Freedom suits

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Freedom suits erano cause, nelle Tredici colonie e negli Stati Uniti d'America, intentate da schiavi contro degli schiavisti per rivendicare la libertà, spesso sulla base di discendenza da un antenato materno libero, o residente in uno stato o territorio libero.

Il diritto di petizione per la libertà discendeva dall'inglese Common Law e consentiva alle persone di contestare la loro riduzione in schiavitù. I firmatari sfidavano la schiavitù sia direttamente che indirettamente, anche se gli schiavisti consideravano generalmente tali petizioni come un mezzo per sostenere piuttosto che minare la schiavitù. Cominciando con le colonie del Nord America, le legislazioni emanarono leggi sulla schiavitù che avevano creato una base giuridica per la "sudditanza"; queste vennero adottate o aggiornate dai legislatori degli stati e territori che le sospesero dopo gli Stati Uniti avevano ottenuto l'indipendenza. Questi codici consentivano, inoltre, agli schiavi di citare in giudizio i loro padroni per rivendicare la libertà basata sull'illecita schiavitù.

Mentre alcuni casi vennero discussi durante il periodo coloniale, la maggior parte delle petizioni per la libertà vennero fatte nel periodo precedente la guerra di secessione nelle zone di frontiera o nel sud degli Stati Uniti. Dopo la rivoluzione americana, la maggior parte degli stati del nord abolì la schiavitù e gli schiavi vennero considerati "liberi". Il Congresso degli Stati Uniti vietò la schiavitù in alcuni territori di nuova costituzione, e alcuni nuovi membri vennero ammessi nell'Unione come Stati liberi. L'incremento dei viaggi e la migrazione tra stati di proprietari di schiavi, portato a condizioni che diedero luogo agli schiavi di citare in giudizio per la libertà i loro padroni. Molti stati liberi avevano limiti di residenza per i padroni che avevano portato schiavi nel loro territorio; dopo un certo tempo, lo schiavo sarebbe stato considerato libero. Alcuni schiavi citarono in giudizio i loro padroni per illegale riduzione in schiavitù, dopo essere stato tenuti in uno stato libero.

Altri motivi del contendere erano che la persona era nata libera e tenuta illegalmente in stato di schiavitù, o che la persona era stata illegalmente tenuta in schiavitù nonostante fosse nata da una donna nata libera in linea materna. Il principio del partus sequitur ventrem, prima incorporato nel diritto di schiavitù coloniale inglese, dello statuto del 1662 della Virginia, stabiliva che lo status dei bambini era quello della madre. Esso fu adottata da altre colonie inglesi e dagli stati degli Stati Uniti.

A Saint Louis nel Missouri, secondo le fonti, si verificarono quasi trecento casi di petizioni depositate tra il 1807 e il 1860, e a Washington quasi cinquecento casi vennero depositati nello stesso periodo. Una gran parte dei casi, circa un terzo, non andò mai a processo o finì con un accordo stragiudiziale. Nei primi anni del XIX secolo, a St. Louis e Washington, quasi la metà degli avvocati presso il tribunale poteva aver agito come consulente per le petizioni di schiavi. In Missouri, i tribunali assegnavano un avvocato al richiedente, se accettava il libero patrocinio; alcuni dei migliori avvocati di St. Louis difesero gli schiavi. Dopo il 1830, il numero di casi di petizione andarono gradualmente diminuendo. Ma tra il 1800 e il 1830, la maggior parte tribunali di queste città trattarono almeno una petizione.[1]

Prima della fine del XVIII secolo, alcuni stati del sud cominciarono a rendere più difficile una petizione per la libertà. Il Maryland, ad esempio, nel 1796 richiese che fossero i tribunali di contea il foro competente, piuttosto che il tribunale di zona, ovvero la corte d'appello. I tribunali di contea chiaramente sarebbe stati più favorevoli agli interessi e ai punti di vista dei piantatori locali contro i quali queste petizioni erano depositate. Il legislatore vietava anche ai simpatizzanti anti-schiavisti di sedere nelle giurie per la libertà. La Virginia approvò una legge simile, sulla composizione delle giurie, nel 1798.

Tuttavia, per qualche decennio, i tribunali di stati schiavisti come la Louisiana, il Mississippi e il Missouri spesso rispettarono il precedente di "una volta libero, sempre libero" stabilito dagli Stati liberi. Fino alla fine degli anni 1850, si stabilì che gli schiavi che erano stati tenuti in Stati liberi avrebbero mantenuto la loro libertà anche se riportati in stati schiavisti. Fino a quando la guerra di secessione pose fine alla schiavitù, migliaia di cause per la libertà furono discusse nei tribunali statali in tutto il paese, con alcuni schiavi che adirono la Corte Suprema.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anne Silverwood Twitty, Slavery and Freedom in the American Confluence, from the Northwest Ordinance to Dred Scott, Ph.D. dissertation, Princeton University, 2010, via ProQuest subscription

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]