Benjamin Harrison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benjamin Harrison
Benjamin Harrison, head and shoulders bw photo, 1896.jpg

23º presidente degli Stati Uniti
Durata mandato 4 marzo 1889 - 4 marzo 1893
Predecessore Grover Cleveland
Successore Grover Cleveland

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica Conservatore
Firma Firma di Benjamin Harrison

Benjamin Harrison (North Bend, 20 agosto 1833Indianapolis, 13 marzo 1901) è stato un politico statunitense. È stato il 23º Presidente degli Stati Uniti d'America. La sua presidenza fu in mezzo ai due mandati di Grover Cleveland.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Benjamin Harrison nacque il 20 agosto 1833 a North Bend, nell'Ohio, da una famiglia illustre dal punto di vista politico. Infatti il padre, John Scott Harrison, era stato per lungo tempo rappresentante parlamentare dell'Ohio, il nonno William Henry Harrison era stato il nono Presidente degli Stati Uniti d'America mentre il bisnonno, Benjamin Harrison V, era stato uno dei firmatari della Dichiarazione d'Indipendenza.

Pur avendo queste meritevoli ascendenze, la famiglia Harrison non aveva grandi risorse economiche, pur conducendo uno stile di vita dignitoso. John infatti spese tutto il suo patrimonio per garantire un'istruzione ai suoi figli, Benjamin e Irwin, che, dopo le scuole primarie, nel 1847 vennero iscritti al College Hill di Cincinnati, dove rimase per due anni. Fu qui che incontrò la sua futura moglie, Caroline Harrison, figlia di John Waterspoon Scott, professore di scienze naturali e pastore metodista.

Nel 1849, dopo aver lasciato il collegio, il giovane Benjamin si iscrisse alla Miami University di Oxford, nell'Ohio, dove si laureò in legge nel 1852. Durante il periodo universitario, Harrison entrò a far parte di diverse confraternite universitarie e divenne membro della locale comunità presbiteriana, religione che era anche quella professata dalla madre, Elizabeth Ramsey.

La carriera da avvocato[modifica | modifica wikitesto]

Prima di conseguire la laurea, Benjamin Harrison decise di fidanzarsi con la sua vecchia compagna di collegio, Caroline Lavinia Scott, con la quale si sposò il 20 ottobre 1853, in una cerimonia eseguita dallo stesso padre della sposa, che era reverendo: la coppia ebbe due figli, Russell Benjamin Harrison (1854-1936) e Mary "Mamie" Scott Harrison-McKee (1858-1930). Quindi, l'anno seguente i due si trasferirono ad Indianapolis], nell'Indiana, dove Harrison fece pratica forense nello studio di un avvocato, divenendo successivamente banditore per la Corte federale dell'Indiana.

Frattanto il giovane avvocato si appassionò alla politica: poiché proveniva da una famiglia tradizionalmente vicina al partito Whig, Harrison militò per questa formazione politica, finché non si sciolse nel 1856; dopo di allora, decise di iscriversi al Partito Repubblicano, facendo campagna elettorale per il candidato ufficiale del partito alle elezioni presidenziali di quell'anno, John Charles Frémont, che però perse a favore del candidato democratico James Buchanan. Pur con questa sconfitta, Harrison continuò entusiasticamente a militare tra i repubblicani, non trascurando però il suo lavoro di avvocato.

Dalla guerra civile alla carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Lo scoppio, nel 1861, della guerra di secessione, vide Harrison diviso tra la scelta di servire nell'esercito unionista e come provvedere al mantenimento della famiglia. Tuttavia, dopo il bando del presidente Abraham Lincoln del 1862, che chiedeva l'arruolamento di volontari, e la visita del governatore Oliver Perry Morton, angustiato per la scarsezza di uomini, l'avvocato dell'Ohio ruppe gli indugi e si arruolò. Ebbe dal governatore il compito di arruolare una compagnia di volontari a cui fu affidato il comando, che però Harrison rifiutò, non considerandosi adatto. Accettò però di servire come capitano nello stesso reggimento, il 70º Reggimento di fanteria dei Volontari dell'Indiana, di cui divenne colonnello il 7 agosto 1862. Dopo l'entrata in servizio, il Reggimento si unì all'esercito nordista che operava nel Kentucky, per poi supportare il generale William Tecumseh Sherman nella sua campagna contro i sudisti nella Georgia, operazione che portò all'assedio e alla caduta di Atlanta nel 1864. Verso la fine del conflitto, il 23 gennaio 1865, Lincoln decise di conferire ad Harrison il brevetto di generale di brigata, grado che mantenne fino alla cessazione delle ostilità.

Dopo la guerra, Harrison, dimessosi dall'esercito, tornò a fare l'avvocato, lasciandosi attrarre però dalla carriera politica, tanto che nel 1872 fu presentato alla convention del partito repubblicano locale come candidato alla carica di Governatore dell'Indiana, rinunciandovi quando il governatore uscente Morton appoggiò il candidato rivale, Thomas H. Browne. L'avvocato statunitense ci riprovò nel 1876, ma perse nuovamente per una manciata di voti contro l'avversario James D. Williams; poi, quando due anni dopo morì Morton, senatore dello Stato, i repubblicani dell'Indiana lo inviatorno a correre per la nomination, venendo di nuovo sconfitto. Fu poi delegato repubblicano alla convention per le lezioni presidenziali del 1880, dove il suo voto fu determinante per promuovere la nomina di James Abraham Garfield, che vinse le elezioni e divenne il 20° presidente degli Stati Uniti d'America. Contemporaneamente anche Harrison, dopo aver superato alcune resistenze interne, fu finalmente scelto come candidato repubblicano al Senato, venendo eletto e insediandosi il 4 marzo 1881.

Fu un acerrimo avversario del presidente Grover Cleveland, del Partito Democratico, a causa della diversità di vedute sulla gestione amministrativa e finanziaria dei fondi pubblici, in quanto i democratici al Congresso sostenevano la necessità di ridurre il deficit di bilancio e chiedevano nuove economie, mentre i repubblicani insistevano sulla spesa sociale per il pagamento delle pensioni ai veterani di guerra e alle loro famiglie e all'incremento del finanziamento dell'istruzione pubblica.

Proprio per questo, Harrison, che nel 1887 era tornato ad Indianapolis a fare l'avvocato, fu scelto come candidato repubblicano per le elezioni presidenziali del novembre 1888, scelto dalla convention del partito contro il rivale John Sherman. Quindi, il nuovo candidato presidente iniziò una campagna elettorale incentrata sui temi economici, come il mantenimento delle tariffe doganali e il riarmo navale, temi cari agli esponenti delle grandi industrie, che videro in lui il proprio rappresentante. Harrison riuscì alla fine a vincere le elezioni, ottenendo più voti dei Grandi Elettori, ma non la maggioranza dei voti popolari, che andarono al suo avversario Cleveland, ma venne comunque eletto Presidente.

Presidente degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Politica interna[modifica | modifica wikitesto]

Da Presidente, Harrison come primo atto ratificò l'entrata nell'Unione di ben quattro Stati federali, tutti nel 1889: North Dakota e South Dakota (2 novembre), Montana (8 novembre) e Washington (11 novembre). A questi quattro nuovi Stati annessi, se ne sarebbero aggiunti nel 1890: Idaho (3 luglio) e Wyoming (10 luglio).

Nel corso del suo mandato, si dimostrò ben più arrendevole di Cleveland nei confronti di un Congresso che tendeva a spendere, tant'è che quello eletto nel 1888 venne ribattezzato come "il Congresso milionario": infatti rappresentanti e senatori statunitensi accettavano qualsiasi proposta e spendevano soldi, prosciugando così le riserve di soldi risparmiati durante l'amministrazione Cleveland. L'aumento della spesa pubblica avrebbe portato il Paese ad un boom economico, seguito nel 1893, dopo la fine del mandato di Harrison, ad una nuova grande depressione.

La sua presidenza coincise con forti incentivi ai settori privati dell'economia, anche grazie all'approvazione, nel 1890, del McKinley Tariff Act, che stabilì un forte incremento dei dazi protettivi, mentre al contempo, il 2 luglio dello stesso anno, con lo Sherman Antitrust Act, proposto dal senatore dell'Ohio John Sherman, venivano duramente colpiti i monopoli, divenendo così illegale ogni sorta di trust o accordo mirante ad ostacolare la libertà di commercio. Sempre ad opera di Sherman fu proposto al Congresso lo Sherman Silver Purchase Act, firmato il 14 luglio, che regolava il sistema del bimetallismo del sistema monetale statunitense, fino ad allora basato sull'alternanza di una combinazione di oro o di argento: la nuova legge invece riduceva il rapporto del dollaro con l'argento, in risposta alle lamentele di agricoltori e compagnie minerarie, alle prese con una inflazione dovuta alla sovrapproduzione dell'argento.

Altri provvedimenti legislativi degni di nota furono: nel 1889 Harrison assegnò a circa 20.000 coloni una larga striscia di territorio situato nelle terre indiane dell'Oklahoma (circa 11 milioni di acri), aperte alla colonizzazione; nel marzo del 1891, fu revisionata la legge riguardante l'istituzione dei Parchi Nazionali, resasi necessaria per decidere cosa fare dei territori non aperti alla colonizzazione e che non interessavano alle compagnie ferroviarie e minerarie. Fu così che il presidente decise di incrementare l'estensione del Parco nazionale di Yellowstone, nel Wyoming e di creare in California) altri due parchi nazionali: il Parco nazionale di Sequoia e il Parco nazionale di Yosemite.

Un aspetto negativo della sua presidenza fu la sua spietata politica nei confronti dei pellerossa, concretizzatasi in due episodi fondamentali: l'uccisione del capo dei Sioux Toro Seduto, morto durante un tentativo di arresto nella riserva di Standing Rock, nel South Dakota, il 15 dicembre 1890, da parte della polizia indiana della riserva, incaricata di arrestarlo per la sua adesione alla Danza degli spiriti, un movimento religioso che predicava la riscossa dei nativi contro i bianchi invasori; e il massacro di Wounded Knee, avvenuto il 29 dicembre successivo, sempre ne South Dakota, quando il 7º Reggimento di Cavalleria degli Stati Uniti attaccò una tribù Sioux, massacrando 145 pellerossa, in maggioranza donne e bambini. Con questi episodi terminò definitivamente la resistenza degli indiani verso la colonizzazione dei loro territori da parte dei bianchi, tanto che venne dichiarata la chiusura della frontiera, aperta un secolo prima.

Sempre sotto la sua amministrazione vide la luce, nel 1891, il Partito del Popolo, nato a Cincinnati come reazione dei piccoli contadini (farmers) contro lo strapotere delle banche della grande finanza; i populisti avrebbero ottenuto un largo successo tra il 1892 e il 1896, portando loro rappresentanti al Congresso, per poi svanire completamente.

Infine, Harrison, mostrò, come i suoi predecessori, nessun atteggiamento conciliatorio verso i movimenti sindacali dei lavoratori: si rese evidente nel 1892, quando scoppiò lo sciopero dei lavoratori delle industrie dell'acciaio, subito represso dagli agenti Pinkerton e dalle truppe federali, in crescendo di tensioni e gravi incidenti.

Politica estera[modifica | modifica wikitesto]

La politica estera della presidenza Harrison fu incentrata sul raggiungimento per gli Stati Uniti di un ruolo di grande potenza militare e commerciale, una visione rafforzata in seguito dai suoi successori. In questa ottica si deve collocare la convocazione della prima conferenza panamericana, tenutasi a Washington dal 20 gennaio al 27 aprile 1889, alla quale parteciparono i rappresentanti di tutti gli Stati indipendenti del continente americano, e dove gli Stati Uniti cominciarono a dar corpo ad una politica egemonica verso l'America Latina, con pressanti ingerenze negli affari esterni degli Stati sudamericani.

Nello stesso anno Stati Uniti d'America, Inghilterra e Germania, con un trattato tripartito stabilirono un protettorato congiunto sulle Isole Samoa: era la prima volta che il governo americano adottava questo tipo di misura, che creò il primo avamposto americano nel cuore dell'Oceano Pacifico.

La prima vertenza internazionale nella quale gli Stati Uniti furono coinvolti fu con la Gran Bretagna, a causa dei diritti di pesca lungo le coste dell'Alaska, contestati dal Canada che rivendicava tale prerogativa lungo le Isole Aleutine, appartenenti all'Alaska e quindi territorio americano. In risposta a queste provocazioni, la Marina statunitense per ritorsione sequestrò diverse imbarcazioni da pesca canadesi. Le trattative iniziarono nel 1891, e portarono ad un compromesso tra i due Paesi sui diritti di pesca, con un indennizzo che il governo britannico pagò nel 1898.

L'ultima vicenda internazionale nella quale Harrison rimase coinvolto fu l'annessione delle isole Hawaii, nel gennaio 1893, quando era formalmente in carica ma era già stato battuto alle elezioni dal rivale Cleveland, al quale toccò questa "grana" diplomatica. Infatti, a causa delle tendenze autoritarie della regina Liliuokalani delle Hawaii, alcuni americani ed europei residenti nell'arcipelago provocarono gravi incidenti, asserendo che la regina, causa il tentativo di abolire la costituzione, avesse attentato alle libertà civili e dovesse abdicare. In realtà, dietro a queste proteste si celavano gli enormi interessi economici che gli stranieri residenti detenevano nelle Hawaii, in quanto il governo americano decise di bloccare le tariffe agevolate per lo zucchero hawaiano; qualcuno parlò anche di annettere l'arcipelago agli Stati Uniti. Il console americano John Leavitt Stevens, per proteggere gli interessi americani, dispose l'invio alle Hawaii di una nave da guerra, la USS Boston, che stazionò nelle acque circostanti e costrinse Liliuokalani ad abdicare il 17 gennaio 1893. Si formò un governo provvisorio, che chiese l'annessione agli USA, ma il Congresso respinse l'offerta, tanto che si pensò di restituire il trono alla regina, ma si cambiò idea quando questa chiese condizioni troppo dure per rioccupare il suo posto. Il 4 luglio 1894 si formò la Repubblica delle Hawaii, che nel 1898 fu annessa agli Stati Uniti.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nelle elezioni presidenziali del novembre 1892, Harrison si trovò a sfidare di nuovo Grover Cleveland, ma questa volta perse. A fine mandato Harrison si ritirò a vita privata a Indianapolis, nell'Indiana, e il 6 aprile 1896 sposò a New York City in seconde nozze la vedova Mary Scott Lord Dimmick, nipote ed ex segretaria della prima moglie Caroline, morta di tubercolosi il 25 ottobre 1892, durante il mandato presidenziale del marito. La coppia ebbe una figlia, Elizabeth (1897-1955), mentre gli altri figli di Harrison, disapprovando la scelta del padre di risposarsi, non presenziarono al matrimonio.

In seguito Harrison si diede alla carriera diplomatica: partecipò infatti alla Prima Conferenza di Pace tenutasi a L'Aia nel 1899, mentre nel 1900 prestò la sua attività diplomatica al servizio della Repubblica del Venezuela in merito alle sue dispute territoriali scoppiate con la Gran Bretagna nello stesso anno.

Infine, l'ex-presidente morì per una influenza, che causò una polmonite, il 13 marzo 1901, nella sua casa di Indianapolis. Venne sepolto presso il Crown Hill Cemetery di Indianapolis.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Gian Antonio Stella, Corriere della Sera, 22 febbraio 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Presidente degli Stati Uniti Successore
Stephen Grover Cleveland 1889-1893 Stephen Grover Cleveland
Controllo di autorità VIAF: (EN102441725 · LCCN: (ENn50026594 · ISNI: (EN0000 0000 7693 4409 · GND: (DE11872049X · BNF: (FRcb120694019 (data)