La France Juive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La France Juive
Stato Francia Francia
Lingua francese
Genere saggio, pamphlet, rivista politica
Formato 2 volumi, 1200 pagine
Fondatore Edouard Drumont
Fondazione 1886
Sede Parigi
Editore Groupe Flammarion
Tiratura 140
Direttore Edouard Drumont
 
Caricatura di Edouard Drumont di Charles Léandre, in copertina del giornale Le Rire, 1898.

La France Juive, sottotitolato Essai d'histoire contemporaine (francese; La Francia giudaica - saggio di storia contemporanea oppure La Francia ebraica) è stato un pamphlet politico francese antisemita, fondato nel 1886 dal giornalista e polemicista Edouard Drumont edito a cura dell'autore da Flammarion.[1][2]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Esso si svolge in Francia nel contesto della crisi morale dopo la sconfitta del 1870, di crisi religiosa successiva alla laicità voluta dalla Terza Repubblica francese e la nascita del liberalismo economico, che si traduce in malessere e tensioni sociali. La responsabilità per il clamoroso fallimento dell'Union générale nel 1882 viene addebitata da Drumont all'azione intenzionale della banca Rothschild.[3]

Pubblicazione e successo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1886, Alphonse Daudet che ha recensito e sostenuto Edouard Drumont durante la scrittura di questo pamphlet, gli presta del denaro per permettergli di pubblicarlo a cura dell'autore, rivolgendosi a Francis Magnard, direttore di Le Figaro perché il giornale presenti il libro con un articolo.[4]

Consiste in un lavoro di 1.200 pagine, pubblicato in due volumi, con una tiratura di 140 stampe nel corso dei due anni successivi alla sua pubblicazione iniziale. Aveva la forma di « chronique scandaleuse » (cronache scandalose) col suo indice di più di 3 000 nomi di personalità ebree o aventi coltivato delle relazioni con degli Ebrei[5], riscontrando un grande successo con 62 000 copie vendute il primo anno.[6] Un vero « best-seller della fine del XIX secolo » secondo la definizione di Léon Poliakov[7], viene poi ripubblicato nel 1888 in una versione economica condensata in un volume con 200 riedizioni fino al 1914.[8] Fa nascere infine un filone letterario con La Russie juive di Calixte de Wolski e L'Algérie juive di Georges Meynié nel 1887, seguiti da L'Autriche juive di François Trocase nel 1900 e da L'Angleterre juive di Doedalus nel 1913.[9]

Il libro è stato ristampato dalla casa editrice Flammarion nel 1938, poi da Éditions du Trident nel 1986. Nel 2012 è stato ristampato dalla casa editrice KontreKulture, gestito dal gruppo politico nazionalista Uguaglianza e Riconciliazione, la casa editrice del saggista Alain Soral.[10]

La France juive è diventato un grande successo e ha raggiunto grande fama. Il suo successo è dovuto in parte alla inclusione di un elenco di nomi di personaggi famosi contro i quali l'autore ha fatto accuse nel libro. Molti acquirenti sono stati ispirati dalla curiosità di vedere se qualcuno di loro conoscenza comparisse sulla lista.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

La France juive sviluppò tre filoni di antisemitismo. Uno sulla razza, proponendo un'opposizione tra i non-ebrei ”Ariani” e gli ebrei "Semiti". Un altro è stato finanziario. L'autore ha sostenuto che la finanza e il capitalismo erano controllati dagli ebrei. Un terzo era religioso, riferendosi agli ebrei supponendo la loro complicità nella morte di Gesù.

Opera libraria precursore dell'antisemitismo contemporaneo[modifica | modifica wikitesto]

La France Juive è la prima unificazione « in una prospettiva storica - a sua volta sociale, religiosa, politica — di tre fonti principali di sentimenti antisemiti : l'antiebraismo cristiano, l'anticapitalismo popolare e il razzismo moderno. »[11] Esso ricicla e dà loro autonomia ai temi dell'antisemitismo cattolico, affermando che « la questione religiosa in se non gioca che un ruolo secondario accanto alla questione della razza che ha la precedenza su tutte le altre ».[12]

Fino alla pubblicazione dei Protocolli dei Savi di Sion è il libro di riferimento dell'antisemitismo sul presunto complotto giudaico.[13]

Secondo l'autore, la finanza e il capitalismo sono nelle mani degli Ebrei e religiosi (in riferimento al popolo deicida).

La Lega internazionale contro il razzismo e l'antisemitismo ha chiesto rivolgendosi al tribunale la rimozione d'urgenza di alcuni passaggi in questo libro, così come altri contenuti in altri opuscoli antisemiti ripubblicati da Alain Soral.[14] Il Procuratore della Repubblica ha ritenuto che la questione competa al giudice di merito e non a una procedura d'urgenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Brustein Roots of Hate: Anti-Semitism in Europe Before the Holocaust (antisemitismo in Europa prima dell'Olocausto)– 2003 p.119; nel 1914 "La France Juive" era uscita nella sua duecentesima edizione. Inoltre l'ampia diffusione del giornale quotidiano francese Le Petit Journal pubblicò il libro di Drumont a fascicoli. Il primo volume tratta la raffigurazione di Drumont del ..."
  2. ^ Michael Curtis Verdict on Vichy: power and prejudice in the Vichy France regime (verdetto su Vichy: potere e pregiudizio del regime della Francia di Vichy) 2002 p.39 "Il più letto dei tre scrittori era Drumont (1844-1917), cattolico e realista, che nel 1886 pubblicò il suo saggio al vetriolo "La France Juive", sostenendo che gli ebrei avevano praticamente conquistato la Francia. Come un prematuro nazionalsocialista attraente per ..."
  3. ^ Jeannine Verdes, « La presse devant le krach d'une banque catholique : L'Union Générale (1882) », in Archives des sciences sociales des religions, n° 19, gennaio-giugno 1965, p.125-156, (on line).
  4. ^ Gérard Gengembre, professeur de littérature française à l'université de Caen. In DAUDET, Alphonse. Lettres de mon moulin. Paris : Pocket, 1998, p. 266. (Pocket classiques ; 6038). ISBN 2-266-08323-6
  5. ^ (FR) Poliakov Léon, l'âge de la science in Histoire de l'antisémitisme, vol. 2, Seuil, 1991, p. 544, ISBN 9782020128254. posizione 1075 su 9319.
  6. ^ (FR) Kauffmann Grégoire, Édouard Drumont, Perrin, 2008, p. 562, ISBN 9782262023997. p.127
  7. ^ (FR) Poliakov Léon, l'âge de la science in Histoire de l'antisémitisme, vol. 2, Seuil, 1991, p. 544, ISBN 9782020128254. posizione 1071 su 9319.
  8. ^ (FR) Winock Michel, Édouard Drumont et Cie. Antisémitisme et fascisme en France, Seuil, 1982, p. 218, ISBN 978-2020060882. pagina 117
  9. ^ (FR) Poliakov Léon, l'âge de la science in Histoire de l'antisémitisme, vol. 2, Seuil, 1991, p. 544, ISBN 9782020128254. posizione 1124 su 9319.
  10. ^ Drumont la France juive
  11. ^ Michel Winock, Nationalisme, antisémitisme et fascisme en France, Seuil, 2004, pp.416, ISBN 978-2020655200 p.119.
  12. ^ (FR) Pierre-André Taguieff, La judéophobie des Modernes: Des Lumières au Jihad mondial, Odile Jacob, 2008, p. 683, ISBN 9782738117366.pag. 146.
  13. ^ (FR) Michaël Prazan, L'Écriture génocidaire : L'Antisémitisme en style et en discours, de l'affaire Dreyfus au 11 septembre 2001, Calmann-Lévy, 2005, p. 350, ISBN 9782702135655. posizione 1753 su 6551.
  14. ^ antisémitisme La Licra attaque 5 livres Le Figaro 27/9/2013 ; A . Soral et sa Kontre Kulture

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia e collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]