Dallas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Dallas (disambigua).
Dallas
city
(EN) City of Dallas
Dallas – Stemma Dallas – Bandiera
Dallas – Veduta
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of Texas.svg Texas
ConteaDallas
Collin
Denton
Kaufman
Rockwall
Amministrazione
SindacoMike Rawlings (D)
Territorio
Coordinate32°46′57″N 96°47′51″W / 32.7825°N 96.7975°W32.7825; -96.7975 (Dallas)Coordinate: 32°46′57″N 96°47′51″W / 32.7825°N 96.7975°W32.7825; -96.7975 (Dallas)
Altitudine128 m s.l.m.
Superficie999,3 km²
Abitanti1 197 816 (2010)
Densità1 198,66 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale75201-75212, 75214-75238, 75240-75254, 75258, 75260-75267, 75270, 75275, 75277, 75283-75287, 75301, 75303, 75310, 75312-75313, 75315, 75320, 75323, 75326, 75334, 75336, 75339-75340, 75342-75344, 75354-75360, 75367-75368, 75370-75374, 75376, 75378-75382, 75387, 75389-75394
Prefisso214, 469, 972, 682, 817
Fuso orarioUTC-6
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Dallas
Dallas
Dallas – Mappa
Sito istituzionale

Dallas è una città dello Stato del Texas. È la città più popolosa della Dallas-Fort Worth Metroplex, che risulta essere la quarta area metropolitana più popolosa degli Stati Uniti. La popolazione della città è al nono posto negli Stati Uniti e la terza nel Texas dopo Houston e San Antonio.[1][2] La maggior parte della città si trova nella contea di Dallas, di cui è capoluogo; tuttavia, alcune sezioni della città si trovano nelle contee di Collin, Denton, Kaufman e Rockwall. Secondo il censimento del 2010, la città aveva una popolazione di 1.197.816 abitanti. Le stime dello United States Census Bureau per la popolazione della città sono aumentate a 1.341.075 abitanti a partire dal 1º luglio 2017.[3]

Dallas è una delle città in più rapida crescita negli Stati Uniti. Dal 2010 al 2016, Dallas ha registrato la migrazione nazionale netta più elevata nel paese, superiore a 300.000.[4] Nel complesso, l'area metropolitana di Dallas-Fort Worth ha avuto il secondo più grande aumento di popolazione tra le aree metropolitane degli Stati Uniti, che ha registrato una popolazione di 7.233.323 unità a partire dal 1º luglio 2016, con un aumento di 807.000 persone rispetto al censimento del 2010.[5] Situata nel Texas settentrionale, Dallas è il nucleo principale della più grande area metropolitana del Sud e della più grande area metropolitana interna degli Stati Uniti che non ha collegamenti navigabili con il mare.[6]

Dallas e la vicina Fort Worth si sono sviluppate a causa della costruzione di importanti linee ferroviarie attraverso l'area per consentire l'accesso a cotone, bovini e successivamente petrolio nel Texas settentrionale e orientale. La costruzione dell'Interstate Highway System rafforzò l'importanza di Dallas come nodo di trasporto con quattro principali autostrade interstatali convergenti nella città e un quinto anello interstatale attorno ad esso. Dallas si è sviluppata come forte centro industriale e finanziario, nonché importante porto interno, grazie alla convergenza delle principali linee ferroviarie, autostrade interstatali e alla costruzione dell'Aeroporto Internazionale di Dallas-Fort Worth, uno degli aeroporti più grandi e più trafficati del mondo.[7]

Dallas è classificata come città globale "beta (+)". L'economia di Dallas è considerata diversa, con settori dominanti tra cui la difesa, i servizi finanziari, l'informatica, le telecomunicazioni e i trasporti.[8] Serve come quartier generale per 9 aziende di Fortune 500 entro i confini della città. La Dallas-Fort Worth Metroplex ospita altre aziende di Fortune 500 tra cui ExxonMobil (Irving), J. C. Penney (Plano) e American Airlines (Fort Worth). La città ha una popolazione da una miriade di origini etniche e religiose ed è riconosciuta per avere la sesta più grande popolazione LGBT negli Stati Uniti.[9]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Dallas è il capoluogo della contea di Dallas. Parti della città si estendono nelle vicine contee di Collin, Denton, Kaufman e Rockwall. Secondo lo United States Census Bureau, la città ha un'area totale di 385,8 miglia quadre (999,3 km²). Il 340,5 miglia quadre (881,9 km²) di Dallas è coperto da terre e il 45,3 miglia quadre (117,4 km²) di cui (11.75%) è coperto da acque.[10] Dallas costituisce un quinto dell'area urbanizzata molto più grande conosciuta come Dallas-Fort Worth Metroplex, in cui vive un quarto di tutti i texani.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Dallas ha un clima subtropicale umido (classificazione dei climi di Köppen: Cfa) caratteristico delle Southern Plains degli Stati Uniti. È anche continentale, caratterizzato da un intervallo di temperatura annuale relativamente ampio. Situato all'estremità inferiore del Tornado Alley, è soggetto a condizioni meteorologiche estreme, tornado e grandinate.

Le estati a Dallas sono molto calde e umide. Luglio e agosto sono in genere i mesi più caldi, con un picco medio di 36 °C e un minimo medio di 25 °C. Il record assoluto di tutti i tempi è di 45 °C, fissato il 26 e il 27 giugno 1980 durante l'ondata di caldo del 1980 nel vicino Aeroporto Internazionale di Dallas-Fort Worth.[11][12]

Gli inverni a Dallas sono miti o freschi, con occasionali periodi di freddo. Il mese di gennaio è in genere il mese più freddo, con un picco medio diurno di 14 °C e un minimo notturno medio di 3 °C. La normale temperatura media giornaliera a gennaio è di 8,3 °C, ma si possono verificare bruschi cambiamenti di temperatura, poiché i forti fronti freddi noti come "Blue Northers" attraversano la regione di Dallas, costringendo i massimi diurni sotto i 10 °C segnare per diversi giorni alla volta e spesso tra giorni con temperature superiori a 27 °C. L'accumulo di neve è visto in città in circa il 70% delle stagioni invernali, e le nevicate si verificano generalmente 1-2 giorni all'anno per una media stagionale di 3,8 cm. Alcune aree della regione, tuttavia, ricevono più di questo, mentre altre aree ricevono nevicate trascurabili o del tutto assenti.[13] La temperatura minima record di tutti i tempi all'interno della città è di -19 °C, impostata il 18 gennaio 1930.

La primavera e l'autunno sono stagioni di transizione con clima moderato e piacevole. I fiori selvatici vibranti (come lupinus, castilleja e altra flora) fioriscono in primavera e vengono piantati lungo le autostrade del Texas.[14] Il tempo di primavera può essere piuttosto volatile, ma le temperature sono miti. Anche il tempo a Dallas è generalmente piacevole da fine settembre a inizio dicembre e in molti giorni invernali. L'autunno porta spesso più tempeste e minacce a tornado, ma in genere meno numerose e meno severe rispetto a quelle primaverili.

Ogni primavera, i fronti freddi che si spostano a sud dal nord entrano in collisione con l'aria calda e umida che scorre dalla costa del golfo, portando a forti temporali con fulmini, torrenti di pioggia, grandine e, occasionalmente, tornado. Nel corso del tempo, i tornado sono stati probabilmente la più grande minaccia naturale per la città, in quanto è vicino al cuore di Tornado Alley.

Qualche volta ogni inverno a Dallas, l'aria calda e umida proveniente da sud supererà l'aria fredda e secca, causando pioggia sopraffusa e interruzioni nella città se le strade e le autostrade diventano scivolose. Le temperature che raggiungono i 21 °C si verificano in media per almeno 4 giorni ogni mese invernale. Dallas ha una media di 26 notti all'anno a temperature sotto lo zero,[11] con l'inverno 1999-2000 che ha il record di tutti i tempi con il minor numero di notti gelide, con 14. Durante questo stesso intervallo di 15 anni, la temperatura nella regione è scesa solo due volte sotto i -9 °C, anche se generalmente scenderà sotto i -7 °C nella maggior parte (67%) anni.[11] In sintesi, gli estremi e le variazioni del clima invernale sono più facilmente visibili a Dallas e nel Texas nel suo insieme che lungo le coste del Pacifico e dell'Atlantico, a causa della posizione dello stato all'interno del continente nordamericano. La mancanza di qualsiasi terreno montuoso a nord lo lascia aperto alla spazzata dei sistemi atmosferici artici.

Il Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti colloca Dallas nella Plant Hardiness Zone 8a.[15][16] Tuttavia, le temperature invernali miti negli ultimi 15-20 anni hanno incoraggiato l'orticoltura di alcune piante sensibili al freddo come le palme Washingtonia filifera e Washingtonia robusta. Secondo l'American Lung Association, Dallas ha il 12º inquinamento atmosferico più alto tra le città degli Stati Uniti, posizionandosi dietro a Los Angeles e Houston.[17] Gran parte dell'inquinamento atmosferico a Dallas e nell'area circostante proviene da un impianto di incenerimento di materiali pericolosi nella cittadina di Midlothian e da installazioni di cemento nella vicina contea di Ellis.[18]

Il minimo giornaliero giornaliero a Dallas è di 14,1 °C e il picco medio giornaliero è di 24,9 °C. Dallas riceve circa 955 mm di pioggia all'anno. L'innevamento record per Dallas è stato di 28 cm l'11 febbraio 2010.

DALLAS Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 16182125293336363226211717253526,325,8
T. min. mediaC) 5811131823252421181376,7142417,315,5
Precipitazioni (mm) 4858,779,587,9134,699,661,755,167,3118,166,364,3171,0302,0216,4251,7941,1

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preceduto da migliaia di anni di culture diverse, il popolo Caddo abitò l'area di Dallas prima che i coloni spagnoli reclamassero il territorio del Texas nel XVIII secolo come parte del Vicereame della Nuova Spagna. Più tardi, anche la Francia rivendicò l'area, ma non fondò mai molti insediamenti.

Nel 1819, il trattato Adams-Onís tra Stati Uniti e Spagna definì il Red River come il confine settentrionale della Nuova Spagna, collocando ufficialmente la futura posizione di Dallas all'interno del territorio spagnolo.[19] L'area rimase sotto il dominio spagnolo fino al 1821, quando il Messico dichiarò l'indipendenza dalla Spagna e l'area fu considerata parte dello stato messicano di Coahuila y Tejas. Nel 1836, i texani, con una maggioranza di coloni angloamericani, ottennero l'indipendenza dal Messico e formarono la Repubblica del Texas.[20]

Nel 1839, Warren Angus Ferris mappò l'area intorno all'odierna Dallas. John Neely Bryan fondò un insediamento permanente vicino al fiume Trinity chiamato Dallas nel 1841. L'origine del nome è incerta. Il consenso generale è che la città prende il nome da Dallas, in Scozia, o dal senatore George Mifflin Dallas di Filadelfia, Pennsylvania. Altre teorie potenziali per l'origine includono suo fratello, il commodoro Alexander James Dallas, così come i fratelli Walter R. Dallas o James R. Dallas.[21] La Repubblica del Texas fu annessa dagli Stati Uniti nel 1845 e la contea di Dallas fu istituita l'anno successivo. Dallas è stata formalmente incorporata come città il 2 febbraio 1856.

Con la costruzione di ferrovie, Dallas divenne un centro commerciale e fu in piena espansione alla fine del XIX secolo. Divenne una città industriale, attraendo lavoratori dal Texas, dal Sud e dal Midwest. Il Praetorian Building di 15 piani, costruito nel 1909, fu il primo grattacielo a ovest del Mississippi e l'edificio più alto del Texas per qualche tempo. Ha segnato l'importanza di Dallas come città. Fu costruita una pista per i purosangue e i loro proprietari fondarono il Dallas Jockey Club. I trottatori correvano su una pista a Fort Worth, dove era basato un club di piloti simile. La rapida espansione della popolazione aumentò la competizione per posti di lavoro e alloggi.

Nel 1921, il presidente messicano Álvaro Obregón insieme all'ex generale rivoluzionario visitò il Mexican Park a Little Mexico nel centro di Dallas; il piccolo parco era all'angolo tra le strade di Akard e Caruth, sito dell'attuale Fairmount Hotel.[22] Il piccolo quartiere di Little Mexico ospitava la popolazione ispanica che era venuta a Dallas a causa di fattori come il sogno americano, migliori condizioni di vita o la rivoluzione messicana.

Il 22 novembre 1963, il presidente John Fitzgerald Kennedy fu assassinato su Elm Street mentre il suo corteo automobilistico passava attraverso Dealey Plaza, nel centro di Dallas. I due piani superiori dell'edificio da cui il presunto assassino Lee Harvey Oswald sparò a Kennedy, il Texas School Book Depository, sono stati trasformati in un museo storico che copre la vita e le realizzazioni dell'ex presidente.

Il 7 luglio 2016 sono stati sparati diversi colpi a una protesta pacifica nel centro di Dallas, trattenuta contro gli omicidi di due uomini di colore provenienti da altri stati. Il sicario, in seguito identificato come Micah Xavier Johnson, iniziò a sparare contro gli agenti di polizia alle 8:58, uccidendo cinque ufficiali e ferendone nove. Anche due passanti rimasero feriti. Questo segnò il giorno più letale per le forze dell'ordine statunitensi dagli attacchi dell'11 settembre. Johnson disse alla polizia durante una situazione di stallo che era arrabbiato per le recenti sparatorie della polizia di uomini di colore e voleva uccidere i bianchi, specialmente gli ufficiali bianchi. Dopo ore di trattative fallite, la polizia fece ricorso a una bomba consegnata da un robot, uccidendo Johnson all'interno dell'El Centro College. La sparatoria accade in un'area degli hotel, ristoranti, aziende e appartamenti residenziali a pochi isolati da Dealey Plaza.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento[23] del 2010, la popolazione era di 1.197.816 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento del 2010, la composizione etnica della città era formata dal 50,7% di bianchi, il 25,0% di afroamericani, lo 0,7% di nativi americani, il 2,9% di asiatici, lo 0,0% di oceanici, il 18,1% di altre razze, e il 2,6% di due o più etnie. Ispanici o latinos di qualunque razza erano il 42,4% della popolazione.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Nella città sono presenti 337 scuole pubbliche, 89 scuole private, 38 college e 32 biblioteche.[24]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

Dallas è servita dal sistema dal Dallas Public Library. Esso è stato originariamente creato dalla Dallas Federation of Women's Clubs, in particolare dalla Presidente, la signora Henry (May Dickson) Exall.[25] Oggi la biblioteca dispone di 27 sedi in tutta la città, tra cui la J. Erik Jonsson Central Library del Distretto governativo della Downtown.[26]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle persone della città vivono all'interno del Distretto Scolastico Indipendente di Dallas (Dallas Independent School District), il 12º distretto scolastico per dimensioni degli Stati Uniti e il secondo (sempre per dimensioni) del Texas.[27] É frequentato da 161 000 studenti.[27] Nel 2006 una delle principali scuole del distretto, la School for the Talented and Gifted di Oak Cliff (un borgo di Dallas), è stata nominata la migliore scuola pubblica degli Stati Uniti da Newsweek, mantenendo la posizione nel 2007 e nel 2009. Un'altra scuola appartenente al distretto, il Science and Engineering Magnet, ha raggiunto l'ottavo posto nello stesso sondaggio del 2006 e ha raggiunto il secondo posto nella classifica dell'anno successivo.[28]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Dallas possiede numerosi giornali locali, riviste, stazioni televisive e stazioni radio che servono l'agglomerato di Dallas-Fort Worth, il 5 ° mercato mediatico più grande degli Stati Uniti.[29] L'Hispanic Broadcasting Corporation (HBC), la più grande società del settore delle stazioni radio in lingua spagnola, ha sede a Dallas.[30] Nel 2003 la HBC è stata acquistata dalla Univision e cambia nome in Univision Radio Inc.; nonostante questo, le stazioni radio rimangono comunque nella città.[31]

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Il distretto artistico nel nord della Downtown è sede di diversi incontri ed è il più grande quartiere artistico degli USA.[32]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Dallas è nota per il suo barbecue, la cucina autentica messicana e quella Tex-Mex. Un famoso prodotto consumato a Dallas è il Margarita.[33]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio l'economia di Dallas si basava sull'agricoltura e sulla sua posizione privilegiata nelle rotte commerciali dei nativi americani. Nel 1873 vennero costruite più linee ferroviarie attraverso la città. Nel 1900 la città divenne il più grande mercato interno del cotone nel mondo, diventando il leader nel settore della produzione di sgranatrici di cotone. Nel 1930 venne scoperta la presenza di petrolio ad est di Dallas, vicino a Kilgore, in Texas, inserendo la città al centro del mercato petrolifero della nazione. La scoperta della presenza del petrolio nel Bacino Permiano, nel Panhandle, nella costa del golfo e nell'Oklahoma negli anni successivi hanno ulteriormente consolidato la posizione di Dallas come centro del mercato petrolifero.[34]

Il Telecom Corridor, situato a Richardson, ospita più di 5 700 aziende.[35] A Dallas ha sede la Texas Instruments Incorporated, il terzo produttore mondiale di dispositivi elettronici; possiede inoltre centri di produzione, sviluppo e commercializzazione in 3 diversi continenti. Solo presso la sede e le centrali nella città impiega 10 400 dipendenti.[36] La società d'ingegneria Jacobs Engineering nell'ottobre 2016 si è trasferita da Pasadena a Dallas.[37] Nella città ha sede la Susan G. Komen for the Cure, la più grande e più conosciuta organizzazione contro il cancro al seno negli Stati Uniti.[38] Dal 1931 è presente l'Highland Park Village.[39] A Dallas è stato costruito il secondo centro commerciale più grande del Texas, ossia il NorthPark Center, oltre alla Galleria Dallas. Entrambi ricoprono un ruolo importante nel settore turistico della città.[40][41] Secondo l'elenco annuale "The Richest People in America" della rivista Forbes pubblicato il 21 settembre 2011 la città stessa ospita 17 miliardari, 3 in più rispetto al 2009. Nel 2009 era la sesta città al mondo per numero di miliardari.[42][43]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è servita dall'Aeroporto Internazionale di Dallas-Fort Worth e dall'Aeroporto di Dallas-Love. La città dispone anche di una rete metrotranviaria, una linea tranviaria classica, una linea tranviaria esercitata con vetture storiche e di un servizio ferroviario suburbano denominato Trinity Railway Express.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Dallas è rappresentata in tutte le principali leghe professionistiche statunitensi:

Da segnalare anche la presenza di uno dei centri della WOGA, famoso team della ginnastica artistica a livello mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Texas Almanac | Texas State Historical Association | Facts, Profile & Rank, TexasAlmanac.com. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato il 29 gennaio 2013).
  2. ^ Largest 100 US cities, City Mayors, 17 maggio 2012. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  3. ^ American FactFinder, U.S. Census Bureau. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  4. ^ The main reason Americans are ditching New York and flocking to cowboy land, su www.qz.com, Quartz.
  5. ^ Cumulative Estimates of Resident Population Change and Rankings: April 1, 2010 to July 1, 2016 - United States, U.S. Census Bureau. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2018).
  6. ^ In ascending order from the Dallas/Fort Worth Metroplex (in terms of metropolitan population): Chicago via Lake Michigan, Los Angeles via the Pacific Ocean, and New York City via the Atlantic Ocean. For attempts to render the Trinity River navigable to the Gulf of Mexico, see TRINITY RIVER NAVIGATION PROJECTS |The Handbook of Texas Online|Texas State Historical Association (TSHA), https://tshaonline.org/handbook/online/articles/ett01 (last visited September 16, 2013); The Trinity River Authority of Texas (TRA), Archived copy, su trinityra.org. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2013). (last visited September 16, 2013); Living with the Trinity: The Trinity River in Dallas, Fort Worth, North Texas and Beyond (Video Documentary), http://trinityrivertexas.org/video_full.php (last visited September 16, 2013). See also Trinity River (Texas).
  7. ^ (EN) Jackie McElhaney and Michael V. Hazel: «DALLAS, TX» dall'Handbook of Texas online, TSHA-Texas State Historical Association . url consultato il April 20, 2006.
  8. ^ (EN) Dallas: Economy - Major Industries and Commercial Activity, Incentive ProgramsNew and Existing Companies, su www.city-data.com. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  9. ^ RECAP:Dallas LGBT Travel, Visit Dallas. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2016).
  10. ^ Geographic Identifiers: 2010 Demographic Profile Data (G001): Dallas city, Texas, U.S. Census Bureau, American Factfinder. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2013).
  11. ^ a b c NowData – NOAA Online Weather Data, National Oceanic and Atmospheric Administration. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  12. ^ Dallas/Fort Worth – All-Time Maximum and Minimum Temperatures, National Weather Service Fort Worth. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  13. ^ DFW Climate. Retrieved on March 26, 2006. Archiviato il October 10, 2008 Data nell'URL non combaciante: 10 ottobre 2008 in Internet Archive.
  14. ^ TXDOT Archiviato il August 12, 2007 Data nell'URL non combaciante: 12 agosto 2007 in Internet Archive. – Wildflower and Fall Foliage Archiviato il April 8, 2007 Data nell'URL non combaciante: 8 aprile 2007 in Internet Archive.
  15. ^ Texas USDA Hardiness Zone Map, su plantmaps.com. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  16. ^ Ramon Jordan, Plant Hardiness Zone Map: South-Midwest US, Usna.usda.gov, 24 gennaio 2012. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  17. ^ Lungusa.com. Retrieved on March 2, 2006. Archiviato il May 29, 2009 Data nell'URL non combaciante: 29 maggio 2009 in Internet Archive.
  18. ^ Downwindersatrisk.orgPollution in Midlothian. Retrieved on April 17, 2006. Archiviato il August 10, 2015 Data nell'URL non combaciante: 10 agosto 2015 in Internet Archive.
  19. ^ Herbert E. Bolton, Athanase de Mezieres and the Louisiana-Texas Frontier 1768–1780, Cleveland, Arthur H Clark Company, 1914.
  20. ^ (EN) Joseph Milton Nance: «Republic of Texas» dall'Handbook of Texas online, TSHA-Texas State Historical Association . url consultato il September 25, 2006.
  21. ^ (EN) Dr. Tommy Stringer, Stringer - How did Dallas get its name?, in Corsicana Daily Sun. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  22. ^ Sol Villasana, Dallas's Little Mexico, Arcadia, p. 71, ISBN 978-0-7385-7979-5.
  23. ^ American FactFinder, United States Census Bureau. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  24. ^ suva wiki content software at, Mywikicity.com. URL consultato il 23 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2010).
  25. ^ DallasLibrary.orgHistory. RetrieRecuperato il 1º maggio 2006. Archiviato il 16 maggio 2010 in Internet Archive.
  26. ^ DallasLibrary.org. Recuperato il 13 marzo 2006.
  27. ^ a b DallasISD.orgInside DISD Archiviato il 10 maggio 2006 in Internet Archive.. Recuperato il 1º maggio 2006.
  28. ^ Newsweek America's Best High Schools – MSNBC.com Archiviato il 16 giugno 2006 in Internet Archive.. Recuperato il 1º maggio 2006.
  29. ^ Fall 2006 Market Ratings, Arbitron.com. URL consultato l'11 maggio 2013.
  30. ^ Emailwire.com – "Hispanic Broadcasting Corporation Announces Renan Almendarez Coello, El Cucuy De La Mañana, 'is Taking His Career to New Heights' Archiviato il August 10, 2015 Data nell'URL non combaciante: 10 agosto 2015 in Internet Archive.". Originariamente pubblicato il 30 gennaio 2003. Recuperato il 19 ottobre 2006. Copia archiviata, su emailwire.com. URL consultato il 20 ottobre 2006 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2015).
  31. ^ Business.comHispanic Broadcasting Corporation. Recuperato il 19 ottobre 2006. Archiviato il 24 agosto 2015 in Internet Archive.
  32. ^ ArtPlace names the Dallas Arts District one of the nation's top 12 ArtPlaces, su The Dallas Morning News. URL consultato il 7 settembre 2014.
  33. ^ Colleen McCain Nelson, One Man's Invention, Forever Frozen In Time – Dallas: Margarita Machine Takes Its Rightful Place In History, in Dallas Morning News, 5 ottobre 2005. URL consultato il 7 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2006).
  34. ^ Darwin Payne, Chapter VII: The Emergence of "Big D", in Dallas, an illustrated history, Woodland Hills, California, Windsor Publications, 1982, pp. 189–221, ISBN 0-89781-034-1.
  35. ^ Telecom Corridor website. Recuperato il 21 febbraio 2006.
  36. ^ Texas InstrumentsFact Sheet. Recuperato il 1º ottobre 2006.
  37. ^ Global engineering firm to relocate headquarters from California to Dallas, Dallas Business Journal. URL consultato il 22 aprile 2017.
  38. ^ Gayle A. Sulik, Pink Ribbon Blues: How Breast Cancer Culture Undermines Women's Health, United States of America, Oxford University Press, 2010, pp. 146–150, ISBN 0-19-974045-3, OCLC 535493589.
  39. ^ [1] – Recuperato il 20 febbraio 2007.
  40. ^ NorthPark Center, northparkcenter.com. URL consultato il 21 novembre 2016.
  41. ^ Galleria Dallas, galleriadallas.com. URL consultato il 21 novembre 2016.
  42. ^ The Richest People in America, September 21, 2011, su Forbes Magazine. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  43. ^ Top World Cities for Billionaires, 22 Aprile 2009, Overseas Property Mall, Guide to International Real Estate Investment. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  44. ^ City of Brno Foreign Relations: Partnership agreements – Dallas, in City of Brno – Brno.cz. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2016).
  45. ^ Taipei – International Sister Cities, in Taipei City Council. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4085382-2 · BNF (FRcb12002459p (data)
Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas