Gerald Ford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la classe di portaerei, vedi Classe Gerald R. Ford.
Gerald Ford
Gerald Ford presidential portrait (cropped).jpg

38º Presidente degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 9 agosto 1974 –
20 gennaio 1977
Vice presidente Nelson Rockefeller
Predecessore Richard Nixon
Successore Jimmy Carter

40º Vicepresidente degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 6 dicembre 1973 –
9 agosto 1974
Presidente Richard Nixon
Predecessore Spiro Agnew
Successore Nelson Rockfeller

Leader della Minoranza della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti
Durata mandato 3 gennaio 1965 –
6 dicembre 1973
Predecessore Charles A. Halleck
Successore John Jacob Rhodes

Membro della Camera dei rappresentanti - Michigan, distretto n.5
Durata mandato 3 gennaio 1949 –
6 dicembre 1973
Predecessore Bartel J. Jonkman
Successore Richard Vander Veen

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università del Michigan
Università Yale
Professione Avvocato, politico
Firma Firma di Gerald Ford

Gerald Rudolph "Jerry" Ford Jr., nato Leslie Lynch King, Jr.[1] (Omaha, 14 luglio 1913Rancho Mirage, 26 dicembre 2006), è stato un politico statunitense, 38º presidente degli Stati Uniti d'America dal 1974 al 1977.

Diventato Presidente degli USA a seguito delle dimissioni di Richard Nixon, è fino ad oggi l'unico presidente ad aver assunto tale ruolo senza essere stato eletto nemmeno come vicepresidente, in quanto venne nominato come tale da Nixon dopo le dimissioni di Spiro Agnew, vicepresidente eletto con Nixon.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Ford nel 1916
La casa dove Ford visse la sua infanzia a Grand Rapids (Michigan)

Ford nacque col nome di Leslie Lynch King Jr. il 14 luglio 1913 a 3202 Woolworth Avenue di Omaha, nel Nebraska, dove i suoi genitori vivevano coi suoi nonni paterni. Egli era figlio di Dorothy Ayer Gardner e di Leslie Lynch King Sr., un mercante di lana. Suo padre era figlio del banchiere Charles Henry King e di Martha Alicia Porter. Gardner si separò da King appena sedici giorni dopo la nascita del figlio e si portò a vivere a Oak Park, nell'Illinois, a casa di sua sorella Tannisse e del cognato, Clarence Haskins James. Da qui, poi, tornò alla casa dei genitori, Levi Addison Gardner ed Adele Augusta Ayer, a Grand Rapids, nel Michigan. Gardner e King divorziarono ufficialmente nel dicembre del 1913, e la donna ottenne la piena custodia del figlio. Il nonno paterno di Ford ne pagò il sostentamento sino a poco prima della sua morte nel 1930.[3]

Ford disse nella sua autobiografia che il motivo che aveva spinto sua madre ad abbandonare suo padre era il carattere del genitore.[4] Nella biografia di Ford, James M. Cannon, membro della sua amministrazione presidenziale, disse che alcuni giorni dopo la nascita di Ford, Leslie King cercò di uccidere con un coltello da cucina la moglie, il figlio e la tata che lo accudiva.[5]

Dopo aver vissuto coi nonni per due anni e mezzo, la madre di Ford si risposò con Gerald Rudolff Ford il 1º febbraio 1917. Questi era un venditore presso l'azienda di vernici della famiglia. Il futuro presidente non venne mai formalmente adottato dal patrigno e non cambiò il suo cognome sino al 3 dicembre del 1935 quando formalizzò tale atto.[6] Crebbe quindi a East Grand Rapids, nel Michigan coi suoi tre fratellastri nati dal secondo matrimonio di sua madre: Thomas Gardner "Tom" Ford (1918–1995), Richard Addison "Dick" Ford (1924–2015) e James Francis "Jim" Ford (1927–2001).[7]

Ford aveva anche tre sorellastre nate dal secondo matrimonio di Leslie King Sr., suo padre biologico: Marjorie King (1921–1993), Leslie Henry King (1923–1976) e Patricia Jane King (1925–1980). Loro tre incontrarono il fratellastro solo negli anni '60. Ford non venne a conoscenza del suo vero padre sino a quando non ebbe 17 anni, quando i suoi genitori gli raccontarono la verità sulle circostanze della sua nascita. Col vero padre, Ford mantenne dai contatti sporadici sino alla morte di questi nel 1941.[4][8]

Ford disse a proposito della sua famiglia: "Il mio patrigno era una persona magnifica ed allo stesso modo lo era mia madre. Pertanto non potrei aver dato una descrizione migliore per l'immagine di un'ottima famiglia in cui crescere".[9]

Ford frequentò i Boy Scouts of America e raggiunse il rango di Eagle Scout, il più alto.[10] È l'unico Eagle Scout ad essere divenuto poi presidente degli Stati Uniti.[10]

Ford frequentò la Grand Rapids South High School, dove si distinse come atleta e capitano della locale squadra di football americano.[9][11]

Nel 1948 si sposò con Elizabeth "Betty" Bloomer, divorziata dal suo precedente matrimonio con William Gustavas Warren, da cui ebbe quattro figli: Michael Gerald (1950), John Gardner (1952), Steven Meigs (1956) e Susan Elizabeth (1957).

La carriera[modifica | modifica wikitesto]

Membro del Congresso dal 1949 e per 24 anni per il Partito Repubblicano, dichiarò più volte di non aver mai voluto correre per la nomination presidenziale. Il suo maggiore sogno politico fu, infatti, quello di diventare speaker della Camera.[12] Ford fece parte della Commissione Warren, che indagò sull'assassinio di John Fitzgerald Kennedy, avvenuto a Dallas il 22 novembre 1963. Fu anche il leader del partito repubblicano alla Camera dei Rappresentanti, carica che detenne dal 1965 al 1973.

Dopo le dimissioni di Spiro Agnew, giunte a seguito di gravi accuse (poi confermate) di corruzione e riciclaggio di denaro,[2] il 12 ottobre 1973 venne scelto da Nixon come vicepresidente. Fu la prima volta che venne applicato il 25º emendamento: prima, qualora fosse venuto a mancare (perché morto o dimessosi) un vicepresidente, la carica restava vacante fino alle successive elezioni presidenziali. L'emendamento dava invece la possibilità al presidente di nominare un nuovo vice purché con l'approvazione di entrambi i rami del Congresso. Il Senato degli Stati Uniti votò per confermare Ford il 27 novembre: solo tre senatori, tutti democratici, votarono contro, Gaylord Nelson del Wisconsin, Thomas Eagleton del Missouri e William Hathaway del Maine. Il 6 dicembre la Camera dette il suo voto definitivo, con 387 voti favorevoli e 35 contrari; un'ora dopo il voto di conferma in Aula, Ford prestò giuramento come Vice Presidente degli Stati Uniti.

Ford divenne presidente il 9 agosto 1974, data in cui Nixon rassegnò le dimissioni a seguito del cosiddetto scandalo Watergate.[2] In seguito ricordò che dovette accettare controvoglia quel gravoso incarico. Circa un mese dopo la sua entrata in carica, concesse il "perdono presidenziale" a Nixon: utilizzando un potere previsto dalla Costituzione degli Stati Uniti d'America, Gerald Ford cancellò ogni addebito penale per quanto l'ex presidente poteva aver commesso di illegale.[2] Fu un provvedimento molto discusso e considerato dai suoi oppositori un aggiramento della Costituzione, tanto che Ford è spesso citato come the man who pardoned Nixon, ossia l'uomo che graziò Nixon. Ford spiegò che la crisi era conclusa, che Nixon era stato estromesso dal potere e che sarebbe stato inutilmente lacerante per il paese affrontare anni di processi e ricorsi a un suo ex presidente eletto.[2] Fu presidente dal 1974 al 1977, e scelse quale vicepresidente il Governatore dello Stato di New York, Nelson Rockefeller. Dick Cheney fu il suo Capo di gabinetto. Onesto e dal carattere mite, ma decisamente privo di carisma,[2] il nuovo presidente scelse di mantenere un basso profilo. Oppose il veto a molte leggi promosse dal Congresso a maggioranza democratica.

Alle primarie repubblicane per le elezioni presidenziali del 1976, in contrasto con la consuetudine secondo cui i presidenti uscenti in genere si candidano per un secondo mandato, Ford venne sfidato dal carismatico ex attore e governatore della California Ronald Reagan. Le primarie - comunque vinte da Ford - furono molto combattute e incerte, e quella del 1976 viene ricordata come l'ultima contested convention.[2] Alle elezioni, in cui ebbe come candidato vicepresidente Bob Dole (futuro sfidante di Clinton nelle elezioni del 1996), fu sconfitto da Jimmy Carter. Lyndon B. Johnson, acerrimo rivale di Ford, dichiarò:[13] «Ford non è capace di scorreggiare e masticare una gomma contemporaneamente», riportata poi dai giornalisti con la meno irriverente «Ford non è capace di camminare e masticare una gomma contemporaneamente».[14] Tale frase venne ricordata dalla stampa anche a seguito di un episodio rimasto celebre, avvenuto il 1º giugno 1975, data in cui Ford, appena arrivato presso l'aeroporto di Salisburgo a bordo dell'Air Force One, scivolò e cadde mentre scendeva dalla scaletta del velivolo; in seguito Ford fu protagonista di una seconda caduta in pubblico, suscitando perplessità (anche in campo repubblicano) sul proprio stato di salute.

Gerald Ford morì il 26 dicembre 2006, all'età di 93 anni, a Rancho Mirage, in California,[2] e venne sepolto presso il Gerald R. Ford Presidential Museum a Grand Rapids nel Michigan. Fu uno dei presidenti degli Stati Uniti membri della Massoneria[15][16] e raggiunse il 33º e massimo grado del Rito scozzese antico ed accettato[senza fonte].

Media[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro del Congresso - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Congresso
«In riconoscimento al loro servizio pubblico dedicato e agli eccezionali contributi umanitari al popolo degli Stati Uniti.»
— 21 ottobre 1998[19]
Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 9 agosto 1999
Ellis Island Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Ellis Island Medal of Honor
American Campaign Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Campaign Medal
American Defense Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Defense Service Medal
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome gli fu cambiato dopo l'adozione.
  2. ^ a b c d e f g h Il presidente con una storia da serie tv, su ilpost.it. URL consultato il 26 dicembre 2016.
  3. ^ Young, Jeff C., The Fathers of American Presidents, Jefferson, NC, McFarland & Co., 1997, ISBN 978-0-7864-0182-6.
  4. ^ a b Funk, Josh, Nebraska-born Ford Left State as Infant, Fox News, 27 dicembre 2006. URL consultato il 2 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2011).
  5. ^ James Cannon, Gerald R. Ford, su Character Above All, Public Broadcasting System. URL consultato il 28 dicembre 2006.
  6. ^ Gerald R. Ford Genealogical Information, su Gerald R. Ford Presidential Library & Museum, University of Texas. URL consultato il 28 dicembre 2006.
  7. ^ Richard Ford remembered as active steward of President Gerald Ford's legacy, in MLive, 20 marzo 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  8. ^ A Common Man on an Uncommon Climb (PDF), in The New York Times, 19 agosto 1976, p. 28. URL consultato il 26 aprile 2009.
  9. ^ a b Phillip Kunhardt Jr., Gerald R. Ford "Healing the Nation", New York, Riverhead Books, 1999, pp. 79–85. URL consultato il 28 dicembre 2006 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2006).
  10. ^ a b Alvin Townley, Legacy of Honor: The Values and Influence of America's Eagle Scouts, New York, St. Martin's Press, 2007, pp. 12–13 and 87, ISBN 978-0-312-36653-7. URL consultato il 29 dicembre 2006.
  11. ^ Investigatory Records on Gerald Ford, Applicant for a Commission (PDF), su Gerald R. Ford Presidential Library, 30 dicembre 1941. URL consultato il 18 novembre 2010.
  12. ^ Gerald Ford: The Man Who Aspired to Become House Speaker, su foxnews.com, 2 maggio 2011. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  13. ^ La caduta di Gerald Ford, su ilpost.it. URL consultato il 26 dicembre 2016.
  14. ^ Gerald R. Ford, su independent.co.uk, 21 gennaio 1999. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  15. ^ (FR) "Les présidents des Etats-Unis francs-maçons", in: Giacometti-Ravenne, Le symbole retrouvé, Parigi, 2011, p. 301.
  16. ^ (EN) Gerald Ford, 15 presidents of the United States of America sul sito ufficiale della Grand Lodge of British Columbia & Yukon.
  17. ^ Un film su Betty Ford: così ho vinto l'alcool, su ricerca.repubblica.it, repubblica.it, 4 marzo 1987. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  18. ^ Episodio 3F09 della settima stagione, dal titolo Due pessimi vicini di casa.
  19. ^ Assegnata anche alla consorte.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Presidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the President of the United States.svg
Richard Nixon 9 agosto 1974 - 20 gennaio 1977 Jimmy Carter
Predecessore Vicepresidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the Vice President of the United States.svg
Spiro Theodore Agnew 1973-1974 Nelson Aldrich Rockefeller
Controllo di autoritàVIAF (EN110300539 · ISNI (EN0000 0001 1479 978X · LCCN (ENn79022087 · GND (DE118534297 · BNF (FRcb124889486 (data) · BNE (ESXX930701 (data) · NLA (EN35093197 · NDL (ENJA00439822 · WorldCat Identities (ENlccn-n79022087