Festival di Cannes 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alejandro González Iñárritu, presidente di giuria

La 72ª edizione del Festival di Cannes si è svolta a Cannes dal 14 al 25 maggio 2019.[1]

Il regista messicano Alejandro González Iñárritu è stato il presidente della giuria.[2][3] Il film d'apertura è stato I morti non muoiono di Jim Jarmusch, mentre Hors normes di Olivier Nakache e Éric Toledano è stato quello di chiusura.[4][5] L'attore Édouard Baer ha presentato la cerimonia d'apertura e di chiusura della kermesse, per la quarta volta dopo le edizioni del 2008, 2009 e 2018.[6][7]

La locandina della 72ª edizione è un omaggio alla regista Agnès Varda, scomparsa il 29 marzo 2019, ritratta sul set del suo primo film La pointe courte.[8]

La Palma d'oro è stata assegnata al coreano Parasite di Bong Joon-ho.[9]

Selezione ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

La lista dei lungometraggi componenti la selezione ufficiale del Festival è stata annunciata il 18 aprile 2019,[10] con l'aggiunta di alcuni titoli annunciata il 2 maggio seguente.[11] I cortometraggi in concorso e nella sezione Cinéfondation sono stati annunciati il 19 aprile.[12] Il film della sezione Cannes Classics sono stati annunciati il 26 aprile.[13]

Concorso[modifica | modifica wikitesto]

Un Certain Regard[modifica | modifica wikitesto]

Fuori concorso[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni di mezzanotte[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi in concorso[modifica | modifica wikitesto]

Cinéfondation[modifica | modifica wikitesto]

  • Adam, regia di Shoki Lin – Università tecnologica Nanyang (Singapore)
  • Ahogy eddig, regia di Katalin Moldovai – Budapesti Metropolitan Egyetem (Ungheria)
  • Ambience, regia di Wisam Al Jafari – Dar al-Kalima University College of Arts and Culture (Palestina)
  • Bamboe, regia di Flo Van Deuren – Erasmushogeschool Brussel (Belgio)
  • Duszyczka, regia di Barbara Rupik – Scuola nazionale di cinema, televisione e teatro Leon Schiller di Łódź (Polonia)
  • Favoriten, regia di Martin Monk – Filmakademie Wien (Austria)
  • Hiêu, regia di Richard Van – California Institute of the Arts (Stati Uniti d'America)
  • Jeremiah, regia di Kenya Gillespie – Università del Texas ad Austin (Stati Uniti d'America)
  • Mano a mano, regia di Louise Courvoisier – CinéFabrique (Francia)
  • Netek, regia di Yarden Lipshitz Louz – HaMikhlela HaAkademit Sapir (Israele)
  • Pura vida, regia di Martin Gonda – Vysoká škola múzických umení v Bratislava (Slovacchia)
  • Reonghee, regia di Yeon Jegwang – Han-guk Yesul Jonghap Hakgyo (Corea del Sud)
  • Roadkill, regia di Leszek Mozga – University of the Arts London (Regno Unito)
  • Rosso: La vera storia falsa del pescatore Clemente, regia di Antonio Messana – La Fémis (Francia)
  • Slozhnopodchinennoe, regia di Olesya Yakovleva – Università statale di San Pietroburgo (Russia)
  • Solar Plexus, regia di David McShane – National Film and Television School (Regno Unito)
  • Sto dvacet osm tisíc, regia di Ondřej Erban – Filmová a televizní fakulta Akademie múzických umění v Praze (Repubblica Ceca)

Cannes Classics[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Quinzaine des Réalisateurs[modifica | modifica wikitesto]

La lista dei film componenti la sezione della Quinzaine des Réalisateurs è stata annunciata il 23 aprile 2019.[15]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Deux sœurs qui ne sont pas sœurs, regia di Beatrice Gibson (Regno Unito, Germania, Canada, Francia)
  • Les extraordinaires mésaventures de la jeune fille de pierre, regia di Gabriel Abrantes (Portogallo, Francia)
  • Grand Bouquet, regia di Nao Yoshigai (Giappone)
  • Hãy tỉnh thức và sẵn sàng, regia di An Pham Thien (Corea del Sud , Stati Uniti d'America, Vietnam)
  • Je te tiens, regia di Sergio Caballero (Spagna)
  • Movements, regia di Jeong Da-hee (Corea del Sud)
  • Olla, regia di Ariane Labed (Francia, Regno Unito)
  • Piece of Meat, regia di Jerrold Chong e Huang Junxiang (Singapore, Malesia)
  • Plaisir fantôme, regia di Morgan Simon (Francia)
  • That Which Is to Come Is Just a Promise, regia di Flatform (Italia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda)

Settimana internazionale della critica[modifica | modifica wikitesto]

La lista dei film componenti la sezione della Settimana internazionale della critica è stata annunciata il 22 aprile 2019.[17]

Concorso[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Giurie[modifica | modifica wikitesto]

Concorso principale[modifica | modifica wikitesto]

Un Certain Regard[modifica | modifica wikitesto]

Caméra d'or[modifica | modifica wikitesto]

Cinéfondation e cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Settimana internazionale della critica[modifica | modifica wikitesto]

L'Œil d'or[modifica | modifica wikitesto]

Queer Palm[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Concorso[modifica | modifica wikitesto]

Un Certain Regard[modifica | modifica wikitesto]

Settimana internazionale della critica[modifica | modifica wikitesto]

Quinzaine des Réalisateurs[modifica | modifica wikitesto]

Cinéfondation[modifica | modifica wikitesto]

  • Primo premio - Mamo a mano, regia di Louise Courvoisier
  • Secondo premio - Hiêu, regia di Richard Van
  • Terzo premio - Ambience, regia di Wisam Al Jafari e Duszyczka, regia di Barbara Rupik (ex aequo)

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Premi speciali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rhonda Richford, Cannes Film Festival Unveils 2019 Dates, su hollywoodreporter.com, The Hollywood Reporter, 9 luglio 2018. URL consultato il 9 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2018).
  2. ^ (EN) Alejandro González Iñárritu Jury President of the Festival de Cannes 2019, su festival-cannes.com, 27 febbraio 2019. URL consultato il 27 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) Melanie Goodfellow, Cannes 2019: who's in the running?, su screendaily.com. URL consultato il 14 marzo 2019.
  4. ^ a b (EN) Elsa Keslassy e Brent Lang, Jim Jarmusch’s zombie movie ‘The Dead Don’t Die’ to open Cannes (EXCLUSIVE), su variety.com, Variety, 10 aprile 2019. URL consultato il 10 aprile 2019.
  5. ^ a b (EN) Elsa Keslassy, ‘The Specials,’ from the makers of ‘Intouchables,’ to close Cannes Film Festival, su variety.com, Variety, 6 maggio 2019. URL consultato il 6 maggio 2019.
  6. ^ (FR) Catherine Balle e Benoît Daragon, Festival de Cannes : Edouard Baer de nouveau maître de cérémonie, su leparisien.fr, Le Parisien, 8 aprile 2019.
  7. ^ (FR) Brigitte Baronnet, Cannes 2019: Édouard Baer, à nouveau maître de cérémonie, su AlloCiné, 9 aprile 2019.
  8. ^ Cannes 2019: la locandina omaggia Agnès Varda, su movieplayer.it. URL consultato il 15 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2019).
  9. ^ (EN) Peter Debruge, Bong Joon-ho’s ‘Parasite’ wins the Palme d’Or at Cannes, su variety.com, Variety, 25 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2019.
  10. ^ (EN) Peter Debruge, Cannes: 2019 lineup includes Terrence Malick, Pedro Almodóvar, four films by women, su variety.com, Variety, 18 aprile 2019. URL consultato il 18 aprile 2019.
  11. ^ (EN) Elsa Keslassy, ‘Once Upon a Time in Hollywood’ joins Cannes’ competition roster, su variety.com, Variety, 2 maggio 2019. URL consultato il 2 maggio 2019.
  12. ^ (EN) The Short Films Selections at the 72nd Festival de Cannes, su cinefondation.com, 19 aprile 2019. URL consultato il 19 aprile 2019.
  13. ^ (EN) Cannes Classics 2019, su festival-cannes.com, 26 aprile 2019. URL consultato il 29 aprile 2019.
  14. ^ (EN) Dave McNary, Taron Egerton’s Elton John biopic ‘Rocketman’ to premiere at Cannes, su variety.com, Variety, 12 aprile 2019. URL consultato il 15 aprile 2019.
  15. ^ a b (EN) Andreas Wiseman, Cannes: Directors’ Fortnight includes Robert Pattinson pic ‘The Lighthouse’, Takashi Miike, Netflix film ‘Wounds’ & Luca Guadagnino short, su deadline.com, 23 aprile 2019. URL consultato il 23 aprile 2019.
  16. ^ (EN) Rhonda Richford, Cannes: Quentin Dupieux's 'Deerskin' to Open Directors' Fortnight, su hollywoodreporter.com, The Hollywood Reporter, 4 aprile 2019. URL consultato il 15 aprile 2019.
  17. ^ a b c (EN) Elsa Keslassy, Cannes Critics’ Week unveils its lineup, su variety.com, Variety, 22 aprile 2019. URL consultato il 22 aprile 2019.
  18. ^ (EN) French animation ‘I Lost My Body’ tops Cannes Critics’ Week winners, in Variety, 22 maggio 2019. URL consultato il 23 maggio 2019.
  19. ^ (EN) 2019 Cannes Film Festival: Chopard names Trophy Award winners, su wwd.com, 20 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019.
  20. ^ Marica Lancellotti, CANNES 2019: C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD VINCE LA PALM DOG GRAZIE AL PITBULL BRANDY, su Movieplayer.it, 24 maggio 2019. URL consultato il 24 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2020).
  21. ^ (EN) Elsa Keslassy, Cannes Film Festival director: ‘We’re not giving Alain Delon the Nobel Peace Prize’, in Variety, 13 maggio 2019. URL consultato il 14 maggio 2019.
  22. ^ (EN) Melanie Goodfellow, John Carpenter to receive Cannes Directors' Fortnight's Carrosse d'Or award, su screendaily.com. URL consultato il 19 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema