Kay Bailey Hutchison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kay Bailey Hutchison
Kay Bailey Hutchison official photo.jpg

Rappresentante permanente degli Stati Uniti presso la NATO
Durata mandato 28 agosto 2017 –
20 gennaio 2021
Presidente Donald Trump
Predecessore Douglas Lute

Senatore degli Stati Uniti
per il Texas
Durata mandato 14 giugno 1993 –
3 gennaio 2013
Predecessore Bob Krueger
Successore Ted Cruz

Tesoriere del Texas
Durata mandato 15 gennaio 1991 –
14 giugno 1993
Predecessore Ann Richards
Successore Martha Whitehead

Membro della Camera dei rappresentanti del Texas, 90º distretto
Durata mandato 9 gennaio 1973 –
9 luglio 1976
Predecessore Tom Bass
Successore Brad Wright

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Università Università del Texas ad Austin (BA, JD)

Kathryn Ann "Kay" Bailey, coniugata Hutchison (Galveston, 22 luglio 1943), è una politica statunitense, rappresentante permanente degli Stati Uniti presso la NATO e in precedenza senatrice per lo stato del Texas dal 1993 al 2013.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta in Texas, dopo il divorzio dal primo marito Kay Bailey sposò Ray Hutchison e ne assunse il cognome.

A ventinove anni la Hutchison venne eletta come repubblicana all'interno della legislatura statale del Texas e vi rimase quattro anni. Successivamente ebbe altri impieghi nella politica statale, tra cui quello di Tesoriere di stato.

Nel 1993 approdò al Senato attraverso un'elezione speciale e fu riconfermata nel 1994, nel 2000 e nel 2006. Nel 2001 fu classificata come la trentesima donna americana più potente dal Ladies' Home Journal. Nel 2010 la Hutchison si candidò a governatore contro il compagno di partito in carica Rick Perry, che però la sconfisse nelle primarie. Due anni dopo la Hutchison annunciò la propria volontà di non chiedere un altro mandato al Senato e si ritirò a vita privata.

Nel 2017 fu nominata Rappresentante permanente degli Stati Uniti presso la NATO dal Presidente Donald Trump e si insediò dopo essere stata confermata dal Senato.

Politicamente, si è schierata a favore dell'aborto e delle classi monogenere.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84615935 · ISNI (EN0000 0000 7905 6293 · LCCN (ENn93076750 · GND (DE119191504 · WorldCat Identities (ENlccn-n93076750