Henry A. Wallace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henry A. Wallace
Henry-A.-Wallace-Townsend.jpeg

33º Vicepresidente degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 20 gennaio 1941 - 20 gennaio 1945
Presidente Franklin Delano Roosevelt (terzo mandato)
Predecessore John N. Garner
Successore Harry S. Truman

11° Segretario dell'Agricoltura degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 4 marzo 1933 - 4 settembre 1940
Predecessore Arthur M. Hyde
Successore Claude R. Wickard

10° Segretario al Commercio degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 2 marzo 1945 - 20 settembre 1946
Predecessore Jesse Holman Jones
Successore W. Averell Harriman

Dati generali
Partito politico Democratico (1933-1946), Progressista (1946-1948)
Firma Firma di Henry A. Wallace

Henry Agard Wallace (Orient, 7 ottobre 1888Danbury, 18 novembre 1965) è stato un politico e imprenditore agricolo statunitense, membro del Partito Democratico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Henry A. Wallace fondò nel 1926 la DuPont Pioneer assieme a un gruppo di investitori di Des Moines. Inizialmente repubblicano, passò poi tra le file dei democratici e fu uno specialista in problemi agrari. Nel 1933 divenne segretario di Stato all'Agricultura (carica che mantenne fino al 1940), varando il 12 maggio 1933 il fondamentale Agricultural Adjustment Act.

Fu Vicepresidente sotto la terza presidenza di Franklin D. Roosevelt dal 1941 al 1945, coronando così la sua lunga collaborazione con il Presidente. Durante la seconda guerra mondiale diresse l'Ente per la guerra economica, che impedì alle Potenze dell'Asse di procurarsi armi sul mercato mondiale. Wallace godeva della piena fiducia di Roosevelt che lo comprese nel cosiddetto Top Policy Grooup, il comitato ristretto organizzato dal presidente per dirigere al massimo livello il Progetto Manhattan per la costruzione della bomba atomica. Il Comitato comprendeva, oltre a Roosevelt, che peraltro non partecipò mai alle riunioni, Wallace, il segretario alla Guerra Henry Stimson, il capo di stato maggiore generale George Marshall, e i due direttori della ricerca scientifica nazionale Vannevar Bush e James Conant[1].

Cessato il mandato come vicepresidente, nel marzo 1945 divenne segretario al Commercio.

In sèguito si discostò dalla politica estera di Harry S. Truman, essendo favorevole a un atteggiamento più conciliante nei confronti dell'URSS. Nel 1948 ruppe con il Partito Democratico e si candidò senza successo alla presidenza, dopo aver fondato il Partito progressista.

Fu direttore della rivista The New Republic dal 1946 al 1948. Molti scritti di Wallace furono tradotti in italiano durante il regime fascista con lo scopo di dimostrare che l'interventismo economico rooseveltiano aveva molti punti in comune con il corporativismo fascista.

Alla sua candidatura presidenziale partecipò Alan Lomax, in qualità di direttore musicale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Valvedit, La guerra nucleare, p. 20.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B. Palmiro Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale, vol. 2, Milano, Mondadori Editore, 1975, p. 242, SBN IT\ICCU\TO0\0604602.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Vicepresidente degli Stati Uniti Successore
John Nance Garner 1941-1945 Harry S. Truman
Controllo di autorità VIAF: (EN24730281 · ISNI: (EN0000 0001 1022 8461 · LCCN: (ENn80002425 · GND: (DE119366126 · BNF: (FRcb128431568 (data) · BAV: ADV11244894