111º Congresso degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
111° Congresso degli Stati Uniti d'America
Capitol Building Full View.jpg
Inizio 3 gennaio 2009
Fine 3 gennaio 2011
Presidente del Senato Dick Cheney (R), fino al 20 gennaio 2009;
Joe Biden (D), dal 20 gennaio 2009
Presidente pro tempore Robert Byrd (D), fino al 28 giugno 2010;
Daniel Inouye (D), dal 28 giugno 2010
Presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi (D)
Membri 100 Senatori
435 Rappresentanti
6 Membri non votanti
Maggioranza al Senato Partito Democratico
Maggioranza alla Camera Partito Democratico
Sessioni
I: 6 gennaio – 24 dicembre 2009
II: 5 gennaio 2010 – 22 dicembre 2010
< 110° 112º >

Il 111º Congresso degli Stati Uniti d'America, formato dalla Camera dei Rappresentanti e dal Senato, costituì, dal 3 gennaio 2009 al 3 gennaio 2011, il ramo legislativo del governo federale statunitense. La sua attività ha coinciso con le ultime due settimane della presidenza di George W. Bush, ed è proseguita sotto l'amministrazione di Barack Obama.

La sua composizione è stata definita nelle elezioni generali del 4 novembre 2008, svoltesi in parallelo con quelle presidenziali, nelle quali il Partito Democratico ha incrementato la maggioranza in entrambe le Camere, ottenuta nelle precedenti elezioni, strappando al Partito Repubblicano 21 seggi alla Camera dei Rappresentanti e 8 al Senato. In forza di ciò, la guida delle due Camere è stata mantenuta rispettivamente da Nancy Pelosi e dal senatore Robert Byrd; il 28 giugno 2010 quest'ultimo è stato sostituito da Daniel Inouye. Rispetto al precedente Congresso, è stato creato un seggio per un delegato delle Isole Marianne Settentrionali, portando così il numero dei membri non votanti a 6.

Senato[modifica | modifica wikitesto]

Appartenenza politica dei Senatori del 111º Congresso, Stato per Stato

     2 Senatori democratici

     2 Senatori repubblicani

     1 Senatore democratico, 1 repubblicano

     1 Senatore democratico, 1 indipendente

Riepilogo della composizione[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei due seggi senatoriali del Minnesota è rimasto vacante sino al 7 luglio 2009: la corsa tra il repubblicano Norm Coleman, in carica, ed il democratico Al Franken si è conclusa, dopo un riconteggio, con soli 225 voti a favore di quest'ultimo; Coleman si è in seguito rivolto ai tribunali dello Stato, ma allorché il 30 giugno la Corte Suprema del Minnesota ha all'unanimità respinto il suo ricorso, egli ha concesso la vittoria al suo rivale.

Il Senatore della Pennsylvania Arlen Specter, eletto sin dal 1980 nelle file del Partito Repubblicano, ha annunciato il 28 aprile 2009 il passaggio al Partito Democratico, attribuendo la sua decisione all'eccessivo spostamento a destra dei repubblicani a seguito dell'elezione di Barack Obama alla Presidenza degli Stati Uniti. Il trasferimento è divenuto ufficiale il 30 aprile.

Per qualche mese, pertanto, il Partito Democratico godette (almeno nominalmente) di una supermaggioranza di 60 senatori, che permette di aggirare qualunque tentativo di ostruzionismo (filibustering) da parte dell'opposizione. In tal modo è stato possibile accelerare in maniera decisiva l'esame della riforma sanitaria fortemente voluta dal Presidente Obama, giungendo alla sua approvazione il 24 dicembre 2009. Poco dopo, tuttavia, con l'elezione in Massachusetts del repubblicano Scott Brown in sostituzione del deceduto Ted Kennedy, i democratici persero questa condizione di privilegio.

Oltre a quella del celebre senatore del Massachusetts, il gruppo democratico è stato colpito dalla morte di un altro suo illustre rappresentante, Robert Byrd della Virginia Occidentale, spirato a 92 anni il 28 giugno 2010 dopo aver passato più di 50 anni consecutivi in Senato, di cui era anche Presidente pro tempore al momento della morte.

Leadership[modifica | modifica wikitesto]

Assemblea[modifica | modifica wikitesto]

Maggioranza[modifica | modifica wikitesto]

Minoranza[modifica | modifica wikitesto]

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Alabama

Alaska

Arizona

Arkansas

California

Carolina del Nord

Carolina del Sud

Colorado

Connecticut

Dakota del Nord

Dakota del Sud

Delaware

Florida

Georgia

Hawaii

Idaho

Illinois

Indiana

Iowa

Kansas

Kentucky

Louisiana

Maine

Maryland

Massachusetts

Michigan

Minnesota

Mississippi

Missouri

Montana

Nebraska

Nevada

New Hampshire

New Jersey

New York

Nuovo Messico

Ohio

Oklahoma

Oregon

Pennsylvania

Rhode Island

Tennessee

Texas

Utah

Vermont

Virginia

Virginia Occidentale

Washington

Wisconsin

Wyoming

Camera dei Rappresentanti[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione percentuale dell'appartenenza politica dei membri della Camera dei Rappresentanti nel 111º Congresso, visualizzata Stato per Stato.

Avvicendamenti[modifica | modifica wikitesto]

4 Deputati, tutti eletti tra le file del Partito Democratico, hanno rassegnato le dimissioni a causa di nomine nel quadro della nuova Amministrazione Obama: Rahm Emanuel (IL-5), Hilda Solis (CA-32) e Ellen Tauscher (CA-10) sono infatti divenuti rispettivamente Capo di gabinetto della Casa Bianca, Segretario del Lavoro e Sottosegretario di Stato per la sicurezza internazionale; Kirsten Gillibrand (NY-20), invece, è stata promossa a Senatrice del suo Stato per sostituire Hillary Clinton, nominata da Obama Segretario di Stato.

Altre dimissioni tra le file dei democratici sono state quelle di Robert Wexler (FL-19), chiamato alla presidenza del Centro per la pace e la cooperazione economica nel Medio Oriente, di Eric Massa (NY-29), di malferma salute e coinvolto in uno scandalo sessuale, e di Neil Abercrombie (HA-1), proiettato nella campagna elettorale per diventare governatore del proprio stato. Fra i repubblicani, per la stessa ragione si è dimesso anche Nathan Deal (GA-9), solo qualche minuto dopo aver votato contro la riforma sanitaria proposta dal Presidente Obama; una relazione extraconiugale è invece costata il posto a Mark Souder (IN-3).

Il Rappresentante Mark Kirk (IL-10), essendo stato eletto al Senato, abbandonò l'incarico alla Camera; il suo seggio pertanto rimase vacante dal 29 novembre 2010 fino al Congresso seguente.

L'onorevole Parker Griffith (AL-5) annunciò il 22 dicembre 2009 il suo passaggio ai repubblicani a causa delle profonde divergenze con la politica dell'Amministrazione Obama, soprattutto a riguardo della riforma sanitaria.

Infine, il democratico John Murtha (PA-12) è stato l'unico membro della Camera ad essere morto in carica, l'8 febbraio 2010.

Elezioni suppletive, previste ogniqualvolta un seggio rimanga vacante, si sono svolte 11 volte (IL-5, NY-20 e 23, CA-10 e 32, FL-19, PA-12; HA-1, GA-9, NY-29, IN-3), premiando nei primi 7 casi i candidati democratici, ovvero Michael Quigley, Scott Murphy, Bill Owens, John Garamendi, Judy Chu, Ted Deutch e Mark Critz, e nei restanti 4 i repubblicani Charles Djou, Tom Graves, Tom Reed e Marlin Stutzman.

Leadership[modifica | modifica wikitesto]

Assemblea[modifica | modifica wikitesto]

Maggioranza[modifica | modifica wikitesto]

Minoranza[modifica | modifica wikitesto]

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Alabama[modifica | modifica wikitesto]

(5 Repubblicani, 2 Democratici)

Alaska[modifica | modifica wikitesto]

(1 Repubblicano)

Arizona[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici, 3 Repubblicani)

Arkansas[modifica | modifica wikitesto]

(3 Democratici, 1 Repubblicano)

California[modifica | modifica wikitesto]

(34 Democratici, 19 Repubblicani)

Carolina del Nord[modifica | modifica wikitesto]

(8 Democratici, 5 Repubblicani)

Carolina del Sud[modifica | modifica wikitesto]

(4 Repubblicani, 2 Democratici)

Colorado[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici, 2 Repubblicani)

Connecticut[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici)

Dakota del Nord[modifica | modifica wikitesto]

(1 Democratico)

Dakota del Sud[modifica | modifica wikitesto]

(1 Democratico)

Delaware[modifica | modifica wikitesto]

(1 Repubblicano)

Florida[modifica | modifica wikitesto]

(15 Repubblicani, 10 Democratici)

Georgia[modifica | modifica wikitesto]

(7 Repubblicani, 6 Democratici)

Hawaii[modifica | modifica wikitesto]

(1 Democratico, 1 repubblicano)

Idaho[modifica | modifica wikitesto]

(1 Democratico, 1 Repubblicano)

Illinois[modifica | modifica wikitesto]

(12 Democratici, 7 Repubblicani, 1 vacante)

Indiana[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici, 3 Repubblicani)

Iowa[modifica | modifica wikitesto]

(3 Democratici, 2 Repubblicani)

Kansas[modifica | modifica wikitesto]

(3 Repubblicani, 1 Democratico)

Kentucky[modifica | modifica wikitesto]

(4 Repubblicani, 2 Democratici)

Louisiana[modifica | modifica wikitesto]

(6 Repubblicani, 1 Democratico)

Maine[modifica | modifica wikitesto]

(2 Democratici)

Maryland[modifica | modifica wikitesto]

(7 Democratici, 1 Repubblicano)

Massachusetts[modifica | modifica wikitesto]

(10 Democratici)

Michigan[modifica | modifica wikitesto]

(8 Democratici, 7 Repubblicani)

Minnesota[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici, 3 Repubblicani)

Mississippi[modifica | modifica wikitesto]

(3 Democratici, 1 Repubblicano)

Missouri[modifica | modifica wikitesto]

(5 Repubblicani, 4 Democratici)

Montana[modifica | modifica wikitesto]

(1 Repubblicano)

Nebraska[modifica | modifica wikitesto]

(3 Repubblicani)

Nevada[modifica | modifica wikitesto]

(2 Democratici, 1 Repubblicano)

New Hampshire[modifica | modifica wikitesto]

(2 Democratici)

New Jersey[modifica | modifica wikitesto]

(8 Democratici, 5 Repubblicani)

New York[modifica | modifica wikitesto]

(26 Democratici, 2 Repubblicani)

Nuovo Messico[modifica | modifica wikitesto]

(3 Democratici)

Ohio[modifica | modifica wikitesto]

(10 Democratici, 8 Repubblicani)

Oklahoma[modifica | modifica wikitesto]

(4 Repubblicani, 1 Democratico)

Oregon[modifica | modifica wikitesto]

(4 Democratici, 1 Repubblicano)

Pennsylvania[modifica | modifica wikitesto]

(11 Democratici, 7 Repubblicani)

Rhode Island[modifica | modifica wikitesto]

(2 Democratici)

Tennessee[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici, 4 Repubblicani)

Texas[modifica | modifica wikitesto]

(20 Repubblicani, 12 Democratici)

Utah[modifica | modifica wikitesto]

(2 Repubblicani, 1 Democratico)

Vermont[modifica | modifica wikitesto]

(1 Democratico)

Virginia[modifica | modifica wikitesto]

(6 Democratici, 5 Repubblicani)

Virginia Occidentale[modifica | modifica wikitesto]

(2 Democratici, 1 Repubblicano)

Washington[modifica | modifica wikitesto]

(6 Democratici, 3 Repubblicani)

Wisconsin[modifica | modifica wikitesto]

(5 Democratici, 3 Repubblicani)

Wyoming[modifica | modifica wikitesto]

(1 Repubblicano)

Membri Non votanti[modifica | modifica wikitesto]