande in Spagna quando Pugh aveva tre anni, sperando che il clima più caldo avrebbe migliorato la sua salute. Hanno vissuto lì fino all'età di sei anni, a quel punto sono tornati a Oxford.[5][6] Ha studiato privatamente alla Wychwood School e alla St Edward's School di Oxford, ma non le piaceva il modo in cui le scuole non supportavano le sue ambizioni di recitazione.[7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I primi ruoli (2014–2018)[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto il suo debutto come attrice professionista nel 2014, nel film drammatico The Falling, al fianco di Maisie Williams.[7][8] Tara Brady del The Irish Times ha lodato la performance dell'attrice ritenedola "notevole", mentre Oliver Lyttelton di IndieWire l'ha definita "sorprendente".[9][10]

Nel 2016 è protagonista della pellicola indipendente Lady Macbeth, in cui interpreta Katherine una giovane sposa che diventa violenta.[2] L'attrice ha dichiarato di aver scelto la parte poiché attratta da personaggi con motivazioni "confuse o almeno interessanti".[11] Grazie a questo ruolo ottiene le lodi della critica e si aggiudica il British Independent Film Awards come miglior attrice.[12]

Nel 2018 ottiene la sua prima candidatura ai British Academy Film Awards nella sezione miglior stella emergente.[13] Lo stesso anno recita al fianco di Anthony Hopkins in King Lear e prende parte al cortometraggio Leading Lady Parts a sostegno dell'iniziativa Time's Up.[7][14] Successivamente interpreta Elizabeth de Burgh nel film storico Outlaw King - Il re fuorilegge. Charles Bramesco di The Guardian l'ha trovata "eccellente nonostante il suo ruolo ingrato".[15] Recita nella miniserie The Little Drummer Girl, in cui interpreta un'attrice che negli anni '70 rimane coinvolta in un complotto di spionaggio.[16]

La rivelazione (2019–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 interpreta la wrestler professionista Paige nella commedia Una famiglia al tappeto. Il film è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2019 con recensioni positive.[17] Geoffrey Macnab di The Independent ha promosso ed attribuito all'attrice il merito di essere "completamente convincente come wrestler".[18] Lo stesso anno è protagonista del film horror Midsommar - Il villaggio dei dannati diretto da Ari Aster.[19] Successivamente veste i panni di Amy March nell'adattamento cinematografico Piccole Donne diretto da Greta Gerwig. Sia la pellicola che la performance dell'attrice ottengono il plauso della critica.[20][21] Grazie a questo ruolo ottiene la sua prima candidatura al Premio Oscar nella sezione miglior attrice non protagonista,[22] ai Critics' Choice Awards[23] e la seconda candidatura ai British Academy Film Awards.[24]

Nel 2021 prende parte al Marvel Cinematic Universe, interpretando il ruolo di Yelena Belova nel film Black Widow. Il film ha ottenuto recensioni positive da parte della critica, che ha messo in evidenza la performance distintiva dell'attrice.[25][26] Ha poi ripreso il ruolo nella serie originale Hawkeye, distribuita su Disney+.

Nel 2022 reciterà nel film thriller Don't Worry Darling, diretto da Olivia Wilde.[27]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Da aprile 2019 è fidanzata con l'attore Zach Braff.[28]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Florence Pugh è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Zach Braff says it is a 'pleasure to know' Florence Pugh in birthday tribute on Instagram, su The Independent.
  2. ^ a b (EN) Lady Macbeth: Florence Pugh on her killer first lead role, su bbc.com.
  3. ^ (EN) Florence Pugh goes straight from A-levels to LA, su oxfordmail.co.uk.
  4. ^ (EN) Florence Pugh: ‘Dying was not that bad’, su inews.co.uk.
  5. ^ a b (EN) From Little Women to Marvel Superhero, Florence Pugh Is a New Kind of Breakout Star, su Vogue.
  6. ^ (ES) Florence Pugh es la actriz del momento tras su nominación a un Oscar por 'Mujercitas', su ELLE.
  7. ^ a b c (EN) Florence Pugh: ‘You never see an unplucked brow in Hollywood', su theguardian.com.
  8. ^ (EN) 'After you left the room I said, Wow!': director Carol Morley and actress Florence Pugh on their haunting new film The Falling, su independent.co.uk.
  9. ^ (EN) The Falling review: combining kitchen-sink grit and otherworldly mystery, su irishtimes.com.
  10. ^ (EN) Review: Unsettling And Uneven ‘The Falling’ Starring Maisie Williams, su IndieWire.
  11. ^ (EN) No link to the Bard … but this Lady Macbeth is just as deadly, su theguardian.com.
  12. ^ a b (EN) ‘God’s Own Country’ Wins Big at British Independent Film Awards, su variety.com.
  13. ^ a b (EN) EE Rising Star Award in 2018, su bafta.org.
  14. ^ (EN) Gemma Arterton’s Time’s Up-inspired short ‘Leading Lady Parts’ takes aim at the casting process, su latimes.com.
  15. ^ (EN) Outlaw King review – Chris Pine fronts up for some macho medieval bombast, su theguardian.com.
  16. ^ (EN) Meet the cast of The Little Drummer Girl, su radiotimes.com.
  17. ^ (EN) ‘Fighting With My Family’ Breaks Out of Sundance at Specialty Box Office, su indiewire.com.
  18. ^ (EN) Fighting with My Family review: Far more gripping than its subject matter might suggest, su independent.co.uk.
  19. ^ (EN) ‘Midsommar’ explained: The filmmakers unpack the sex, rituals and shocking ending, su latimes.com.
  20. ^ (EN) The only Oscar ‘Little Women’ won was for costume design, su latimes.com.
  21. ^ (EN) ‘Little Women’: Film Review, su hollywoodreporter.com.
  22. ^ a b (EN) Here’s the full list of 2020 Oscar nominees, su vox.com.
  23. ^ a b (EN) Critics’ Choice: ‘The Irishman,’ ‘Once Upon a Time in Hollywood’ Lead Movie Nominations, su Variety.
  24. ^ a b (EN) BAFTA Nominations: ‘Joker’ Leads the Pack, su The Hollywood Reporter.
  25. ^ (EN) BLACK WIDOW FIRST REVIEWS: A THRILLING SPY MOVIE ABSOLUTELY WORTH THE WAIT, su editorial.rottentomatoes.com.
  26. ^ (EN) Can Florence Pugh’s ‘Black Widow’ Performance Earn an Oscar Nod?, su variety.com.
  27. ^ (EN) First look at Florence Pugh and Harry Style's Don't Worry Darling stops you dead in your tracks, su ew.com.
  28. ^ (EN) Florence Pugh shuts down troll who criticised age gap with boyfriend Zach Braff, su independent.co.uk, The Independent. URL consultato l'8 marzo 2020.
  29. ^ (EN) 2019 Cannes Film Festival: Chopard Names Trophy Award Winners, su wwd.com.
  30. ^ (EN) Cynthia Erivo, Beanie Feldstein, More Will Be Honored at Santa Barbara International Film Festival, su playbill.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40150170709900012849 · ISNI (EN0000 0004 7650 6868 · LCCN (ENno2017137596 · GND (DE115688246X · BNF (FRcb178166433 (data) · CONOR.SI (SL305333347 · WorldCat Identities (ENlccn-no2017137596