Tom Price (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tom Price
Tom Price official photo.jpg

23º Segretario della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 10 febbraio 2017 –
29 settembre 2017
Presidente Donald Trump
Predecessore Sylvia Mathews Burwell

Membro della Camera dei rappresentanti - Georgia, distretto n.6
Durata mandato 3 gennaio 2005 –
20 gennaio 2017
Predecessore Johnny Isakson
Successore Karen Handel

Membro del Senato della Georgia, distretto n.56
Durata mandato 1997 - 2005

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica conservatore

Thomas Edmunds "Tom" Price (Lansing, 8 ottobre 1954) è un politico e medico statunitense, ex-membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Georgia, e 23º Segretario della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti d'America[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Lansing, Price si laureò in medicina all'Università del Michigan[2] e in seguito si trasferì ad Atlanta per aprire una clinica ortopedica, che diresse per vent'anni.

Successivamente Price entrò in politica con il Partito Repubblicano e nel 1997 riuscì ad ottenere un seggio all'interno della legislatura statale della Georgia.

Nel 2004 il deputato Johnny Isakson decise di candidarsi al Senato e Price allora concorse per il suo seggio alla Camera dei Rappresentanti, riuscendo a farsi eleggere. Da quel momento venne sempre riconfermato con elevate percentuali di voto.

Da un punto di vista ideologico, Price si configura come un repubblicano conservatore, soprattutto in materia di aborto.[3][4][5]

Il 29 novembre 2016 Tom Price viene nominato da Donald Trump in qualità di Ministro della Salute. Price è schierato apertamente contro l'Obamacare, la riforma sanitaria voluta da Barack Obama; secondo l'agenda dei primi cento giorni del nuovo governo, Price è chiamato a smantellare il sistema sanitario attuale per sostituirlo in parte o in toto.

Il 29 settembre 2017 Tom Price ha rassegnato le proprie dimissioni dal ruolo di ministro della sanità, investito da uno scandalo legato alle spese di rappresentanza.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Thomas E. Price, M.D., U.S. Department of Health & Human Service, 9 maggio 2017. URL consultato il 30 settembre 2017 (archiviato il 29 settembre 2017).
  2. ^ (EN) Melissa Nann Burke, Trump’s pick for health chief is a Lansing native, The Detroit News, 29 novembre 2016. URL consultato il 30 settembre 2017 (archiviato il 5 agosto 2017).
  3. ^ Mattia Ferraresi, Tom Price è il flagello dell'Obamacare, ma anche un artista del deal, Il Foglio, 29 novembre 2016. URL consultato il 29 settembre 2017 (archiviato il 24 luglio 2017).
  4. ^ Massimo Gaggi, Andrea Marinelli e Alessandra Mugli, La squadra di Trump: nomine e papabili, Corriere della Sera, 18 novembre 2016. URL consultato il 29 settembre 2017 (archiviato il 22 novembre 2016).
  5. ^ Davide Ludovisi, Da chi è formato governo Trump, Wired, 20 gennaio 2017. URL consultato il 29 settembre 2017 (archiviato l'11 febbraio 2017).
  6. ^ Usa. Si dimette Tom Price, il ministro di Trump alla Sanità, in rainews. URL consultato il 29 settembre 2017 (archiviato il 30 settembre 2017).
  7. ^ Usa: il ministro della Sanità Tom Price si dimette - Nord America, in ANSA.it, 29 settembre 2017. URL consultato il 29 settembre 2017 (archiviato il 30 settembre 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN250936596 · LCCN: (ENno2011144688