James Buchanan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Buchanan
James Buchanan.jpg

15º Presidente degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 4 marzo 1857 – 4 marzo 1861
Predecessore Franklin Pierce
Successore Abraham Lincoln

Dati generali
Partito politico Democratico
Firma Firma di James Buchanan

James Buchanan (Cove Gap, 23 aprile 1791Lancaster, 1º giugno 1868) è stato un politico statunitense.

È stato il 15º Presidente degli Stati Uniti, l'unico nato in Pennsylvania e l'unico a rimanere scapolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

James Buchanan nacque a Cove Gap, un villaggio all'interno della Peters township, in Pennsylvania il 23 aprile 1791, da James Buchanan Senior, di origine irlandese, e da Elizabeth Spear. Da giovane frequentò il Dickinson College di Carlisle, dove si laureò in legge. In breve tempo Buchanan divenne un brillante avvocato, tanto che si diceva che avesse guadagnato un notevole patrimonio.

Dopo essere stato per due anni membro della Camera dei Rappresentanti della Pennsylvania, il giovane avvocato statunitense sedette dal 1821 al 1831 al Congresso degli Stati Uniti come deputato tra le fila del Partito Federalista, finché, quando nel 1824 tale partito si dissolse, entrò nel Partito Democratico. Dopo un breve periodo a San Pietroburgo come ambasciatore statunitense in Russia (1832-1833), Buchanan fu eletto senatore nel 1834 all'interno dei democratici. In Senato fu un fervido sostenitore del presidente Andrew Jackson e della politica espansionistica verso Ovest.

Proprio per questo motivo, nel 1845 il senatore democratico fu nominato Segretario di Stato dal presidente James Polk, anch'egli fautore di una forte politica di espansione ad Ovest, specialmente ai danni del Messico. In tale veste, Buchanan negoziò con l'Inghilterra il Trattato dell'Oregon, firmato a Washington il 15 giugno 1846, che stabiliva i confini con il Canada britannico e annetteva all'Unione il territorio dell'Oregon. Dopo la fine dell'amministrazione Polk, il politico statunitense venne nominato, nel 1853, ambasciatore a Londra, dove rimase tre anni. Fu in questo periodo che Buchanan maturò le sue convinzioni politiche a proposito della schiavitù, tema allora al centro del dibattito politico americano, sostenendo che il Congresso non potesse intervenire sulle questioni riguardanti le faccende interne dei singoli Stati, mostrandosi favorevole alle posizioni sudiste.

Proprio per questa sua posizione riguardo al problema schiavistico, il Partito Democratico nel 1856 lo scelse come candidato ufficiale per la presidenza degli Stati Uniti d'America, riuscendo a vincere le elezioni presidenziali del novembre 1856, insediandosi il 4 aprile 1857. Il suo programma elettorale si incentrava sul rispetto della volontà popolare e sul diritto degli americani di mantenere schiavi.

La presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto del presidente James Buchanan

Sotto la sua presidenza, la crisi a proposito dello schiavismo, che di lì a pochi anni avrebbe portato alla guerra di secessione, si accentuò ulteriormente. Gli storici accusano Buchanan di essere stato troppo incerto nell'affrontare le divergenze fra il Nord e il Sud che avrebbero portato al conflitto.

Buchanan, apertamente a favore delle posizioni sudiste e dell'autogoverno dei coloni sul tema della schivitù, non solo fu responsabile di un arretramento della condizione dei neri nel Nord, ma addirittura di un tentativo di esportazione del sistema schiavistico, sul modello statunitense, anche nel Messico e nell'America centrale e meridionale. L'esportazione di tale modello era funzionale all'espansionismo militare di Washington, che per Buchanan andava attuato in primis ai danni di Cuba, all'epoca in mano agli spagnoli.[1]

Nello specifico, due giorni dopo il suo insediamento una sentenza della Corte suprema scatenò un'ondata di proteste: si decideva sul ricorso di Dred Scott, uno schiavo nero che si era trasferito con il suo padrone in un territorio in cui, secondo il Compromesso del Missouri, la schiavitù era fuorilegge; per questo, chiedeva di essere liberato. La sentenza non solo non accolse il ricorso, ma dichiarò incostituzionale il Compromesso del Missouri, annullandolo in quanto violava il diritto di proprietà sancito dalla Costituzione. Le violente proteste al Nord, che sfociarono nella cosiddetta "incursione di John Brown", un attivista bianco che mirava alla rivolta armata degli schiavi neri, il quale nel 1859 assaltò il deposito di armi di Harper's Ferry, in Virginia, ma fu catturato dalla truppe federali, processato e impiccato. Queste tensioni, unite alla grave crisi economica che colpì il paese nello stesso periodo, resero Buchanan molto impopolare.

Altri avvenimenti importanti della sua presidenza sono l'ingresso nell'Unione di nuovi Stati, come il Minnesota (11 maggio 1858) e l'Oregon (14 febbraio 1859), oltre al dibattito, avvenuto nel 1858, tra Lincoln e Douglas sul problema della schiavitù: il primo infatti si opponeva all'introduzione della schiavitù nei territori dell'Ovest. In autunno le elezioni congressuali assegnarono ai repubblicani tutti gli Stati del Nord, accentuando l'isolamento degli Stati schiavisti. Ben presto, alle elezioni presidenziali del novembre del 1860, i repubblicani vinsero candidando proprio Lincoln. Sarebbe stato questo il punto di non ritorno della tensione politica sfociata nella guerra civile americana.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il mandato presidenziale di Buchanan terminò il 4 marzo 1861, e nel lasso di tempo che andò dalla vittoria elettorale di Lincoln al suo definitivo insediamento, egli cercò di scongiurare la guerra civile, ottenendo però soltanto una spaccatura all'interno del suo stesso partito.

Amareggiato dalla vicende nazionali e personali (era stato accusato di essere omosessuale fin dal 1819) ed ormai non appoggiato da alcun movimento politico, Buchanan si ritirò a vita privata e morì all'età di 77 anni il 1º giugno 1868 a Lancaster, in Pennsylvania. Venne sepolto presso il Woodward Hill Cemetery di Lancaster (Pennsylvania).

Lasciò una autodifesa in cui descriveva i suoi sforzi per evitare la guerra civile.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

James Buchanan non si sposò mai e non ebbe figli. Tuttavia, nel 1841 adottò la giovane nipote Harriet Lane, rimasta orfana di entrambi i genitori (sua madre, Jane, era la sorella minore del futuro presidente), che, al momento dell'insediamento alla Casa Bianca dello zio, assunse le funzioni di First lady degli Stati Uniti d'America.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei presidenti degli Stati Uniti membri della Massoneria [2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Losurdo, La lotta di classe. Una storia politica e filosofica, Laterza, Roma-Bari 2013, p. 133.
  2. ^ (FR) Les présidents des Etats-Unis francs-maçons, in: Giacometti-Ravenne, Le symbole retrouvé, Parigi, 2011, p. 301.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Presidente degli Stati Uniti d'America Successore
Franklin Pierce 1857-1861 Abramo Lincoln
Predecessore Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America Successore
John Caldwell Calhoun 1845-1849 John M. Clayton
Controllo di autorità VIAF: (EN59878120 · LCCN: (ENn78095586 · ISNI: (EN0000 0000 8243 382X · GND: (DE11866784X · BNF: (FRcb119512507 (data) · ULAN: (EN500126241 · CERL: cnp00584225