Politica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Politica (disambigua).

Il termine politica viene utilizzato in riferimento all'attività ed alle modalità di governo, o anche nel lessico politico alla cosiddetta attività di opposizione; può riferirsi a stati, confederazioni ed organizzazioni intergovernative, oppure a entità locali e territoriali più circoscritte, come regioni e comuni: in questi ultimi casi l'azione di governo è detta più propriamente amministrazione locale[1][2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal greco antico politikḗ ("che attiene alla pόlis", la città-stato), con sottinteso téchnē ("arte" o "tecnica"); per estensione: "arte che attiene alla città-stato"[3][4][5], talvolta parafrasato in "tecnica di governo (della società)". Dalla stessa radice (πόλις, pόlis, "città-stato") derivano anche il sostantivo polī́tēs (πολίτης, "cittadino") e l'aggettivo polītikós (πολιτικός, "politico").[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mondo antico[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'antica definizione cinese la Politica è l'arte di governare, mentre in Grecia tra le varie definizioni spicca quella di Pericle per cui la politica è l'arte di vivere assieme. Socrate identificò quattro forme di governo con le relative degenerazioni:[7][8]

  • Oligarchia: Dal greco Oligoi (pochi) era una forma di governo in cui un piccolo numero di individui in combutta tra loro, attraverso ricchezza o paura, ottenevano una posizione di comando al vertice[10].

Non da confondere con: aristocrazia (governo dei migliori) considerata la forma normale di governo nella grecia antica; plutocrazia (governo dei più ricchi) tipica delle colonie ioniche.

  • Tirannide: "il tiranno" era il termine che indicava la figura del sovrano di una città-stato, inizialmente non aveva connotazione negativa, poi in seguito alla caduta dei trenta tiranni nel 403 a.C. divenne un dispregiativo per indicare chi si circonda di violenti per mantenere una posizione di potere. Questo ruolo venne criticato sia da filosofi come Socrate e Platone, che dai loro antagonisti (sofisti, eristi e Democrito...come anche Crizia lo stesso capo dei 30 tiranni)[11].
  • Timocrazia: in questa forma di governo il potere spetta a chi detiene più onore, ovvero a quelle figure che per nobiltà, opulenza o buon nome (dovuto alle azioni in vita) hanno più prestigio. Anche questa forma di governo per Socrate è corrotta per via del poco interesse verso la sapienza con fine teoretico che lui professava[12].

Da notare che nel mondo ellenico era conosciuta anche la Diarchia ovvero il governo di due uomini come accadeva a Sparta[13].

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Niccolò Machiavelli
Niccolò Machiavelli

Nel 1500 il termine politica viene rivisto anche da Machiavelli che con il suo trattato Il principe, la analizza e ne identifica una nuova formulazione, distinguendo da un'etica civile un'etica statuale, in quanto tale più alta e differente, un'etica del governo di un'entità territoriale e di una comunità umana, quale superiore attore distinto dalle esigenze di ogni singolo uomo o gruppo di uomini della comunità stessa. Egli inventa così il termine "Ragion di stato", che però manterrà sempre ben separato dal termine politica, la cui accezione per Machiavelli rimarrà in totale positiva, (la frase "il fine giustifica i mezzi" è stata falsamente attribuita al Machiavelli). Machiavelli intendeva dare alla politica un'autonomia che il Clero dell'epoca non era disposto a concedere. Verrà censurato dai suoi contemporanei e criticato in tutta Europa per le sue dichiarazioni[14].

Stessa sorte toccherà un secolo dopo a Thomas Hobbes che pur avendo riconosciuto la migliore forma di governo nel Sovrano assoluto considerava la sua funzione derivante non dalla volontà divina (come stabiliva la tradizione) ma da un patto originario tra uomini liberi[15]. Al contrario di Hobbes, John Locke non solo non vedeva nell'attribuzione al sovrano di tutti i poteri la soluzione alla conflittualità della società ma anzi formulò l'idea che il sovrano doveva rispettare i diritti fondamentali come la proprietà privata[16]. Fondamentale è nella storia del pensiero politico l'opera di Montesquieu "L'ésprit des lois" (Lo spirito delle leggi) dove viene formulata la distinzione dei poteri come principio base per evitare la tirannide. Anche Montesquieu esamina i vari tipi di governo, per concludere che la monarchia costituzionale resta la forma migliore, perché la classe nobiliare in generale è meno corruttibile, in quanto vincolata al principio dell'onore[17][18].

Età contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Nel XIX secolo i filosofi Karl Marx e Friedrich Engels assieme criticarono il socialismo utopico nato in risposta al congresso di Vienna (1814-15) e definirono le linee guida del comunismo, poi riassunte nel manifesto comunista e nei principi del comunismo[19][20]. Per riassumere tutta la mole di teoria da loro redatta tra articoli di giornale e saggi, possiamo dire che, visti i vantaggi della rivoluzione industriale era per loro giunta l'ora di abbattere tutte le gerarchie umane, ma non sotto forma di pacifismo, né con l'apporto di un rigoroso sistema statale ma bensì attraverso una di due vie: la prima acclarata nella storia, la rivoluzione, la più immediata che però necessitava di una coscienza di classe e tanta organizzazione, la seconda (spesso ripresa dagli accelerazionisti) il collasso del capitalismo per via delle incongruenze interne a sè stesso. Sull'abbattimento delle gerarchie possiamo tentare di elencarne alcune: patriarcato, razza, stato (di conseguenza anche il nazionalismo e il patriottismo), omofobia, xenofobia, imperialismo, classe. La base del marxismo si rifà al pensiero politico di Democrito e agli studi sui primati[21].

A seguito della primavera dei popoli nel 1848, il socialismo iniziò a prendere piede in tutta l'europa e avrebbe portato alla rivoluzione d'ottobre (1917) nella Russia zarista. Nonostante ciò quest'idea di stato rivista e interpretata più volte non si realizzò mai effettivamente, con il suo esperimento migliore in epoca moderna presso la comune di Parigi.

«Uno spettro si aggira per l'Europa: lo spettro del comunismo»

(Karl Marx "Il manifesto del partito comunista")

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

«L'uomo è per natura un animale politico»

(Aristotele, Politica, Libro III, 1278 b)
Ritratto di Aristotele, conservato a Palazzo Altaemps, Roma.
Ritratto di Aristotele, conservato a Palazzo Altaemps, Roma.

La prima definizione di "politica" risale ad Aristotele ed è legata all'etimologia del termine; secondo il filosofo, "politica" significava l'amministrazione della "polis" per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano[22][23]. Altre definizioni, che si basano su aspetti peculiari della politica, sono state date da numerosi teorici: per Max Weber la politica non è che aspirazione al potere e monopolio legittimo dell'uso della forza e, per questo, richiede l'operato di appositi professionisti[24]; per David Easton essa è la allocazione di valori imperativi (cioè di decisioni) nell'ambito di una comunità[25]; per Giovanni Sartori la politica è la sfera delle decisioni collettive sovrane[26].

Al di là delle definizioni, la politica in senso generale - riguardante "tutti" i soggetti facenti parte di una società, e non esclusivamente chi fa politica attiva, ovvero opera nelle strutture deputate a determinarla - è l'occuparsi in qualche modo di come viene gestito lo stato o sue substrutture territoriali. In tal senso "fa politica" anche chi, subendone effetti negativi ad opera di coloro che ne sono istituzionalmente investiti, scende in piazza per protestare; quest'accezione del termine si spinge fino a sostenere che - se la politica in senso generale è l'occuparsi del bene pubblico - allora anche prendere una carta da terra e metterla nel cestino è azione lato sensu politica. Per converso, la regola della temporaneità degli incarichi pubblici elettivi aiuta ad evitare che la politica non resti "il mestiere di chi non ha mestiere, come denunziò Max Weber (La politica come professione, 1919)"[27].

Branche della politica[modifica | modifica wikitesto]

La politica si può suddividere in tre branche in base all'aspetto della società e dei suoi rapporti in cui viene analizzata: politics, policy e polity[28][29].

  • Per politics si intendono le dinamiche attuate dai vari partiti o gruppi di pressione per riuscire a conquistare il potere politico; le dinamiche sono ovviamente differenti in base al sistema di riferimento, che può essere democratico o meno.
  • Per policy si intendono le leggi o altri atti giuridici attuati dal potere politico per gestire la cosa pubblica.
  • Per polity si intende il problema dell'identità e dei confini della comunità politica.

Questi tre aspetti si intrecciano e influenzano tra di loro, attuando più complesse dinamiche e aspetti socio-politici.

Dal punto di vista statale un'altra classificazione attuale della politica vuole la distinzione tra:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ polìtica in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  2. ^ Politica: Definizione e significato di politica - Dizionario italiano - Corriere.it, su dizionari.corriere.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  3. ^ Ottorino Pianigiani, Politica, in Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana.
  4. ^ Politica, in Grande Dizionario di Italiano, Garzanti Linguistica.
  5. ^ Politica, in Dizionario dei sinonimi e dei contrari, Treccani.
  6. ^ Politica, in Dizionario di filosofia, Treccani, 2009.
  7. ^ Aristotele, Politica: libri III, IV, V e VI.
  8. ^ allegati.simone.it/ (PDF), su allegati.simone.it.
  9. ^ politeia nell'Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  10. ^ oligarchia nell'Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  11. ^ tirànnide in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  12. ^ timocrazia nell'Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  13. ^ diarchìa in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  14. ^ Il Principe di Machiavelli: analisi e trama | Studenti.it, su studenti.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  15. ^ Thomas Hobbes: filosofia, pensiero politico, libri | Studenti.it, su studenti.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  16. ^ John Locke: biografia, filosofia e pensiero | Studenti.it, su studenti.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  17. ^ Montesquieu (1689-1755) Auteur du texte, De l'esprit des loix ou Du rapport que les loix doivent avoir avec la constitution de chaque gouvernement, les moeurs, le climat, la religion, le commerce, &c. T. 1 / . à quoi l'auteur a ajouté des recherches nouvelles sur les loix romaines touchant les successions, sur les loix françoises, & sur les loix féodales. Tome premier [-second], 1748. URL consultato il 18 aprile 2022.
  18. ^ Montesquieu (1977). David Wallace Carrithers (ed.). The Spirit of the Laws: A Compendium of the First English Edition. Berkeley: U California P..
  19. ^ Karl Marx, pensiero filosofico | Studenti.it, su studenti.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  20. ^ Friedrich Engels - Appunti di Ricerche gratis Studenti.it, su Studenti.it. URL consultato il 18 aprile 2022.
  21. ^ Marco Gatto, Marxismo dell’astrazione e critica della cultura, in La critica sociale, Rosenberg & Sellier, 5 maggio 2020, pp. 223–240, ISBN 978-88-7885-784-1. URL consultato il 18 aprile 2022.
  22. ^ Aristotele - La Politica, su Skuola.net - Portale per Studenti: Materiali, Appunti e Notizie. URL consultato il 18 aprile 2022.
  23. ^ Etica e politica: Aristotele, su Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura. URL consultato il 18 aprile 2022.
  24. ^ Francesco Cancellato, Ok, abbiamo scherzato: ridateci i partiti e i politici di professione, Linkiesta, 18 dicembre 2016 Archiviato il 18 dicembre 2016 in Internet Archive., sostiene anzi che occorre una "benché minima organizzazione che instradi il percorso del giovane talento politico, un gradino alla volta, con cognizione di causa per il proprio ruolo, le proprie responsabilità e un po’ di sano realismo sulle proprie competenze e le proprie capacità. E anche, magari, che insegni a mantenere un po' di sangue freddo in mezzo alle sconfitte, o alle bufere".
  25. ^ Dieter Fuchs e Hans-Dieter Klingemann, La teoria politica dell'analisi dei sistemi: David Easton, in Rivista italiana di scienza politica, n. 3/2003, 2003, DOI:10.1426/11488. URL consultato il 18 aprile 2022.
  26. ^ core.ac.uk (PDF).
  27. ^ Michele Ainis,Come salvare il Parlamento, La Repubblica, 28 aprile 2017.
  28. ^ tesionline.it.
  29. ^ Le tre facce della politica: polity, policy e politics - Docsity, su docsity.com. URL consultato il 18 aprile 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 4934 · LCCN (ENsh2002011436 · GND (DE4046514-7 · BNE (ESXX4576319 (data) · J9U (ENHE987007530412505171 · NDL (ENJA00570482
  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica