World War II Victory Medal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medaglia della vittoria della seconda guerra mondiale (Stati Uniti)
World War II Victory Medal
WWIIVictory.gif
Immagine del diritto della medaglia
Stati Uniti
United States Army e United States Navy
Tipo Medaglia commemorativa
Istituzione 1945
Cessazione 1946
Concessa a Militari statunitensi
Campagna Seconda guerra mondiale
Diametro 36 mm.
Onorificenze militari statunitensi
World War II Victory Medal ribbon.svg
Streamer WWII V.PNG
Nastro della medaglia e nastro da bandiera.

La World War II Victory Medal (Medaglia della Vittoria della II Guerra Mondiale) è una medaglia per il servizio prestato nelle Forze Armate degli Stati Uniti d'America, che fu istituita con una legge del Congresso il 6 luglio 1945.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia della vittoria della seconda guerra mondiale venne in un primo momento concessa solo come nastro col semplice nome di Victory Ribbon. Dal 1946 venne creata una vera e propria medaglia da cui il nome attuale della decorazione. L'onorificenza venne concessa ad ogni combattente delle Forze armate statunitensi e delle Filippine, che avesse prestato servizio attivo o come riservista dal 7 dicembre 1941 al 31 dicembre 1946.[1]

La medaglia corrispondente per la prima guerra mondiale era stata la Medaglia interalleata della vittoria.

L'8 agosto 1946 venne creata la Merchant Marine World War II Victory Medal per i membri della Marina mercantile degli Stati Uniti d'America che prestarono servizio durante la seconda guerra mondiale.[2]

Criteri di assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia venne concessa per quanti fossero stati in servizio dal 7 dicembre 1941 al 31 dicembre 1946.[3] Dai dati del National Personnel Records Center in molti casi la concessione venne permessa anche per quanti avessero fatto solo alcuni giorni di servizio. Quando la seconda guerra mondiale terminò, il 2 settembre 1945, si poterono verificare casi di militari che erano stati arruolati, erano entrati in scuole per ufficiali ed erano stati cadetti presso l'Accademia Militare degli Stati Uniti (West Point) o presso l'Accademia Navale Americana (Annapolis) o presso l'Accademia della Guardia Costiera (New London) nel 1946, e che ricevettero la medaglia senza aver prestato servizio effettivo in guerra. Il motivo consiste nel fatto che il Presidente Harry S. Truman non dichiarò ufficialmente le fine delle ostilità che negli ultimi giorni del 1946.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Rovescio

La medaglia è un disco di bronzo di 36 mm. di diametro. Il diritto presenta la figura della Libertà in piedi, nell'atto di voltare il capo verso destra mentre guarda il sorgere del sole di una nuova alba per il mondo, il piede destro poggia su un elmo greco antico e tra le mani tiene una spada spezzata in segno di fine delle ostilità. A fianco si trova la scritta WORLD WAR II. Sul retro si trovano le iscrizioni delle quattro libertà: FREEDOM FROM FEAR AND WANT (libertà dalle paure e dalle pretese) e FREEDOM OF SPEECH AND RELIGION (libertà di parola e religione) separate da una foglia di palma, attorniate dal cerchio delle parole incise UNITED STATES OF AMERICA 1941 1945.[1]

Il nastro del pendente è largo 1 pollice e 3/8 e consiste nelle seguenti strisce verticali: 3/8 di pollice di doppio arcobaleno in sovrapposizione (blu, verde, giallo, rosso (al centro), blu, verde, giallo); 1/32 di pollice bianco 67101; 9/16 di pollice di rosso vecchia gloria 67156; 1/32 di pollice bianco e 3/8 di pollice in sovrapposizione. L'arcobaleno da ciascuna parte del nastrino è la rappresentazione in miniatura del pendente.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) World War II Victory Medal, The Institute of Heraldry: Office of the Administrative Assistant to the Secretary of the ARMY. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Merchant Marine World War II Victory Medal, su piecesofhistory.com.
  3. ^ (EN) Army Regulation 600-8-22, Military Awards (PDF), Headquarters Department of the Army, 24 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]