Rithy Panh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rithy Panh

Rithy Panh (Phnom Penh, 18 aprile 1964) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico cambogiano. È attivo soprattutto nel campo dei documentari.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Per sfuggire al genocidio cambogiano degli anni '70 si rifugiò prima in Tailandia e poi in Francia, dove studiò alla scuola di cinema e si stabilì. Nel 1989 dirige il suo primo documentario (Site 2) narrando proprio la condizione dei rifugiati cambogiani.

Nel 1994 viene selezionato per partecipare al Festival di Cannes con Neak sre. Nel 2000 vince il Cinéma du Réel. A Cannes partecipa di nuovo nel 2003 con S21: La macchina di morte dei Khmer Rossi (vince il premio François Chalais). Proprio con questo film ottiene il Chicago International Film Festival, l'European Film Awards 2003 (miglior documentario) e altri riconoscimenti.

Nel 2007 vince di nuovo il premio European Film Awards 2007 nella categoria miglior documentario per Le papier ne peut pas envelopper la braise.

Nel 2013 il suo documentario The Missing Picture vince il premio Un Certain Regard al Festival di Cannes 2013. È in nomination anche agli European Film Awards 2013 (categoria miglior documentario). Con lo stesso film nel 2014 ottiene una nomination ai Premi Oscar 2014 nella categoria miglior film straniero, primo film cambogiano ad ottenere una nomination all' Oscar.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN58918179 · LCCN: (ENnr00013011 · ISNI: (EN0000 0001 2134 728X · GND: (DE157969177 · BNF: (FRcb12445101s (data) · ULAN: (EN500330487