Festival di Cannes 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cannes nel maggio del 2016.

La 69ª edizione del Festival di Cannes ha avuto luogo a Cannes dall'11 al 22 maggio 2016.[1]

Il regista australiano George Miller è stato il presidente della giuria del concorso principale.[2] Il Festival è stato aperto dalla proiezione di Café Society di Woody Allen, con l'attore francese Laurent Lafitte a presentare la cerimonia d'apertura e di chiusura della kermesse.[3][4] La locandina dell'edizione raffigura Michel Piccoli sugli scalini di Casa Malaparte, omaggio al film Il disprezzo di Jean-Luc Godard.[5]

La Palma d'oro è stata assegnata al film britannico Io, Daniel Blake di Ken Loach,[6][7] che è stato anche il film di chiusura del Festival.[8]

Selezione ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

La lista dei film della selezione ufficiale è stata annunciata il 14 aprile 2016.[1]

Concorso[modifica | modifica wikitesto]

Un Certain Regard[modifica | modifica wikitesto]

Fuori concorso[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni di mezzanotte[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi in concorso[modifica | modifica wikitesto]

Cinéfondation[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 Kilogram, regia di Park Yong-ju – Hanguk Yesul Jonghap Hakgyo (Corea del Sud)
  • The Alan Dimension, regia di Jac Clinch – National Film and Television School (Regno Unito)
  • Ailleurs, regia di Mélody Boulissière – École nationale supérieure des Arts Décoratifs (Francia)
  • Anna, regia di Or Sinai – Sam Spiegel Film and Television School (Israele)
  • Aram, regia di Fereshteh Parnian – Université Lumière Lyon 2 (Francia)
  • Bei Wind und Wetter, regia di Remo Scherrer – Hochschule Luzern (Svizzera)
  • Business, regia di Malena Vain – Fundación Universidad del Cine (Argentina)
  • La culpa probablemente, regia di Michael Labarca – Universidad de Los Andes (Venezuela)
  • Dobro, regia di Marta Hernaiz Pidal – Sarajevo School of Science and Technology (Bosnia e Erzegovina)
  • Gabber Lover, regia di Anna Cazenave-Cambet – La Fémis (Francia)
  • Gudh, regia di Saurav Rai – Satyajit Ray Film and Television Institute (India)
  • In the Hills, regia di Hamid Ahmadi – London Film School (Regno Unito)
  • A nyalintás nest, regia di Nádja Andrasev – Moholy-Nagy Művészeti Egyetem (Ungheria)
  • Poubelle, regia di Alexandre Gilmet – Institut national supérieur des arts du spectacle et des techniques de diffusion (Belgio)
  • Las razones del mundo, regia di Ernesto Martínez Bucio – Centro de Capacitación Cinematográfica (Messico)
  • La santa che dorme, regia di Laura Samani – Centro Sperimentale di Cinematografia (Italia)
  • Submarine, regia di Mounia Akl – Columbia University School of the Arts]] (Stati Uniti d'America)
  • Toate fluviile curg în mare, regia di Alexandru Badea – Università nazionale d'arte teatrale e cinematografica Ion Luca Caragiale (Romania)

Cannes Classics[modifica | modifica wikitesto]

Quinzaine des Réalisateurs[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Settimana Internazionale della Critica[modifica | modifica wikitesto]

Concorso[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Proiezioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Giurie[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente di giuria George Miller alla cerimonia d'apertura del Festival.

Concorso principale[modifica | modifica wikitesto]

Un Certain Regard[modifica | modifica wikitesto]

Caméra d'or[modifica | modifica wikitesto]

Cinéfondation e cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Settimana Internazionale della Critica[modifica | modifica wikitesto]

L'Œil d'or[modifica | modifica wikitesto]

Queer Palm[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Concorso[modifica | modifica wikitesto]

Un Certain Regard[modifica | modifica wikitesto]

Cinéfondation[modifica | modifica wikitesto]

  • Primo premio - Anna di Or Sinai
  • Secondo premio - In the Hills di Hamid Ahmadi
  • Terzo premio - A nyalintás nest di Nádja Andrasev e La culpa probablemente di Michael Labarca

Quinzaine des Réalisateurs[modifica | modifica wikitesto]

Settimana Internazionale della Critica[modifica | modifica wikitesto]

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Premi speciali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Festival 2016, Festival di Cannes. URL consultato il 14 aprile 2016.
  2. ^ (EN) George Miller to preside the Jury of the 69th Festival de Cannes, su festival-cannes.fr. URL consultato il 2 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2016).
  3. ^ a b (EN) Woody Allen's Café Society to open the 69th Festival International du Film, su festival-cannes.fr. URL consultato il 29 marzo 2016.
  4. ^ (EN) Laurent Lafitte, Master of ceremonies at the 69th Festival de Cannes, festival-cannes.com. URL consultato il 14 aprile 2016.
  5. ^ (EN) Official poster for the 69th Festival de Cannes, su festival-cannes.com. URL consultato il 30 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2016).
  6. ^ (EN) Cannes Film Festival Winners: Palme d'Or To Ken Loach's 'I, Daniel Blake', su deadline.com. URL consultato il 22 maggio 2016.
  7. ^ (EN) Cannes 2016: Ken Loach's I, Daniel Blake wins Palme d'Or, su bbc.co.uk. URL consultato il 23 maggio 2016.
  8. ^ a b (EN) 'Money Monster,' 'The BFG,' 'The Nice Guys' Among Cannes 2016 Lineup, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 23 maggio 2016.
  9. ^ Andrea Facchin, Cannes 2016, c’è anche De Niro con Hands of Stone, Best Movie, 3 maggio 2016. URL consultato il 3 maggio 2016.
  10. ^ (EN) Nancy Tartaglione, Jean-Pierre Léaud To Receive Honorary Palme d'Or – Cannes, su deadline.com, 10 maggio 2016. URL consultato il 20 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ARENESFRJAPTRU) Sito ufficiale, su festival-cannes.com.
Controllo di autoritàVIAF (EN62146634532441932508
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema