Sionismo cristiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il sionismo cristiano è una corrente di pensiero cristiana che ritiene il ritorno degli ebrei nella Terra Santa e la fondazione dello stato di Israele nel 1948 segno del compimento delle profezie bibliche.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'ideologia, diffusa in alcuni settori del protestantesimo anglosassone, è collegata con la corrente teologica protestante definita dispensazionalismo, fondata da John Nelson Darby (18001882).

Contenuto dottrinale[modifica | modifica wikitesto]

Il sionismo cristiano, come dottrina teologica, non implica necessariamente simpatia per gli ebrei come popolo o per l'ebraismo come religione. Poiché il testo biblico è pieno di riferimenti a Israele, è abituale per i sionisti cristiani richiamare le radici ebraiche della cristianità e promuovere l'uso di termini tratti dalla tradizione ebraica all'interno delle loro pratiche religiose. Tuttavia i sionisti cristiani ritengono che al compiersi delle profezie, un numero rilevante di ebrei accetterà Gesù come il loro messia e che negli ultimi giorni gli ebrei messianici praticheranno una qualche forma di cristianesimo ebraico.

Circa la rilevanza del sionismo cristiano come movimento religioso negli Stati Uniti è talora citato l'asserito successo dei romanzi della serie Left Behind scritti dal predicatore Tim LaHaye e da Jerry B. Jenkins che hanno raggiunto i primi posti nella classifica dei best-seller del New York Times.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]