Ebrei americani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli ebrei americani o statunitensi ebrei[1] sono i cittadini degli Stati Uniti d'America che professano l'ebraismo o che si considerano ebrei secondo una definizione di gruppo etnico o nazionalità[2]. La comunità ebraica statunitense è rappresentata perlopiù da Aschenaziti immigrati dall'Europa centrale e dall'Europa orientale e dai loro discendenti; essi costituiscono all'incirca il 90% dell'intera popolazione ebraica statunitense.[3][4].

Sono presenti anche alcune minoranze significative tra cui i Sefarditi e i Mizrahì olte che un numero minore di convertiti (i Ghiur). Tra gli ebrei americani sono stimati in un certo numero anche afroamericani o di origine africana, escludendo i nordafricani ebrei che vengono invece considerati di etnia sefardita od orientale. Si calcola vi possano essere dai 20.000[5] ai 200.000[6] afroamericani di religione ebraica negli Stati Uniti. I più noti ebrei afroamericani includono Lisa Bonet, Sammy Davis Jr., Yaphet Kotto, Yitzchak Jordan e il rabbino Capers Funnye.

La comunità manifesta una vasta gamma di tradizioni inerenti alla cultura ebraica le quali comprendono l'intero spettro dell'osservanza religiosa.

A seconda delle definizioni religiose e dei diversi dati demografici del censimento degli Stati Uniti d'America, l'America ospita la seconda (dopo Israele) o - in alternativa - la più grande comunità ebraica dell'intero pianeta. Nel 2012 gli ebrei americani sono stati stimati tra i 5,5 e gli 8 milioni di persone (più strettamente tra 6.829.000 e 7.160.000[7]), a seconda dell'auto-identificazione nel termine, che viene a rappresentare dall'1,7 al 2,6% degli abitanti secondo le statistiche del 2012[8].

Prendendo i risultati della popolazione allargata, compresi tutti coloro che hanno un'origine ebraica ancestrale piena o parziale, i numeri vanno dagli 8 ai 10 milioni[7]. Ci sono anche 170.000 ebrei americani con cittadinanza israeliana[9]. Vivono soprattutto in area metropolitana; nell'area metropolitana di New York, nell'area metropolitana di Miami, nell'area metropolitana di Los Angeles, nella Delaware Valley, nel'area metropolitana di Chicago, nella San Francisco Bay Area, nella Greater Boston ed infine nell'area metropolitana di Baltimora–Washington.

Parlano l'inglese americano, la lingua yiddish e la lingua ebraica moderna. Il 35% è affiliato all'ebraismo riformato, il 18% all'ebraismo conservatore e il 10% all'ebraismo ortodosso; il restante 37% dichiara di non avere alcuna affiliazione religiosa[10].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia degli ebrei negli Stati Uniti d'America.

Gli ebrai sono stati presenti in quelli che attualmente sono gli U.S.A fin dalla metà del XVII secolo[11][12]; rimasero tuttavia una ristretta minoranza, con poco più di 2-300 arrivi entro il 1700[13]. La maggioranza furono Sefarditi di origini spagnole o portoghesi[14]; questo almeno fino al 1720, quando iniziarono a predominare gli Aschenaziti provenienti dall'Europa centrale e dall'Europa orientale[13].

Il Plantation Act 1740 permise per la prima volta agli ebrei di poter diventare cittadini britannici e di immigrare nelle colonie. Siccome ad alcuni di loro continuasse a venire negato il diritto di voto o di occuparsi nella magistratura locale, gli ebrei sefarditi non si sono pienamente attivati negli affari comunitari se non a partire dagli anni 1790, dopo aver raggiunto l'uguaglianza politica nei 5 Stati in cui si trovarono ad essere più numerosi[15].

Fino al 1830 la cittadina di Charleston (Carolina del Sud) ebbe più ebrei rispetto a qualsiasi altro luogo dell'America del Nord. L'immigrazione ebraica su larga scala ebbe inizio nel corso del XIX secolo quando, dal 1850 in poi, molti aschenaziti giunsero dalle terre della Confederazione germanica; migrarono in gran numero a causa delle legislazioni improntate all'antisemitismo e delle restrizioni subite nei loro paesi di nascita[16].

Divennero principalmente mercanti e proprietari di negozi. Esistevano quasi 250.000 ebrei nel 1880, molti dei quali erano tedeschi istruiti e largamente secolarizzati; questo anche se una minoranza di famiglie sefardite continuarono a mantenere una forte influenza.

L'immigrazione ebraica aumentò notevolmente nei primi anni del decennio 1880, a seguito di persecuzioni e difficoltà economiche sofferte in alcune parti dell'Est europeo. La maggior parte di questi nuovi arrivati aschenaziti parlavano la lingua yiddish e molti provenivano dalle regioni rurali afflitte dalla povertà dell'impero russo e della cosiddetta "Zona di residenza", situata nelle moderne Polonia, Lituania, Bielorussia, Ucraina e Moldavia.

Nello stesso periodo un gran numero di aschenaziti giunsero anche dalla Galizia (Europa centrale), in quel momento la regione più impoverita dell'intero impero austro-ungarico e con una forte presenza ebraica, sprofondata principalmente per ragioni economiche.

Molti ebrei migrarono anche dal Regno di Romania. In più di 2 milioni sbarcarono tra la fine del XIX secolo e il 1924, quando l'"Immigration Act of 1924" limitò e restrinse notevolmente gli arrivi. La maggior parte si stabilì nell'area metropolitana di New York, creando le principali concentrazioni del mondo ebraico. Nel 1915 la diffusione dei quotidiani yiddish era di mezzo milione nella sola città di New York e di 60.000 a livello nazionale; altre miliaia di persone si abbonarono inoltre ai numerosi settimanali e periodici[17].

All'inizio del XX secolo questi ebrei costruirono reti di sostegno costituite da molte piccole sinagoghe e associazioni fraterne (le Landsmannschaft) locali. Gli scrittori ebrei del tempo sollecitarono l'assimilazione e l'integrazione nella più ampia cultura degli Stati Uniti d'America; divennero così rapidamente parte della vita americana. Mezzo milione di ebrei - la metà di tutti i maschi tra i 18 e i 50 anni - combatterono nella seconda guerra mondiale sotto le insegne dell'United States Armed Forces. Nel corso del dopoguerra le famiglie più giovani aderirono alla tendenza della "città diffusa".

Si assimilarono sempre più e registrarono un netto aumento del matrimonio interreligioso. I sobborghi facilitarono la formazione di nuovi centri in quanto l'iscrizione alla scuola ebraica è più che raddopiata tra il 1945 e il 1955, mentre l'affiliazione alla sinagoga passò dal 30% del 1930 al 60% del 1960; la crescita più veloce avvenne all'interno dell'ebraismo riformato e in particolare nelle ongregazioni dell'ebraismo conservatore[18]. Ondate di immigrazione ebraica più recenti provenienti dalla Russia e da altre regioni si sono in gran parte associate alla comunità.

Gli americani di oigine ebraica sono riusciti ad ottenere un successo nettamente proporzionato in molti campi e aspetti della vita sociale nel corso del tempo[19][20]. La comunità ebraica in America è passata da una minoranza di classe, con la maggioranza degli studi condotti che hanno segnato in un 80% il numero dei lavoratori manuali precedentemente alla prima guerra mondiale - con la maggioranza dei campi occupazionali a loro vietati[21] - fino a giungere all'etnia statunitense con il più consistente status in termini di reddito medio nazionale negli ultimi 40 anni; con concentrazioni estremamente elevate nel campo accademico e in altri settori. Attualmente posseggono il reddito pro capite più elevato di qualsiasi altro gruppo, all'incirca il doppio del reddito medio dei non ebrei[22][23][24].

Auto-identità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chi è ebreo?.

Gli studiosi discutono se l'esperienza storica favorevole agli ebrei negli Stati Uniti d'America sia stata un'esperienza talmente unica da convalidare l'eccezionalismo americano[25].

Korelitz (1996) mostra come gli ebrei americani durante il tardo XIX e all'inizio del XX secolo abbandonarono una definizione razziale dell'ebraismo a favore di una che ne abbracciasse invece l'etnia. La chiave per comprendere questa transizione da un'autorifesa razziale a quella più eminentemente culturale o etnica si trova nel Menorah Journal edito tra il 1915 e il 1925. I contributori promossero una visione di "cultura ebraica" piuttosto che un aspetto razziale, religioso o di altro tipo; l'ebraismo come un mezzo per definire gli "ebrei" in un mondo che minacciò di sopraffare e assorbire la loro unicità. La rivista rappresentò gli ideali promossi dal filosofo Horace Meyer Kallen e altri in direzione di un rilancio dell'identità culturale e di una lotta contro l'idea della "razza (categorizzazione umana)" quale giustificazione per incatenare i popoli[26].

Siporin (1990) utilizza il folklore familiare degli ebrei etnici nella loro collettività di "storia degli ebrei" e la sua trasformazione in forma d'arte storica. Questo ci dice come gli ebrei siano stati capaci di sopravvivere allo sradicacamento e alle trasformazioni più radicali. Molte narrazioni d'immigrazione descrivono il tema della natura arbitraria del destino e dell'inserimento faticoso in una nuova cultura. Al contrario le narrazioni etniche familiari tendono a mostrare un maggior senso di controllo nei confronti della propria vita e, a volte, perfino il pericolo di perdere totalmente la "peculiarità ebraica". Alcune di esse mostrano come un individuo abbia negoziato con successo il conflitto tra le disparate identità etniche e l'americanizzazione[27].

Dopo il 1960 le memorie della Shoah, insieme alla Guerra dei sei giorni nel 1967, hanno avuto grandi ripercussioni sul modello identitario etnico ebraico. Alcuni hanno sostenuto che l'Olocausto ha fornito agli ebrei una logica per la loro distinzione etnica in un momento in cui anche altre minoranze stavano affermando le proprie[28][29][30].

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Percentuale di voto ebraico Democratico a partire dal 1916[31]
Anno
elettorale
Candidato del
Partito Democratico (Stati Uniti d'America)
% di
voto ebraico
Risultato
1916 Woodrow Wilson 55 Vinto
1920 James M. Cox 19 No
1924 John W. Davis 51 No
1928 Al Smith 72 No
1932 Franklin Delano Roosevelt 82 Vinto
1936 Franklin D. Roosevelt 85 Vinto
1940 Franklin D. Roosevelt 90 Vinto
1944 Franklin D. Roosevelt 90 Vinto
1948 Harry Truman 75 Vinto
1952 Adlai Stevenson II 64 No
1956 Adlai Stevenson II 60 No
1960 John Fitzgerald Kennedy 82 Vinto
1964 Lyndon Johnson 90 Vinto
1968 Hubert Humphrey 81 No
1972 George McGovern 65 No
1976 Jimmy Carter 71 Vinto
1980 Jimmy Carter 45 No
1984 Walter Mondale 67 No
1988 Michael Dukakis 64 No
1992 Bill Clinton 80 Vinto
1996 Bill Clinton 78 Vinto
2000 Al Gore 79 No
2004 John Kerry 76 No
2008 Barack Obama 78 Vinto
2012 Barack Obama 68 Vinto
2016 Hillary Clinton 71[32] No

A New York, dove la comunità ebraica di origini tedesche era oramai ben consolidata, «gli ebrei che migrarono in gran numero dall'Europa orientale si trovarono improvvisamente al centro delle tensioni interrazziali» con i nuovi vicini cattolici irlandesi americani e tedeschi americani, in particolare con i primi i quali controllavano la politica del partito Democratico (Stati Uniti d'America) cittadino al tempo della Tammany Hall[33].

Gli ebrei realizzarono il proprio successo commerciale inizialmente nel campo dell'abbigliamento, mentre quello sociale si stabilì all'interno del sindacato. Nel corso degli anni trenta divennero un importante fattore politico a New York, con un sostegno molto forte dato ai programmi più liberali del New Deal. Continuarono ad essere un elemento decisivo della coalizione di neoliberale, offrendo un appoggio speciale al movimento per i diritti civili degli afroamericani (1896-1954). Tuttavia, verso la metà degli anni sessanta, il movimento "Potere nero" causò una crescente separazione tra gli afroamericani e gli ebrei, sebbene entrambi i gruppi rimanessero solidamente schierati nel campo democratico[34].

Mentre i primi immigrati ebrei provenienti dall'impero tedesco tendessero ad essere politicamente conservatori, l'ondata degli Aschenaziti a partire dagli inizi del 1880 si rivelò generalmente più liberale o vicina alla sinistra politica, fino a che non venne a costiture la maggioranza politica[35].

Molti di loro giunsero in America con un esperienza all'interno dei movimenti del socialismo, dell'anarchismo e del comunismo, nonché dall'Unione Generale dei Lavoratori Ebrei. Un buon numero crebbe fino a raggiungere posizioni di leadership nell'"American labor movement" del XX secolo e contribuirono a fondare sindacati che hanno svolto un ruolo importante nella politica di sinistra e, dopo il 1936, nell'intera politica del partito democratico[35].

Sebbene gli ebrei americani abbiano generalmente appoggiato il partito Repubblicano (Stati Uniti d'America) nella seconda metà del XIX secolo, la maggioranza votò democratico almeno a partire dal 1916, quando diedero il 55% delle preferenze a Woodrow Wilson[31].

Con l'elezione di Franklin Delano Roosevelt gli ebrei americani votarono sempre più compattamente Democratico; gli concessero ben il 90% delle preferenze alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1940 e alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1944, il che rappresenta la più alta percentuale di sostegno, uguagliato solo un'altra volta. Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1948 il supporto ebraico nei confronti di Harry Truman scese al 75%, con un 15% a favore del progressista Henry A. Wallace[31].

A seguito di operazioni di gruppo di pressione e sperando di competere meglio per il voto ebraico entrambe le piattaforme partitiche principali inclusero un programma favorevole al sionismo almeno fin dal 1944[36][37] e rilanciarono la proposta di creazione di uno stato ebraico; ciò ebbe tuttavia un ben minimo effetto, con il 90% che continuò a scegliere i Democratici. In tutte le competizioni, a parte le Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1980, nessun candidato presidenziale democratico ottenne mai meno del 67% del voto ebraico. Nel 1980 Jimmy Carter ne raccolse solo il 45%.

Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1952 e alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1956 votarono più del 60% per il democratico Adlai Stevenson II, mentre Dwight Eisenhower non ne catturò più del 40%; il miglior risultato ottenuto dai Repubblicani dal 1920, quando Warren G. Harding raggiunse il 43%[31].

Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1960 l'83% votò per John Fitzgerald Kennedy, mentre alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1964 il 90% scelse per Lyndon B. Johnson. Hubert Humphrey raccolse l'81% del voto ebraico alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1968, il quale però perse il duello contro Richard Nixon[31].

Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1972 gli elettori ebraici scelsero George McGovern al 65%, mentre Nixon vide più che raddoppiato il sostegno ebraico repubblicano al 35%. Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1976 gli elettori ebrei appoggiarono Jimmy Carter con il 71%, rispetto al 27% dei voti dati a Gerald Ford; ma alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1980 gli elettori ebrei abbandonarono i democratici, con solo il 45% di sostegno, quando invece Ronald Reagan ne ottene il 39% e il 14% andò all'indipendente (ex repubblicano) John B. Anderson[31][38]. Molti ebrei americani non furono d'accordo con le politiche relative al Medio Oriente dell'amministrazione Carter.

Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1984 i Repubblicani mantennero il 31% del voto ebraico, mentre il 67% andò a favore di Walter Mondale. Le Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1988 videro il 64% del voto ebraico andare a Michael Dukakis, mentre George H. W. Bush ebbe un rispettabile 35%; ma alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1992 il sostegno ebraico per i Repubblicani scese all'11%, con l'80% di preferenze per Bill Clinton e il 9% per l'indipendente Ross Perot. Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 1996 Clinton mantenne un alto 78%, con il 16% che invece sostenne Robert Dole e il 3% Perot[31][38].

Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2000 Joe Lieberman è stato il primo ebreo americano a concorrere per una carica nazionale quando è stato scelto come candidato vicepresidente democratico a fianco di Al Gore. Sia alle elezioni del 2000 che alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2004 è proseguito il sostegno ebraico per i democratici, prima per Gore e poi per John Kerry, un cattolico di origini ebraiche, che rimangono nella fascia alta con una media del 70%; però il 2004 ha registrato un aumento del sostegno per George W. Bush il quale ha realizzato una crescita di voto ebraico passando dal 19% al 24%[38][39].

Alle Elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2008 il 78% degli ebrei ha votato per Barack Obama, che è diventato il primo afroamericano ad essere eletto presidente degli Stati Uniti d'America[40]; questo risultato si pone a fronte del 34% dei protestanti bianchi, del 47% dei cattolici bianchi, del 67% di coloro che si identificano con un'altra religione e del 71% che non appartengono ad alcuna religione[41].

Nel febbraio del 2016 il democratico del New Hampshire Bernie Sanders è diventato il primo candidato ebreo a vincere le primarie presidenziali di uno degli Stati federati degli Stati Uniti d'America e quindi a concorrere contro Hillary Clinton per le Elezioni primarie del Partito Democratico del 2016 (Stati Uniti d'America)[42].

Dal momento che gli ebrei americani hanno sempre più progredito economicamente nel tempo alcuni commentatori si sono chiesti perché rimangano così fermamente democratici e non abbiano invece spostato le proprie preferenze politiche verso il centro (politica) o la destra (politica) come invece hanno fatto altri gruppi come gli ispanici e gli stessi arabi americani[43].

Per le competizioni congressuali e senatoriali nel 1968 gli ebrei americani hanno votato tra il 70 e l'80% per i Democratici[44]; questo sostegno è aumentato fino all'87% alle elezioni del 2006[45].

Il primo ebreo americano ad essere stato eletto al Senato (Stati Uniti d'America) fu David Levy Yulee della Florida, che servì dal 1845 al 1851 e ancora dal 1855 al 1861.

Nel 114º Congresso degli Stati Uniti d'America ci sono 10 ebrei (con 2 donne) al Senato[46], 9 dei quali sono Democratici (Michael Bennet, Richard Blumenthal, Barbara Boxer, Ben Cardin, Dianne Feinstein, Al Franken, Carl Levin, Chuck Schumer, Ron Wyden) più Bernie Sanders, che è stato democratico durante la campagna presidenziale ma è tornato come independente[47].

Sempre nel 114° Congresso ci sono 19 membri della Camera dei rappresentanti (Stati Uniti d'America) ebrei [44]; erano 27 ebrei all'inizio del 112º Congresso degli Stati Uniti d'America[48], 26 democratici e uno (Eric Cantor) repubblicano. Mentre molti di questi rappresentavano le città costiere e le periferie con popolazioni ebraiche significative, altri invece provenivano da zone interne (per esempio Gabrielle Giffords da Tucson, John Yarmuth da Louisville, Jared Polis da Boulder (Colorado) e Steve Cohen da Memphis).

Il numero totale di ebrei che servono nella Camera dei Rappresentanti è diminuito a partire dal massimo di 31 al 111º Congresso degli Stati Uniti d'America[49]. John Adler del New Jersey, Steve Kagan del Wisconsin, Alan Grayson e Ron Klein della Florida non sono stati rieletti; Rahm Emanuel si è dimesso per diventare il capo del personale del presidente; Paul Hodes del New Hampshire non si è ricandidato. David Cicilline del Rhode Island era l'unico nuovo eletto ebreo americano eletto al 112° Congresso; era stato il Sindaco di Providence. Il numero è diminuito quando Jane Harman, Anthony Weiner e Gabrielle Giffords si sono ritirati dall'incarico durante il 112° Congresso.

A partire dal gennaio del 2014 vi sono 5 uomini apertamente gay che servono nel Congresso e 2 di loro sono ebrei: Jared Polis del Colorado e David Cicilline. Il primo deputato ebreo americanno a fare coming out è stato Barney Frank.

Nel novembre del 2008 Cantor è diventato uno dei 4 vicepresidenti della Camerca, il primo repubblicano ebreo ad essere scelto per tale posizione[50]; nel 2011 è diventato il primo leader di maggioranza con un'appartenenza ebraica. Ha mantenuto l'incarico fino al 2014, quando si è dimesso poco dopo la sua sconfitta alle primarie repubblicane per il suo Stato.

Partecipazione ai movimenti per i diritti civili[modifica | modifica wikitesto]

I membri della comunità ebraica americana hanno incluso anche degli eminenti attivisti dei vari movimenti sorti per favorire i diritti civili; alla metà del XX secolo erano tra i partecipanti più impegnati nel movimento per i diritti civili degli afroamericani e nei gruppi riconducibili alla storia del femminismo. Alcuni di loro sono stati anche figure di spicco nella lotta per i diritti LGBT negli Stati Uniti d'America.

Joachim Prinz, presidente dell'"American Jewish Congress", quando ha parlato dal podio al Lincoln Memorial durante la famosa Marcia su Washington per il lavoro e la libertà il 28 agosto 1963 ha dichiarato: "come Ebrei portiamo a questa grande manifestazione in cui migliaia di noi partecipano con orgoglio una duplice esperienza - una derivante dallo spirito e un'altra dalla nostra storia degli ebrei... Dall'alto della nostra esperienza lunga 3.500 anni noi diciamo: la nostra storia ha avuto inizio con la schiavitù e l'anelito alla libertà. Durante il Medioevo il mio popolo ha vissuto per 1.000 anni rinchiuso nei ghetti europei... È per queste ragioni che non è solo una mera simpatia e compassione nei riguardi del popolo afroamericano ciò che ci motiva: è, soprattutto e al di là di tutte queste simpatie e emozioni, un senso di completa identificazione e solidarietà la quale nasce dalla nostra dolorosa esperienza"[51][52].

La Shoah[modifica | modifica wikitesto]

Affari internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Percentuale della popolazione ebraica negli Stati Uniti nel 2000.

La popolazione ebraica degli Stati Uniti d'America è la più grande del mondo, o inferiore solo a quella di Israele, a seconda delle fonti e dei metodi utilizzati per misurarla.

Le cifre precise della popolazione variano a seconda che gli ebrei siano considerati sulla base di considerazioni provenienti dall'Halakhah o su fattori di identificazione secolari, di Legge del ritorno e ancestrali. C'erano circa 4 milioni di aderenti all'ebraismo a partire dal 2001, circa l'1,4% dell'intera popolazione statunitense. Secondo l'Agenzia Ebraica per l'anno 2017 Israele ospita 6,4 milioni di ebrei (il 49,1% della popolazione ebraica mondiale), mentre gli Stati Uniti ne contengono 5,3 milioni (il 40,2%)[53].

Nel 2012 i demografi hanno stimato che la popolazione ebraica americana (inclusi sia i religiosi che i non religiosi) sia di 5.425.000 (l'1,73%), citando errori metodologici nelle precedenti stime superiori[54]. Altre fonti dicono invece che il numero è di circa 6,5 ​​milioni.

L'"American Jewish Yearbook population survey" ha calcolato il numero di ebrei americani a 6,4 milioni, pari al 2,1% della popolazione totale. Questa cifra è significativamente superiore alla precedente stima dell'indagine su larga scala condotta sulle stime di popolazione ebraica nel biennio 2000-2001 le quali ponevano in 5,2 milioni il numero di ebrei. Uno studio del 2007 pubblicato dalla Brandeis University presenta elementi di prova che suggeriscono che entrambe queste cifre possono essere sottostimazioni, con un potenziale di 7-7,4 milioni di americani di origine ebraica[55]. Questi valori più alti sono stati comunque raggiunti includendo tutti i membri della famiglia non ebrei e i componenti dei nuclei familiari anziché sull'analisi individuale[54].

La popolazione di americani di origine ebraica è demograficamente caratterizzata da un invecchiamento generalizzato e da basse percentuali di fertilità, significativamente inferiori a quella sostitutiva[54].

Gli Aschenaziti, che sono ormai la grande maggioranza degli ebrei americani, si stabilirono per la prima volta a New York e dintorni; negli ultimi decenni molti si sono trasferiti a Miami, Los Angeles e in altre grandi aree metropolitane degli Stati Uniti meridionali e degli Stati Uniti d'America occidentali. L'area metropolitana di New York, l'area metropolitana di Miami e l'area metropolitana di Los Angeles contengono assieme quasi 1/4 di tutti gli ebrei del mondo[56].

La "National Jewish Population Survey" del 1990 ha chiesto a 4,5 milioni di ebrei adulti di identificarsi secondo la propria denominazione. Il totale nazionale ha mostrato che il 38% era affiliato all'ebraismo riformato, il 35% all'ebraismo conservatore, il 6% all'ebraismo ortodosso, l'1% all'ebraismo ricostruzionista, il 10% si legava ad un'altra tradizione e il 10% diceva di essere "solo ebreo"[57].

Nel 2013 Pew Research Center ha scoperto che il 35% degli ebrei americani era riformato, il 18% conservatore, il 10% ortodosso, il 6% apparteneva ad altre sette ed infine il 30% non si identificava con alcuna denominazione[58].

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo uno studio pubblicato dalla demografa Ira Sheskin e dal sociologo Arnold Dashefsky la distribuzione della popolazione ebraica negli Stati federati degli Stati Uniti d'America per il 2015 è la seguente[59]:

Stato/territorio Numeri assoluti (2015)[59] Percentuale di popolazione
auto-identificatasi come "ebrea".
Alabama Alabama 8.800 0.18%
Alaska Alaska 6.175 0.84%
Arizona Arizona 106.300 1.58%
Arkansas Arkansas 1.725 0.06%
California California 1.232.690 3.18%
Carolina del Nord Carolina del Nord 35.435 0.36%
Carolina del Sud Carolina del Sud 13.820 0.29%
Colorado Colorado 103.020 1.92%
Connecticut Connecticut 117.850 3.28%
Dakota del Nord Dakota del Nord 400 0.05%
Dakota del Sud Dakota del Sud 250 0.03%
Delaware Delaware 15.100 1.61%
Florida Florida 651.510 3.28%
Georgia Georgia 128.420 1.27%
Hawaii Hawaii 7,280 0.51%
Idaho Idaho 2.225 0.14%
Illinois Illinois 297.435 2.31%
Indiana Indiana 17.220 0.26%
Iowa Iowa 6.170 0.20%
Kansas Kansas 17.425 0.60%
Kentucky Kentucky 11.300 0.26%
Louisiana Louisiana 10.675 0.23%
Maine Maine 13.890 1.04%
Maryland Maryland 238.200 3.99%
Massachusetts Massachusetts 274.680 4.07%
Michigan Michigan 83.155 0.84%
Minnesota Minnesota 45.750 0.84%
Mississippi Mississippi 1.575 0.05%
Missouri Missouri 64.275 1.06%
Montana Montana 1.350 0.13%
Nebraska Nebraska 6.150 0.33%
Nevada Nevada 76.300 2.69%
New Hampshire New Hampshire 10.120 0.76%
New Jersey New Jersey 523.950 5.86%
New York New York 1.759.570 8.91%
Nuovo Messico Nuovo Messico 12.725 0.61%
Ohio Ohio 147.715 1.27%
Oklahoma Oklahoma 4.625 0.12%
Oregon Oregon 40.650 1.02%
Pennsylvania Pennsylvania 293.240 2.29%
Rhode Island Rhode Island 18.750 1.78%
Tennessee Tennessee 19.600 0.30%
Texas Texas 158.505 0.59%
Utah Utah 5.650 0.19%
Vermont Vermont 5.985 0.96%
Virginia Virginia 95.695 1.15%
Virginia Occidentale Virginia Occidentale 2.310 0.12%
Washington Washington 72.085 1.02%
Washington D.C. Washington D.C. 28.000 4.25%
Wisconsin Wisconsin 33.055 0.57%
Wyoming Wyoming 1.150 0.20%
Stati Uniti Stati Uniti 6.829.930 2.14%

Centri con una significativa popolazione ebraica[modifica | modifica wikitesto]

Aree metropolitane (2015)
Classifica Area Numeri assoluti
(Congresso ebraico mondiale)[56] (ARDA)[60] (WJC) (ASARB)
1 1 Area metropolitana di New York 1.750.000 2.028.200
2 3 Area metropolitana di Miami 535.000 337.000
3 2 Greater Los Angeles Area 490.000 662.450
4 4 Delaware Valley 254.000 285.950
5 6 Area metropolitana di Chicago 248.000 265.400
6 8 San Francisco Bay Area 210.000 218.700
7 7 Greater Boston 208,000 261,100
8 5 Area metropolitana di Baltimora–Washington 165.000 276.445
Stati con la più alta percentuale di ebrei (2015)[56]
Classifica Stato Percentuale
1 New York (stato) 8,91
2 New Jersey 5,86
3 Washington 4,25
4 Massachusetts 4,07
5 Maryland 3,99
6 Florida 3,28
7 Connecticut 3,28
8 California 3,18
9 Nevada 2,69
10 Illinois 2,31
11 Pennsylvania 2,29

Distribuzione per Contea[modifica | modifica wikitesto]

In accordo con il Glenmary Research Center, nel 2000 la distribuzione sul territorio della comunità ebraica, basata sulla percentuale della popolazione totale, era la seguente:

Contea Popolazione
ebraica
 %
sul totale
1 Contea di Rockland, New York 90 000 31.4%
2 Contea di New York (Manhattan), New York 314 500 20.5%
3 City of Falls Church, Virginia 1 800 17.4%
4 City of Fairfax, Virginia 3 600 16.7%
5 Contea di Nassau, New York 207 000 15.5%
6 Contea di Kings (Brooklyn), New York 379 000 15.4%
7 Contea di Palm Beach, Florida 167 000 14.8%
8 Contea di Broward, Florida 213 000 13.1%
9 Contea di Queens (Queens), New York 238 000 10.7%
10 Contea di Monmouth, New Jersey 65 000 10.6%
11 Contea di Westchester, New York 94 000 10.2%
12 Contea di Sullivan, New York 7,425 10.0%
13 Contea di Essex, New Jersey 76 200 9.6%
14 Contea di Bergen, New Jersey 83 700 9.5%
15 Contea di Montgomery, Maryland 83 800 9.1%
16 Baltimore City, Maryland 56 500 8.7%
17 Contea di Fulton (Georgia) 65 900 8.1%
18 Contea di Montgomery (Pennsylvania) 59,550 7.9%
19 Contea di Middlesex (Massachusetts) 113 700 7.8%
20 Richmond County, New York[61] 33 700 7.6%
21 Contea di Marin (California) 18 500 7.5%
22 Contea di Camden (New Jersey) 36 000 7.1%
22 Contea di Morris (New Jersey) 33 500 7.1%
24 Contea di Suffolk (New York) 100 000 7.0%
25 City and County of Denver, Colorado 38 100 6.6%
26 Contea di Oakland (Michigan) 77 200 6.5%
27 City and County of San Francisco, California 49 500 6.4%
28 Bronx County, New York 83 700 6.3%
29 Contea di Middlesex (New Jersey) 45 000 6.0%
30 Contea di Los Angeles (California) 564 700 5.9%
30 Contea di Norfolk (Massachusetts) 38 300 5.9%
32 Contea di Atlantic (New Jersey) 14 600 5.8%
32 Contea di Bucks (Pennsylvania) 34 800 5.8%
32 Contea di Union (New Jersey) 30 100 5.8%
35 Contea di Cuyahoga (Ohio) 79 000 5.7%
35 Philadelphia County, Pennsylvania 86 600 5.7%
37 Contea di Clark (Nevada) 75 000 5.5%
37 Miami-Dade County, Florida 124 000 5.5%
39 Contea di Baltimore (Maryland) 38 000 5.0%
39 Contea di Pitkin (Colorado) 750 5.0%
39 Contea di Plymouth (Massachusetts) 23 600 5.0%
42 St. Louis County, Missouri 47 100 4.6%
43 Contea di Boulder (Colorado) 13 200 4.5%
43 Washington, District of Columbia 25 500 4.5%
45 Contea di Cook (Illinois) 234 400 4.4%
45 Contea di Fairfield (Connecticut) 38 800 4.4%
45 Contea di Orange (New York) 15 000 4.4%
48 City of Alexandria, Virginia 5 400 4.2%
49 Contea di Albany (New York) 12 000 4.1%
49 Contea di Alpine (California) 50 4.1%
49 Contea di Sarasota (Florida) 13 500 4.1%
Contea Popolazione
ebraica
 %
sul totale
52 Contea di Howard (Maryland) 10 000 4.0%
53 Contea di Lake (Illinois) 25 000 3.9%
54 City of Portsmouth, Virginia 3 800 3.8%
55 Contea di Somerset (New Jersey) 11 100 3.7%
55 West Baton Rouge Parish (Louisiana) 800 3.7%
57 Contea di Rockdale (Georgia) 2 500 3.6%
57 Contea di Suffolk (Massachusetts) 24 700 3.6%
59 Contea di Bristol (Rhode Island) 1,760 3.5%
59 Contea di Custer (Idaho) 150 3.5%
59 Contea di Hartford (Connecticut) 30 000 3.5%
59 Contea di New Haven (Connecticut) 28 900 3.5%
59 Contea di Passaic (New Jersey) 17 000 3.5%
59 Contea di San Mateo (California) 24 500 3.5%
59 Contea di Schenectady (New York) 5 200 3.5%
66 Contea di Ulster (New York) 5 900 3.3%
67 City of Norfolk, Virginia 7 600 3.2%
67 Contea di Santa Clara (California) 54 000 3.2%
69 Contea di Burlington (New Jersey) 13 000 3.1%
69 Contea di Monroe (New York) 22 500 3.1%
71 Contea di Essex (Massachusetts) 21 700 3.0%
72 Contea di Berkshire (Massachusetts) 3 900 2.9%
72 Contea di Delaware (Pennsylvania) 15 700 2.9%
72 Contea di Monroe (Michigan) 4 200 2.9%
72 Contea di Multnomah (Oregon) 19 300 2.9%
76 Contea di Hennepin 31 600 2.8%
76 Contea di Sussex (New Jersey) 4 100 2.8%
78 Contea di Allegheny (Pennsylvania) 34 600 2.7%
78 Contea di Fayette (Georgia) 2 500 2.7%
78 Contea di Hamilton (Ohio) 22 500 2.7%
78 Contea di Johnson (Kansas) 12 000 2.7%
82 Contea di Mercer (New Jersey) 9 100 2.6%
82 Town and County of Nantucket, Massachusetts 250 2.6%
82 Contea di Ozaukee (Wisconsin) 2 100 2.6%
82 Contea di Pinellas (Florida) 24 200 2.6%
82 Prince George's County, Maryland 20 700 2.6%
82 Contea di Worcester (Massachusetts) 19 500 2.6%
88 Contea di San Diego (California) 70 000 2.5%
88 Contea di Milwaukee (Wisconsin) 22 900 2.5%
90 Contea di Pima (Arizona) 20 000 2.4%
91 Contea di Alameda (California) 32 500 2.3%
91 Contea di Chester (Pennsylvania) 10 100 2.3%
91 Contea di Contra Costa (California) 22 000 2.3%
91 Contea di Cumberland (Maine) 6 000 2.3%
91 Contea di Hampden (Massachusetts) 10 600 2.3%
91 Contea di Ocean (New Jersey) 11 500 2.3%
91 Contea di Santa Cruz (California) 6 000 2.3%
98 Contea di Bristol (Massachusetts) 11 600 2.2%
98 Contea di Clay (Georgia) 75 2.2%
98 Contea di Washtenaw (Michigan) 7 000 2.2%

Assimilazione e cambiamenti di sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Sottogruppi[modifica | modifica wikitesto]

Oigini 2000 2000 (% sulla popolazione U.S.A)
Aschenaziti 5–6 million[62]
Sefarditi 200–300.000
Mizrahì 250.000
Italoamericani 200.000
Ebrei Bukhara 50–60.000
Ebrei della montagna 10-40.000
Storia degli ebrei in Turchia 8.000
Romanioti 6.500
Falascia 1.000[63]
TOTALE 5.425.000–8.300.000[64] (1.7–2.6%)

Ebrei americani e "razza"[modifica | modifica wikitesto]

Socioeconomia[modifica | modifica wikitesto]

Ebrei americani negli istituti d'istruzione superiore[modifica | modifica wikitesto]

Religioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni negli Stati Uniti d'America.

Politica contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Cultura ebraica americana[modifica | modifica wikitesto]

Personalità di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Tra i più noti ebrei americani di ogni epoca si citano: Mel Brooks, Norman Mailer, Ben Bernanke, Barbra Streisand, Isaac Asimov, Albert Einstein, Louis Brandeis, Betty Friedan, Sammy Davis Jr., Hank Greenberg, Rahm Emanuel, Steven Spielberg, Adam Sandler, David Stern, Tal Brody, Henry Kissinger, Natalie Portman, Gene Simmons, Alan Greenspan, Janet Yellen, George Arthur Akerlof, George Soros, Leonard Bernstein, David O. Selznick, Woody Allen, Scarlett Johansonn, Edward Witten, Jordan Farmar, David Blu, Mark Zuckerberg, David Blatt.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Religion: Jews v. Jews, content.time.com. URL consultato il 26 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2010). Time, June 20, 1938
  2. ^ Ira M. Sheskin, American Jews, in Jesse O. McKee (a cura di), Ethnicity in Contemporary America: A Geographical Appraisal, Lanham, Md., Rowman & Littlefield, 2000, p. 227, ISBN 0-7425-0034-9.
    «[The 1990 National Jewish Population Survey] showed that only 5% of American Jews consider being Jewish solely in terms of being a member of a religious group. Thus, the vast majority of American Jews view themselves as members of an ethnic group and/or a cultural group, and/or a nationality.».
  3. ^ More Ashkenazi Jews Have Gene Defect that Raises Inherited Breast Cancer Risk, theoncologist.alphamedpress.org. URL consultato l'8 novembre 2013.
  4. ^ First genetic mutation for colorectal cancer identified in Ashkenazi Jews, in The Gazette. URL consultato il 10 settembre 2013.
  5. ^ David Whelan, A Fledgling Grant Maker Nurtures Young Jewish 'Social Entrepreneurs', The Chronicle of Philanthropy, 8 maggio 2003. URL consultato il 17 dicembre 2007.
  6. ^ Michael Gelbwasser, Organization for black Jews claims 200 000 in U.S., su j., 10 aprile 1998. URL consultato il 21 luglio 2007.
  7. ^ a b 6,700,000–6,829,930 secondo:
  8. ^ 2012 U.S. Census Bureau estimate
  9. ^ Judy Maltz, 60,000 American Jews Live in the West Bank, New Study Reveals, su Haaretz, 27 agosto 2015. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  10. ^ Israel versus the Jews, in The Economist, 7 luglio 2017. URL consultato il 9 luglio 2017.
  11. ^ Home, jewsinamerica.org. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  12. ^ Kahal Kadosh Beth Elohim Synagogue, su jewishvirtuallibrary.org, 2014. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  13. ^ a b Atkin, Maurice, et al. (2007). "United States of America." Encyclopaedia Judaica. 2nd Ed. Vol. 20. Detroit: Macmillan Reference USA. pp. 302–404; here p. 305.
  14. ^ Kahal Kadosh Beth Elohim Synagogue, su nps.gov.
  15. ^ Alexander DeConde, Ethnicity, Race, and American Foreign Policy: A History, p. 52
  16. ^ Jonathan Sarna e Jonathan Golden, The American Jewish Experience through the Nineteenth Century: Immigration and Acculturation, su The National Humanities Center, TeacherServe. URL consultato il 27 aprile 2016.
  17. ^ Yiddish is a dialect of German written in the Hebrew alphabet and based entirely in the East European Jewish population. Robert Moses Shapiro, Why Didn't the Press Shout?: American & International Journalism During the Holocaust, KTAV, 2003, p. 18.
  18. ^ Sarna, American Judaism (2004) pp. 284–5
  19. ^ Nelly Lalany, Ashkenazi Jews rank smartest in world, in Ynet, 23 luglio 2011. URL consultato il 27 ottobre 2013.
    «Jews comprise 2.2% of the USA population, but they represent 30% of faculty at elite colleges, 21% of Ivy League students, 25% of the Turing Award winners, 23% of the wealthiest Americans, and 38% of the Oscar-winning film directors».
  20. ^ Lazar Berman, The 2011 Nobel Prize and the Debate over Jewish IQ, The American. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  21. ^ Tani Goldstein, How did American Jews get so rich?, in Ynet. URL consultato l'8 novembre 2013.
  22. ^ Poll: Jews highest-earning group in US, Jerusalem Post, Feb 26, 2008
  23. ^ Why is America Different?: American Jewry on Its 350th Anniversary edited by Steven T. Katz, (University of America Press 2010), page 15
  24. ^ American Pluralism and the Jewish Community, edited by Seymour Martin Lipset, (Transaction Publishers 1990), page 3
  25. ^ Tony Michels, "Is America ‘Different’? A Critique of American Jewish Exceptionalism," American Jewish History, 96 (Sept. 2010), 201–24; David Sorkin, "Is American Jewry Exceptional? Comparing Jewish Emancipation in Europe and America," American Jewish History, 96 (Sept. 2010), 175–200.
  26. ^ Seth Korelitz, The Menorah Idea: From Religion to Culture, From Race to Ethnicity, in American Jewish History, vol. 85, nº 1, 1997, pp. 75–100, ISSN 0164–0178.
  27. ^ Steve Siporin, Immigrant and Ethnic Family Folklore, in Western States Jewish History, vol. 22, nº 3, 1990, pp. 230–242, ISSN 0749-5471.
  28. ^ Peter Novick, The Holocaust in American Life, 1999.
  29. ^ Hilene Flanzbaum (a cura di), The Americanization of the Holocaust, 1999.
  30. ^ Monty Noam Penkower, Shaping Holocaust Memory, in American Jewish History, vol. 88, nº 1, 2000, pp. 127–132, DOI:10.1353/ajh.2000.0021, ISSN 0164-0178.
  31. ^ a b c d e f g Jewish Vote In Presidential Elections, American-Israeli Cooperative Enterprise. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  32. ^ Gregory A. Smith e Jessica Martínez, How the faithful voted: A preliminary 2016 analysis, su Pew Research Center, 9 novembre 2016. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  33. ^ Ronald H. Bayor, Neighbors in Conflict: The Irish, Germans, Jews and Italians of New York City, 1929–1941 (1978)
  34. ^ See Murray Friedman, What Went Wrong? The Creation and Collapse of the Black-Jewish Alliance. (1995)
  35. ^ a b Hasia Diner, The Jews of the United States. 1654 to 2000 (2004), ch 5
  36. ^ Democratic Party Platform of 1944, American Presidency Project. URL consultato il 24 maggio 2016.
  37. ^ Republican Party Platform of 1944, American Presidency Project. URL consultato il 24 maggio 2016.
  38. ^ a b c Jeffrey S. Helmreich, The Israel swing factor: how the American Jewish vote influences U.S. elections, jcpa.org. URL consultato il 2 ottobre 2008 (archiviato il September 20, 2008).
  39. ^ .2004 exit polls at CNN
  40. ^ OP-ED: Why Jews voted for Obama by Marc Stanley, Jewish Telegraphic Agency (JTA), November 5, 2008 (retrieved on December 6, 2008).
  41. ^ Local Exit Polls – Election Center 2008 – Elections & Politics from CNN.com. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  42. ^ Nicholas Confessore, As Bernie Sanders Makes History, Jews Wonder What It Means, nytimes.com, 10 febbraio 2016. via NYTimes.com.
  43. ^ Tom Gross on US Jewish voting habits, tomgrossmedia.com. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  44. ^ Herbert F. Weisberg, Reconsidering Jewish Presidential Voting Statistics, su (Volume 32, Issue 3, pp. 215–236) Springer Science+Business Media. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  45. ^ 2006 EXIT POLLS, CNN. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  46. ^ Jewish Members of the 114th Congress, su www.jewishvirtuallibrary.org.
  47. ^ Peter Nicholas, Bernie Sanders to Return to Senate as an Independent, in The Wall Street Journal, 26 luglio 2016. URL consultato il 19 settembre 2016.
  48. ^ Ron Kampeas, The Chosen: Jewish members in the 112th U.S. Congress, in Jewish Telegraphic Agency, 3 novembre 2010. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  49. ^ Jews in the 111th Congress - The Jewish Exponent, jewishexponent.com, 12 agosto 2011. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2011).
  50. ^ What is the future for Republican Jews? by Eric Fingerhut, Jewish Telegraphic Agency (JTA), November 25, 2008.
  51. ^ Joachim Prinz March on Washington Speech, joachimprinz.com.
  52. ^ Veterans of the Civil Rights Movement – March on Washington, Civil Rights Movement Veterans.
  53. ^ Anshel Pfeffer, Jewish Agency: 13.2 million Jews worldwide on eve of Rosh Hashanah, 5768, Haaretz Daily Newspaper Israel. URL consultato il 13 settembre 2007 (archiviato il October 11, 2007).
  54. ^ a b c Sergio DellaPergola. "World Jewish Population, 2012." The American Jewish Year Book (2012) (Dordrecht: Springer) pp. 212–283
  55. ^ Brandeis University Study Finds that American-Jewish Population is Significantly Larger than Previously Thought (PDF), download.2164.net. URL consultato il 30 novembre 2013.
  56. ^ a b c The Largest Jewish Communities, adherents.com. URL consultato l'8 novembre 2008 (archiviato il October 16, 2008).
  57. ^ Jack Wertheimer, Jews in the Center: Conservative Synagogues and Their Members, Rutgers University Press, 2002, p. 68.
  58. ^ A Portrait of Jewish Americans, pewforum.org. URL consultato il 23 giugno 2017.
  59. ^ a b Ira Sheskin, Arnold Dashefsky. Berman Jewish DataBank: Jewish Population in the United States, 2015. Page 15. Retrieved September 18, 2016 – select state from drop-down menu
  60. ^ Judaism (estimated) Metro Areas (2000), The Association of Religion Data Archives. URL consultato il 1º dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2009).
  61. ^ Staten Island
  62. ^ Gabriel E. Feldman, Do Ashkenazi Jews have a Higher than expected Cancer Burden? Implications for cancer control prioritization efforts, in Israel Medical Association Journal, vol. 3, nº 5, May 2001, pp. 341–46. URL consultato il 4 settembre 2013.
  63. ^ Natasha Mozgovaya, 'It's not easy being an Ethiopian Jew in America', su Haaretz, 2 aprile 2008. URL consultato il 25 dicembre 2010.
  64. ^ number of the core American Jewish population according to: Sergio DellaPergola (2012). American Jewish Year Book 2012. Springer Publishing. p. 271.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • American Jewish Committee. American Jewish Yearbook: The Annual Record of Jewish Civilization (annual, 1899–2012+),complete text online 1899–2007; long sophisticated essays on status of Jews in U.S. and worldwide; the standard primary source used by historians
  • Norwood, Stephen H., and Eunice G. Pollack, eds. Encyclopedia of American Jewish history (2 vol 2007), 775pp; comprehenisive coverage by experts; excerpt and text search vol 1
  • Etengoff, C., (2011). An Exploration of religious gender differences amongst Jewish-American emerging adults of different socio-religious subgroups, Archive for the Psychology of Religion, 33, 371–391.
  • The Jewish People in America 5 vol 1992
  • Antler, Joyce., ed. Talking Back: Images of Jewish Women in American Popular Culture. 1998.
  • Cohen, Naomi. Jews in Christian America: The Pursuit of Religious Equality. 1992.
  • Cutler, Irving. The Jews of Chicago: From Shtetl to Suburb. 1995
  • Diner, Hasia et al. Her works praise her: a history of Jewish women in America from colonial times to the present (2002)
  • Diner, Hasia. The Jews of the United States, 1654 to 2000 (2004) online
  • Dinnerstein, Leonard. Antisemitism in America. 1994.
  • Dollinger, Marc. Quest for Inclusion: Jews and Liberalism in Modern America. 2000.
  • Eisen, Arnold M. The Chosen People in America: A Study in Jewish Religious Ideology. 1983.
  • Feingold, Henry L. American Jewish Political Culture and the Liberal Persuasion (Syracuse University Press; 2014) 384 pages; traces the history, dominance, and motivations of liberalism in the American Jewish political culture, and look at concerns about Israel and memories of the Holocaust.
  • Glazer, Nathan. American Judaism. 2nd ed., 1989.
  • Goren, Arthur. The Politics and Public Culture of American Jews. 1999.
  • Howe, Irving. World of our Fathers: The journey of the East European Jews to America and the life they found and made (1976)
  • Gurock, Jeffrey S. From Fluidity to Rigidity: The Religious Worlds of Conservative and Orthodox Jews in Twentieth Century America. Jean and Samuel Frankel Center for Judaic Studies, 1998.
  • Hyman, Paula, and Deborah Dash Moore, eds. Jewish Women in America: An Historical Encyclopedia. 1997
  • Kobrin, Rebecca, ed. Chosen Capital: The Jewish Encounter With American Capitalism (Rutgers University Press; 2012) 311 pages; scholarly essays on the liquor, real-estate, and scrap-metal industries, and Jews as union organizers.
  • Lederhendler, Eli. New York Jews and the Decline of Urban Ethnicity, 1950–1970. 2001
  • Lederhendler, Eli. American Jewry: A New History (Cambridge UP, 2017). 331 pp.
  • Marcus, Jacob Rader. United States Jewry 1776–1985. Vol. 1: The Sephardic Period; United States Jewry 1776–1985. Vol. 2: The Germanic Period.; United States Jewry 1776–1985. Vol. 3: The Germanic Period, Part 2.; United States Jewry 1776–1985. Vol. 4: The East European Period: The Emergence of the American Jew; Epilogue. (Wayne State University Press, 1989–1993) 3119pp.
  • Moore, Deborah Dash. To the Golden Cities: Pursuing the American Jewish Dream in Miami and L. A. 1994
  • Moore, Deborah Dash. GI Jews: How World War II Changed a Generation (2006)
  • Novick, Peter. The Holocaust in American Life. 1999.
  • Raphael, Marc Lee. Judaism in America. Columbia U. Press, 2003. 234 pp.
  • Sarna, Jonathan D. American Judaism Yale University Press, 2004. ISBN 978-0-300-10197-3. 512 pp. [1]
  • Sorin, Gerald. Tradition Transformed: The Jewish Experience in America. 1997.
  • Svonkin, Stuart. Jews against Prejudice: American Jews and the Fight for Civil Liberties. 1997
  • Waxman, Chaim I. "What We Don't Know about the Judaism of America's Jews." Contemporary Jewry (2002) 23: 72–95. ISSN 0147-1694 (WC · ACNP) Uses survey data to map the religious beliefs of American Jews, 1973–2002.
  • Wertheimer, Jack, ed. The American Synagogue: A Sanctuary Transformed. 1987.

Storiografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Appel, John J. "Hansen's Third-Generation" Law" and the Origins of the American Jewish Historical Society." Jewish Social Studies (1961): 3–20. in JSTOR
  • Butler, Jon. "Jacob Rader Marcus and the Revival of Early American History, 1930–1960." American Jewish Archives 50#1/2 (1998): 28–39. online
  • Fried, Lewis, et al., eds. Handbook of American-Jewish literature: an analytical guide to topics, themes, and sources (Greenwood Press, 1988)
  • Jeffrey S Gurock, Writing New York's Twentieth Century Jewish History: A Five Borough Journey, in History Compass, vol. 11, nº 3, 2013, pp. 215–226, DOI:10.1111/hic3.12033.
  • Gurock, Jeffrey S. American Jewish orthodoxy in historical perspective (KTAV Publishing House, Inc., 1996)
  • Handlin, Oscar. "A Twenty Year Retrospect of American Jewish Historiography." American Jewish Historical Quarterly (1976): 295–309. in JSTOR
  • Kaufman, David. Shul with a Pool: The" synagogue-center" in American Jewish History (University Press of New England, 1999.)
  • Robinson, Ira. "The Invention of American Jewish History." American Jewish History (1994): 309–320. in JSTOR
  • Sussman, Lance J. "'Historian of the Jewish People': A Historiographical Reevaluation of the Writings of Jacob R. Marcus." American Jewish Archives 50.1/2 (1998): 10–21. online
  • Whitfield, Stephen J. In Search of American Jewish Culture. 1999
  • Yerushalmi, Yosef Hayim. Zakhor: Jewish history and Jewish memory (University of Washington Press, 2012)

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcus, Jacob Rader, ed. The American Jewish Woman, A Documentary History (Ktav 1981).
  • Schappes, Morris Urman, ed. A documentary history of the Jews in the United States, 1654–1875 (Citadel Press, 1952).
  • Staub, Michael E. ed. The Jewish 1960s: An American Sourcebook University Press of New England, 2004; 371 pp. ISBN 1-58465-417-1 online review

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]