Cyrus Vance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cyrus Vance
CyrusVanceSoS.jpg

57º Segretario di Stato degli Stati Uniti
Durata mandato 20 gennaio 1977 –
28 aprile 1980
Presidente Jimmy Carter
Vice Warren Christopher
Predecessore Henry Kissinger
Successore Edmund Muskie

11º Vicesegretario della Difesa degli Stati Uniti
Durata mandato 28 gennaio 1964 –
30 giugno 1967
Presidente Lyndon B. Johnson
Predecessore Roswell Gilpatric
Successore Paul Henry Nitze

Segretario all'Esercito degli Stati Uniti
Durata mandato 5 luglio 1962 –
21 gennaio 1964
Presidente John F. Kennedy
Lyndon B. Johnson
Predecessore Elvis Jacob Stahr Jr.
Successore Stephen Ailes

Consigliere generale del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti
Durata mandato 29 gennaio 1961 –
30 giugno 1962
Presidente John F. Kennedy
Predecessore Vincent Burke
Successore John McNaughton

Dati generali
Partito politico Democratico
Titolo di studio Bachelor of Arts
Bachelor of Laws
Università Università Yale
Professione Avvocato/Politico
Firma Firma di Cyrus Vance
Cyrus Roberts Vance
NascitaClarksburg, 27 marzo 1917
MorteNew York, 12 gennaio 2002
Luogo di sepolturaCimitero nazionale di Arlington
Dati militari
Paese servitoFlag of the United States (1912-1959).svg Stati Uniti
Forza armataFlag of the United States Navy.svg United States Navy
UnitàUSS Hale (DD-642)
Anni di servizio1942-1946
GradoTenente
GuerreSeconda guerra mondiale
voci di militari presenti su Wikipedia

Cyrus Roberts Vance (Clarksburg, 27 marzo 1917New York, 12 gennaio 2002) è stato un politico e avvocato statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricoperto molti incarichi diplomatici di alto livello a partire dalla fine degli anni cinquanta e soprattutto sotto la presidenza di Lyndon Johnson, occupandosi specialmente di negoziazione e in particolare legando il suo nome alla rivolta di Detroit del 1967, episodio durante il quale Vance fu nominato da Johnson inviato speciale del Presidente[1]. Dopo un breve distacco dall'attività politica, è stato richiamato a Washington dal presidente Jimmy Carter, che lo nominò segretario di Stato, incarico che ricoprì dal 1977 fino alle dimissioni, nel 1980, in polemica col Presidente che aveva deciso di intervenire militarmente per ottenere la liberazione di alcuni ostaggi detenuti in Iran. Durante il suo mandato da segretario di Stato giocò un ruolo cruciale negli accordi di Camp David tra Egitto e Israele (1978) e nelle negoziazioni tra Stati Uniti e Panama per il controllo del canale omonimo (1980)[2].

Negli anni novanta è stato protagonista di molte missioni diplomatiche nella ex Iugoslavia, specialmente in Croazia e Bosnia[3] per conto delle Nazioni Unite.

Morì nel 2002 all'età di 84 anni, dopo una lunga battaglia contro la malattia di Alzheimer, ed è sepolto al cimitero militare di Arlington in Virginia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 1969

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vicesegretario della Difesa degli Stati Uniti d'America Successore Flag of the United States Deputy Secretary of Defense.svg
Roswell Gilpatric 1964 - 1967 Paul Nitze
Predecessore Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America Successore Flag of the United States Secretary of State.svg
Philip Habib
facenter funzioni
1977 - 1980 Warren Christopher
facenter funzioni
Controllo di autoritàVIAF (EN112010009 · ISNI (EN0000 0001 0936 1855 · LCCN (ENn85118870 · GND (DE118803832 · BNF (FRcb12388132f (data) · NDL (ENJA01182602 · WorldCat Identities (ENlccn-n85118870