Atlantique (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Atlantique
Atlantique 2019.jpg
Mame Bineta Sane in una scena del film
Lingua originalewolof
Paese di produzioneSenegal, Francia, Belgio
Anno2019
Durata106 minuti
Rapporto1,66 : 1
Generedrammatico
RegiaMati Diop
SceneggiaturaMati Diop, Olivier Demangel
ProduttoreJudith Lou Lévy, Ève Robin
Casa di produzioneLes Films du Bal, Cinekap, Frakas Productions, Arte France Cinéma, Canal+ International
FotografiaClaire Mathon
MontaggioAël Dallier Vega
MusicheFatima Al Qadiri
ScenografiaOumar Sall
CostumiSalimata Ndiaye, Rachel Raoult
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Atlantique è un film del 2019 diretto e co-sceneggiato da Mati Diop, al suo esordio alla regia di un lungometraggio.[1]

Ha vinto il Grand Prix Speciale della Giuria al festival di Cannes 2019, dove ha concorso per la Palma d'oro, rendendo Diop la prima donna di colore a dirigere un film del concorso principale.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un sobborgo di Dakar, lungo la costa atlantica, sta per essere inaugurata ufficialmente una torre dall'aspetto futuristico. Gli operai edili non vengono pagati da mesi. Una notte, i lavoratori decidono di lasciare il paese via mare, alla ricerca di un futuro migliore in Spagna. Tra loro c'è Souleiman, l'amante di Ada. Tuttavia, Ada è fidanzata con un altro uomo, il ricco Omar. Ada è profondamente preoccupata per Souleiman, mentre aspetta notizie del suo destino in vista del suo matrimonio. Il giorno del suo matrimonio, il letto di Omar prende misteriosamente fuoco in un sospetto incendio doloso e un giovane detective viene incaricato di indagare sul caso.

Nei giorni seguenti Ada viene sospettata e sottoposta a interrogatori e test di verginità. Nel frattempo la sua amica Fanta e il giovane detective sono affetti da una misteriosa malattia. Emerge lentamente che gli spiriti degli uomini dispersi in mare sono tornati e ogni notte si impossessano dei corpi di altri abitanti di Dakar. La maggior parte si concentra sul magnate che ha trattenuto la loro paga, costringendoli ad attraversare il mare. Chiedono la loro paga, minacciando di bruciare la torre altrimenti. Quando ricevono la paga dal magnate, lo costringono a scavare le loro tombe in modo che i loro spiriti possano riposare. Ma Souleiman vuole solo stare con Ada. Sfortunatamente, ha posseduto il giovane detective, che inizialmente spaventa Ada. Ma mentre incontra gli altri spiriti, incluso uno che possiede Fanta, capisce e trascorre un'ultima notte con il nuovo Souleiman. Durante la revisione del filmato del matrimonio, il detective vede che lui, in possesso dello spirito di Souleiman, è stato colui che ha commesso l'incendio doloso. Chiude il caso.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

È stato presentato in anteprima il 16 maggio 2019, in concorso alla 72ª edizione del Festival di Cannes.[3][4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Paul Glynn, Ghouls, goals and rock 'n' roll at Cannes, 14 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2019.
  2. ^ (EN) Paul Glynn, Black director 'sad' to make Cannes history, su BBC, 17 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Cannes festival 2019: full list of films, in The Guardian, 6 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2019.
  4. ^ (EN) The Screenings Guide 2019, su festival-cannes.com, 9 maggio 2019. URL consultato il 10 settembre 2021.
  5. ^ (EN) Peter Debruge, Peter Debruge, Bong Joon-ho’s ‘Parasite’ Wins the Palme d’Or at Cannes, su Variety, 25 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2019.
  6. ^ (EN) Andrew Pulver, Bong Joon-ho's Parasite wins Palme d'Or at Cannes film festival, in The Guardian, 25 maggio 2019. URL consultato il 26 maggio 2019.
  7. ^ (EN) Once Upon A Time...In Hollywood Leads Chicago Film Critics Association 2019 Nominations, su chicagofilmcritics.org, 12 dicembre 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  8. ^ Ryan Lattanzio, LA Film Critics Crown ‘Parasite,’ Bong Joon Ho, Mary Kay Place, and Antonio Banderas, su indiewire.com, 8 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  9. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, ‘The Irishman’ Named Best Film By National Board Of Review, Quentin Tarantino Wins Best Director, su deadline.com, 3 dicembre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  10. ^ (EN) Zack Sharf, New York Film Critics Circle 2019 Winners: ‘The Irishman,’ Lupita Nyong’o, and More, su indiewire.com, 4 dicembre 2019. URL consultato il 4 dicembre 2019.
  11. ^ (EN) Critics' Choice Awards: 'The Irishman' Leads With 14 Nominations, su The Hollywood Reporter, 8 dicembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema