John C. Calhoun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da John Calhoun)
Jump to navigation Jump to search
John C. Calhoun
John C Calhoun by Mathew Brady, 1849.jpg

Senatore degli Stati Uniti per la Carolina del Sud
Durata mandato 29 dicembre 1832 –
3 marzo 1843
Predecessore Robert Y. Hayne
Successore Daniel Elliott Huger

Durata mandato 26 novembre 1845 –
31 marzo 1850
Predecessore Daniel Elliott Huger
Successore Franklin H. Elmore

Vicepresidente degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 4 marzo 1825 –
28 dicembre 1832
Presidente John Quincy Adams
Andrew Jackson
Predecessore Daniel D. Tompkins
Successore Martin Van Buren

16º Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 1º aprile 1844 –
10 marzo 1845
Presidente John Tyler
James K. Polk
Predecessore Abel P. Upshur
Successore James Buchanan

10° Segretario alla Guerra degli Stati Uniti
Durata mandato 8 dicembre 1815 –
4 marzo 1825
Presidente James Monroe
Predecessore William H. Crawford
Successore James Barbour

Dati generali
Partito politico Democratico
Università Yale College e Litchfield Law School
Firma Firma di John C. Calhoun

John Caldwell Calhoun (Abbeville, 18 marzo 1782Washington, 31 marzo 1850) è stato un politico statunitense, esponente del Partito Democratico-Repubblicano.

Fu segretario alla Guerra durante la presidenza di James Monroe e il settimo vicepresidente degli Stati Uniti, sotto due diversi presidenti, John Quincy Adams prima e Andrew Jackson poi, dal 1825 fino al 1832, quando si dimise per entrare in Senato. Dopo George Clinton, è il secondo e ultimo caso di un vicepresidente in carica con più di un presidente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

«Dotato di una mente più acuta e logica che quella di ogni altro uomo della sua generazione, egli era stato forzato dalle circostanze e dalla linea politica scelta in una posizione su cui gli toccava difendere lo schiavismo mentre tutto il resto della cristianità lo stava abbandonando»

(Raimondo Luraghi, Storia della guerra civile americana, BUR, vol. I, pag. 108, 1994.)

Nato in Carolina del Sud, iniziò la sua carriera politica come un modernizzatore e fautore di un governo nazionale forte e di dazi doganali protezionisti. Alla fine degli anni 1820, tuttavia, le sue idee cambiarono radicalmente, e divenne uno strenuo difensore dei diritti dei singoli Stati, di un governo federale limitato e del libero mercato. Pensava che il Nord avrebbe dovuto accettare queste condizioni perché il Sud restasse nell'Unione. Le sue battaglie e avvertimenti ebbero una grande influenza sulla secessione del Sud nel 1860.

Calhoun iniziò la carriera politica con l'elezione alla Camera dei rappresentanti nel 1810. Fu uno dei più accesi sostenitori della guerra anglo-americana. Fu segretario alla Guerra con il presidente James Monroe, riorganizzando e modernizzando il dipartimento della Guerra. Calhoun cercò di candidarsi alle elezioni presidenziali del 1824, ma non trovando abbastanza sostegno decise di candidarsi alla vicepresidenza. Il Collegio elettorale lo elesse a grande maggioranza. Fu vicepresidente dapprima con il presidente John Quincy Adams e mantenne la carica con Andrew Jackson, che aveva sconfitto Adams alle elezioni del 1828.

Calhoun aveva un rapporto difficile con Jackson, principalmente a causa della "crisi della nullificazione" e dello scandalo Petticoat. Calhoun appoggiò vigorosamente il diritto della Carolina del Sud di annullare la legge federale sui dazi, che egli giudicava sbilanciata a favore del Nord; la questione lo pose in contrasto con gli unionisti come Jackson. Nel 1832, a pochi mesi dalla scadenza del secondo mandato, Calhoun si dimise e ottenne un seggio al Senato. Cercò di diventare il candidato alla presidenza per il Partito Democratico alle elezioni del 1844 ma fu sconfitto a sorpresa dall'inatteso James K. Polk, che poi vinse le elezioni. Calhoun fu in seguito segretario di Stato con il presidente John Tyler dal 1844 al 1845, e in questo ruolo favorì l'annessione del Texas come mezzo per estendere i territori dov'era in vigore la schiavitù. Calhoun tornò poi al Senato, dove si espresse contro la guerra con il Messico e contro il "compromesso del 1850" prima di morire, nel 1850.

Fu spesso un indipendente, che appoggiava di volta in volta sia i Democratici sia i Whig.

Negli ultimi anni, Calhoun divenne noto come un "uomo di ferro" per la sua rigida difesa delle tradizioni e degli usi del Sud bianco,[1][2] con particolare riferimento alla schiavitù e ai diritti dei singoli Stati. Era proprietario di decine di schiavi a Fort Hill, in Carolina del Sud. Calhoun asseriva che la schiavitù, lungi dall'essere un "male necessario", era un "bene voluto" che era positivo sia per i proprietari sia per gli schiavi.[3] Per proteggere i diritti degli Stati, Calhoun appoggiava il potere di ciascuno Stato di annullare le leggi federali nel caso le ritenesse anticostituzionali. Lo si considerava uno dei tre "triumviri" o del "trio immortale" di leader del Congresso, con Daniel Webster e Henry Clay.

Fu anche uno studioso di politica. Autore della South Carolina Exposition nel 1828, solo dopo la sua morte furono pubblicate le opere maggiori, ovvero la Disquisizione e il Discorso sul governo e la Costituzione degli Stati Uniti.

Nel saggio Disquisizione sul Governo del 1850 individuava negli effetti del principio maggioritario semplice una vera piaga, destinata a minare ogni società democratica. Indicava anche una soluzione, cioè il principio della "maggioranza concorrente", secondo il quale la ricerca del consenso sulle questioni cruciali deve tener conto dei grandi interessi del Paese.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • John C. Calhoun, Disquisizione sul governo, Liberilibri, Macerata, 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coit, pp. 70-71.
  2. ^ Miller, pp. 115-116.
  3. ^ Clyde N. Wilson, John C. Calhoun and Slavery as a 'Positive Good': What He Said, su abbevilleinstitute.org, The Abbeville Institute, 26 giugno 2014. URL consultato il 6 giugno 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America Successore Flag of the United States.svg
Abel Parker Upshur 1844–1845 James Buchanan
Predecessore Vicepresidente degli Stati Uniti d'America Successore Seal of the Vice President of the United States.svg
Daniel D. Tompkins 1825–1832 Martin Van Buren
Predecessore: Segretario alla Guerra degli Stati Uniti d'America Successore: Simbolo del Dipartimento di guerra degli Stati Uniti
William Harris Crawford 8 ottobre 1817 – 4 marzo 1825 James Barbour
Segretari alla Guerra degli Stati Uniti
B. Lincoln · Knox · Pickering · McHenry · Dexter · Dearborn · Eustis · Armstrong · Monroe · W. Crawford · Calhoun · Barbour · P. Porter · Eaton · Cass · Poinsett · Bell · Spencer · J. Porter · Wilkins · Marcy · G. Crawford · Conrad · J. Davis · Floyd · Holt · S. Cameron · Stanton · Schofield · Rawlins · Belknap · A. Taft · J. Cameron · McCrary · Ramsey · R. Lincoln · Endicott · Proctor · Elkins · Lamont · Alger · Root · W. Taft · Wright · Dickinson · Stimson · Garrison · Baker · Weeks · D. Davis · Good · Hurley · Dern · Woodring · Stimson · Patterson · Royall
Controllo di autoritàVIAF (EN32010914 · ISNI (EN0000 0001 0884 6869 · LCCN (ENn79137102 · GND (DE11867532X · BNF (FRcb12028615g (data) · BNE (ESXX902592 (data) · NLA (EN35024688 · BAV (EN495/193047 · CERL cnp01322196 · NDL (ENJA00435103 · WorldCat Identities (ENlccn-n79137102