Ellen Tauscher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ellen Tauscher
Ellen Tauscher US State Dept photo.jpg

Sottosegretario di Stato per il Controllo delle Armi e gli Affari di Sicurezza Internazionale
Durata mandato 26 giugno 2009 - 7 febbraio 2012
Predecessore John Rood
Successore Rose Gottemoeller

Membro della Camera dei Rappresentanti - California, distretto n.10
Durata mandato 3 gennaio 1997 - 26 giugno 2009
Predecessore Bill Baker
Successore John Garamendi

Dati generali
Partito politico Partito Democratico

Ellen Tauscher, nata O'Kane (Newark, 15 novembre 1951Stanford, 29 aprile 2019), è stata una politica statunitense, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della California dal 1997 al 2009 e Sottosegretario di Stato per il Controllo delle Armi e gli Affari di Sicurezza Internazionale dal 2009 al 2012.

Posizioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

La Tauscher si configura come una centrista; è stata anche presidente della New Democrat Coalition, ma ha abbandonato l'incarico quando è stata nominata Sottosegretario. La sua ideologia moderata è stata definita dal TIME tauscherismo.

Si è schierata a favore dell'aborto e della ricerca sulle staminali. Ha appoggiato il secondo emendamento, ma ha affermato che bisognerebbe effettuare più controlli sulle armi e che queste dovrebbero essere tenute fuori dalla portata degli individui con problemi di violenza. Inoltre la Tauscher favorisce le unioni omosessuali, ritenendo che vietarle sarebbe un disservizio contro i principi di uguaglianza su cui si fonda il Paese.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ellen Tauscher era divorziata dal primo marito, William Tauscher, un importante uomo d'affari, da cui nel 1991 ha avuto la figlia Katherine. Il giorno in cui ha preso servizio come Sottosegretario, ha sposato il pilota Jim Cieslak.

Nel 2010 le è stato diagnosticato un cancro all'esofago. È scomparsa nel 2019 all'età di 67 anni a seguito di una polmonite[1].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN55869391 · LCCN (ENn95114131 · WorldCat Identities (ENn95-114131