Potere bianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Locandina del film Nascita di una nazione, che molti considerano apologetico nei confronti della supremazia bianca

Il potere bianco ("white power"), chiamato anche supremazia bianca e suprematismo bianco è un movimento ideologico, basato sull'idea generale che gli uomini bianchi siano superiori agli altri gruppi razziali. Il termine è talvolta utilizzato per descrivere l'influenza che hanno personalità bianche nella scena politica e sociale globale.[1]

Il movimento sposa ideologie come il supremazismo, il razzismo, l'identitarismo, il razzialismo e l'etnocentrismo, volte all'egemonia della "razza bianca" su quella nera e sulle altre. Altri argomenti correlati al potere bianco sono la segregazione razziale, il nazionalismo bianco, l'antisemitismo (con gli ebrei che non sono ritenuti veri "bianchi"), l'arianismo, il pregiudizio e la discriminazione contro le persone di colore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Razzismo negli Stati Uniti d'America e Segregazione razziale negli Stati Uniti d'America.

I primi movimenti ideologici riguardanti il potere bianco sorsero negli Stati Uniti prima della guerra civile, quando nacquero vere e proprie associazioni che promuovevano la supremazia dell'uomo bianco. Movimenti di spicco come il Ku Klux Klan rimasero integri e influenti anche dopo alcuni decenni dalla Ricostruzione. Nella seconda parte del XX secolo, negli Stati Uniti ebbe rilevanza il disenfranchised, ovvero il dare lavoro, sussidio e casa prima alle persone bianche e poi a ispanici e afroamericani. In Canada, sono invece considerati un ostacolo al progresso gli autoctoni First Nations, discendenti degli indiani d'America.

Questo movimento trovò spazio anche in Europa, in particolare in Germania e in Inghilterra, ma anche in Australia e Sudafrica. In Europa, la corrente ideologica fu oggetto di romanzi e saggi negli anni precedenti alla grande guerra. Autori come Joseph-Arthur de Gobineau, Houston Stewart Chamberlain stesero alcuni scritti riguardanti la supremazia della razza ariana.

Un manifesto razzista che mostra le differenze morfologiche tra un uomo bianco e uno di colore

Durante gli anni venti, personaggi come Benito Mussolini, Adolf Hitler e Joseph Goebbels promulgarono le loro tesi circa la superiorità fisica e mentale dei bianchi. Mussolini influì sulla politica della Germania nazista, arrivando poi a promulgare le "Leggi razziali". Nel frattempo Hitler, incitando le masse col suo pensiero fortemente nazionalista fece del razzismo la base della sua politica, sino a essere eletto Führer nel 1933. La propaganda della razza ariana e l'escalation di violenza portò alla Shoah, l'evento più tragico per l'Europa del XX secolo.

Fenomeno ben più longevo è stato l'Apartheid in Sudafrica, nato nel 1948 e cessato nel 1990. Il movimento politico è consistito nel segregare la popolazione nera in zone circoscritte dette bantustan, lasciando i bianchi e gli afrikaner a governare il paese.

Movimenti ideologici legati al potere bianco[modifica | modifica wikitesto]

Nordicismo e Arianismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Scandinavismo, Razza ariana e Razza mediterranea.

Le ideologie note come Nordicismo e Germanismo presuppongono che i popoli del Nord Europa siano superiori alle altre etnie presenti nel continente europeo. I popoli nativi dell'Europa centrale e meridionale sono considerati inferiori, in quanto la loro pelle "diversa" e le loro culture sono differenti. Il primo libro a trattare l'argomento è stato The Passing of the Great Race, scritto dal conservatore ed eugenetista Madison Grant nel 1916. Gli argomenti trattano della "purezza di sangue" delle persone native del Nord Europa, e di come la corporatura robusta, i capelli biondi e gli occhi azzurri siano la prova che differenzia gli ariani dagli europei.

Panarianismo[modifica | modifica wikitesto]

Una variante dell'arianismo, è il Panarianismo, ovvero l'ideologia che accetta come europee anche le etnie natie dell'Europa meridionale, del Nord Africa, del Caucaso e del Medio Oriente. I panarianisti accettano come "bianchi" anche i nativi della Turchia, del Libano, della Siria e dell'antica Persia. È invece discussa la possibilità di inserire nel Panarianismo anche gli indiani e i pakistani.

Un libro sul panarianismo è stato redatto nel 1904 dal servizio civile britannico, in cui vengono classificate per ordine di purezza le popolazioni europee: al primo posto si posizionano gli scandinavi e i tedeschi, mentre gli italiani e gli spagnoli vengono posti dopo i berberi e gli afghani.[2]

Movimenti religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Membri del Ku Klux Klan
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: fanatismo religioso.

Movimenti religiosi legati al potere bianco sono prettamente di matrice neonazista e fondamentalista. Una dottrina culturale che nel suo estremo si sposa con ideologie quali il razzialismo e il fanatismo religioso è l'identità cristiana, ovvero il movimento che esalta la cultura storica e religiosa del Cristianesimo approcciando per un eurocentrismo molto stretto. Gli estremisti che si riferiscono a questa realtà identitaria sono considerati eretici dai principali ordini della chiesa cattolica.

Un altro gruppo è il Ku Klux Klan, i cui membri protestanti rivendicano la supremazia del popolo bianco, e più in particolare della razza ariana. Neoreligioni che si sono identificate col tema della supremazia del popolo ariano-nordico sono alcuni gruppi Ásatrú legati all'antica religione etena come l'Irminismo e il Wotanismo.

Gruppi contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

Nel tempo i gruppi che hanno promosso il potere bianco sono diminuiti, ma tuttora sussistono gruppi e associazioni nell'Europa centro-settentrionale, Russia, Nord America, Sudafrica, Australia e Regno Unito. In molti di questi paesi, sono sanzionati penalmente i crimini d'odio, i crimini razziali e azioni discriminatorie.

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Gli australiani aborigeni sono stati oggetto di discriminazione dall'inizio della colonizzazione dell'isola da parte dell'Impero britannico.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia esistono ancora alcuni movimenti legati a questa "ideologia", soprattutto partiti od organizzazioni attive nell'ultradestra. Ad esempio era attivo, soprattutto in rete con un apposito forum, il movimento razzista suprematista bianco "Stormfront", che sosteneva anche l'antisemitismo e, anche se non ufficialmente, simpatizzava per il neonazismo. È la diramazione di un movimento di origine statunitense, creato da Don Black, ex leader del Ku Klux Klan.

Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Sulla situazione olandese si è pronunciata Ineke van der Valk, ricercatore presso l'Università di Leiden per il DARE finanziato dall'Unione europea (Dialogo sulla radicalizzazione e l'uguaglianza), che sta studiando la radicalizzazione tra i giovani in 13 paesi: "la radicalizzazione islamista è molto all'ordine del giorno politico, mentre l'estremismo di destra è sottovalutato, almeno nei Paesi Bassi", ha affermato, "ma queste sono due forme di radicalizzazione e si influenzano a vicenda"[3].

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento skinhead sorto alla fine degli anni sessanta in alcune frange appoggiò l'ideologia del potere bianco, facendo sorgere gruppi musicali dichiaratamente razzisti come il White Power Skinhead, il Rock Against Communism e gli Skrewdriver. In città come Londra e Manchester, baby gang formate da ragazzi anglicani e musulmani danno vita a guerriglie per contendersi interi quartieri.[4] Dal 2006 al 2008, sono stati più di cento gli omicidi a sfondo razziale da entrambe le parti.

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta dell'Unione Sovietica, l'immigrazione in Russia proveniente dai paesi africani e asiatici è aumentata notevolmente, provocando un aumento seppur lieve di atti criminali. Dagli anni 2000, episodi di discriminazione e omicidi a sfondo razziale sono aumentati del 33%. Nelle metropoli di Mosca e San Pietroburgo, numerosi gruppi di skinhead promuovono il potere bianco, e anche minorenni si rendono complici di omicidi.[5][6] Gli omicidi a sfondo razziale vengono giudicati come hooliganismo, e non si sono riscontrate pene superiori ai 10 anni. Secondo un rapporto del 2006 di Amnesty International, nel 2004 si sono verificati poco più di 300 crimini razziali, mentre nel 2005 all'incirca 400.[5][7] Partiti come l'Unità nazionale russa e il Movimento contro l'immigrazione clandestina interagiscono spesso e volentieri con movimenti neonazisti e di supremazia bianca quali lo Schultz 88 e la Ronda bianca.[5]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

La discriminazione avviene principalmente contro i neri, i latinoamericani e gli asiatici; in passato anche gli italiani meridionali ne furono vittima. I principali gruppi del potere bianco sono il Ku Klux Klan e il Partito Nazista Americano. Gli studi sociologici condotti sulle aree a maggiore presenza di suprematisti hanno ravvisato un rapporto con la diffusione di crimini d'odio[8], ma solo con grande riluttanza e dopo la strage di Charlottesville il presidente Trump ha superato l'equiparazione tra "estremisti identitari" neri e suprematisti bianchi, per pronunciare nette parole di condanna[9].

Personalità rilevanti nel potere bianco[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephanie M. Wildman, Privilege Revealed: How Invisible Preference, NYU Press, 1996, ISBN 0-8147-9303-7. P. 87
  2. ^ Geography of the World, Servizio civile britannico. Book Depot, 1904.
  3. ^ Ann Scott Tyson, Sara Miller Llana, Christchurch brings global white supremacist threat into sharp relief, Christian Science Monitor, 22/3/2019.
  4. ^ Le bande musulmane a Londra
  5. ^ a b c Il nuovo razzismo in Russia
  6. ^ Rapporto dell'Amensty International sul razzismo in storia Archiviato il 9 settembre 2006 in Internet Archive.
  7. ^ La discriminazione in Russia, di Amnesty International.
  8. ^ Sean E. Mulholland, White Supremacist Groups and Hate Crime, Public Choice, October 2013, v. 157, iss. 1-2, pp. 91-113.
  9. ^ TAYLOR, Keeanga-Yamahtta, The white power presidency: race and class in the Trump era, New Political Science, March 2018, Vol. 40 Issue 1, p103 -112, 10p.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Betty A. Dobratz, Stephanie Shankss-Meile. "White power, white pride!": The white separatist movement in the United States (Twayne Publishers, NY, 1997).
  • George Lincoln Rockwell. "White Power" (John McLaughlin, 1996).
  • Madison Grant. "The Passing of the Great Race" (Charles Scribner's Sons, New York, 1916).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh88004109