Portale:Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale Stati Uniti d'America
modifica
Great Seal of the United States (obverse).svg
Great Seal of the United States (obverse).svg




WIKIPEDIA
PORTALE STATI UNITI D'AMERICA
Visita anche il Progetto: Stati Uniti d'America
Stati Uniti d'America USA
modifica
Flag of the United States.svg

Gli Stati Uniti d'America sono una repubblica federale presidenziale dell'America settentrionale composta da 50 stati e un distretto federale. Con una superficie di oltre 9,83 milioni di km² e con più di 300 milioni di abitanti, gli Stati Uniti sono il terzo paese più esteso del mondo, e il terzo più popolato. Gli Stati Uniti sono uno dei paesi con la maggior diversità etnica e la sua multiculturalità è il prodotto di un’immigrazione su larga scala dai più svariati paesi dei diversi continenti. L'economia americana è la più grande economia nazionale nel mondo, con una stima del prodotto interno lordo (PIL) nel 2008 di 14.300 miliardi di $ (che rappresenta il 23% del totale mondiale basato sul PIL nominale e quasi il 21% del PIL calcolato a parità di potere d'acquisto).

United States (orthographic projection).svg

La nazione è stata fondata da tredici colonie della Gran Bretagna situate lungo la costa atlantica. Il 4 luglio 1776, con la Dichiarazione di Indipendenza, hanno proclamato la loro indipendenza dalla Gran Bretagna. Gli stati si ribellarono e sconfissero i britannici nella Guerra di indipendenza americana, prima grande colonia a rivoltarsi con successo contro le leggi coloniali.

Una Convenzione Federale (Convenzione di Filadelfia) adottò l'attuale Costituzione degli Stati Uniti d'America il 10 settembre 1777; con la ratifica l'anno successivo nasceva una repubblica con un forte governo centrale.

Membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, e un membro fondatore della NATO, con la fine della Guerra Fredda divenne l'unica grande superpotenza.

Leggi la voce...

Vetrina
Wikimedaglia oro.png
Marines rest in the field on Guadalcanal.jpg

La campagna di Guadalcanal o battaglia di Guadalcanal ebbe luogo tra il 7 agosto 1942 e il 9 febbraio 1943 nel teatro del Pacifico della seconda guerra mondiale. Essa venne combattuta in terra, in mare e in aria e fu una campagna militare strategicamente significativa, che vide contrapposti gli Alleati e l'Impero giapponese. I combattimenti si concentrarono attorno all'isola di Guadalcanal, nelle Isole Salomone meridionali e fu la prima offensiva in grande scala lanciata dagli Alleati contro l'impero giapponese.

Il 7 agosto 1942 le forze alleate, principalmente composte da truppe degli Stati Uniti, sbarcarono nelle isole di Guadalcanal, di Tulagi e dell'Isola Florida, nella parte meridionale dell'arcipelago. L'obiettivo principale era il controllo di questi territori per impedire al Giappone di usarle come base per minacciare le rotte dei rifornimenti tra gli Stati Uniti, l'Australia e la Nuova Zelanda. Gli Alleati intendevano utilizzare Guadalcanal e Tulagi come basi per supportare una campagna per neutralizzare o catturare le basi principali giapponesi a Rabaul o nella Nuova Britannia. I primi sbarchi Alleati ebbero la meglio sui difensori giapponesi, che erano in inferiorità numerica.

Sorpresi dall'offensiva alleata, i giapponesi effettuarono, tra l'agosto e il novembre 1942, numerosi tentativi di riprendere la base aerea Henderson a Guadalcanal. Questi tentativi causarono tre battaglie di terra, cinque grandi battaglie navali e battaglie aeree quasi quotidiane, culminate nella decisiva battaglia navale di Guadalcanal all'inizio del novembre 1942, nella quale venne respinto l'ultimo grande sforzo giapponese di far sbarcare un numero sufficiente di truppe per catturare la base aerea. A dicembre del 1942, il Giappone abbandonò ogni sforzo di riconquista dell'isola di Guadalcanal ed evacuò le forze restanti entro il 7 febbraio 1943, lasciando definitivamente l'isola in mano agli Alleati.

Leggi la voce...
Geografia
Miss R dam 27.jpg

Il Mississippi è un fiume dell'America settentrionale che attraversa la parte centrale degli Stati Uniti. Nasce nel nord del Minnesota e sfocia nel Golfo del Messico scorrendo verso sud. Il Mississippi ha una lunghezza complessiva di circa 3.780 km: solo uno dei suoi affluenti, il Missouri, è più lungo nel Nord America. La lunghezza totale di questi due fiumi supera i 6.800 km, e il bacino idrografico del Mississippi-Missouri ne fanno uno dei più consistenti sistemi fluviali nel mondo. Durante l’epoca pre-colombiana il Mississippi era già una via navigabile e i nativi americani lo chiamavano "Meschacebé" che significa "padre delle acque". Oggi il fiume ha un’importanza vitale per l'economia e la cultura americane.

Leggi la voce...
Società e Cultura
Empire State Building Apr 2005.jpg

L'Empire State Building è il più famoso grattacielo della città di New York e probabilmente del mondo. Con i suoi 381 metri di altezza (443,2 m se si considera anche l'antenna televisiva sulla sua cima), è stato il grattacielo più alto del mondo fra il 1931 (anno del suo completamento) ed il 1973, quando furono inaugurate le Torri Gemelle del World Trade Center.

In seguito al crollo di queste ultime negli attentati terroristici dell'11 settembre 2001, è tornato ad essere l'edificio più alto della città ed il secondo più alto degli Stati Uniti (dopo la Sears Tower di Chicago).

È stato proposto come una delle Sette meraviglie del mondo moderno.

Leggi la voce...
Biografie
George-W-Bush.jpeg

George Walker Bush (New Haven, 6 luglio 1946) è un politico statunitense.

È stato il 43º Presidente degli Stati Uniti d'America. Il suo primo mandato quadriennale come presidente è cominciato il 20 gennaio 2001, in seguito alle elezioni presidenziali del 2000. Le elezioni presidenziali successive tenutesi il 2 novembre 2004 lo hanno riconfermato per un secondo mandato, che ha avuto inizio il 20 gennaio 2005 ed è scaduto il 20 gennaio 2009.

Prima di diventare presidente, Bush è stato uomo d'affari e governatore del Texas dal 1995 al 2000. È figlio dell'ex presidente George H. W. Bush e fratello dell'ex governatore della Florida, Jeb Bush.

Leggi la voce...
Portali collegati
Storia
Washington Crossing the Delaware by Emanuel Leutze, MMA-NYC, 1851.jpg

La guerra d'indipendenza americana, chiamata anche rivoluzione americana (in inglese: American War of Independence, American Revolutionary War o American Revolution), fu un conflitto combattuto tra il 1775 e il 1783 tra le tredici colonie nordamericane, diventate successivamente gli Stati Uniti d'America, e la loro madrepatria, il Regno di Gran Bretagna. Nel corso della guerra le potenze europee si schierarono (la Francia, la Spagna e le Province Unite con i ribelli mentre l'Assia e l'Hannover con gli inglesi) portando il conflitto anche nelle Antille, in India e in Europa.

Il trattato di Parigi, firmato nel 1783, pose ufficialmente fine alla guerra, de facto già conclusa tra il 1781 e il 1782. Con la pace gli Stati Uniti vennero riconosciuti dal Regno Unito, che dovette cedere alla Francia il Senegal, Trinidad e Tobago, alla Spagna la Florida e Minorca e alle Province Unite le sue colonie asiatiche. La corona manteneva comunque il controllo delle Antille, del Canada e di buona parte dell'India.

Leggi la voce...
Città
LosAngeles06.jpg

Los Angeles (comunemente abbreviato in LA; pronuncia in inglese: /lɒs ˈændʒələs/; pronuncia in spagnolo: [los ˈaŋxeles]; nome originario: Ciudad de la Iglesia de Nuestra Señora de Los Angeles sobra la Porziuncola de Asís che significa "Città della Chiesa della Nostra Signora degli Angeli della Porziuncola di Assisi"), è un'importante città della California, la più grande di questo stato e la seconda di tutti gli Stati Uniti d'America. Insieme a New York e Chicago è una delle tre città più importanti del paese ed è un centro economico, culturale e scientifico di rilevanza mondiale.

Diventata città il 4 aprile 1850 (cinque mesi prima che la California diventasse il trentesimo stato dell'Unione), è il capoluogo dell'omonima contea. Al censimento del 2004, venne stimata una popolazione di 3.845.000 abitanti. Los Angeles, con una superficie di oltre 1.200 kilometri quadrati, supera l'estensione di altre città, come New York o Chicago. Il suo centro si trova a circa 270,5 miglia a sud-ovest da Las Vegas, sulla costa pacifica.

Il sindaco è Antonio Villaraigosa, primo ispanico a rivestire tale carica dal 1872.

Leggi la voce...
Stati
Flag of Texas.svg

Il Texas (IPA: /ˈtɛksəs/) è uno dei cinquanta Stati federati degli Stati Uniti d'America. È soprannominato Lone Star State (Stato della stella solitaria) e il suo motto è Friendship (amicizia). Si trova nella parte meridionale del Paese; confina a sud con il Messico, a est con Louisiana e Arkansas, a nord-est con l'Oklahoma e ad ovest con il Nuovo Messico. Con 696.241 km² è il più grande Stato dopo l'Alaska, mentre con 23.507.783 abitanti è il secondo più popoloso dopo la California. La capitale è Austin, mentre la città più popolosa è Houston. La popolazione urbana sfiora l'80%, e quasi la metà dei texani vive nelle aree urbane di Dallas-Fort Worth e Houston.

La parola Texas deriva da táysha, che nella lingua parlata dagli indiani Hasinai significa "alleati" o "amici".

Situato a nord del Rio Grande, il Texas fu inizialmente una colonia spagnola e in seguito divenne parte del Messico. Dopo una breve periodo di indipendenza come Repubblica del Texas, entrò a far parte degli Stati Uniti nel 1845. Stato schiavista, tra il 1861 e il 1865 partecipò alla guerra di secessione americana al fianco dei confederati. La sua florida economia si basa sull’allevamento del bestiame, sull’industria petrolifera e sull’alta tecnologia (industria aerospaziale, biotecnologie).

Leggi la voce...
Lo sapevi che...
The Cow Boy 1888.jpg

Cowboy significa, letteralmente, "ragazzo delle mucche" (da cow = mucca e boy = ragazzo), cioè "bovaro".

I cowboys erano figure tipiche degli Stati Uniti d'America, dove erano preposti alla conduzione del bestiame verso le zone di pascolo, alla sua protezione e al suo controllo. Spesso venivano a formare un piccolo esercito al servizio di ricchi proprietari terrieri, essendo autorizzati a portare le armi per la difesa del bestiame.

Il termine ha assunto nel linguaggio comune un significato ulteriore, essendo i cowboys i principali protagonisti dell'epopea western, soprattutto in ambito cinematografico. Per questo motivo la parola si lega, per estensione, all'idea di un'umanità semplice, rude, resistente alle fatiche e dotata di coraggio e spirito d'iniziativa.

Un cowboy (in spagnolo vaquero) custodisce bestiame e/o cavalli nei ranch del Nord America e del Sud America. Oltre al lavoro nel ranch, alcuni cowboys organizzano e partecipano ai rodei, e molti di essi lavorano soltanto in questi spettacoli.

Leggi la voce...
Galleria immagini