Legge del ritorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La legge del ritorno, nell'ordinamento legale dello stato di Israele (1950), garantisce la cittadinanza israeliana ad ogni persona di discendenza ebraica del mondo, purché si trasferisca in Israele con l'intenzione di viverci e di rimanervi e a condizione, se ancora in età, di compiere il servizio militare, che per i maschi dura tre anni e per le femmine due.

La legge del ritorno e la legge sulla cittadinanza furono promulgate dalla Knesset (il parlamento israeliano) nell'estate del 1950 (data ebraica: 20 Tammuz 5710).

La legge del ritorno mette in pratica il fondamento del Sionismo moderno, ossia il ritorno degli ebrei alla Terra di Israele.