Ari Aster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ari Aster nel 2018

Ari Aster (New York, 15 Luglio 1986) è un regista, sceneggiatore e scrittore statunitense. È principalmente noto per aver scritto e diretto il film dell'orrore Hereditary - Le radici del male, suo esordio cinematografico.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ari Aster si è diplomato in regia presso l'AFI Conservatory. Nel 2011 ha realizzato il mediometraggio di mezz'ora The Strange Thing About the Johnson, nel 2013 il cortometraggio Munchausen (con Bonnie Bedelia) e l'anno dopo un secondo corto, Basically. Tutte e tre le opere sono state presentate a svariati festival, quali il Sundance Film Festival, il SXSW, il New York Film Festival ed il Fantastic Fest. Il suo romanzo Sammy Barthowe At Your Service! è arrivato finalista allo Starcherone Prize for Innovative Fiction.[2] Nel giugno 2018 è uscito il suo esordio nei lungometraggi, Hereditary - Le radici del male (Hereditary), con Toni Collette, Gabriel Byrne e Alex Wolff. Nel 2019 esce invece Midsommar - Il villaggio dei dannati con con protagonisti Florence Pugh, Jack Reynor, William Jackson Harper e Will Poulter.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • TDF Really Works (2011)
  • The Strange Thing About the Johnsons (2011)
  • Beau (2011)
  • Munchausen (2013)
  • Basically (2014)
  • The Turtle's Head (2014)
  • C'est La Vie (2016)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ari Aster, su IMDb. URL consultato l'8 giugno 2018.
  2. ^ (EN) Ari Aster, su Squarespace. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2018).
  3. ^ (EN) ‘First Reformed’ And ‘The Favourite’ Top Gotham Awards Nominations, su deadline.com, 18 ottobre 2018. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  4. ^ (EN) ‘2019 Spirit Award Nominations: ‘We The Animals’ Tops With Five, A24 Leads All Distributors, Studio Classic Labels Come Up Short, su deadline.com, 16 novembre 2018. URL consultato il 16 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN81154074399011740722 · LCCN (ENn2018032289 · WorldCat Identities (ENn2018-032289