Jay Inslee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jay Inslee
Jay Inslee official portrait.jpg

23º Governatore di Washington
In carica
Inizio mandato 16 gennaio 2013
Predecessore Christine Gregoire

Membro della Camera dei Rappresentanti - Washington, distretto n.1
Durata mandato 3 gennaio 1999 –
20 marzo 2012
Predecessore Rick White
Successore Suzan DelBene

Membro della Camera dei Rappresentanti - Washington, distretto n.4
Durata mandato 3 gennaio 1993 –
3 gennaio 1995
Predecessore Sid Morrison
Successore Doc Hastings

Dati generali
Partito politico Democratico
Università Università del Washington, Ingraham High School, Willamette University College of Law e Università di Stanford

Jay Robert Inslee (Seattle, 9 febbraio 1951) è un politico e avvocato statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato di Washington dal 1999 al 2012 e governatore dello stesso stato dal 2013.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Seattle, Inslee frequenta l'Università di Washington e si laurea in legge. Dopo alcuni anni passati ad esercitare la professione di avvocato, Inslee viene eletto alla Camera dei Rappresentanti di Washington come membro del Partito Democratico.

Nel 1992 si candida alla Camera dei Rappresentanti nazionale e vince le elezioni. Due anni dopo però è una delle vittime della cosiddetta "rivoluzione repubblicana" (nel 1994 numerosi seggi del Congresso occupati dai democratici sono conquistati dal Partito Repubblicano).

Inslee continua la vita politica, candidandosi a governatore nel 1996, ma è sconfitto nelle primarie da Gary Locke. Successivamente collabora con il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani e nel 1999 riesce a ritornare al Congresso come deputato.

Inslee è rieletto altre sei volte e nel 2011 dichiara di non voler cercare un altro mandato alla Camera, candidandosi invece a governatore, come successore di Christine Gregoire. Inslee riesce a sconfiggere l'avversario repubblicano ed è eletto.

Nel 2016 si ricandida come governatore e viene rieletto per un secondo mandato.

Inslee diventa noto a livello nazionale per le sue critiche al presidente Donald Trump. Insieme ai Procuratori Generali dello Stato Bob Ferguson e Noah Purcell ha citato l'amministrazione Trump per l'"ordine esecutivo 13769" che ha bloccato i viaggi per 90 giorni da sette paesi a maggioranza musulmana e imposto un divieto totale ai rifugiati siriani di entrare negli Stati Uniti. Il caso, Washington v. Trump, ha portato al blocco dell'ordine da parte dei tribunali e in seguito alla sostituzione con altri ordini esecutivi.

Il 1º marzo 2019 annuncia pubblicamente la sua candidatura alle primarie democratiche in vista delle elezioni presidenziali del 2020. Pone il clima come priorità americana,[1] volendo investire tre miliardi in risorse verdi e creare otto milioni di posti di lavoro. Si ritirerà il 21 agosto successivo a seguito dei consensi molto bassi che lo davano in netto svantaggio.

Sebbene sia membro della New Democrat Coalition, una coalizione di democratici moderati, nel corso degli anni Inslee ha sviluppato tendenze piuttosto progressiste.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con Trudi dall'agosto 1972, ha tre figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) CNN - Breaking News, Latest News and Videos, su m.cnn.com. URL consultato il 1º marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9298052 · ISNI (EN0000 0000 3992 9360 · LCCN (ENn2007044774 · WorldCat Identities (ENlccn-n2007044774